Passa ai contenuti principali

Rush, il film che restituisce l'essenza del pilota di Formula 1


Domenica  si corre la prima gara del campionato di Formula 1 e approfitto della circostanza per parlare di Rush, il celebre film del 2013 di Ron Howard che racconta la rivalità tra due piloti di Formula 1 degli anni '70: Nicky Lauda e James Hunt.

Credo che una recensione da parte mia sia assolutamente superflua: immagino che il film, vista la sua importanza, abbia centinaia di analisi fatte da bravi cinefili e appassionati. Posso dire che il film, visto in televisione qualche mese fa, mi ha tenuto incollato allo schermo per due ore e che le pause pubblicitarie sono state benefiche, per alleviare la tensione. Conoscevo perfettamente l'esito del duello tra i due piloti. Ma quando Lauda correva al Nurburgring, sentivo la tensione dell'imminente incidente. Il fiato si è fermato, durante i giri sotto la pioggia di Suzuka, con la visiera di Lauda oscurata. Dopo aver visto Rush, quando Lauda parlerà ai box 'spernacchiando' la mia Ferrari, non me la sentirò più di unirmi agli improperi di mio padre, che non gli ha perdonato proprio quel ritiro in Giappone e quella sconfitta. Quel ritiro a Suzuka, al secondo giro di quella corsa, grazie a Rush lo viviamo e lo sentiamo anche a noi. Sentiamo la paura, umana, di un pilota 'robot', strepitoso nel calcolare traiettorie e sorpassi. Sentiamo l'amore che prova per la moglie. Tifiamo per Lauda, perché è vero, è stronzo e perfettino, ma è una persona con valori saldi. 



Alla fine però non biasimiamo il trionfo di Hunt: perché è uno stronzo che pensa solo alla gnocca e a divertirsi, ma è una persona genuina e di cuore, ci entusiasma quando prende a cazzotti il giornalista che ha praticamente insultato il rivale in conferenza stampa. La rivalità tra Hunt e Lauda è stata comunque forzata, nel film, i due infatti erano in buonissimi rapporti. Possiamo parlare tranquillamente di licenza poetica:  l'espediente non ha rovinato affatto il film, anzi ci ha restituito l'immagine di due piloti diversi che però rispettano fortemente il loro rivale.

Rush regala due personaggi indimenticabili. Rush è un film che 'cattura' l'appassionato di Formula 1, ma non annoia chi è estraneo a questo mondo. Rush è un film che restituisce allo spettatore l'essenza della vera Formula 1. Non quella con così poche emozioni che viviamo ora, con tutto il rispetto per il fidanzato di Rihanna e di Gigi Hadid e del titolo mondiale che andrà a conquistare anche quest'anno.

Commenti

  1. Io sono un'appassionata, ma non ho visto il film, che cercherò.
    Oggi prima pole position e purtroppo non è cambiato niente : sempre grande supremazia della Mercedes,mannaggia e mannaggia.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cri, infatti è andato come prevedibile: purtroppo le Mercedes hanno una tale supremazia tecnica che continueranno a vincere ancora. Grazie a 'quelli' che hanno fatto modifiche al regolamento negli anni scorsi, creando questi presupposti. La colpa più grande è stata quella dell'abolizione dei test. La Ferrari ha costruito spesso i suoi successi su quei test.

      Elimina
  2. Visto la prima volta mi è piaciuto con poche riserve, poi me lo sono riguardato qualche tempo fa complice in passaggio televisivo mi è piaciuto tipo il triplo. Gli attori sono perfetti, di base è la classica storia del secchione e del Quaterback, quello che studia e si sbatte per primeggiare contro il talento naturale che non ha bisogno nemmeno di allenarsi. Ma il bello per uno come me che non ama la formula 1 è che nemmeno al regista Ron Howard piace, e si vede! Fosse stato un appassionato, ci avrebbe mostrato il lato tecnico di questo sport, invece mostra solo le cose che potrei guardare io, partenza, arrivo, schianti e belle donne a bordo pista. Lo trovo un gran film ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, gli attori sono perfetti! Un film che piace sia agli appassionati sia a quelli che, appassionati di cinema, cercano una bella storia da vedere!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Grazie Anna! Mi fa piacere, perché di recensioni del film il web è pieno, poi ci sono blogger molto più bravi di me nel recensire film.

      Elimina
  4. Non ci sarà mai il un film sulla rivalità tra Vettel e Hamilton perché il
    pilota della Mercedes è un talento naturale e Sebastian, no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me invece Hamilton ha molto di Hunt (entrambi amano la dolce vita), anche se Lewis è decisamente molto più talentuoso; Vettel ha molto di Lauda anche se Lauda era molto più preciso e imperturbabile. Di Vettel non capisco i suoi "colpi di testa".

