Passa ai contenuti principali

Estatissima 2018 Disney, recensione doppia con Ema!

Undici storie a tema estivo, raggruppate tra le annate 2000-2006, con un salto nel 2008 (la storia più recente, "Zio Paperone e i miliardi al campeggio" di Carlo Panaro) e due sole storie del vecchio millennio.

E' questo il menù di Estatissima, la raccolta Disney che esce ogni estate. Io ed Emanuele Di Giuseppe, del blog "The Reign of Ema", abbiamo deciso di scrivere due recensioni (dall'impostazione differente) per regalarvi i nostri punti di vista su questa raccolta. QUI trovate la recensione di Ema!

Torniamo a noi, da segnalare subito la splendida copertina (finalmente i gusti di Gelato riprodotti con i pezzi, non lisci) di Giorgio Cavazzano (colori di Max Monteduro). Prima nota dolente: un indice sproporzionato, con due sole storie dei topi (Pippo protagonista).

La seconda avventura di Pippo ("Pippo e l'afa notturna", 2005, Carlo Panaro) è però la storia dall'essenza più estiva e per me la più interessante. Pippo si trova costretto a lottare contro un nemico inesorabile  se non si possiede un condizionatore: l'afa estiva! Una storia, che al di là del finale forse scontato, è di facile immedesimazione (due anni prima ci fu la prima delle terribili estati roventi del nuovo millennio). Unico neo, nei disegni di Maria Luisa Uggetti, i personaggi disegnati con abbigliamento non propriamente estivo (Pippo abbandona il gilet, ma ha ancora le maniche lunghe! Però dorme con il pigiama corto e ha le ciabatte aperte).

Ho anticipato che le storie del vecchio millennio sono due. La prima è per me un (divertente) inedito: "Le giovani Marmotte: il campeggio estivo", dal n.4 della rivista "Giovani Marmotte" (1995). Scritta da Francois Corteggiani e disegnata da Giorgio Cavazzano, è una storia tipicamente anni '90, con le Giovani Marmotte impegnate a fronteggiare una banda di malviventi (ovviamente pasticcioni) che deve recuperare il bottino di una rapina.

La seconda è "Ciccio e le ferie in pluriproprietà" di Augusto Macchetto, del 1999. Ora, partiamo dai disegni di Salvatore Deiana, che ho sempre amato; ma questa storia io la adoro perché trovo irresistibile il personaggio di Ciccio, il modo in cui adatta il suo stile di vita ad ogni diversa situazione affrontata. La storia è ricca di vignette esilaranti, sullo stile di Fantozzi. E in una vignetta appare anche un personaggio di colore! Una rarità oramai nelle storie Disney.

Il resto del volume? Discreto. Mi piacciono le altre due storie di Panaro ("Zio Paperone e i miliardari al campeggio", 2008; "Zio Paperone e la trappola in alto mare", 2004), anche se la seconda ha i disegni di Lara Molinari (non mi piace come disegnatrice) e non si può dire che sia storia prettamente estiva, visto che si parla di caccia al tesoro!

E' originale (ma non mi entusiasma) "Paperino e la vacanza in Burlandia", 2000, sceneggiata da Carlo Gentina, che per me è una leggenda Disney, avendo realizzato, in coppia con gli studi di disegnatori Comicup, alcune delle più belle storie di Zio Paperone di fine anni '80 e inizio anni '90.

Ma ora...cosa ne pensa proprio il mio amico Ema?

Lascio a lui la parola!

Concordo sulla copertina, nonostante ci sia sempre Paperino (quest'anno, come lo scorso, mancano i nipotini).
Sulla disparità topi/paperi non riesco neanche più ad arrabbiarmi. In futuro andranno calando ancora di più dato che sul settimanale ne fanno sempre di meno.
Non avevo notato i vestiti nell'afa notturna e immagino quanto tu ti sia immedesimato in Pippo!
Vero, molto anni 90 quella delle GM e per quella di Ciccio hai ragione, è molto fantozziana, non ci avevo fatto caso.
Sul resto concordiamo anche se a me è piaciuta quella in Burlandia ma capisco possa non entusiasmare, soprattutto per l'antagonista!

Commenti

  1. Riprova:
    QUI trovate la recensione di Ema!
    Spiacenti. La pagina del blog che cerchi non esiste
    Esistono invece i miei post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. correggo subito il link. Ciao Gus!

      Elimina
    2. Colpa di blogspot che me lo ha cambiato all'ultimo 😠
      Riky non c'entra nulla.

      Elimina
    3. ah ecco, però di solito sono io a pasticciare con i link, ahha

      Elimina
  2. Ho letto EMA e ho risposto.
    E' una grande conoscitrice di fumetti.
    Ciao Riky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, lui è un vero intenditore di fumetti a 360°. Io di Topolino, ma fuori da Topolino è tutta una giungla per me :). Grazie Gus

      Elimina
  3. Pippo a me non è mai stato simpatico...
    La copertina invece è bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io adoro i disegni culinari.

