Passa ai contenuti principali

Le regole di 'Cucine da incubo': ecco cosa fare per evitare di chiamare Cannavacciuolo

Ta-Dah, Cannavacciuolo è tornato! Proprio così, oggi - domenica 25 febbraio - su Tv9 tornano le avventure dello chef più simpatico dell'unico chef televisivo che tra script di copioni è l'unico  a mostrare un po' di se stesso e un po' di umanità. Parliamo del programma 'Cucine da incubo'!

Siamo arrivati addirittura alla sesta stagione della versione italiana del format ideato dal celebre chef Gordon Ramsey. 


Ed essendo arrivati alla sesta stagione (ma la quinta non mi è piaciuta, troppo reality!), ormai posso dirlo: sono un esperto delle strategie Cannavacciuolesche. Per cui, ristoratore in difficoltà che mi leggi, sto pensando a te. Ti elenco le regole d'oro dello chef Cannavacciuolo per risollevare il tuo locale: non c'è bisogno quindi che tu venda il posteriore davanti alle telecamere. Ah beh, se devi ristrutturare il locale, allora non leggere e chiama pure il mitico chef partenopeo!

PULIZIA: ok, i bagarozzi nella cucina e gli insetti nei piatti sono delle esagerazioni, scene costruite ad hoc per la messa in onda televisiva. Però attenzione: alcuni ristoranti non sono proprio pulitissimi al 100%. La pulizia, invece, è un elemento molto importante. Non solo la pulizia della tovaglia, che per qualcuno, davvero, pare un optional.

ORDINE: fondamentale anzitutto l'ordine e la pulizia dell'ingresso del locale. Se c'è un piccolo cortile, curatelo! Niente rifiuti ammassati, panchine e altre robe vecchie abbandonate. Poi potete avere il locale più lindo del circondario, ma la presentazione è importante. L'insegna deve essere chiara, niente scritte sbiadite. Massimo ordine anche dei tavoli e dei menù. Quest'ultimi devono essere stampati e ordinati, senza pieghe, strappi e altri difetti.

CAMERIERI PAZIENTI, DISPONIBILI E CON IL SORRISO: il cameriere deve fare buon viso a cattiva sorte. Sia chiaro, non significa porgere in modo indiscriminato l'altra guancia, in presenza ad esempio di clienti maleducati. Ma il cameriere deve pazientare e cercare di assecondare le richieste dei clienti. Massima disponibilità. E accettare eventuali critiche. Perché se il cliente non si trova bene, anche se il cibo è stato di qualità, difficilmente farà ritorno nel locale. E poi il sorriso: fa sempre piacere rapportarsi con un cameriere che mostra piacere nel vederci ed è sempre gradito scambiare due battute, nel rispetto dei ruoli e dell'impegno lavorativo.

MENU': il locale deve avere una linea precisa. Il cliente deve scegliere, certo, ma il menù deve essere limitato. Troppi piatti, significa troppi cibi che rischiano di essere sprecati. O di essere conservati troppo a lungo. Un menù limitato è anche un aiuto per il cuoco che deve affrontare un alto numero di comande. Se ci sono cinque-sei primi in menù, è più facile sfamare 20 persone che chiedono un primo. Se invece alle venti persone presenti contemporaneamente, viene offerta una dozzina di primi, tutto può diventare più complicato.

PRODOTTI FRESCHI E DI QUALITA': è la regola aurea. A vedere "Cucine da incubo", gran parte dei ristoratori usano prodotti congelati o comprati, di scarsa qualità. E poi ci stupiamo se il ristorante non fa affari? A casa mia ho la fortuna di mangiare genuino. Perché mai dovrei andare in un posto dove mi servono roba precotta, surgelata o di produzione industriale? Offrire cibi di qualità non significa dover spendere tanto.

ADEGUARSI AI CAMBIAMENTI: non fossilizzarsi sempre sugli stessi menù. Individuare sì piatti forti o della casa, ma anche proporre delle rotazioni, non solo in base alla stagionalità dei prodotti.

Ho dimenticato qualcosa? Se volete, integrate pure nei commenti.


Ma poi com'era quella storia dei Nas da Cannavacciuolo?

Commenti

  1. Il ciccione mi dà l'idea di uno che tira solo ai quattrini.
    Ingombrante sia fisicamente che qualitativamente.
    E' dappertutto.
    Buona domenica Riky.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me Cannavacciuolo sta simpatico. Mi sembra una bravissima persona. Non l'ho mai seguito come giudice di Masterchef e mi auguro non si snaturi troppo per esigenze di copione televisivo.
      Grazie Gus, buona domenica a te!

