Passa ai contenuti principali

La Corrida, uno dei programmi che riuniva la mia famiglia davanti alla tv

Domani sera, Venerdì 13 aprile, su Rai 1 riparte "La Corrida - Dilettanti allo sbaraglio", programma ideato dal compianto Corrado Mantoni e dal fratello Riccardo, condotto dallo stesso Corrado.



La Corrida, uno dei programmi della mia infanzia. Il sabato sera tutta la mia famiglia si riuniva davanti alla televisione per assistervi, sintonizzandosi su Canale 5. Da bambino adoravo il chiasso di quel programma: le esibizioni stonate dei concorrenti, i campanacci che suonavano, i rumori. Poi spuntava fuori il concorrente bravo ed era piacevole fermarsi ad ascoltare il suo canto. Ricordo con piacere la conduzione sobria, elegante e sorridente di Corrado, gli sketch con il maestro Pregadio. La stessa idea del semaforo la trovavo geniale.

Forse guarderò la prima puntata della Corrida, feci lo stesso quando il programma passò alla conduzione di Flavio Insinna e di Gerry Scotti. Ad ogni modo anche quest'ultima riproposizione della Corrida, come le altre, è destinata al fallimento relativamente al mio gradimento, ma è naturale: è un programma che apprezzavo da bambino, in primis per quell'aspetto scanzonato da fiera di paese, in secondo luogo perché era un programma che riuniva tutta la famiglia. Mio padre altrimenti era un assiduo telespettatore di telegiornali e io invece gli odiavo! Oggi la Corrida, così come gli show in diretta, il vecchio varietà, mi attira ben poco. Ho digerito a fatica il programma di Italia dedicato all'amarcord sugli anni '90.

Tuttavia apprezzo questa operazione di riproposizione della Corrida, nell'ambito della televisione generalista. Penso ad esempio a mia nonna: un programma come la Corrida, per diverse fasce di pubblico, non passa mai di moda, quindi ben venga. Voi invece guardavate la Corrida di Corrado? Quali sono i vostri ricordi? Attendo le vostre impressioni nei commenti!

Commenti

  1. Ricordo anche io questo programma che si vedeva con tutta la famiglia e ricordo anche le risate. Però ti confesso che queste ripresentazioni fanno malinconia perchè il presentatore ormai non c'è più, il vero pilastro della trasmissione. Un pò succede oggi con l'Eredità, mancato Fabrizio Frizzi è venuto meno il sapore della trasmissione. Subentra la malinconia ed allora si spegne il televisore e si rimane con i ricordi. Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, niente malinconia. Solo bei ricordi per personaggi che non ci sono più. I programmi non potranno essere più come prima, ma secondo me non è sbagliato questo riproporre in nuova versione. La tv generalista è fatta di operazioni come queste. Poi sì, la tv a casa mia rimane spenta se non viene accesa assieme al lettore dvd - blu ray :D, ma questo è un altro discorso. Io parlavo anche in termini generali.

      Elimina
  2. Noi lo seguivamo eravamo già più che adolescenti ma i campanacci e l'allegria del pubblico oltre alle esibizioni dei partecipanti erano coinvolgenti e divertenti. Ricordo la signorilità di Corrado sua caratteristica imprescindibile e poi le occhiate con cui lui e il maestro Pregadio si scambiavano capendosi al volo senza quasi parole. Anche la conduzione di Conti è elegante e misurata, ma Corrado resta un maestro. Sicuramente vedrò la prima puntata. Buona giornata Riky🤗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, ti sentivi anche tu tra il pubblico e anche tu avresti voluto avere un campanaccio. Bellissimo le occhiate tra il maestro Pregadio e Corrado. Ecco infatti il discorso del coinvolgimento che riusciva a garantire la Corrida.

      Elimina
  3. Sì, all'inizio sì. Ma poi il ricordo sbiadisce soprapposto ad altri ricordi meno piacevoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora meglio dimenticare tutto :)

      Elimina
    2. Il giorno in cui hai perduto per sempre le scarpe?

