Passa ai contenuti principali

Pc Calcio 5.0: il racconto della mia sfida 'Castel di Sangro'


Pc Calcio 5.0, datato primavera 1997, è il più bel videogioco a cui abbia mai giocato, come è noto a chi legge il blog da qualche tempo. Oggi, nel 2018, è ancora un divertimento dedicare qualche spezzone di tempo al manageriale di calcio edito dalla fu Dynamic Multimedia.  Approfittando di due giorni di libertà, ho deciso di cimentarmi nella sfida 'Castel di Sangro'. Di tutte le squadre giocabili, di Serie A e Serie B, è nettamente la più scarsa e la più povera (in cassa ha solo un miliardo e 500 milioni di lire). 

Per farvi capire (non entro troppo nel dettaglio del gioco) i giocatori del Castel di Sangro hanno valori massimi che oscillano tra i 69 e i 72 (quelli del Milan oscillano tra gli 86 e gli 89, con alcuni "big" che superano i 90. Bei tempi quelli del Milan forte).

Unica concessione: non ho selezionato l'opzione giocatori con l'età, quella che fa indebolire i giocatori over 30. Altrimenti mi sarei ritrovato una squadra ancor più scarsa dopo il primo anno! E il mio calciomercato, viste povertà e scarso appeal della mia società, si deve basare sui giocatori forti, ma anzianotti.

STAGIONE 1996-1997: porto il Castel di Sangro in serie A, arrivando secondo in Serie B. Un vero e proprio miracolo! Dopo aver ceduto per due spiccioli Franceschini (centrocampista scuola Lazio, uno dei pochi forti e uno dei pochi vendibili), schiero i miei con il 4-3-3 (Lotti - Fusco Cei D'Angelo Prete - Martino Cristiano Bonomi - Russo Pistella Spinesi). Tattica vincente! Vedendo i buoni risultati della mia squadra, ho fatto le migliorie allo stadio (es. spogliatoi decenti), perché altrimenti in Serie A sono multe che fioccano! E per le mie povere casse, sarebbero guai. Il vantaggio è che andando bene la squadra, ogni partita casalinga attira l'attenzione della tv e ogni volta incasso 750 milioni di lire. Verso la fine della stagione pesco un po' di veterani: il terzino destro Napoli e il regista Mauro della Reggina, l'attaccante "Nippo" Nappi dal Genoa (son tutti vecchietti, ma come detto mi posso permettere solo questi!).

STAGIONE 1997-1998: un altro miracolo, porto la squadra al nono posto in A! Avrei potuto fare meglio, ma verso la fine della stagione ho approfittato degli incassi (grazie tv!) per rifare la squadra. Ogni volta che si compra un giocatore infatti, il morale di quelli in rosa si abbassa e si abbassa anche il valore. Quindi la squadra è andata un po' in tilt! Per la stagione successiva ho comprato anche due giocatori in scadenza di contratto: il vegliardo Pari dal Piacenza (utilissimo perché gioca in tutti i ruoli della difesa e gioca centrocampista centrale) e il vegliardo scozzese McLaughlin, uno che randella, ma ha anche un buon passaggio.



STAGIONE 1998-1999: ecco il mio nuovo Castel di Sangro, schierato con il 5-3-2: il turco Duimazr (Galatasaray) in porta, Napoli e Francesconi (Genoa) esterni difensivi, Sottil (Atalanta), McLaughlin e Vidovic centrali, Mauro, Pari e Fiore (Chievo Verona, giocatore che nella realtà ha fatto carriera in A con la Lazio ed è stato nazionale azzurro) a centrocampo e la coppia Nappi-Goor (poi divenuto nella realtà nazionale belga) in attacco. Ma spesso ho giocato anche col 4-3-3 mettendo McLaughlin davanti alla difesa (!), Pari mezzala (!!) e inserendo come centrale difensivo il danese Tur (qui sotto è sul 71 perché era ancora fuori forma, ma raggiunge i 79, quindi le quattro stelle).



Il campionato mi porta delle belle soddisfazioni, come espugnare San Siro trascinato dal sontuoso McLaughlin.



E rifilare due pere anche all'Inter con i dinosauri Pari e Nappi. Notate: stadio pieno, ma incasso misero di 60.000.000 di lire. 


Sempre verso fine stagione, dopo la delusione per tanti acquisti sfumati (a Castel di Sangro non viene quasi nessuno, anche se offri ingaggi doppi rispetto a quelli che certi giocatori hanno nella loro squadra, a meno che si tratti di giocatori dichiarati cedibili e disponibili nella sezione calciomercato), riesco a prendere Morfeo dall'Atalanta che è in Serie B e Florjancic dal Torino, sempre Serie B. Da notare che Florjancic, nazionalità slovena, è un 92, quattro stelle e mezza. Come il compagno di squadra Cristallini (91), due giocatori dalla forza spropositata, ma nella realtà due onesti professionisti e nulla più. Comunque Florjancic l'ho pagato 3 miliardi di lire nette.

Piazzamento finale? Quarto posto, qualificazione Uefa (ho sfiorato anche il primo posto, ma poi gli acquisti di Florjancic e Morfeo hanno ovviamente depresso la squadra).

Per la prossima stagione ho preso a parametro zero Luděk Mikloško, portiere della Repubblica Ceca ex West Ham (mi serviva, perché come portieri avevo ancora quelli "vecchi" del Castel di Sangro).

CONSIDERAZIONI FINALI: sapete qual è il segreto di Pc Calcio? Lo sterminato database di giocatori, peraltro molto accurato, che permette infinite combinazioni di gioco. E' vero: Florjancic lo prendo quasi sempre, ma la maggior parte di questi giocatori non li avevo mai avuti in squadra. La parte del calciomercato è il succo del gioco. Che resta sostanzialmente facile: ma un videogioco deve anche divertire e rilassare ed è questo che ho fatto con Pc Calcio. 

Commenti

  1. Bell'esperimento! Io ai manageriali ho sempre preferito quelli "action" alla FIFA, anche se ci mettevo in effetti un po' di managerialità, ricordo che facevo spesso numerosi cambi di formazione..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh anche io ho giocato tantissimo ai simulatori (termine che usavo in contrapposizione a manageriale), però anche lì...passavo più ore sugli editor che a giocare le partite :D

      Elimina
  2. Giuseppe e il figlio usano questi aggeggi infernali. Io non ci capisco niente.
    Buona giornata Riky.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me con Pc Calcio ti saresti trovato bene, è un gioco semplice! Ovviamente da patito di calcio ti saresti appassionato :) Poi tu i computer li sai usare bene.

      Elimina
  3. Io ti saluto e basta, ok?
    Non ho mai giocato a un videogioco, figuriamo di calcio!
    Baci :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saluti sempre graditi :), contraccambio. Beh, questo gioco (assieme ai due seguiti) è stata la mia droga n.1 XD

      Elimina
  4. Mi hai fatto tornare la voglia di riscaricarmi PC Calcio

    RispondiElimina
  5. A vedere più in grande la schermata, ok, ha qualcosa di anni '90 ma non è smaccatamente fastidiosa. Oggi basterebbe togliere solo le ombre per avere ancora una grafica davvero valida e funzionale.
    Cioè, è meglio delle grafiche che vedi OGGI sulle tv regionali, quando fanno resoconti e tg sportivi XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai la cosa più bella della grafica? Le stelline, le ho sempre amate. Hai ragione, basterebbe qualche ritocco e sarebbe una grafica perfetta anche oggi. Non come i Pc Calcio 2000-2001, che avevano una grafica moderna ma molto più brutta!

      Elimina
  6. Molto addictive. Mi hai fatto venire in mente un aneddoto su Pc Calcio 5 che mi tengo per il mio articolo. Ma era manager o manager pro la tua partita?

    E soprattutto, McLaughlin è lo stesso McLaughlin che nell'articolo su Euro Soccer il fantasma di Gianni Brera ha soprannominato "manziamerda" ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque, il tuo McLaughlin secondo me è lui:

      https://it.wikipedia.org/wiki/Alan_McLoughlin

      Mentre il mio non è il Brian del Celtic, è un altro McLaughlin (stesso ruolo, difensore centrale) che giocava in un altra squadretta scozzese.

      Era un campionato ProManager, ma sì, in effetti non ho cambiato squadra, quindi è come se stessi facendo il Manager. Ho tolto l'opzione giocatori con l'età perché nel 5.0, con i giovani che non crescono di potenza con l'esperienza, è sempre stato un bagno di sangue come gioco...poi con il Castel Di Sangro è difficilissimo fare mercato.

      Comunque il campionato successivo l'ho vinto, vincendo anche la Coppa Italia; a fine stagione ho fatto la spesa a Torino prendendo anche CRISTALLINI e Cravero, nonché il condor Agostini.

      Elimina
  7. Molto bello e calzante anche il nome che hai scelto per il manager!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti ho letto il famoso libro (poi quando pubblico la recensione, mi permetto di avvisarti) che sicuramente conoscerai. E che peraltro cita proprio Pc Calcio 5.0.

      Elimina
  8. Vado un po' O.t scusami.
    Per anni sono passato con piacere a Castel di Sangro. ( avevo la casa a Roccaraso) e quei luoghi mi mancano molto.
    Grazie quindi per avermi fatto ricordare un paese così legato alle mie estati passate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita! Ma a quei tempi c'era il ristorante da Marcella? Lo cito perché ha un ruolo importante nel libro che cito nel commento qua sopra, di risposta ad exvideogiocatore!

      Elimina
  9. Ecco un gioco così nel periodo giusto, mi ci fa chiudere completamente ahah devo stare lontano da cose del genere per non finirci dentro ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me questo gioco è stato una droga ahhaha!

      Elimina
  10. Certo che quando si parla di calcio tu ti ricordi tutto per filo e per segno anche se sono passati 20 anni... tipo quella volta che ci hai descritto quella partita di calcio a scuola in cui facevi il cronista 😁
    A PC Calcio ci giocavano tanti miei compagni delle medie ma io non avendo un computer ho potuto solo sentirne parlare e vederlo qualche volta quando andavo a casa loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, vero, sul calcio ho la memoria di un elefante :D. Mannaggia, che giovinezza triste senza Pc Calcio :(

      Elimina
    2. A dire il vero mi sono mancati più i simulatori gestionali tipo di parchi giochi (Theme Park, il primo, era il mio preferito) o quelli tipo Civilization o Age of Empire. Il calcio mi piaceva più nella versione classica in tempo reale.

      Elimina
    3. Bellissimi sia Theme Park che Theme Hospital <3

      Elimina
    4. Theme Hospital l'ho avuto per PSX (magari in uno di questi lunedì videogiochi ne parlo), giocato fino allo sfinimento nonostante un titolo del genere senza mouse sia veramente scomodo.
      Comunque ho fatto confusione, Theme Park non mi piaceva (uscito anche per PS2 e posseduto per qualche giorno fino a che non ho deciso di rivenderlo), volevo dire Roller Coaster Tycoon!

      Elimina
  11. Ci giocava anche Fratello1, così mi ha detto lui quando gli ho chiesto cos'era sta roba.
    Mi ha detto di dirti se anche tu avevi "l'arbitro cornuto" che regolarmente ti faceva perdere!
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aahhaah, si ogni tanto c'è qualche cartellino rosso di troppo! Più che altro con la squalifica di pregiudica la partita dopo XD

      Elimina
  12. Non ne avevo mai sentito parlare. Eppure di giochi ne ho visti passare in casa mia un bel po'. Non miei, ma comunque ne conosco. Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In quegli anni era un gioco comunque famoso! :P soprattutto tra gli appassionati di calcio

      Elimina
  13. Io credo di avere avuto il 7.0 ( mi pare con Del Piero in copertina ), però oggettivamente gli preferivo Scudetto e Football Manager.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, era il 7. Io stesso giocavo a Scudetto\Championship Manager ma l'ho sempre trovato meno bello di Pc Calcio :P. Per non parlare degli ultimi Football Manager (il vecchio Championship Manager): veramente troppo complicati!

      Elimina
    2. Infatti io mollai dopo pochi anni, perché la gestione diventava troppo impegnativa.

      Elimina
    3. Il punto di forza di Pc Calcio era proprio la semplicità :), che però si rifletteva anche in un buon effetto simulazione dei campionati.

      Elimina
  14. Una dei rari generi di videogioco che non ho mai toccato con un bastone da lontano (e sono pochissimi), eppure con qualche rammarico. in passato dedicavo parecchio tempo agli strategici (non solo RTS, anche strategici "puri"), ma PC Calcio o Football Manager non mi hanno mai incuriosito a causa comuqnue di un mio interesse relatico rispetto al Calcio. Mi piace il calcio giocato, ma non ciò che ruota intorno al calcio. Non ne capisco nulla di giocatori e mettermi in mano una squadra è come in uno strategico schierare dei reparti di cavalleria polacca nell'esgono accanto ai tank tedeschi (dicono dalla "regia" è successo per davvero...).
    Insomma per miei limiti sul calcio, questo tipo di giochi non hanno mai esercitato la tentazione (che - si sa - mi ci vuole poco).
    Tuttavia, bellissima questa galoppata del Castel di Sangro fino in vetta della classifica di serie A. Le stprie di "Cenerentola" che ce la fa, sono sempre belle....E ancora non mi capacito che a questi Campionati del Mondo mi troverò davanti la TV a tifare Perù! PORCAZZOZZA! vabbe' scusa la sfogo...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…