Passa ai contenuti principali

Geekkoni Film Festival: Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi

Torna la Geek League e per omaggiare il mitico "Giffoni Film Festival" i vostri "superamici" hanno deciso di organizzare un cartellone di film a tema. Nasce il Geekkoni Film Festival (copyright nome: Conte Gracula), rassegna su film di ogni genere che hanno per protagonisti bambini o ragazzi. La scelta di Riky Smash-Knees è ricaduta su un film Disney del 1989: "Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi".


TRAMA (fonte Wikipedia): "Il professor Wayne Szalinski (Rick Moranis), inventore, si assenta da casa per presentare i suoi progetti ad un diffidente consesso di scienziati, lasciando i figli, Nick e Amy, a casa da soli (la madre è impegnata a sua volta per lavoro), con lavori domestici da svolgere. Tra loro e i figli dei Thompson, Ronald e il primogenito Russel, non scorre buon sangue; finché Ronald, giocando a baseball, scaglia accidentalmente la palla contro la soffitta dei Szalinsky. Rompendo il vetro, attiva - sbloccandone il laser - la segretissima invenzione di Wayne: una macchina sperimentale che, sprigionando raggi magnetici, può ridurre a dimensioni microscopiche qualsiasi oggetto. Alla fine ad essere rimpiccioliti saranno appunto i quattro ragazzi".



La prima cosa che spicca, di questa commedia fantascientifica di grande successo, è naturalmente la presenza come protagonista di Rick Moranis, noto soprattutto per "Balle Spaziali" e per la parte di Louis Tully in Ghostbusters I e Ghostbusters II (il suo personaggio, nel noto cartone, sarà presente solo nelle stagioni 5 e 6).



La seconda è che il soggetto è firmato da Ed Naha (anche sceneggiatore con Tom Schulman) assieme a Brian Yuzna e Stuart Gordon, due maestri del cinema horror moderno.

Ma c'è qualcosa di horror in questo film destinato soprattutto a un pubblico giovane? Sì. Il viaggio dei quattro giovani protagonisti si snoda nel giardino di casa Szalinski: non manca dunque la presenza di insetti (anche in forma di cadavere!). Fortunatamente nel giardino Szalinski non ci sono ragni.



Nel complesso il film non paga dazio ai suoi quasi 30 anni: dopo una ventina di minuti introduttivi in cui il brodo è un po' troppo allungato, l'azione entra nel vivo seguendo due direttrici: l'avventura dei quattro rimpiccioliti e le peripezie di Wayne-Rick Moranis per ritrovarli. Proprio a quest'ultimo personaggio è affidata la parte comica del film, con i suoi strambi strumenti (su tutti la carrucola per effettuare ricerche nell'erba senza schiacciarla).



I giovani protagonisti del viaggio nel giardino-jungla sono ben amalgamati: il secchioncello Nick, il bifolco (Redneck in rampa di lancio!) Ronald, il timido Russel (con un improponobile Mullet in testa) e Amy, molto carina. Gli spettatori più piccoli possono naturalmente identificarsi nei primi due, gli adolescenti nei due figli più grandi. In sostanza gli sceneggiatori non hanno voluto lasciare nulla di intentato.


Il film ha avuto infine due seguiti ("Tesoro, mi si è allargato il ragazzino" del 1992 e "Tesoro, ci siamo ristretti anche noi" del 1997, distribuito però solo per l'home video), un cortometraggio del 1994 ("Honey, I Shrunk the Audience") riservato ai parchi a tema Disney e una serie televisiva che riprende il titolo originale, con i personaggi che però sono interpretati da attori diversi (tre stagioni, ciascuna da 22 episodi, 1997-2000).


Commenti

  1. Ricordo benissimo questo film, registrato su videocassetta e guardato e riguardato, non sono poi passati tantissimi anni eppure mi sembra un secolo. Buon inizio di settimana, Riki. e grazie per questo ricordo.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che questo post abbia suscitato un bel ricordo. Davvero un film delizioso, per tutta la famiglia. Buona settimana Sinfo!

