Passa ai contenuti principali

Giornalisti&Blogger: intervista doppia Claudia e Riky

Oggi parleremo del mio lavoro. L'ho fatto pochissime volte, qualche piccolo riferimento durante riflessioni personali sulla mia vita (i famosi post da semaforo rosso). Oggi ne parleremo invece in modo diretto. Uso il plurale perché questa che andrete a leggere è un'intervista doppia. L'idea è di Claudia, una blogger che in queste settimane avrete sicuramente conosciuto. Nel suo blog, "Chi scrive non muore mai", Claudia scrive notizie e commenta temi di attualità. Mi ha proposto questa intervista doppia e ho accettato con piacere.

Abbiamo deciso di "incrociarci": sul mio blog troverete così le sue risposte. Qui sotto leggerete le sue.

ECCO QUINDI COME CLAUDIA HA RISPOSTO ALLE DOMANDE!

1. Il giornalismo perché. Come nasce questa passione

La mia passione nasce in primo liceo, grazie al giornalino della scuola. Avevo sempre amato scrivere, ma più che altro poesie, o storie. Presto, però, mi resi conto che il mio stile fin troppo sintetico collimava con quello giornalistico, e grazie alla guida della prof. Cecere, non ho più smesso.

2. Giornalismo pratico: hobby o professione?


Bella domanda. Sebbene, negli anni, io abbia collaborato con numerosi giornali locali, radio e televisioni, ho sempre reputato il giornalismo un meraviglioso hobby, e non una professione, poiché i guadagni, quantomeno i miei, erano troppo ridotti. Per questo motivo, non ho mai voluto prendere il tesserino da pubblicista. Il titolo da giornalista non mi appartiene, quindi, sulla carta, ma nel cuore ci sarà sempre, avendo pubblicato almeno duemila articoli, o forse persino di più.

3. Il giornalismo on-line è davvero un giornalismo di serie B?

Qui tocchiamo un tasto dolente. Pensa che nel 2012, assieme ad un gruppo di amici, mi sono occupata del lancio di quello che oggi è uno dei quotidiani online più letti della mia città d'origine. Ed è stato lì che ho cominciato a scrivere tanto e meccanicamente. La verità è, però, che il troppo storpia, e credo che i dodicimila giornali online che nascono ogni giorno vadano in un certo qual modo a depauperare la figura del giornalista, e soprattutto ad allargare a macchia d'olio il numero delle persone che si avvicinano a questo "mestiere". Infatti, per quattro spiccioli, ormai si contano più giornalisti che volantinai.

4. Il blog perché.

Ok, non sono venale, lo giuro. Ma torniamo sempre al fattore economico. Se proprio devo scrivere gratis, o per amore di gloria, almeno lo faccio per me stessa e non per un padrone o per l'altro! Quindi, ho creato il blog chiamato, appunto, "Chi scrive non muore mai", per entrare nelle case della gente e regalargli un'emozione. Devo riconoscere, però, che il mio blog assomiglia moltissimo ad un giornale, ma che posso farci... E' questione di DNA.

5. Nel futuro ti vedi blogger o giornalista?


Giornalista pubblicista mai. Blogger finché ne avrò voglia. Magari per un paio d'anni, o per sempre. Intanto, continuerò ad inviare racconti a testate nazionali, sperando che li pubblichino. Al momento, infatti, collaboro con "Confidenze". Domani chissà.

Queste sono le risposte di Claudia. Le mie risposte le troverete sul suo blog!

Commenti

  1. Eccoci qui con la nostra intervista effetto Iene.
    Buongiorno a te, Riky, e a tutti coloro che avranno voglia di... farsi i fatti nostri. 😜
    Un abbraccio.
    P.S. Adesso che la vedo impaginata noto che avrei potuto dilungarmi un attimino. Mannaggia.. Vedi il dono della sintesi??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha sottovalutavi il mio occhio. Però sulla mia prima risposta avevi decisamente ragione tu.

      Speriamo che ai nostri lettori quest'idea piaccia :). Aspettiamo le loro impressioni.

      Elimina
  2. Riky diventerà giornalista, Claudia andrà avanti con il blog stile giornale.
    Complimenti a tutti e due.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gus.
      Anche se Riky giornalista lo è già. Credo che si fermerà al titolo di pubblicista, ma effettivamente non gli ho chiesto se intende professionalizzarsi.
      Rikyyyyy illuminaci. 😉

      Elimina
    2. Grazie Gus! Sì, al momento non credo proprio che mi cimenterà nell'ardua prova dell'esame XD

      Elimina
  3. Wow anche tu sei interessantissima 😍
    E poi avuto il coraggio di mettere il bannerino publicitario e mi farebbe piacere se ne vale o no inteso come money. E mi pirza a pormi altre domande 😏
    Come dicevo interessantissima 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so dirti, Anna.
      Io ho una media di 800 visite al giorno sul blog, ma con i banner "guadagno" pochissimi centesimi al dì.
      Probabilmente esistono metodi più o meno legali per farli fruttare di più, ma io non li conosco.
      Quindi valuta un po'.

