Passa ai contenuti principali

Io&Paperino & Co., il volume con i paperi e i topi insieme!

Terzo volume della collana bimestrale chiamata "Mickey Superstar", dedicata a Topolino. Ho già recensito il primo volume e il secondo volume, dedicati rispettivamente alle storie di Topolino con Pippo e Minni. In "Io e..Paperino&Co." troviamo storie che legano assieme gli universi dei Paperi e dei Topi. Il giudizio?

Un viaggio sull'ottovolante, non solo per i salti temporali!

La prima parte è di altissimo livello, con "Topolino e il surreale viaggio nel destino", omaggio al grande Salvatore Dalì di Roberto Gagnor e Giorgio Cavazzano datato 2010; "Topolino e il ferro d'oro", storia per me inedita del maestro Scarpa del 1984; "Paperino e l'insolito remake" di Giorgio Cavazzano, storia del 1987 in cui Paperino e Topolino vestono i panni di loro stessi del passato per realizzare un film sulla storia "Topolino Giornalista" (mi fa scompisciare la vignetta di Paperino vestito con un sacco che va a chiedere scusa al regista). Il poker d'assi si conclude con "Topolino in relitto e castigo", di Guido Scala (1993), celebre parodia con protagonista Pietro Gambadilegno. Noterete che tre storie su 4 sono sceneggiate dagli stessi disegnatori! 


Poi il volume scende in basso con la saga dedicata a Papertotti e Gattoso, i due baby calciatori ispirati a Francesco Totti e Gennaro Gattuso (attuale allenatore del Milan): storie carine ("Topolino e la maxi-mini coppa", "Paperino e Topolino in: la finale, finalmente"), ma non certo all'altezza di quelle che le hanno precedute, in questo volume.


Si prosegue poi tra alti e bassi, con storie comprese tra il 2001 e il 2012, fatta eccezione per la divertente "Zio Paperone e l'attacco nostalgico" che è del 1997 (Nino Russo-Claudio Sciarrone), con lo Zione che riceve in regalo un viaggio con la macchina del tempo del museo di Topolinia (già, l'attacco nostalgico non è per gli anni '80, ma per gli anni del Klondike).

La peggiore storia del volume è l'unica straniera, a firma Carol e Pat McGreal, "Topolino, Paperino e i frutti attaccatutti". Se la gioca con "Paperica e il fiasco di successo" del pur bravo Fausto Vitaliano (disegni di Giorgio Cavazzano).

Commenti

  1. Aspettavo la tua recensione per decidere, non è proprio positiva ma mi hai comunque incuriosito!
    Però lo prendo in edicola, non mi va di aspettare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Papertotti e Gattoso fanno scendere in basso la qualità..per non parlare delle ultime storie da me citate. Però le prime quattro sono dei 'classici' (anche quella di Dalì, nonostante sia solo di qualche anno fa). La mia preferita è relitto e castigo, comunque.

      Elimina
    2. Preso stamattina alla stazione, poi ti faccio sapere! ;-)

      Elimina
  2. Sei più un paperino o un topolino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domanda interessante...quasi quasi ti rispondo con un post XD

      Elimina
  3. Evviva i nostri eroi.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Quando da bambina leggevo questi fumetti, le storie in cui paperi e topi erano insieme erano le mie favorite :) credo di avere ancora qualche volume a casa dei miei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un piccolo tesoro c'è a casa dei tuoi :P. Relitto e castigo comunque è bellissima. Non era facile trasformare Dostoevskij in un soggetto per una storia Disney!

      Elimina
  5. Molte le ho, perché apparse nelle raccolte varie (tipo Topolino Story).
    Interessante sia la storia del 1984 (a occhio non ricordo di conoscerla) sia l'omaggio a Dalì, a cui sono molto legato, come sai.
    Orribili le vicende su Totti & co., cazzate che rovinano l'albo, a mio vedere.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente sono storie super ristampate, bene :D. Sì, la storia di Totti e Gattuso può andare bene sul settimanale, ma in una raccolta abbassano la media..

      Elimina
    2. Eh, appunto. Fosse per me, questi due nemmeno esisterebbero nella mente di Dio, per dire.