      Elimina
  5. Amo questo film, l'ho già visto 3 o 4 volte che per me e per la mia disattenzione cronica, è una piccola ma grande vittoria.
    E quel pugno al giornalista stronzo l'avrei dato anche io. Non sono appassionata di Formula 1 ma mio padre la vedeva sempre fino ad almeno 5 anni fa, era un rito della domenica che è rimasto dentro persino a me. Buon week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tre-quattro volte? ah però :).

      Anche mio padre è stato "Formula1 Addicted"!. Adesso segue di meno perché 1) i gran premi li danno quasi tutti su Sky 2) oggi gli piace di meno per le regole, ma da giovane ne era veramente patito. Ha visto tantissimi gran premi dal vivo! Un giorno dovrò fargli vedere Rush, perché gli piacerà sicuramente. Ciao Dama, buon weekend a te!

      Elimina
    2. Tuo padre e mio padre andrebbero d'accordo :D
      Buona domenica.

      Elimina
    3. ahha, spero per te che tuo babbo sia per molte cose agli antipodi del mio :D

      Elimina
  6. Io proprio perché non amo minimamente la formula uno (né il motomondiale, odio qualsiasi gara su pista asfaltata... anche nei livelli di Crash Team Racing o Mario Kart, e ho detto tutto XD) non ho mai visto questo film.
    Ma se ricapiterà in tv lo vedrò, perché voglio testare questa tensione di cui parli... non è facile realizzare un'opera così :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ha scritto Cass, il film è impacchettato così bene da piacere agli appassionati, ma anche a coloro che non seguono il mondo dei motori! Per me un'occhiatina gliela devi dare

      Elimina
    2. E va bene, dopotutto seguivo F - Motori in pista :)

      Moz-

      Elimina
  7. Ma sai che mi hai dato una bellissima dritta! 😊
    Ricordi che ieri sera ti ho parlato della serata bimbi/papà? Ecco, la bimba che c'è in me sta pensando di recuperare questo film e di guardarlo venerdì prossimo insieme al mio papà, grandissimo appassionato di F1! Così anche io avrò la mia serata bimbi/papà! 😍
    Un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora venduto anche a te :D, per venerdì prossimo! Meglio che leggere certe raccolte Disney prese per sbaglio XD

      Elimina
    2. Ahahahah! Vero! 😊
      Ho cercato di dare quel volume a Sophia (perché non merita di far parte della mia collezione! 😂) ma non lo ha neppure toccato... non so se
      ciò sia dovuto al fatto che sa bene che i "giornali dei quà quà" sono di mamma e non si possono assolutamente toccare o al fatto che non è piaciuto neppure a lei! 😀

      Elimina
    3. Benny ti è partito un punto! :D

      Elimina
  8. Questo era uno di quei film di cui attendevo l'uscita e che a momenti mi portava al cinema, poi lo hanno tolto dalle sale e aspettando l'uscita in DVD, mi è passato di mente. Mi è stato ricordato più volta ma mi era passata del tutto la voglia di guardarlo.
    Ora mi hai fatto tornare la voglia, lo vado a scaricare subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Venduto anche ad Ema :D. Comunque ciò che accaduto a me capita spesso: vedo un film e dico, cazz, quando esce in dvd lo devo vedere. Poi me dimentico :D

      Elimina
    2. Non l'ho ancora visto, lo so devo rimediare...

      Elimina
    3. "Poi me dimentico" è una calata romana o ti sei dimenticato un "ne"? 😝

      Elimina
    4. No no, era voluto: "me dimentico", alla romana :)

      Elimina
  9. Ho visto anni fa questo capolavoro di Ron Howard (ragazzi, che regista!), che ha saputo cogliere la drammaticità di una storia vera, un'amicizia che è nata dalla rivalità ed è continuata anche dopo l'abbandono di Lauda.
    Ora devo vedere Borg/McEnroe, ti dirò cosa ne penso.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è stato molto bravo anche nel ricostruire le gare, l'atmosfera ai box...Fatico a trovarvi difetti! E bravissimi anche gli attori.

      Elimina
  10. Bellissimo film ! Doppio merito, perché è difficile riuscire ad azzeccare le storie ad ambientazione sportiva. La formula 1 non la seguo più da anni, per noia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ero fermo a Driven con Stallone, simpatica fracassonata. Rush mi ha davvero conquistato!

      Elimina
  11. Devo ancora vederlo, ma l'unico appassionato di F1 è mio padre e l'idea di rivedere quelle scene lo "traumatizza"! Proverò a farglielo vedere di nascosto :D
    P.s. se ti interessa e sei su Fb, esiste da oggi il profilo del mio blog! Facci pure un salto
    https://www.facebook.com/doppio.geffer.3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mio padre invece partirà con il ritornello contro Lauda :D! Lo odia a morte proprio per quel ritiro.