      Elimina
    2. Grazie per aver letto tutte e due le interviste Anna :)

      Elimina
    3. Uhm ... allora non li metterò 😂 i miei non arrivano neanche a cento!!!😂

      Elimina
    4. Richy io ti segio sempre^^ nel guerin e nel topolin 😉

      Elimina
  4. Infatti, nel blog di Claudia si leggono articoli molto professionali. I miei complimenti ad entrambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, poi i vostri blog sono affini, poiché siete molto sul pezzo dell'attualità. Ciao Cav!

      Elimina
    2. Grazie Cavaliere.
      E' sempre un onore ricevere i tuoi apprezzamenti. 😘

      Elimina
  5. Commento prima le risposte della signora, mi sembra giusto :)
    Dunque: viva lo stile stringato e preciso!
    Anche io ho collaborato con diversi giornali e magazine, sia online che cartacei, e mi sono sempre detto: ma a che pro? Scrivevo cose che avrei potuto trattare, e meglio, sul blog. Infatti poco dopo ho abbandonato... non aveva proprio senso!
    Il giornalismo online è di serie B perché non ha una serietà di base, vera o presunta... quindi anche percepibile a monte... sul web chiunque può scrivere tutto XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serie B, C o D, l'importante è scrivere la verità, e farlo bene.
      Io ho provato a smettere, ma come la droga ci sono ricascata.
      Quindi, adesso, siete tutti costretti a subire il mio blog/giornale. 🤣🤣

      Elimina
    2. Diciamo che di base il giornalismo online ha il difetto del "costa poco e rende tanto", ma in realtà il rendere tanto è tale perchè si usano delle pericolose scorciatoie. Per il resto è un giornalismo che ha piena dignità: come per i ristoranti, non ci sono solo i ristoranti di lusso! E' bene anche mangiare dove le ricette sono più semplici, se c'è però impegno e bontà dei piatti anche in posti meno di "lusso".

      Elimina
    3. Assolutamente. Io parlavo di percezione generale... È giustissimo che ci siano testate online, serie e competitive^^

      Moz-

      Elimina
  6. Eccomi qui, dopo essere stata a leggere e commentare da Claudia 😊
    Ciao Riky, come dicevo da lei io ti conoscevo un pochino attraverso i commenti letti su blog amici ma adesso ne so un pò di più grazie a questa doppia intervista!
    Credo che entrambi abbiate i mezzi per poter proseguire sulle vostre strade, lasciandovi guidare dalla passione per la scrittura e il giornalismo in particolare, anche se Claudia non pensa di diventare poi pubblicista.
    Intanto io leggerò volentieri i post che pubblicherete 😉😊
    Non sono sempre presente quotidianamente sul blog mio o su quello degli altri per mancanza di tempo, ma ormai dopo più di 8 anni amo la blogosfera e non ci rinuncio!
    Ciao ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maris.
      Anch'io continuerò a seguirti, perché ti ho già detto che abbiamo molte cose in comune.
      Sono felice di averti presentato Riky, è un caro ragazzo.
      Un bacione a te.

      Elimina
    2. Grazie Claudia per la sponsorizzazione :D. Grazie ovviamente a te Maris per essere qua. Otto anni di blog, allora tra due anni sarà il tuo decimo compleanno! Un bel traguardo.

      Elimina
  7. Conosco poco te, affatto Claudia, ma leggervi è stato molto interessante. Il "tema" mi tocca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow.
      Neanch'io ho il piacere di conoscerti. Vado subito a spiarti. Se fai parte del club giornalisti/scrittori, sarà un piacere seguirti!

      Elimina
    2. Ciao Mr Ink, grazie! Però ora ci hai lasciato la curiosità...ti conosco come grande appassionato di cinema e scrittura. Ma quindi sei anche tu un giornalista?

