Passa ai contenuti principali

Ancora sogni: scuola, Rita Pavone e mal di testa

A volte i sogni non hanno molto di interpretabile, ma semplicemente 'pescano' nella nostra mente e rielaborano dei ricordi, con il curioso effetto di modificarli, mischiarli, pasticciarli.

E' quanto almeno mi sembra di capire dell'ultimo sogno fatto, relativamente alla seconda parte.

La prima parte è quella classica della scuola. Vicino al mio banco un ex compagno delle superiori che oggi vive all'estero (peraltro qualche tempo fa, quasi per caso, vidi la sua foto su Linkedin e fui colpito da quanto fosse cambiato rispetto ai tempi in cui era un ragazzo). Ero al ritorno da scuola dopo un'assenza per malattia di qualche giorno e il professore di matematica voleva interrogarvi su quanto aveva spiegato la lezione precedente (a cui io ero assente), scatenando le mie proteste. Ricordo inoltre che nello zaino avevo messo libri e quaderni 'a casaccio' perché a scuola non c'era un orario prestabilito, ma le lezioni venivano fissate uno-due giorni prima. Non essendo stato a scuola, avevo preso un po' di roba così, a caso. Ad ogni modo finita la lezione andavo nell'ufficio della preside a fare un casino, minacciando azioni legali, poi dicendo alla fine che me ne sarei andato, tanto "ero troppo vecchio" per andare a scuola, "a scuola c'ero già andato e avevo il diploma e anche una laurea" per cui era inutile rimanessi lì. E la preside era tutta spaventata.

Nella seconda parte del sogno scoprivo di essere a Bologna, mia città degli studi universitari. Uscito da scuola in orario serale, andavo a mangiare un trancio di pizza e poi tornavo a casa. Alla palazzina del mio appartamento si accedeva tramite un cortiletto. Con mia rabbia scoprivo che qualcuno aveva lasciato le chiavi nel portone. Aprivo il portone e salivo le scale. Grandissime, con finimenti di lusso. Arrivavo al mio piano, dove c'erano due portoni di due appartamenti, uno dei quali il mio. Per terra un manifestino di un concerto di Rita Pavone. Dall'altro spuntava fuori l'amico Luca (che oggi vive all'estero ma abitava in un paese vicino al mio), uno dei due miei coinquilini bolognesi, che vestito con una tshirt e una giacca (casual, ma elegante) mi diceva che si apprestava a uscire. Gli chiedevo l'ora (notoriamente vado sempre in giro senza orologio, poiché guardo l'ora nel cellulare) e mi rispondeva le 22.45. Rimanevo sorpreso dal fatto che fossi rimasto fuori casa così tanto e che il mio amico uscisse a quell'ora. Gli chiedevo di Alberto (carissimo amico, concittadino, nonché mio ex coinquilino) e Luca mi rispondeva che era in casa, a letto, perché stava male. Una volta dentro andavo in camera da letto e vedevo Alberto sdraiato sul letto vicino al mio, dicendo che era messo k.o. da un pesantissimo mal di testa.

Fine!

Come vedete la seconda parte del sogno è francamente intraducibile!

Commenti

  1. Troppi maschi e poche femmine , anzi una e bruttissima.
    C'è da preoccuparsi.
    Scherzo ovviamente. La scuola rappresenta il desiderio di ribellarsi
    al potere, a chi sta dietro la cattedra. Non ci sei riuscito nella realtà
    e il sogno ti accontenta.
    Gli amici un incompiuto rapporto di condivisione dello svago.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la preside molto bella non era :D. Mi piacciono le tue riflessioni, anche in ambito onirico Gus: hai ragione, il secondo, all'apparenza insensato sogno, nasconde qualcosa di incompiuto. Forse il fatto che da adulto vivere con i miei amici sarebbe stato più bello.

      Elimina
  2. Tutto sommato un sogno in “movimento” anche se strampalato. Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. strampalati e movimentati: definizione corretta dei miei strani sogni :D. Buona giornata a te cara!

      Elimina
  3. 22 e 45 numeri da giocare.
    La prima parte è ovviamente quel che diciamo sempre... la scuola è una cosa che no si supera mai, e quando siamo sotto stress ci sentiamo giudicati: Morfeo traduce con esami, interrogazioni e via dicendo (in questo caso anche il senso di colpa/il caso avverso, l'aver saltato lezioni e portato libri a casaccio).
    La seconda parte... bisogna capire il perché della Pavone. La mente associa anche il nome a qualcosa (esempio: il gallinaceo omonimo). Oppure ancora, hai fatto/sentito qualche paragone tra la cantante e qualcosa, che Morfeo non vuole rivelarti nella sua vera essenza, sfruttando la metafora per appagarti (esempio: tua madre mesi fa ha detto che tizio x assomiglia a Rita Pavone, e il sogno ti fa vedere Rita Pavone ma significa tizio x).