      In tutta sincerità non sono su Facebook, ma mi sono accorto..di non aver letto il tuo ultimo post!

      Elimina
  12. Oh intanto Vettel e la Ferrari hanno vinto la prima gara dell'anno..se la Mercedes non avesse il bottone magico per le qualifiche..

    RispondiElimina
  13. Un buon film per gli appassionati e complimenti a Vettel per la prima vittoria.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, oggi Vettel è stato veramente bravo e ben assecondato dagli strateghi di Maranello. Ciao Cav!

      Elimina
  14. Non posso che essere d'accordo, anche perché film mi è piaciuto davvero tanto anche per il motivo tuo citato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Pietro :), ma tu hai scritto su questo film? Nel caso, linkami il post che sono curioso di leggerlo!

      Elimina
  15. Un film bellissimo, ma io sono di parte perché adoro Ron Howard e Chris Hemsworth.
    A proposito, hai visto anche "Heart of sea"?
    Fantastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo devo vedere assolutamente, perché io ho il mito di Moby Dick :). Grazie per la segnalazione!

      Elimina
  16. I liked that movie so much!
    Ron Howard è un grande regista, si è evoluto dai tempi di Cunningham e i suoi film sono sempre good. Poi io ho daddy che ama la F1 quindi questo film ormai lo conosco a memoria.
    Happy Sunday!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la domanda è...tuo padre tifa Ferrari, Hamilton o Mc Laren? :D

      Elimina
  17. Aiuto, non l'ho mai visto... lo farò a breve sicuramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto lo passano su Rai Movie, se non sbaglio :D

      Elimina
  18. Io l'ho visto come te in un passaggio televisivo, e mi piacque molto... Ovviamente non ricordo nulla della rivalità di Lauda con Hunt, però l'ho trovato molto efficace e spettacolare! Il bello è che ora Daniel Bruhl viene chiamato da noi "Niki Lauda", quando non ci viene in mente il suo nome reale :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah beh, come si dice, quando si è riusciti a rendere così bene un personaggio, si diventa lui! :D

      Elimina
  19. Io amo il film, bellissimo ed emozionante.
    Comunque in casa mia tutti Ferrari!
    Baci!!!!

    RispondiElimina
  20. Io sono stato un appassionato di Formula Uno da piccolo, poi lentamente mi ha stancato fino alla quasi totale disintossicazione ( per lo più negli ultimi anni guardavo soltanto la partenza e poco altro ) un po' per via dei regolamenti ed un po' perché il pilota ormai in questo sport conta pochissimo.
    Sono lontani i tempi di Senna, Mansell e Prost.
    Detto questo, a me Rush è piaciuto moltissimo, anche se è un film condito da parecchi stereotipi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il problema n.1 della Formula1 è la scarsa competitività: servirebbero budget liberi e test, in questo modo è vero che si avrebbero le corse spezzate in due (macchine velocissime e altre più lente) però almeno ci sarebbe battaglia tra 2-3 macchine e 4-6 piloti, poiché i valori sarebbero più livellati. Comunque sì, mancano i grandi piloti (l'unico a 360° è Alonso, per me) e c'è troppo spazio per gli ingegneri ai box.

      Elimina
  21. Ci sono due cose che Daddy ama molto e non sono scozzesi: Juventus è Ferrari :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Juvent....argggggg :D forza (Glasgow) Rangers :P

      Elimina
  22. Rush me lo ricordo frenetico, dovrei rivederlo per bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un ottimo pregio: nonostante la durata non annoia mai!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Le quattro canzoni degli 883 che hanno fatto la (mia) storia

Max Pezzali e gli 883, con mia grande sorpresa, sono un mito per tantissimi, nella blogosfera. Quando c'è un tag sull'infanzia, Max e la sua storica band (inizialmente un duo, in realtà) spuntano sempre fuori nelle varie citazioni. Mi fa sorridere ricordare che ero l'unico, tra i miei amici, ad ascoltarlo! E poi era opinione comune che le canzoni degli 883 fossero banali e c'era anche chi riempiva di disprezzo chi le ascoltava (o forse disprezzando me, disprezzava le canzoni che ascoltavo. Vabbè). Io, come spesso accadeva in gioventù, ero fiero di andare controcorrente. E siccome siamo nel cuore dell'estate e le canzoni degli 883 hanno fatto sempre da colonna sonora alle mie estati, ho deciso di pubblicare questo post. In realtà ho scelto quattro canzoni che hanno qualcosa di più: un legame con alcuni momenti della mia vita.

O ME O QUEI DEFICIENTI LI'



Gli 883 hanno sfatato per me il tabu' delle parolacce, anche se, ovviamente, quando cantavo i loro brani, l…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…