      Elimina
  8. Interessanti le vostre interviste, non sapevo (o non ricordavo) quale fosse la vostra attività principale.. ho sempre pensato che noi blogger abbiamo molto in comune con i giornalisti, e voi me ne avete dato conferma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue interviste in effetti sono appunto esempio di giornalismo applicato alla blogosfera, senza dubbio! Grazie Fabri :)

      Elimina
  9. Io direi che il blog, rispetto al giornale, permette di dare un'impronta più personale a ciò che si scrive. Se non sbaglio una delle "regole" non-scritte del giornalismo è di essere obiettivi, quindi stare al di sopra delle parti, occupandosi dei fatti, senza dare giudizi morali od opinioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così Marco. Anche se nel giornalismo a volte, pur occupandosi di fatti, è possibile dare sfumature che possano nascondere qual è il nostro pensiero relativamente a certe tematiche :)

      Elimina
  10. Ho letto con piacere anche le tue risposte!
    Io, comunque, nel futuro spero di continuare a vederti anche blogger perché è sempre bello leggerti! Un abbraccio e buona settimana!😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Benny! Per adesso fare bloggin' è molto gratificante, è una realtà parallela alla mia attività lavorativa ed è una bella valvola di sfogo. Ma se in un futuro questo blog dovesse chiudere, probabilmente rimarrei come commentatore dei vostri :)

      Elimina
    2. Comunque Claudia ha un bel blog, dacci un'occhiata. Post scorrevoli e sempre d'attualità!

      Elimina
  11. Ciao Riccardo, arrivo dal blog di Claudia dove ho lasciato due righe per te! qui riporto, dopo aver letto l'intervista di Claudia, più o meno le stesse parole e cioè che mi piace la sua determinazione! inoltre condivido il pensiero che se proprio uno deve scrivere gratis almeno lo faccia per se stesso ... avete carattere da vendere entrambi ed io Vi auguro sinceramente molta fortuna che sia solo sul blog o più espansa! scrivere è come un fiume in piena ... quando lo senti arrivare non conta dove ti trovi ma quello che fai! sinceri Complimenti. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stella! Determinazione? Di più, è scatenata XD. Ecco, lei sì, è un vero fiume in piena! Ti ringrazio, per le belle parole, inoltre non ti perdi davvero un post. Grazie di cuore!

      Elimina
    2. Scatenata??
      Ahah
      Non si capisce se mi stai sponsorizzando o se stai consigliando a questi cari amici di starmi alla larga..
      😜😜

      Elimina
    3. Scatenata, sì, ma è un complimento :D

      Elimina
  12. Peccato non avere il titolo di pubblicista, magari potrebbe aiutarti a renderti più visibile nel campo editoriale (che poi, magari, non è detto. Io parlo da profana).
    Però come blogger direi che un bel 10 e lode te lo meriti tutto :-)
    Ciao Claudia, e ciao anche a te Riky (vado a leggere le tue risposte)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francy, gliel'ho detto anche io a Claudia. Dovrebbe accollarsi un centinaio di euro all'anno di spesa per il rinnovo dell'iscrizione e qualche corso d'aggiornamento(si fanno anche tutti on-line). Poi sì, l'iscrizione è un po' costosetta. Ma per me resta un titolo che riconosce il lavoro. Claudia fa un ottimo lavoro e lo meriterebbe.

      Elimina
  13. Good interwiev!
    Claudia, si vede che ci metti passion in quello che fai. Speriamo che un giorno i tuoi racconti facciano il boom!
    Kiss to both of you :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Susy, anzitutto grazie per aver letto...poi mi aggiungo anche io al tuo augurio per Claudia, la nostra scatenata blogger :D.

      Elimina
  14. Io non penso che i giornali on line impoveriscono la figura del giornalista. Dipende tanto dalla serietà della testata quanto da scrive.
    Se uno si improvvisa giornalista, web o non web, non c'è giornale che tenga.
    Ci vuole serietà anche in questo campo.
    Bella intervista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema principale dell'informazione on-line è che è 'fast', mentre l'informazione cartacea è slow. Però c'è anche l'informazione televisiva, che è una via di mezzo. Per cui, come detto da Claudia, è necessario porsi, sia per gli addetti ai lavori che per i lettori, in un'ottica precisa. E poi alla trattoria si può mangiar bene anche senza piatti ricercati.

      Elimina
  15. Ciao a Claudia e ciao a Ricky! Ottimo lavoro con questa intervista, almeno ho avuto modo di conoscere meglio una nuova blogger :D Mi ha sorpreso la collaborazione con Confidenze, storico giornale che legge mia zia :D
    Spero però che Claudia continui a scrivere ancora per un bel po'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La collaborazione è iniziata solo pochi mesi fa, quindi tua zia non mi conosce. Ahah
      In realtà il parco autori è molto ampio, quindi non è facile trovarmi.
      Domani, ad esempio, esce un racconto molto speciale.
      Avvisa la zia. 😉

      Elimina
    2. Ciao Pier! Ovviamente grazie a te e al Moz per l'ispirazione ;).