      Elimina
  2. Finalmente un film che ho visto e che ricordo con piacere.
    Evviva!! Anche se, da te, mi aspettavo un post sui mondiali.
    E vabbè.
    Buon inizio di settimana all'insegna del relax. Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non parlo tantissimo di film. Ma ne ho visti tanti, di tutti i generi :D. Ecco,io non sono uno da titoli mainstream. Il signore degli anelli e Harry Potter, tanto per citare due saghe, per me non esistono :P. E poi tu adori gli horror: con me caschi benissimo ahahahah. Grazie cara, buona settimana a te

      Elimina
    2. ah ovviamente di post calcistici ne trovi qua da me, ma cerco di non appesantire troppo...tengo conto delle esigenze dei miei lettori e soprattutto delle mie lettrici :D

      Elimina
    3. Con te casco benissimo per mille e un motivo.. ;)

      Elimina
    4. Troppo buona :P

      E poi non ti piacciono le mie previsioni meteo, sennò avresti mille e due motivi :D

      Elimina
  3. Mi è capitato di rivederne dieci minuti in tv tempo fa, e da allora voglio rivederlo perché l’ho ritrovato invecchiato molto bene, ora dopo questo tuo ottimo post dovrò rivederlo per forza, da bambino mi piaceva un sacco e per il GeeKoni è davvero un ottima scelta, bravissimo! ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco Cass, è invecchiato bene, ma temo sia improponibile per i ragazzini\bambini di oggi, che effettivamente farebbero fatica a riconoscersi nei personaggi del film. Anche a livello di look, ovviamente. Però si, non è un semplice film per bambini. Piace a tutta la famiglia, strappa sorrisi e c'è qualche piccola pennellata horror, che non fa mai male. Grazie mille mitico :)

      Elimina
  4. Credo di averne visto qualche spezzone, ma mai il film per intero.
    Complimenti per l'idea di questa nuova rubrica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facendo parte della mia generazione...ahahh dovevi vederloooooo...

      Grazie per aver apprezzato :)

      Elimina
  5. Mi divertì molto quando lo vidi, tra l'altro l'attore, che come tu sottolinei compare in tanti altri film, ha un viso che è troppo simpatico e si presta bene per questi ruoli! Bell'idea quella di omaggiare il Giffoni! un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rick Moranis è un valore aggiunto! Veramente simpatico. Ma anche i piccoli attori se la cavano piuttosto bene :) Buona settimana Stefi!

      Elimina
  6. Ma sai che non l'ho mai visto? :D Non so perché ma non mi ha mai attirato..e dire che invece ho apprezzato il film su Ant-Man :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo devi vedere assolutamente, è un grande classico :)

      Elimina
  7. Quante volte l'avrò visto da piccolo! Mi è ricapitato qualche mese fa in tv, forse su sky ma non son riuscito a vederlo tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, sono partito a leggere i commenti dal fondo. Secondo me però è passato solo su Sky, non sulla tv in chiaro. Eh sì anche io da piccolo l'ho visto migliaia di volte ^_^

      Elimina
  8. C'è stato un periodo in cui lo mandavano spesso in onda, ora è da parecchio tempo che non lo vedo, e un po' mi dispiace, perché è davvero un bel film, tipico di quegli anni e quindi difficile da dimenticare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Peter, è sparito letteralmente dalla tv, almeno da quella in chiaro. Forse è un prodotto che oggi non avrebbe un gran successo tra i bambini ragazzini di oggi...

      Elimina
  9. Stavo già perdendo la magia per apprezzare ancora questa tipologia di film, che comunque feci in tempo ad apprezzare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere, oh non stiamo parlando di pietre miliari del cinema, ma nel genere questo è un bellissimo film.

