Passa ai contenuti principali

Addio Fabrizio Frizzi, la storia di Topolino dedicata a lui e ai soliti ignoti

A 60 anni è scomparso uno dei volti più noti della televisione, il conduttore Fabrizio Frizzi. Noi amanti del mondo Disneyano lo ricordiamo con affetto per il suo ruolo di doppiatore di Woody, il cowboy giocattolo protagonista di Toy Story. Ma Frizzi è stato anche protagonista di una storia del settimanale a fumetti.

"I Bassotti e gli insoliti ignoti" (n.2778 febbraio 2009) ruota attorno alla parodia de "I soliti ignoti", programma del preserata che Fabrizio Frizzi ha condotto per anni su Rai1. Solitamente le parodie moderne di programmi tv e personaggi della tv si attirano molte critiche, ma credo che non sia questo il caso. La storia è scritta da Bruno Sarda, una garanzia, e vede i Bassotti fan del programma. 176-671 riesce a farsi scritturare per una puntata, scatenando l'ira di Nonno Bassotto.



Tuttavia i Bassotti vogliono mettere in atto un piano disonesto: borseggiando un funzionario della tv al bar, sono entrati in possesso della lista delle persone che parteciperanno al programma come identità da indovinare (cioè da indovinare sono i loro passatempi o mestieri); hanno restituito tutto al funzionario, ma hanno copiato in fretta e furia tutti i nominativi. I Bassotti si informano così su queste persone, per far sì che 176-671 possa sbancare il montepremi del programma (1 milione di dollari!). Qualcosa però andrà storto.



La storia è molto divertente nella parte in cui i Bassotti "spiano" i vari concorrenti, imbattendosi in addestratrici sexy di piranha, selezionatori di campioni di Wrestling e via dicendo. Il finale riserva una grossa sorpresa che indubbiamente ai "puristi" piacerà poco. Io al contrario l'ho trovato divertente, giusta conclusione di una storia che non entrerà negli annali, ma che si rilegge sempre volentieri.



E Fabrizio Frizzi? Paprizio Sprizzi regala ottime battute e, seppure con un aspetto più giovanile, possiamo dire che la parodia ha restituito un'immagine disneizzata più che all'altezza dell'originale.




Commenti

  1. La notizia mi ha rattristato molto, come se fosse morto un conoscente.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parziale consolazione, fino all'ultimo ha fatto tv, il suo lavoro che tanto amava (e nel suo caso non sono le classiche parole da 'coccodrillo')

      Elimina
  2. E' da stamani che ho un groppo in gola.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tv ha perso un professionista esemplare e una persona di grande umanità..

      Elimina
  3. Quanto mi è dispiaciuto leggere questa notizia oggi. Hai trovato un modo carino per ricordarlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ammettere che stamattina, mentre facevo colazione, ho letto un articolo che ricordava proprio questa storia. Così ho deciso di recuperarla ed è nato questo post.

      Elimina
  4. Ho letto questa mattina che c'era stata la sua versione su Topolino e mi è venuta voglia di recuperarla. Stavo per dire uno degli ultimi nomi paperizzati bene ma poi ho visto i disegni... non è affatto un papero, perché Paprizio?!
    Non tra i miei volti preferiti della TV italiana (soprattutto per Miss Italia che ho sempre odiato come programma) ma sicuramente un simpaticone che era impossibile odiare!
    Per Toy Sotry, mai stato un appassionato, credo di aver visto a malapena il primo. Mi sentivo troppo grande per giocattoli parlanti (ma ti parlo dei primi passaggi in TV, non dell'uscita al cinema, quindi un paio d'anni dopo, coi tempi degli anni 90).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, come dicevo a Pier, leggendo proprio un articolo che citava quella storia, mi ha spinto a fare questo post. Venendo ai programmi di Frizzi, io ho il ricordo di "Scommettiamo che", che ha sostituito la Corrida come programma che seguivo il sabato sera, da bambino, assieme a tutta la mia famiglia. Va beh, Miss Italia è solamente una sfilata di miss XD.

      Toy Story? Visto al cinema, uno dei miei film preferiti. Il n.2 l'ho visto in tv molti anni dopo, mi piacque di meno. Il n.3 è una bomba. Bellissimo con quella scena drammatica che mi ha davvero traumatizzato XD

      Elimina
  5. Per Woody, per Sfrizzi, per la sua imitazione di Pelù... resterà sempre un grande, indimenticabile.
    La storia di Topolino è la consacrazione nel mondo pop per un artista che ha sempre lavorato bene.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Miky... la sua imitazione di Piero Pelù è stata un qualcosa di unico! ❤

      Elimina
    2. C'ho messo un po' a capire quella dell'imitazione..poi mi sono ricordato di "Tale e quale". Woody non sarà lo stesso senza la voce di Frizzi, in Toy Story IV :)

      Elimina
  6. Ho inoziato ad apprezzarlo da piccola guardando "Scommettiamo che...?" e ho sempre apprezzato la sua genuinità, la sua simpatia e la sua dolcissima e contagiosa risata! Se n'è andato un Uomo semplice dal grande cuore... e la cosa mi ha rattristata moltissimo!
    Bellissimo il tuo omaggio!
    Un abbraccione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me Frizzi è "Scommettiamo che", programma della mia infanzia! Però, come detto a Sinforosa, Frizzi ha lasciato dopo aver lavorato fino all'ultimo, facendo ciò che più gli piaceva.