      Elimina
    3. Benvenuto Gino :D, metaforicamente credo di si. Forza Anna!

      Elimina
  4. Pensa che io lo ricordo radiofonico. Buona giornata e grazie per questo post che mi ha fatto andare indietro nel tempo. Magari un’occhiata la darò.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima puntata, per curiosità, si guarderà :D. Io della corrida invece ricordo le edizioni dei primi '90

      Elimina
  5. Io ricordo ancora le facce che faceva Corrado davanti all'esibizione di certi concorrenti..con poche espressioni faceva già ridere lui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Io le adoravo! Riusciva a rimanere composto ma allo stesso tempo a trasmetterci un senso di ilarità bellissimo

      Elimina
  6. adoravo il programma con la conduzione di Corrado :) poi si, anche Scotti non era male ma vuoi mettere la mimica di Corrado e del maestro? l'ironia intelligente con la quale studiavano i concorrenti senza quelle volgarità gratuite di Bonolis con quel cavolo di programma preserale che non sopporto? e il suo tentativo di imitare il grande Corrado? adesso che Conti farà lo scempio dei ricordi mi vien da piangere. Lo sai Ricky io sono una nostalgica di natura :) un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Citi Bonolis ed è una cosa curiosa: non sono mai riuscito a farmi un giudizio su Bonolis. A momenti lo adoro, in altri lo odio. Di sicuro erano terribili i suoi 'corsivi' sull'Inter :D. Però non credo che Conti faccia uno scempio: è un conduttore istituzionale, ma bravo!

      Elimina
  7. Non credevo iniziasse così presto, infatti ho visto la pubblicità solo ieri.
    Devo dire che ho amato molto anche io questo programma, e sul serio al sabato sera era un piacevole modo per riunirsi tutti e divertirsi insieme. Scendevano anche i miei zii dal piano di sopra e si passavano due ore in allegria.
    Non so come sarà questa nuova versione, ma dubito possa equiparare quella di Corrado. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dama, sicuramente non riuscirà ad eguagliare il mto della Corrida di Corrado. Bello che anche la tua famiglia si riunisse, zii compresi, per passare il sabato sera davanti a un buon esempio di intrattenimento televisivo.

      Elimina
  8. Ricordo la Corrida con grandissimo affetto, soprattutto per Corrado che era davvero un signore e un gran professionista, come ben pochi purtroppo ne sono rimasti. Anche per me era divertente soprattutto da piccola, con il chiasso dei campanacci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I campanacci erano un vero cult, così come i muggiti :D. Da piccolo poi in casa mia entrò un babbo natale a pile che, se attivato, camminava e agitava il campanello. Immagina la mia esaltazione :D e l'odio dei miei genitori per quel regalo :D

      Elimina
  9. Certo che lo guardavo! Non ricordo l’edizione con Insinna ma ho visto qualcosa di quella con Scotti, in effetti La Corrida è un programma in cui anche il presentatore fa tanto, e Carlo Conti non ce lo vedo proprio... chissà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insinna tutto sommato era in un contesto a lui favorevole; eppure cercò di metterci troppo teatro, a un programma che va preso per quello che è: programma nazional popolare. Con persone che fanno ridere o prendono applausi per quello che sono.

      Elimina
  10. Io, per ragioni d'età, sono cresciuto con la Corrida di Gerry Scotti, quindi per me il top è quella versione. Nonostante l'attaccamento a quel tipo di Corrida, ho apprezzato anche quella di Insinna, quando ancora guardavo la TV haha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti a oggi la tv è soprattutto l'arnese collegato al dvd\blue ray :D

      Elimina
  11. Anch'io ovviamente guardavo la Corrida con Corrado, ed era davvero uno spasso, ora però con Carlo Conti sono molto dubbioso, non solo perché non ce lo vedo ma perché passando sulla Rai potrebbe non essere più la stessa cosa..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dubbi legittimi: anche io sono convinto che non riuscirà a replicarne il mito. Però in genere la Rai quando sceeglie Carlo Conti va sul sicuro.