    Sigmund Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro le interpretazioni di Sigmund Moz :D. Esaminiamo il caso della Pavone: direi che l'unico appiglio è che mio babbo ha sempre detestato Rita Pavone, quindi può darsi che la mia mente abbia scavato e abbia tirato su quel ricordo.

      Elimina
    2. E allora il sogno parla di tuo padre, semplice :)

      Moz-

      Elimina
    3. Mmm..questo è già più difficile!

      Elimina
  4. Ma tu in quei momenti riesci a capire che stai sognando? O lo capisci solo quando ti svegli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella domanda :D, mi verrebbe da rispondere: nessuna delle due...

      Elimina
  5. Io davvero non ci capisco niente di sogni e mi pare che pure i tuoi siano belli ingarbugliati :D
    Ti posso dire che anche a me capita di sognare i compagni di scuola, sia in gita, sia nei giorni di lezione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In generale il tuo sogno random è facilmente interpretabile: voglia di rivedere i compagni e di rivivere le emozioni del passato. Oppure il bisogno di vivere delle situazioni in compagnia, non legate alla coppia.

      Elimina
  6. Certo che hai una vita abbastanza frenetica, persino nei sogni.
    Ma poi, come fai a ricordare tutti questi dettagli?
    In ogni caso, ha ragione Gus...
    Troppi uomini. Vedi di fare sogni più piacevoli.
    Guarda Uomini e donne prima di addormentarti...
    Ahahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è stato un periodo in cui puntualmente, quando guardavo film horror, facevo sogni placidi senza sogni. Non li guardavo e giù sogni. Forse non è uomini e donne la ricetta giusta, prima di dormire :D. Pensa che mi ricordo pochi dettagli, perché in realtà i sogni miei sono molto elaborati. E la particolarità è che certi luoghi della vita reale nei sogni hanno caratteristiche diverse, ma sono sempre le stesse (o variano di poco). E' la cosa che mi ha sempre più affascinato dei miei sogni. E' come se mi fossi creato un mondo alternativo. Ora lo dovrei popolare con più donne e con meno scuola, ahahah. Con i mostri va bene: in genere quando sogno mostri, ho sempre poteri e superforza per sconfiggerli XD. Sulla vita frenetica non direi, forse ho pensieri troppo frenetici, scossi, citando il nome di un blog :D. O forse faccio troppo poco: se fossi più stanco non avrei tempo di pensare troppo.

      Elimina
  7. Scusa ma tu non ti occupi di calcio? Mi pare ovvio il riferimento a Rita Pavone!!! :D Scherzi a parte, io solo una volta ho sognato la scuola in termini di terrore, e cioè quando ho sognato che il mio compagno di banco era il mio ex, e nel sogno non era ex ma era ancora il mio ragazzo (in pratica la scuola in sé non c'entrava nulla). E io non volevo assolutamente, perché stavo già con l'ora mio marito e non volevo che così non fosse! Per il resto che dire... io i sogni non li ho mai capiti e non so se hanno un significato, solo quando sono molto ansiosa mi capita di sognare di avere mal di denti o problemi di vario tipo ai denti (è l'unico riscontro che abbia mai trovato con i vari significati attribuiti ai sogni). Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Miky, anche il tuo sogno è stato abbastanza ansioso! Curiosa l'associazione tra l'ex e la scuola :D. Terribile il sogno in cui perdiamo denti: a me è capitato spesso. E' simbolo della paura di subire delle perdite.

      Elimina
  8. Diciamo che se per la prima parte è il classico sogno/ speranza che abbiamo tutti nella vita, ovvero litigare senza far casini alla fine con i prof, il secondo non saprei, forse ti manca la vita che avevi con i coinquilini, o speravi che questo Alberto, una volta a letto, ci provasse XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma, in genere con i prof sono sempre andato d'accordo, mentre per il secondo credo sia piu' un desiderio di rivivere quel tipo di vita, per potere completare determinate esperienze all'epoca trascurate (no, non le esperienze di lettoXD)

      Elimina
  9. La seconda parte è quel classico sogno pieno di piccole esperienze mischiate e decontestualizzate ahahah
    Anche a me ogni tanto capitano questi viaggi senza un vero senso, e spesso ci penso per un'oretta dopo essermi svegliato per cercare di capirli XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace la definizione "Piccole esperienze mischiate e decontestualizzate" :D. Aggiungi, prima di pensare al significato,il processo di ricostruzione degli stessi sogni (infatti qualche dettaglio va inevitabilmente perduto)

      Elimina
  10. Sicuramente ogni sogno è significativo.
    Serena notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero ed è divertente trascriverli :). Ciao Cav

      Elimina
  11. Tu mangi male, lascia che te lo dica ;-)
    Però almeno Rita Pavone è simpatica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio babbo non condividerebbe quest'ultima frase :D. No, ti assicuro mangio molto tranquillo ahhaha

      Elimina
  12. Sogni, sogni.. SOGNI!!
    sono il mio forte!
    comincio dalla fine che è la parte più semplice: la casa (qualunque tipo di casa) rappresenta te stesso e come sei tu interiormente, a livello psichico.
    la dimensione degli spazi, il fatto che fosse più lussuosa del reale ci dicono che hai una buona visione di te.
    è interessante che uno dei tuoi coinquilini esca, si muove per fare qualcosa, mentre l'altro sia bloccato per cause di forza maggiore, bisognerebbe vedere se tu vivi un periodo simile in cui è richiesto un movimento (un impegno, un "fare qualcosa" sia in senso fisico che in senso emotivo-psichico) ma magari sei bloccato o vorresti non fare quella cosa..

    per la scuola direi che è evidenziato il conflitto fra ciò che sentiresti come un dovere e ciò che pensi non sia necessario, vieni colti in fallo e ti arrabbi quindi hai un rifiuto verso la cosa che ti viene proposta dall'esterno.
    Anche in questo caso sogni di qualcuno che poi si è spostato all'estero.

    mi viene proprio in mente che forse stai rimandando qualcosa che non dovrebbe essere posticipato oltre.
    mediterei sulla situazione lavorativa e sulla sfera sociale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sembro l'oracolo del giornaletto da 1 euro.. XD

      Elimina
    2. Grazie e benvenuta nel mio angolino ^_^, oracolo del giornaletto da 1 euro? Preziosissima esperta di sogni! Ti nomino mia consulente: cosa stai aspettando, clicca sull'etichetta SOGNI e leggi tutto :D :D. Scherzo (forse :D).

      Mi ha colpito molto quel "stai rimandando qualcosa che non dovrebbe essere posticipato oltre", legato alla sfera sociale. Già. Molto molto interessante. E' la chiave giusta. Ho sempre pensato ai sogni scolastici come qualcosa proiettato nel passato, invece...

      Sono un po' sorpreso dalla visione che ho di me XD, zono una perzona falza XD, adesso vado a fustigarmi.

      Mi piace molto anche la lettura della persenza dei miei due amici, che sarebbero..parte di me.

      grazie grazie grazie


      Elimina
  13. I sogni, anzi, gli incubi, in cui torno a scuola, li faccio spesso e come te ho la mia età attuale e nonostante abbia già i miei titoli, non capisco perché debba ripercorrere quel percorso... un po' come il film con Bova e non so chi altro, in cui devono rifare la maturità, io quell'incubo ce lo avevo molto prima del film (che non ho mai visto). Mi sa che è un incubo di molti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terribile il film "Immaturi" , me ne sono sempre tenuto alla larga, ahhaha!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Le quattro canzoni degli 883 che hanno fatto la (mia) storia

Max Pezzali e gli 883, con mia grande sorpresa, sono un mito per tantissimi, nella blogosfera. Quando c'è un tag sull'infanzia, Max e la sua storica band (inizialmente un duo, in realtà) spuntano sempre fuori nelle varie citazioni. Mi fa sorridere ricordare che ero l'unico, tra i miei amici, ad ascoltarlo! E poi era opinione comune che le canzoni degli 883 fossero banali e c'era anche chi riempiva di disprezzo chi le ascoltava (o forse disprezzando me, disprezzava le canzoni che ascoltavo. Vabbè). Io, come spesso accadeva in gioventù, ero fiero di andare controcorrente. E siccome siamo nel cuore dell'estate e le canzoni degli 883 hanno fatto sempre da colonna sonora alle mie estati, ho deciso di pubblicare questo post. In realtà ho scelto quattro canzoni che hanno qualcosa di più: un legame con alcuni momenti della mia vita.

O ME O QUEI DEFICIENTI LI'



Gli 883 hanno sfatato per me il tabu' delle parolacce, anche se, ovviamente, quando cantavo i loro brani, l…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…