      E ho preso una raccolta simile perché c'era una copertina fantastica di Paperino con un paninozzo stile Moz Burger da favola :D

      Elimina
  4. Grandi, anche se non potete vedermi stò applaudendo XD
    Bellissima idea.
    Non leggo dei fumetti da troppi anni, pensa che è passato un anno dall'ultima volta che ho aperto un libro e neanche sono riuscito a finirlo...lo so, lo so, non si fa, ma le serie e il web mi portano via tanto di quel tempo...ora però mi è tornata la voglia di leggere libri...grazie :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco appunto, abbandona la serie tv! Fa come faccio io :D. Scherzo ovviamente! Grazie Tancré

      Elimina
    2. Bravo! Leggere è importante, anche solo per fare la cacca!
      Più letture e meno serie, 3 l'anno, massimo 5, sono più che sufficienti!

      Elimina
    3. Infatti è grave fare la cacca senza leggere niente! Le confezioni di shampoo sono letture poco gradevoli in quelle circostanze

      Elimina
  5. Quindi fatemi capire..
    Stursky e Hutch scrivono un post congiunto su fumetti di cui io non capisco una beata mazza, ed io devo commentare per dimostrare quantomeno di aver provato a leggere.
    Vabbè. Facciamo che ti saluto e basta.
    P.S. Perdona lo sproloquio, ma quando c'è Ema di mezzo parte da sé..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah, ma tra Starksy e Hutch chi era il poliziotto cattivo e quello buono? O meglio, chi era quello rude e quello un po' coglione? :D

      Elimina
    2. Figurati se mi ricordo..
      Scegliete voi! :P

      Elimina
    3. ahha è un telefilm troppo vecchio per te! :D

      Elimina
    4. La serie non la guardavo, non mi piaceva (preferivo Hazard ma non mi piaceva manco quella), però nel film Ben Stiller è quello pasticcione e Owen Wilson è quello piacione.

      p.s. viva gli sproloqui!

      Elimina
    5. mmm, non siamo né piacioni né troppo pasticcioni! :D

      Elimina
  6. Come già scritto da Ema queste raccolte non mi attirano troppo, le prendo solo se le trovo ad 1 euro ai mercatini :) Intanto continui con i Topolini (se mi ricordo).. E' interessante vedere che ognuno ha i suoi personaggi simpatici e antipatici, ad esempio Ciccio Ema non lo sopporta invece a te piace..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io amo Ciccio, in fondo i suoi pasticci sono sostanzialmente innocui perché pensa solo a mangiare! Invece Paperoga influisce troppo sulle fortune degli altri personaggi :D.

      Comunque sì, Topolino continuo a prenderlo e ogni tanto prendo gli estatissima, natalissimo..e sto completando la serie Io e Mickey, che è molto interessante.

      Elimina
  7. Passo per salutarti. Buon pomeriggio.
    sinforosa

    RispondiElimina
  8. L'unica che potrebbe interessarmi è la storia delle GM, apprezzavo molto quella rivista e... probabilmente questa avventura l'ho pure letta.
    Per me GM dovrebbe persino tornare in edicola^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erano storie (come quelle di Minni e Company) un po' (un po' eh, non tanto) fuori i canoni tradizionali, per questo sono assolutamente gradevoli da riscoprire!

      Elimina
  9. Ma dai, pensavo che questa volta mi stupissi con la recensione di un libro!
    Magari la prossima volta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che qualcosina ho già scritto :), di libri ne ho letti solo due quest'estate, qualcosa di più di fumetti. Ciao Francy!

      Elimina
  10. Eccomi finalmente. Mi erano mancate le tue foto al fumetto col mio blog come sfondo (così in futuro potrò vedere come è cambiato 😝).
    Ma hai le mattonelle sulla scrivania? 😆

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo, è il mio fighissimo tavolo della sala estiva, è a quadretti bianchi stile mattonelle :D

      Elimina
  11. (Ma che cavolo, ho fatto scorrere il mouse, ho visto la foto del magnum del tuo post meno recente sui gelati ed ora muoro di fame!)
    Bellissima la copertina del fumetto, se fossi una mamma lo comprerei a mio figlio e se fossi mia figlia piangerei per averlo xD
    Certo è strano che i topolini siano stati battuti dai paperi, una volta non era il contrario?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah, al Magnum non si può dir di noooo...

      Ecco, ne parlavo sopra con Dama Bianca, queste copertine sono fantastiche, devi vedere anche quella con il paninone :D:

      Mah, una volta c'era parità, adesso invece i topi sono relegati a un ruolo secondario :D

      Elimina
  12. Paperino è sempre il mio personaggio preferito, anche se ormai fumetti non ne leggo quasi più.
    Buon weekend!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e Paperino è sempre in grande spolvero, anche per via del numero di storie che gli dedicano :). Ciao cara, grazie e buon weekend a te!

      Elimina
  13. Non trovo il "rispondo" nel post che chiude il Bazar. Ho letto tutto con attenzione e parlando con uno che non è un avventato prendo dolorosamente atto che mancherà agli amici un punto di riferimento.
    Posso dirti che le tue motivazioni non mi convincono. Sei stato perfetto.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gus,
      mi fanno piacere le tue parole, infatti ti assicuro che non è stata una decisione avventata, ma ben ponderata. Ad esempio ci sono amici blogger che daranno ospitalità a qualche mio scritto che non si legherebbe al mio nuovo blog; questo è un 'paracadute' per quando vorrò scrivere di cose non inerenti al 'Bazar del calcio". Sentivo che avevo il bisogno di inaugurare la fase 3.0 del mio bloggin' e chissà che non sia quella definitiva. Poi potrà durare un anno, dieci, venti, chissà. Grazie di cuore.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…