      Elimina
  2. ahahaha in pratica il programma può anche chiudere, con questo tuo post|opuscolo xD chiaramente dietro lo sputtanamento e i bagarozzi di scena ci sono tanti din|dindini di ritorno :) io ho seguito solo qualche puntata, random, poi ho smesso, troppo schematico|ripetitivo, troppo costruito... come cooking|show mi piacciono Masterchef e Bake Off, che sono pure delle mezze fiction, eh (come tutta la tv, del resto), ma almeno hanno sempre un tocco di imprevedibilità :)

    camerieri bravi|gentili fanno davvero la differenza, anche quando le cose non sono perfette.

    comunque in base alle mie esperienze di cliente, aggiungo:

    - non tirare fuori il conto dalla tasca nello stesso momento in cui te lo chiedo; capisco che ci siano avvoltoi a turno pronti a buttarsi sul primo tavolo che si libera, ma non lasciarmi manco quei 5 minuti di illusione per digerire con un gesto che sembra dire "oh, era ora che ti alzassi!" trovo sia una gran cafonata, al pari dei clienti in attesa che ti guardano per vedere quando minchia manderai giù l'ultimo boccone ahaha (ed io mastico moooolto lentamente, a quel punto ahahaha)

    - se decidi di attirare più clientela con un menù|promo che comprende pizza a scelta, patatine e coca (e che per me è grandioso dato che per ora campo di paghette e lezioni private), poi non mi devi servire una parmigiana fatta coi piedi, quando la volta scorsa a prezzo pieno era buona. mah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacciono le tue aggiunte :P; ok le promozioni, ma non puoi farle se poi offri del cibo più scadente (paghi di meno e ti offro meno qualità). E' chiaro che la promozione deve essere ben pensata e ben bilanciata tra spese e incasso. Anche se in genere chi fa le promozioni è un po' in calo e ha bisogno di riempire il locale, poi non so la situazione del locale di cui sei stato cliente. Hai ragione anche sul cameriere, in fondo quando si chiede il conto, lo si fa con l'intento di allungare un po' il dopocena.

      Ed è vero che dei bravi camerieri sanno mettere una pezza anche quando ci sono delle difficoltà (può sempre capitare, anche ai migliori locali). Da una parte non trovo giustissimo il sistema di Tripadvisor: sei cliente per la prima volta, capita qualcosa di storto e zac, recensione negativa. Moralmente, bisognerebbe dare il voto se si è stati clienti almeno due volte.

      Elimina
  3. Io mi levo il problema, perché sono celiaca e in Italia i ristoranti gluten free sono praticamente inesistenti.
    I pochissimi che esistono, tutti in località turistiche, sono per fortuna sottoposti a rigorissimi controlli.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, questo è un esempio di quanto spesso sia indietro l'Italia..

      Elimina
  4. Post impeccabile, sono perfettamente d'accordo!
    Pulizia, professionalità, cibo buono e qualità. Non so, sembrano stadard dimenticati...
    E dire che potremmo fare una sacco di soldi con cibo e turismo, ma che scemi siamo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, troppi si improvvisano ristoratori, anche dalle mie parti...

      Elimina
  5. Non so perché, ma non riesco proprio a guardare questi programmi (e la tv in generale, ma questi di più). Non mi trasmettono assolutamente nulla ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piaceva molto la versione di Ramsey. Ma mi sono 'affezionato' anche alla versione cannavacciuolesca. Fatta eccezione per l'ultima stagione, troppo diluita ogni puntata e in più non mi piacevano gli ospiti 'marchetta'!

      Elimina
  6. Ho seguito qualche puntata e la cosa che più ha attirato la mia attenzione è il vedere la ristrutturazione dei locali, davvero interessante. Ciao Riccardo e buona fine di domenica.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, è uno dei passaggi più belli. Ed è il guadagno più grande per il ristoratore in crisi che accetta di farsi un po' perculare davanti alle telecamere :D. Buonaserata Sinforosa!

      Elimina
  7. Hai dimenticato "PUBBLICIZZARE IL LOCALE CON IL MEGAFONO A BORDO DI MEZZI ALQUANTO PARTICOLARI"! 😂

    Ho visto spesso "Cucine da incubo" ed è un programma che non mi dispiace affatto... anche se preferisco la versione originale di Gordon Ramsay! 😊
    Cannavacciuolo a me piace, mi sembra molto più vero di altri Chef pluristellati che appaiono in TV... e anche tra i giudici di MasterChef è l'unico a non risultare finto e costruito!