      Elimina
  7. Ho saputo da poco la notizia, in questi ultimi giorni la TV e il resto è stato spento. Mi è dispiaciuto molto, mi piaceva soprattutto come uomo, mai sopra le righe. Come personaggio televisivo ho apprezzato le sue interpretazioni a Tale e quale: favolose!
    Abbraccio amico bello <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai visto "Tale e quale", ma anche Moz e Benedetta sottolineavano la sua splendida imitazione di Pelù. Un uomo mai sopra le righe: verissimo.

      Elimina
  8. Gran bella persona Frizzi. Una spanna sopra tanti pseudo presentatori tv. Mi dispiace molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa mattina leggevo un articolo che lo paragonava a Corrado, Mike e Tortora. Purtroppo tutti scomparsi. Ma è un parallelo che mi trova pienamente d'accordo.

      Elimina
  9. Non lo sapevo. Bel post commemorativo che non cade nel pietossismo cosmico dei TG.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che tu abbia apprezzato il mio omaggio, senza coccodrilli :). Peraltro mi ha sorpreso vedere che sulla pagina twitter di Topolino non c'era minimamente un accenno a questa storia...a meno che per chi non è su twitter come me, non sia possibile vedere tutti gli aggiornamenti delle pagine..

      Elimina
  10. Io pensa che lo seguivo dai tempi di Tandem e Pane e marmellata! 30 anni fa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me Fabrizio Frizzi è Woody...e scommettiamo che :)

      Elimina
  11. Io vedo esclusivamente Sky, salvo rare eccezioni, ma ricordo con simpatia Frizzi.
    Pace all'anima sua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un personaggio che ispirava comunque simpatia e rispetto, sicuramente i familiari possono essere fieri del ricordo che lascerà su questa terra.

      Elimina
  12. Non sapevo, anche perché credo di non aver letto questo episodio, però bello ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere leggere su 'altri mondi' della gazzetta l'autore della rubrica che cita proprio questa storia! !In più dicendo che quello è il simbolo della grande popolarità raggiunta da Frizzi.

      Elimina
  13. Non conoscevo questa storia! è un bel tributo a Frizzi!

    RispondiElimina
  14. La scomparsa di Frizzi mi è dispiaciuta davvero molto. Era giovane, e soprattutto era una persona pacata, di quelle che non sgomitano e non si fanno largo urlando.
    Non sapevo gli fosse stata dedicata anche una storia di Topolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era un ottimo professionista e un uomo di valori, come ha detto Marco Grande arbitro qui sotto, in effetti nel suo caso le parole spese per lui, non sono state parole spese invano.

      Elimina
  15. Mi dispiace perché stava soffrendo davvero tanto.
    Di solito si spendono milioni di parole, ma per lui ne valgono tutte. Fino all'ultima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In una pausa del lavoro ho visto la dedica di Insinna al funerale, bellissima quella poesia sull'amicizia. Parole che ho l'impressione che davvero descrivessero Frizzi.

      Elimina
  16. Non sono una che di solito si sconvolge per notizie come questa ma devo dire che ci sono rimasta davvero male... Soprattutto considerando quanto fosse giovane, e con una bimba così piccola. Che tristezza davvero... Molto dolce questo post-ricordo e grazie per aver condiviso questa storia da Topolino, sapevo esistesse ma non l'avevo letta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver apprezzato questo piccolo omaggio a un personaggio comunque di grande importanza nella storia della nostra televisione :)

      Elimina
  17. Paprizio Sprizzi mi mancava... davvero originale il tuo omaggio a un persona più che a un personaggio della TV, si è sempre distinto per umanità, eleganza e simpatia... genuina, non costruita a seconda della circostanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, poi credo che tu abbia descritto benissimo il buon Frizzi.

      Elimina
  18. Il mio ricordo di Fabrizio Frizzi è quello di un uomo garbato, gentile e sensibile, mai sopra le righe e un bravo professionista. Il mio pensiero va alla moglie e alla figlia per la grave perdita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido Ofelia. Alla piccola tutti le parleranno bene del padre, le diranno che era un grande professionista e una grande persona...lei ne sarà fiera...ma purtroppo non lo avrà più vicino.

      Elimina
  19. Comunque per quanto riguarda il fumetto, sono una paperino dipendente :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io voglio la giusta quota Topo, ma va benissimo tutto :D.

      Elimina
  20. sono sincera, non era uno dei miei preferiti ,anzi mi indisponeva questo suo modo leggero di lavorare , sembrava sempre distante ma con la sua morte sono usciti degli aspetti della sua personalità nota a pochi amici e gli ha reso giustizia. Ho amato e amoancora il cartone doppiato da lui ..cavoli mi dispiace davvero. Mi piace perché da te mi immergo in questo mondo che da bambina e ragazza mi ha tenuto compagnia e mi ha fatto passare tanti malumori. e ancora adesso quando trovo il momento rileggo ancora i fumetti che ho ,sono datati ma li trovo migliori:) Un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per avere recuperato questo post :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…