      Elimina
  10. Lo ricordo poco, ma l'attore protagonista (simpaticissimo) è una di quelle facce della mia infanzia. Di recente l'ho rincrociato recuperando La piccola bottega degli orrori, che sfortunatamente, pur amando i musical sui generis, non avevo mai mai visto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una sera in cui non hai molto da fare recuperalo..ne vale la pena. Ti divertirà :)

      Elimina
  11. Un classicone del sabato sera di Raiuno. Quando uscì lo ricondussi all'analogo corto di Topolino dove il topo diventa minuscolo e finisce in giardino (capolavoro).
    Un grande film anni '90, questo. Disney che imperava.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, il sabato sera con film Disney mi manca un po' :), anche se oggi sarebbe veramente improponibile. Invece per le famiglie sarebbe bello :)

      Elimina
    2. Italia Uno continua a mandare in onda film per tutti, il sabato. E poi in seconda serata Lupin snza censure...

      Moz-

      Elimina
    3. ahahhaah ok ho detto una cagata :D, però i film Disney, quelli non ci sono :P

      Elimina
  12. Grandissimo film che guardavo a ripetizione (però in prima serata, non nella fascia di Cinema Ragazzi). L'ho rivisto una decina di anni fa quando mio cugino lo comprò in DVD e l'opinione non era cambiata di un minimo!
    Non avevo mai notato il lato horror, sicuramente perché già a 6-8 anni guardavo cose peggiori, per spaventarmi serviva Pinhead di Hellreiser, non insetti giganti, però mi trovi concorde!
    I sequel sono trascurabili, infatti li ho quasi del tutto dimenticati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente, nulla di trascendentale...diciamo che gli insetti giganti (uno è cadavere) un po' di impressione nei bambini possono farla. E poi lo scorpione!

      Elimina
    2. Sì sì,per un bambino normale è giusto che sia così... a me invece hanno fatto vedere sempre film vietati fin da piccolissimo (i miei non proprio tutti ma per gli altri andavo da mio cugino a cui facevano vedere anche i porno a momenti), quindi mi impressionavo difficilmente.

      Elimina
  13. Noooo, che era bello questo film xD mi ricordo benissimo anche la scena con le formiche giganti xD Mi piaceva la pronuncia del loro cognome :) un film veramente carino per bambini e ragazzi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo scorpione a me faceva paurissima, rivedendolo invece..è rosso stile aragosta..se fosse stato nero, anche oggi sarei saltato sulla sedia..

      Elimina
  14. Questo l'ho visto al cinema quando è uscito, una domenica pomeriggio di tanti anni fa...
    Un film divertente che, quando capita, rivedo sempre volentieri.
    Ottima scelta per il Gekkoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marco! Eh sì, questo è un grande classico e nel peregrinare nella blogosfera non avevo mai letto due righe a proposito..ho colto la palla al balzo con il Gekkoni.

      Elimina
  15. Visto diverse volte, sempre piaciuto, meno il seguito. Dei seguiti successivi ignoravo assolutamente l'esistenza! addirittura una serie TV!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vidi il secondo film al cinema e sono d'accordo: aveva ben poco da spartire con l'originale; ma poi il resto l'ho scoperto proprio per questo articolo!

      Elimina
    2. Ho visto qualcosa della serie TV e in tutte le puntate che ho visto, citavano Xena Principessa guerriera come titolo... o con un costume!

      Elimina
    3. ahhaah pensa te :D citazionismoooo guai alle serie che fanno citazionismo

      Elimina
  16. Un film che rivedo spesso, molto volentieri.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  17. Mai visto, ma sembra molto bello! me lo segno, così lo recupero con calma quest'estate XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh tu sei gggiovine, non potevi averlo visto. Però sì, recuperalo!

      Elimina
  18. Film che mi piacque molto, i bei tempi che furono - saranno decenni che non lo vedo, e non esagero: è un po' sparito dai radar ed è un peccato, era grazioso :)
    È uno dei pochi film che ho visto al cinema, da bambino/adolescente. Ricordo che, guardandolo, ho pensato "Ma se la massa è una costante, la riduzione dovrebbe essere una questione di volume, forse la macchina avvicina gli atomi tra loro... ma allora i ragazzini non dovrebbero cambiare peso!" dopodiché, appurato che non mi convinceva il lato scientifico della cosa, mi sono divertito molto lo stesso.
    Considerando che non sono mai stato un secchione, questo mio exploit mi stupì molto...