    Prima prestavo un po' meno attenzione ai ristoranti in cui andavo a mangiare... da quando c'è Sophia, invece, sono molto più selettiva! Anche io, come giustamente hai detto tu, tengo conto della pulizia,bella freschezza degli alimenti e della pazienza del personale... perché con una bimba piccola è fondamentale! 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come detto sopra a Kiral, io ho conosciuto 'Cucine da incubo' nella versione originale di Ramsey, mi pare su Real Time. Condivido anche il tuo giudizio su Cannavacciuolo, ho quell'impressione anche io. Peraltro mi hanno regalato uno dei suoi libri, di carattere autobiografico; ricette a parte, l'ho trovato molto interessante!

      In realtà io in genere vado per pizzerie, quindi a meno che la pizza sia proprio schifosa e il locale sporco, vado sempre bene :D. Poi io scelgo in base ad alcuni parametri , tipo la confusione, se ha spazi non troppo ristretti...

      Elimina
  8. Questi reality di cucina non li ho mai seguiti, forse qualche scena di sfuggita, Ramses mi è sempre stato antipatico, troppo stronzo però l'ho rivalutato un po' con "hotel da incubo" ma visto poco o niente anche questo, invece la versione italiana l'ho adorata, ma c'era un presentatore che non ho focalizzato, simpaticissimo 😂

    Riguardo le regole, non sono d'accordo con quella de menu. A me stanno sulle palle i ristoranti senza menu perché voglio sapere prima quanto spendo però ce ne stanno tanti che fanno così e vanno alla grande, certo, devi conoscere per essere tratta bene sul conto ma non resti mai deluso dalla qualità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ramsey è rude, più che antipatico, ma sotto sotto ha un cuore grande. Poi è davvero fatto così. Non recita! Non come Cracco e Barbieri! Il ristorante deve sempre avere il menù, comprensivo di prezzi. Ma certo, se il ristorante ha pochi e buoni piatti, può anche dirli a voce il cameriere, sì.

      Elimina
  9. E' un reality che guardo, almeno fasi iniziali mi divertono, quando i ristoranti sono allo scatafascio.. poi quando Cannavacciuolo sistema il tutto la trasmissione diventa più noiosa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti la quinta stagione era noiosa. Puntate troppo lunghe. Io preferisco la parte degli assaggi di Cannavacciuolo: strepitosa.

      Elimina
  10. Seguo poco il programma, perché come hai detto tu alcune cose sembrano fatte per dovere di copione e poco per verità, ma è vero che ci sono posti tremendi ed è giusto puntare l'attenzione. Il problema cibi surgelati è davvero un problema! Anzi il 90% dei problemi secondo me significativi arrivano dalla cucina e dalla gestione della stessa. Un altro problema che solleverei è il numero dei posti: capisco che avere molta gente a cena sia una bella cosa, ma se ci stringi tutti e ci fai stare uno attaccato all'altro non è bello. Io mi sento a disagio anche perché a cena si parla dei fatti propri e credo che nessuno voglia farli sapere all'altro. Questo capita anche nei ristoranti più cari purtroppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dicevo qualche commento sopra. Quando vado in ristorante\pizzeria, odio stare troppo attaccato agli altri tavoli. Ci vuole un minimo di spazio :D. In certi posti alzi il braccio leggermente e dai una gomitata al vicino. Non si può :D

      Elimina
    2. Anche io cerco di evitare i locali troppo affollati... mi da mooolto fastidio essere fissata mentre mangio dalla gente affamata che aspetta il cibo! 😄

      Elimina
    3. ahahahahah quello non è mi mai capitato :D

      Elimina
  11. Cielo, non so proprio cosa dirti sulla trasmissione, non l'ho mai vista come non ho mai visto lui, lo chef. Concordo sulle tue opzioni per tenere un buon ristorante. Pulizia, ordine e prodotti freschi e genuini sono essenziali. Abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungerei al tuo elenco anche camerieri gentili e professionali :D. Ciao Farfalla!

      Elimina
  12. Amo Cannavacciuolo, lo adoro proprio. Mi piace come presenza, mi piace come parla, lo sguardo buono e gentile, la sua professionalità. Cucine da incubo lo guardo anche io e non sapevo fosse giunto già alla sesta stagione. Caspita come passa il tempo. Regole ottime hai dato, bravo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ti piacciono le sue pacche :D, ieri al tizio ne ha rifilate due-tre sull'abbondante pancia, uno spasso :D. Ti è piaciuta la puntata di ieri?