      Elimina
    3. Lo leggo anche io il racconto :D
      Grazie a voi per aver portato avanti la cosa. Che poi non ho inventato io :D E va benissimo anche che le domande fossero le stesse! ;)

      Elimina
  16. Ma che post interessante. Quasi quasi diventi blogger anche io😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! E con l'esperienza che ho le persone sul web le capisco al volo!
      Smack.

      Elimina
    2. ahahah, in fondo le persone sul web sono come fuori dal web

      Elimina
  17. Risposte molto interessanti, è proprio un punto di vista differente dal tuo! Avevo la possibilità di lavorare da redattore su Everyeye.it proprio un mese fa, ma avevano degli orari prestabiliti quando pubblicare, quindi ho rifiutato in toto ahah meglio la libertà che ho nel blog: casa mia, regole mie XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh tieni conto che quando diventa lavoro...o hai l'orario prestabilito (fermo restando gli extra) e lavori soprattutto al desk, oppure ti muovi come i vecchi cronisti del mestiere, dalla tarda mattinata ad oltranza XD.

      Elimina
  18. E' stata una bella idea, complimenti :)
    E sono d'accordo con Claudia quando afferma che il troppo storpia. Troppi giornali online stanno togliendo qualità. Un mare di informazioni che non si sa mai quanto siano vere e frutto di ricerca, piuttosto che un modo qualunque per riempire nuove pagine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara.
      Adesso passa da me e leggi le risposte di Riky.
      Anche se lui lo conosci già. 😉😗

      Elimina
    2. Sì, la Dama è una mia lettrice premium :D (grazie cara!)

      Elimina
  19. Concordo! Anche io collaboravo gratis per siti di informazione fumettistica (non mi sono mai ritenuto un giornalista) e poi mi sono rotto, scrivo con piacere, senza stare troppo attento alla forma (le parolacce da me si sprecano) e quando voglio!

    Delle tue risposte non me ne frega nulla! No, scherzo, appena posso faccio un salto.

    p.s. "il troppo STROPPIA", non "storpia"! 😁 sembra errato ma si dice proprio così 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah
      Ehi tuuuuu!!
      Si può dire in entrambi i modi. La variante "stroppiare" è considerata popolare, ma più diffusa nel proverbio.
      Io che, invece, sono antichissima, preferisco la forma originale. 😜
      Adesso corri a leggere le risposte di Riky e correggi anche lui, se no mi offendo.
      😈😈😈😜

      Elimina
    2. Ahah Ema, ringrazia Claudia: la prima risposta l'ho riassunta su suo suggerimento:D. E lei come vedi è stata molto asciutta nelle risposte :D

      Elimina
    3. @Claudia: mi hai talmente messo il dubbio che mi sono dovuto informare, in effetti hai ragione ma non esistono documentazioni che sia nato prima "storpia" che "stroppia", l'Accademia della Crusca la pensa come te ma i documenti più antichi che hanno riportano la versione popolare.
      Grazie per avermi provocato lo stimolo di andarmi ad informare! Aoro la lingua di Dante e tutte le sue varianti, quindi per me è uno spasso andarmi a informare su ogni cosa, anche se mi serve qualcosa che mi susciti la curiosità, altrimenti ci passerei le giornate e comunque dimenticherei tutto poco dopo.
      Ora vado a leggere la tua intervista 😉

      @Riky: la ringrazio con tutto il cuore se ti ha fatto riassumere! Viva la sintesi!

      Elimina
    4. E tutto questo fastidio ti sei preso??
      Adesso, come minimo, devi iniziare a seguirmi, no?
      😜😜

      Elimina
    5. Ema rotea il pugno, ma poi hai visto, è innocuo XD. Can che abbaia non morde ahah

      Elimina
  20. Ma quale fastidio, per me è stato un piacere! Ho ricambiato su G+ e ora mi aggiungo anche ai lettori fissi del blog! E lo faccio per simpatia perché sono arrivato al limite dei blog da seguire, ho il difetto di leggere gran parte dei commenti oltre che il post, quindi ogni blog per me sono decine di minuti per ogni articolo! Devo andare ad disintossicarmi dai commenti!

    Ma sì, io sono un pezzo di pane, mordo solo se mi calpesti la coda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo. Ma non ci prendere gusto a bacchettarmi, eh?! So essere pericolosa..
      Vero Riky? 😜😜

      Elimina
    2. ahhahaha mi farò difendere da Ema anche nei tuoi confronti :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…