      Elimina
  12. Sai, anche io ho ricordi legati alla Corrida... ma molto più recenti. Nel senso che ok, vedevo quella di Corrado oldstyle, ma è dai primi anni 2000 che invece ricordo di guardarla coi nonni, sempre prima di uscire il sabato. È anche successo che magari non sia uscito e abbia visto tutta la puntata... ricordo cose assurde :)
    Dunque, un ricordo abbastanza recente ma vivo. Domani non sarò a casa, ma penso che dagli altri venerdì la guarderò! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me, tra fine anni '90 e inizio 2000, il cult era 'Ciao Darwin', anche e soprattutto per le donnine che lo popolavano :D. Allora attenderò le tue impressioni! Che poi un altro difetto della tv di oggi sono gli orari. La prima serata inizia alle 21.30. Io alle 21.30 inizio un film in divx, purché sia film di durata canonica di un'ora e mezza :D

      Elimina
  13. I sabati dalla nonna si guardava La Corrida o Hercules su Italia1 o un pezzetto di Via col vento registrato in una vecchia VHS, a ripetizione, in base alla programmazione televisiva. Oggi però, di un'altra edizione carlocontiana non sento il bisogno, proprio no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Corrida quella di Gerry Scotti immagino, vista la citazione di Hercules :D. O sbaglio? Via col vento..eh...la nonna di mia cugina era fissata con Via col vento :D.

      Elimina
  14. Quando finisce il tg, di solito tra un casino e l’altro mi metto a fare mille cose, quindi la tv resta accesa mentre faccio altro. Ieri sera quando ho sentito la musica della Corrida ho pensato fosse Blog che ripescava qualche vecchio spezzone… invece no! Peccato che di solito il revival di questi programmi storici non vada quasi mai a segno. Da bambino lo guardavo, anche se con Corrado preferivo “Il pranzo è servito” ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace questa cosa, è così anche per me: dopo cena si cazzeggia sul pc, si legge, si fanno mille cose :D, a volte arrivo a passare le 21 e non me ne accorgo neanche. Il pranzo e servito? Altro cult! Ma di esso ricordo soprattutto la sigletta e la ruota (la cosa che più mi affascinava da piccolo).

      Elimina
  15. Credo di non averlo visto per intero. Ricordo gli sketch il giorno dopo su Blog (e forse anche su Striscia) e qualche volta lo guardava mia madre prima che iniziasse un film sugli altri canali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche Blob! Altro programma storico oggi finito nel dimenticatoio, a casa mia :D. Ma ti ricordi, a proposito di satira, il primo striscia la Notizia di fine anni '80?

      Elimina
    2. Blob, no blog... ormai in testa ho solo il blog/bloggin. Va be', tanto avevi capito.
      Me lo ricordo mooolto vagamente, era quello con lo scivolo da cui scendevano le veline a portare notizie? Da piccolo che avrei dato per scendere da quello scivolo! Mi pare che un anno avevano anche i pattini a rotelle ma potrei confondermi con Drive In.

      Elimina
    3. Sisi si capiva :D. Le veline che scivolavano non mi ricordavo, ma mi ricordo che venivano spesso fatto parodie sulla politica doppiando cartoni animati come i Puffi :D

      Elimina
  16. Lo ricordo, ma onestamente non l'ho mai veramente concepito.
    Corrado comunque era un grande, ed è stato uno dei presentatori che più mi hanno fatto compagnia nei miei pranzi da infante durante la trasmissione Il Pranzo è Servito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Del pranzo è servito ho meno ricordi: come detto a Cass, mi piacevano molto la sigla e la ruota :D

      Elimina
  17. Ho un ricordo piuttosto vago di Corrado, ricordo quanto scalpore fece quando si ritirò nel '97, ma dopo di lui non abbiamo più seguito il programma. L'idea che passi in Rai e che lo faccia Conti a me non piace, ma anche io credo guarderò la prima serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che io invece non ricordo affatto il suo ritiro? Comunque, come detto al Moz, mi spiace questa cosa della prima serata alle 21.30. Tempo che il programma entri nel vivo, siamo già alle 22...

      Elimina
  18. mia nonna si divertiva molto con questo programma, io invece mai vista una puntata, anche perché Gerry|ScottO non lo mando proprio giù xD
    domani potrebbe essere la mia prima|volta, o forse no! xD
    certo che c'è una freschezza di idee...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che ai tempi della Corrida di Corrado non eri ancora in preventivo XD. Mamma mia giovinastroooooooooooooooooooooooooooooo

      Quasi quasi prendo l'aereo e vengo a scampanellarti sotto casa con il campanellone gigante :D

      (mi verrebbe una battuta a doppio senso XD)

      Elimina
    2. il Giannini che si lascia andare ad una battuta a doppio|senso?!!
      eh, chi va con il Moz impara a mozzicare... :D
      ti risparmio la mia, se no s|vieni, din don dan ahahaha xD

      Elimina
    3. vengo a scampanellarti sotto casa con il campanellone gigante e il suo batacchio :D

      Elimina
  19. Ieri stavo pensando alla Corrida perché avevo visto anche io la pubblicità. La vedevo volentieri quando ero piccola. Non mi ricordo Corrado, forse non ero abbastanza grande, però mi ricordo Pregadio e Michela Coppa, bella e simpatica quando ancora forse non era di moda essere volgari per fare tv. Era un programma veramente da serata in famiglia ed infatti, ovviamente in molto piccolo, ne è esistita una versione paesana :-D
    Era una cosa simpatica, i miei concittadini con le pentole ed i mestoli ad insultare i cantanti principianti xD Ci ha partecipato anche il fratello di mio cognato davvero bravo, ma credo che abbia vinto solo un anno, le altre volte sempre secondo :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che la mia Corrida era quella del 1990-1991, non eri neanche qui tra noi :D. La Coppa è vero, era una valletta molto acqua e sapone, la ricordo anche per Passaparola. Anche dalle mie parti c'è una versione amatoriale della Corrida :D.

      Elimina
    2. ahhaha pensa a quanto ti reincarnerai in un'abitante della Novafeltria futura XD

      Elimina
  20. C'è una differenza a mio avviso fondamentale: una volta c'era solo la Corrida per i dilettanti allo sbaraglio, ora è piena la tivu di dilettantismi e di gente che offre un presunto "talent" in qualsiasi tipo di forma considerata "artistica".
    Se c'è una cosa che davvero mi manca... è Giochi senza Frontiere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella osservazione. E' vero, in quegli anni non c'erano i talent e cose analoghi. Oggi invece la tv è piena di dilettanti allo sbaraglio. Invece per giochi senza frontiere..no, non mi manca perché non sono mai stato spettatore assiduo :D

      Elimina
  21. Ricordo anch'io la corrida di Corrado, sane risate in un periodo in cui i programmi erano simpaticamente ingenui e genuini. Niente a che vedere con i vari carnai dei grandi fratelli e isole dei famosi.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristiana! Ieri ho visto fino alle 22.30 la nuova Corrida e devo dire che forse delle edizioni moderne è quella che si è avvicinata di più alla storica Corrida di Corrado!

      Elimina
  22. Anch'io ho tantissimi ricordi di questo programma. E' una delle poche trasmissioni che ricordo di aver visto insieme ai miei nonni. Non insieme nel senso de "nella stessa stanza" ma nel senso di "commentandola e ridendo insieme". Sono lieto sia tornato il format e immagino nuovi nipoti che vedono il programma insieme ai loro nonni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trasmissione è stata stroncata (non avevo dubbi, vedo che i critici specializzati dei giornali non aspettano altro che stroncare :D), a me non è dispiaciuta. Condivido il tuo pensiero: nonni che guardano assieme il programma ai nipoti.

      Elimina
  23. Sto talmente fuori che non sapevo nemmeno che la corrida fosse passata in Rai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaahah, beh, poco male :D. Non è un programma memorabile.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…