      Moz-

      Elimina
    3. In effetti l'inserimento di personaggi vip, nel topolino odierno, non sempre riesce bene, a differenza del Topolino del passato..

      Elimina
  6. Ho ricordi dell'Insolito remake, le altre non le ricordo o non le conosco :) Forse giovedì vado a sentire Cavazzano (seguirà reportage ovviamente)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un indice molto variegato, forse troppo. Attendo con curiosità il tuo post sul grande Giorgio!

      Elimina
  7. Un bel mix, ma non sempre vuol dire qualità.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo: per i gran mischioni di storie ci sono già i classici Disney. Collane come queste devono puntare al meglio!

      Elimina
  8. Mi hai incuriosito , nemmeno sapevo di queste edizioni ..anche se non te l'ho detto ma grazie a te ho iniziato a rileggere quelli che ho.gia e vecchi di qualche anno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa molto piacere averti spinto alla curiosità e a riprendere in mano quei fumetti ^__^

      Elimina
  9. A me zio Paperone stava un sacco simpatico...meno Topolino e Paperino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ti piaceva vedere Zio Paperone 'angherizzare' il povero Paperino :D

      Elimina
  10. Dai, appena lo leggo farò conto sulla tua recensione!
    Sei molto bravo, devo dire che finora ho sempre trovato del vero nei tuoi post quando leggo Topolino e compagnia :-)

    RispondiElimina
  11. Stavolta mi sa che passo. .... ;) Amo Paperi e Topi ma ho certi arretrati di lettura spaventosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dei tre volumi di Io e Mickey, mi sembra quello più scarsino :) (anche se paradossalmente c'è tutto Disney, paperi e topi)

      Elimina
  12. Ma cosa devo fare allora? Comprarlo o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se stai facendo la collezione...sì! Altrimenti passa pure.

      Elimina
  13. Mmm alti e bassi per i miei gusti, mi piacciono i crossover tra topi e paperi ma non le parodie, le storie di fantasia (tipo il regno dei due laghi anche se quella mi piace) o quelle con personaggi famosi come i calciatori. Vorrei solo quelle standard, magari nelle avventure alla ricerca di un tesoro tutti insieme (ne ricordo vagamente una bella che ho letto da piccolo ma a parte che partivano tutti insieme, non ricordo altro (magari sta proprio su questo volume).
    Poi scommetto che il formato è grande (mi sa che mi avevi risposto già nella recensione del primo o del secondo ma non ricordo, scusa).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, è il formato grande! Io adoro le storie di fantasia, tipo la spada di ghiaccio! Cioè la differenza la fa come la storia è scritta e sviluppata.
      Ora però sono curioso di sapere quella storia del tesoro :D

      Elimina
    2. Eh, vatti a ricordare... ogni volta che ho cercato una storia letta da piccolo non sono mai riuscito a trovarla. Il problema è che esistono pochi riassunti e sinossi e se inserisci un accenno di trama non trovi proprio nulla.

      Elimina
    3. Pensa allo spoiler addicted che sono, quando dici "eh c'era quella storia in cui facevano così, ma non ricordo quale". Mi fai morire di curiosità :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Le quattro canzoni degli 883 che hanno fatto la (mia) storia

Max Pezzali e gli 883, con mia grande sorpresa, sono un mito per tantissimi, nella blogosfera. Quando c'è un tag sull'infanzia, Max e la sua storica band (inizialmente un duo, in realtà) spuntano sempre fuori nelle varie citazioni. Mi fa sorridere ricordare che ero l'unico, tra i miei amici, ad ascoltarlo! E poi era opinione comune che le canzoni degli 883 fossero banali e c'era anche chi riempiva di disprezzo chi le ascoltava (o forse disprezzando me, disprezzava le canzoni che ascoltavo. Vabbè). Io, come spesso accadeva in gioventù, ero fiero di andare controcorrente. E siccome siamo nel cuore dell'estate e le canzoni degli 883 hanno fatto sempre da colonna sonora alle mie estati, ho deciso di pubblicare questo post. In realtà ho scelto quattro canzoni che hanno qualcosa di più: un legame con alcuni momenti della mia vita.

O ME O QUEI DEFICIENTI LI'



Gli 883 hanno sfatato per me il tabu' delle parolacce, anche se, ovviamente, quando cantavo i loro brani, l…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…