    Sbaglio o c'era una scena strappalacrime con una formica addomesticata da uno dei ragazzini?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per lo splendido commento, conte :). Mi confermi anche tu che questo film è sparito dai radar..la scena che ricordi è il climax emotivo del film: la formica SPOILER si sacrifica per salvare i ragazzi nell'attacco dello scorpione.

      Elimina
  19. Ma sbaglio o è di quegli stessi anni anche "Salto nel buio"?
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo fare coming out: mai visto Salto nel buio, da piccolo mi inquietava un casino (io mi facevo un'idea dei film dalla guida tv di Tv Sorrisi e Canzoni. E a volte c'erano pellicole che mi spaventavano pur non avendo nulla di spaventoso) :D. Però sì, come tempistiche siamo più o meno lì: 1987 il film Salto nel buio, 1989 questo! Ciao Francy

      Elimina
  20. Oh che grande scelta per questo geekoni. Un vero e proprio cult generazionale, apprezzatissimo anche da me! Pollice alto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande, grazie mille! E' stata una scelta quasi a colpo sicuro!

      Elimina
  21. Questo è un filmone! Come già detto da altri, non lo vedo da tanto ma in quel periodo lo guardavo a ripetizione... forse in videocassetta? Boh, ma mi faceva impazzire... questo lo recupero subitissimo!
    Oh, stranamente ricordo bene anche il sequel con il bambino gigante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non lo ricordo quasi per niente..lo vidi al cinema..dovrò riguardarlo e recensirlo! :D

      Elimina
  22. Un film per tutta la famiglia. Ricordo di averlo visto in vhs dai miei cugini, tanti anni fa :)
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era ben diffuso anche in vhs, a quanto leggo. Bene, bene :)

      Elimina
  23. Riki, non l'ho mai visto. A volte sto zitta perché mi vergongo un po' per non sapere che dire. Sarà troppo tardi anche per recuperare, non sarei in grado di coglierne la magia😂😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sapessi quante volte capita a me con i post sui film dei blogger amici! ahahah :D

      Elimina
  24. Ciao Ricky!
    Avevo letto l'altro giorno il tuo post di sfuggita, ora son tornata a rileggerlo e a commentare, perchè volevo dirti innanzitutto cheil film l'ho visto 3-4 volte negli anni ed è sempre stato piacevolissimo 😊 e poi che, ti sembrerà un'incredibile coincidenza, ma giusto l'altroieri sono stati a casa mia i figli di mio fratello e mia nipote di 9 anni, vedendo delle grandi formiche qui giù nel cortile, mi ha detto :" Zia, ma lo sai che papà mi ha fatto vedere un vecchio film troppo bello che si intitola Tesoro mi si sono ristretti i ragazzi?" 😄😎

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è l'unico film che ha davvero elevato al rango di protagoniste simpatiche le formiche! Io le ho sempre odiate altrimenti, ahaah

      Elimina
  25. Bella botta di nostalgia! Adoravo questo film e ovviamente Nick Moranis; ai tempi avevo consumato la videocassetta a forza di riguardarlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che magia anche quella della videocassetta..che nostalgia :D!

      Elimina
  26. E' uno di quei film che ho sentito nominare mille volte ma che non ho mai associato a particolari sequenze, o meglio, che nessuno mi aveva mai consigliato appassionatamente. Le tue parole e le immagini del tuo post - che, in qualche modo, mi risultano familiari (probabilmente mi ci sono imbattuta qualche volta nel mezzo della programmazione tv) - mi hanno parecchio incuriosito :)
    Me lo segno!
    Saluti da Captain Sogur!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Captain! Un'appassionata di film come te non può perdersi questo grande classico:)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…