Passa ai contenuti principali

Guerin Sportivo n.7 luglio 2018: la recensione

Numero decisamente 'speciale' del Guerin Sportivo, che si divide in due. Oltre al consueto magazine, c'è anche il giornale dedicato esclusivamente ai Mondiali in corso in Russia. Tutte le squadre sono presentate con articoli, foto, dati e i disegni delle maglie. Un inserto corposo assolutamente da acquistare e conservare (sempre bello anche per la copertina lucida). 

Per il resto è un Guerin Sportivo ovviamente di marca bianconera, con il poster doppio a celebrare i trionfi in campionato e Coppa Italia e i relativi servizi con foto, il riepilogo di tutti i tabellini con pagelle e le singole pagelle complessive di ogni giocatore juventino. Sono 29 pagine dedicate alla Juventus, compreso l'editoriale!

Poi fortunatamente arriva un reportage sulla Champions League e un resoconto sull'Europa League. Torna l'inutile servizio sul mercato. Curiosa l'intervista al ds portoghese della Fiorentina Freitas, un tizio che sta decisamente dietro le quinte e parla poco. All'Italia, esclusa dai mondiali, è dedicato un articolo di presentazione del neo ct Roberto Mancini. Diciamo la verità: senza l'inserto mondiale, sarebbe un Guerin Sportivo da consigliare solo ai tifosi juventini.

La gnocca del mese è ovviamente juventina, è l'ex Miss Italia Eleonora Pedron, che leggo essere oggi una giornalista (!?).

Attendo con trepidazione il prossimo numero post mondiali, sperando di rivedere, come nel 2014, il mitico film del mondiale (un inserto con una pagina dedicata a ogni partita del mondiale, foto e tabellini).

Se non c'è, preparatevi alla mia stroncatura.

Commenti

  1. Ma se è il numero di luglio, come puoi averlo già recensito?
    Non dovrebbe uscire, appunto, a luglio? 😜😜😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudia è un classico di certa editoria: postdatarsi per rimanere attuali per un mese intero... ahahah...

      Elimina
    2. Ahaha
      Grazie. Non m'intendo ovviamente di questo genere di riviste, ma volevo solo sfottere Riky. 😂😂

      Elimina
    3. Grazie Franco, muahhahaah. Adesso per punizione costringo Claudia a leggere un numero del Guerin :D

      Elimina
    4. Piuttosto vado a messa la domenica. Ecco, puoi immaginare.. 😈😈

      Elimina
  2. Ma secondo te, no dico, potrei spendere un centesimo per un giornale con 29 (dicansi ventinove) pagine di Juve?!?... comprerò il Guerin Sportivo appena Denzel Washington o chi per lui si compra tutto il Milan... allora si...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si ocvupa solo di Juve anche dei mondiali 2018?

      Elimina
    2. Franco ha ragione, 29 pagine son tantine eh :D. Va bene che essendo mensile deve "accorpare".

      Elimina
  3. Eleonora Pedron?
    La Juve merita di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Ci sono ragazze che non fanno tv che sono molto più carine di lei.

      Elimina
    2. faccio un po' di gossip..la Pedron è stata fidanzata con il fratello di Conte..che ha allenato la Juve..
      quindi potrebbe spiegare il perchè della sua presenza..
      e poi per me è bellissima..
      tifavo per lei a Miss Italia..che vinse..

      Elimina
    3. Confermo il gossip, ne parla la sua scheda pubblicata a corredo dell'articolo :)

      Elimina
  4. L'extra assomiglia a un album di figurine, per come è fatta la copertina.
    Insomma, ma è un giornale asservito alla Rubentus?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che la Juve è la squadra più forte e più seguita d'Italia, quindi giustamente la direzione segue la direzione del vento

      Elimina
    2. Mah, che brutta cosa...

      Moz-

      Elimina
    3. Poi adesso è difficile trovare una media un po' critico con la Juventus :D

      Elimina
  5. Sul mondiale, secondo il mio parere, può esserci una sorpresa.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spererei anch'io, magari una nazionale che non l'abbia mai vinto prima

      Elimina
    2. L'unica sorpresa secondo me può essere il Belgio, anche se hanno fatto molto bene la Croazia e il Messico. Per me la vincitrice sarà una tra Brasile, Portogallo, Francia e Spagna :)

      Elimina
  6. Per forza di cose sto seguendo vagamente questo mondiale. E che dire? anche a me piacerebbe vincesse qualcuno che non ha mai vinto prima :) sarebbe proprio bello.

    RispondiElimina
  7. Sono juventino, ma non lo comprerei comunque. :-P

    RispondiElimina
  8. 29 pagine? avrebbero dovuto esserne 35! :D

    RispondiElimina
  9. Ciao Riccardo, di solito quando si parla di calcio &CO. passo "la palla" ... ah ah ah ... ma sono contenta che la Pedron sia nelle tue grazie ahahahahhah! buona serata!!! :-)
    Ps. anche perchè io sono della Roma ... X-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Romanista? Mio padre lo è :D. Pur non avendo alcun legame con Roma. Ma uno dei suoi più cari amici di gioventù era sfegatato tifoso romanista :D e gli ha trasmesso...il tifo.

      Elimina
  10. Non lo leggo da anni, un tempo lo compravo (ma stiamo parlando degli anni '90s) per le coppe internazionali, poi però ho lasciato perdere.
    Sbaglio o per molti anni non usciva nemmeno più nelle edicole?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No è sempre uscito :). Diventando però mensile!

      Elimina
  11. Che palle 'sti mondiali (ma la penserei uguale se l'Italia stessa partecipando).
    Riguardo la Champions, parlano della mia Roma, che quest'anno ha partecipato con prestazioni di tutto rispetto?
    Per la gnocca del mese, con le tifose della Giuventus (come quelle della Lazzie) divento del tutto frigido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhahah 'spetta che faccio leggere a Claudia il tuo commento, almeno la prima parte ahahah! Naa, x la champions si parla solo della finalissima.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …