Passa ai contenuti principali

Massimo De Vita, recensione del volume n.1 di Tesori Italy Disney a lui dedicato

La serie Disney "Tesori Made In Italy" prosegue con il primo volume dedicato a Massimo De Vita, disegnatore e sceneggiatore figlio d'arte. Primo di quattro volumi, poco meno di 200 pagine, presenta subito un notevole difetto: nessuna storia dei Topo!

In realtà è una scelta legittima e lo capiamo dal servizio redazionale, che anticipa come saranno i prossimi tre volumi.

Questo volume I è dedicato totalmente a Paperopoli, mentre il volume II punterà i suoi fari solo su Topolinia: ci sarà la mitica 'Spada di Ghiaccio', la prima storia della saga della macchina del tempo, poi spazio al ciclo dedicato alla storia dell'America e alle fantastiche 'Top Stories', storie fantasy vissute da un antenato di Topolino che rappresentano un elevato picco della produzione Disney, oggi purtroppo dimenticato.

Il volume III sarà un mix di storie di paperi e topi, il IV sarà dedicato...a Indiana Pipps!


Torniamo ora a concentrarci sul Volume I che esordisce con un'inedita (per me) 'Paperino e la sagra della frittella', dal Topolino 402 del 1963, la prima sceneggiata e disegnata da Massimo De Vita! Seguono 'Zio Paperone e la città satellite' del 1981 (altra inedita per me), storia ispirata alla costruzione di 'Milano2', 'Zio Paperone e l'altra statua della libertà' (1986).

Ma sapete qual è il meglio di questo volume?

In primis la splendida parodia del celebre film 'Il tempo delle mele', del 1988, a firma Massimo Marconi: 'Qui Quo Qua e il tempo delle mele'. Da bimbo rimasi sorpreso nel vedere le 'eroiche' Giovani Marmotte dannarsi dietro a delle paperelle! Si può dire che sia veramente un tipo di storia Disney rarissima!

Ma in questo volume troviamo una quasi sconosciuta 'Zio Paperone e i granchi del Cromodor', un'avventura del 1989 a firma Giorgio Figus con momenti spassosi (l'inseguimento tra le vie di Paperopoli di un granchio da parte di Zio Paperone e &), fino alla missione fuori Paperopoli alla ricerca del mitico cimitero delle balene, che cela un ricco giacimento di ambra grigia.

Un volume di alto livello che ahimè si chiude con una delle peggiori storie di Paperinik: 'Paperinik e la lotta dietetica' (1989). Come noto, Paperinik perde i tratti del giustiziere mascherato e diventa un supereroe cittadino spesso alle prese con ladri e imbroglioni, piuttosto che con cattivi veri e propri.

In conclusione un discreto volume, che è da recuperare assolutamente però per la presenza della parodia del 'Tempo delle mele'.

Commenti

  1. Sai che forse di quella parodia ho vaghi ricordi? In effetti è raro vedere Qui Quo Qua interessarsi alle paperelle :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, Qui Quo Qua sono tanta azione e poca fi... :D

      Elimina
  2. Considerando che si tratta di 4 volumi, mi pare sensato suddividerli in questo modo così da poter dare una continuità a ciò che si sta leggendo.
    Buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero e sono molto curioso di vedere il volume con storie dedicate ai topi :D

      Elimina
  3. Non avevo capito che ad ogni autore la numerazione riparta da 1.
    Perfetto, un altro volume dedicato a Indiana Pipps nel formato gigante che odio! Sono destinato a non prendere nulla del mio personaggio preferito.

    Com'è la storia del '63? Tutta a colori? In quegli anni le pagine erano 2 a colori e 4 in b/n. Comunque ne ho lette un po' natalizie e le ho trovate verbose. Quel decennio non mi piace proprio.

    A me fanno ridere le storie dei 3 nipotini quando si innamorano. L'ultima che ho letto è dell'estate scorsa o forse dell'estate prima, con i 3 che restano in città per le vacanze (perché zio Paperino non ha voglia di lavorare e quindi non ci sono i soldi) e uno si innamora, non riesco a trovare il numero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai dai il volume di Indiana Pipps prendilo! Poi facciamo la recensione incrociata delle storie :P.

      Quella del '63 è tutta a colori, mentre in effetti le storie sui paperini innamorati non sono poi così rare..ma quella che citi al momento non mi sovviene :D

      Elimina
    2. No no, troppo grande, non sta bene nella libreria, aspetto un'edizione ridotta. Intanto vorrei recuperare il Topostorie dedicato a lui.

      Ovvio che non ti sovviene, ho controllato ed è una storia con Tip e Tap, letta su Estatissima del 2015 😒
      È strano perché la ricordavo una lettura più recente.

      Elimina
    3. ah dovrei addirittura avere quell'estatissima 2015 :D. C'era una storia di Tip e Tap sul fidanzamento e sul fatto che andassero in campeggi separati: era un po' smielosa :D

      Elimina
  4. Faccio come i gabbiani di "Alla ricerca di Nemo": mio, mio, mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace vedere giovani interessate alla materia Disney! Colgo un buon entusiasmo :)

      Elimina
  5. Oddio, quella de Il tempo delle mele la ricordo! Ahaha!
    Io ho finito con questi volumi, comunque. Mi tengo Tesori International che avrei preferito continuasse con altro (ad esempio autori sudamericani) e invece no.
    Ma va bene.
    Nel prossimo, La spada di ghiacchio sarà completa?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo sia completa, immagino la prima parte (in tre episodi). Comunque ci sono anche le Top Stories! non so se le conosci, ma ti piacerebbero molto.

      Elimina
    2. Sì, le conosco, ma non le ho mai approfondite :)

      Moz-

      Elimina
    3. La aggiungo nella lista 'cose da fare'

      Elimina
  6. Indiana Pipps, che bello!
    Quanti ricordi. Finirà che lo compro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima storia di Indiana Pipps è stata recentemente ri-stampata, ma non era disegnata da De Vita! Poi De Vita mi sembra abbia preso in mano le redini di quella serie di storie :)

      Elimina
  7. Io ricordo la storia delle frittelle, non quella de Il tempo delle mele.
    Avevo deciso di recuperare solo Cavazzano ma quasi quasi anche De Vita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spetta spetta, quale delle frittelle? Io ne ho una che amo alla follia :D (ma era disegnata dallo studio Comicup).

      Elimina
  8. Ristampe di ristampe di ristampe... all’inizio ero contento di questa strada presa dalla Panini ma adesso mi infastidisce un po’ dover prendere volumi che contengono storie già ristampate sparse da altre parti.
    Per questo non ho preso i volumi dedicati a Cavazzano e non prendere nemmeno questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la maledizione dei grandi classici :D. Pubblicano ristampe di storie che escono il mese dopo in queste testate speciali..penso alle storie di Ok Quack ad esempio..uscite in ristampa su tutti i grandi classici. E dopo un anno fanno l'extra edition con metà volume dedicato alle storie di Ok Quack :(

      Elimina
  9. Leggo talmente tanti articoli su Topolino & co. che ho deciso di leggere la collana "Le storie più belle" (e da paladino del digitale, me la compro in formato Kindle a 5 euro a numero!).

    Considerati responsabile di questa mia estrema curiosità, visto che è scattata con questo tuo articolo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che le storie più belle siano effettivamente tali, ma ho paura a chiederti l'indice...

      Elimina
    2. Il primo volume è sulle storie fantasy e ci sono: Topolino e l'elmo di giada (2002), paperino paladino hi-tech (2000), topolino e la spada invincibile (1989), topolino e la spada del tempo (1990), paperino e il regno di greet (1995), topolino, pippo e l'ultimo giocante (2011), paperino e la regina nonah-paper (1995), topolino e la campana dei tre rintocchi (1999), topolino e le sergenti d'argento (2001), topolino e la corazza di sorceres (2001), topolino, ser pipp e il tesoro del drago (1996)!

      Elimina
    3. A naso non è un grande acquisto :D. Dipende da quanto ti piacerà la saga della spada invincibile (il seguito è la spada del tempo): per me è stupenda *_*.

      Comunque ho detto a naso perché molte non me le ricordo! L'ultimo giocante l'hanno ristampata da poco, ecco, quella ad esempio è una buona storia.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…