      Elimina
    2. Ieri sera ho guardato altro, ma tanto la recupererò sicuramente.
      Si, mi piacciono pure le pacche :D lo trovo proprio verace e genuino.

      Elimina
    3. Comunque la stagione 6 sarà solo di 6 puntate quindi si recupera in fretta :D

      Elimina
  13. La cosa bella è che nel ristorante di questo tizio hanno trovato cibo surgelato (che però, pare, serviva per i camerieri--- poverini!)
    Sì, le regole sono queste e ti appoggio menù limitati.
    Oppure, come ho fatto io ai tempi, ingredienti limitati mixati tra loro per varie combinazioni^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, il famoso blitz dei Nas da Cannavacciuolo :D. Forse chi va con gli zoppi impara a zoppicare, ahah!

      Elimina
    2. Chissà com'è andata a finire...

      Moz-

      Elimina
    3. ah penso con un ricorso da parte del Cannavacciuolo :D

      Elimina
    4. Se non ricordo male una multa (neanche troppo alta) ed è passata la paura

      Elimina
    5. Ecco, multa a cui avrà fatto ricorso :D.Come dice un mio amico avvocato, anche per la contravvenzione stradale SEMPRE fare ricorso :D

      Elimina
  14. Risposte
    1. Hai dimenticato il wifi free. Senza registrazione.
      È indispensabile 😏

      Elimina
    2. Sul Wi fi non sono d'accordo :D. Anzi, se c'è è cosa negativa: dopo si tende troppo a stare sui telefonini e non a parlare con i commensali.

      Elimina
  15. La prossima domenica devo vederlo. Da quello che leggo nei commenti ultimi deve essere uno spasso. Un inizio settimana :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè sono uscita anonima? Boh, forse anche il PC sente il freddo come me. Abbraccio

      Elimina
    2. La prima puntata è stata carina, ma anche questa sesta stagione è troppo diluita nei tempi! Il finale mi ha fatto ribaltare dalridere!

      Elimina
  16. Ormai mi ha così stancato che non lo seguo più su Sky.
    Però una cosa mi viene da dirla: ma se esiste la scuola alberghiera ci sarà un motivo.
    Che ti improvvisi ristoratore se non capisci niente di ristorazione?!
    Baci e grazie per aver accettato il premio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti..basterebbe studiare un po' di più e improvvisare meno. Ma in Italia in molti si improvvisano ristoratori, anche quello di ieri..faceva il gommista,il carrozziere. E ora fa il cuoco!

      Elimina
  17. All'inizio non me ne perdevo una puntata, poi hanno cominciato a scocciarmi tutte le cose precostituite a favore di telecamera.
    A proposito della versione USA, sai che Ramsey l'ha dovuta chiudere a causa delle troppe polemiche? Diversi ristoratori hanno protestato contro lo chef dicendo che alcune volte aveva inserito topi e bacherozzi nei locali senza accordi preventivi, inoltre uno studio ha dimostrato che-nonostante tutto- i due terzi dei locali in cui l'inglese era intervenuto poi avevano chiuso comunque. Un paio di proprietari si sono anche suicidati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Nick troppe cose 'impacchettate' per esigenze televisive. Il programma di Ramsey non è mai stato così. Poi sì, avevo letto che le cose per i locali visitati dallo chef scozzesi non erano andate troppo bene, almeno per la maggioranza.

      Elimina
  18. Cucine da incubo non mi piace molto, lo vedevo quando lo faceva Ramsey ma ora mi scoccia, Mi piace Cannavacciulo invece, anche a me sembra effettivamente più vero di altri. Anche su MasterChef alla fine non si discosta molto da quello che appare in altre occasioni (programma molto carino, con Maurizio a Roma era un appuntamento dovuto dopo pranzo).
    Comunque molti di questi locali falliscono lo stesso dopo, quindi mi sa che i vostri consigli non riescono a fare miracoli xD Ed infine, vorrei dire che il fatto di dover ricordare che la pulizia è un elemento essenziale mi pare abbastanza inquietante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah, sulla pulizia, vieni da noi in A.V. con Mauri poi ne parliamo :D dopo 3-4 giorni vi aggrapperete al lampadario e ululerete. Mauri diventerà un patito della bici e delle corsette per boschi. Comunque Cannavacciuolo ha avuto il merito di inventare il tormentone ADDIOS :D

      Elimina
  19. Il programma rispecchia gli standard professionali italiani. Se le igieniste dentali entrano in politica, perché un carrozziere non puà fare il cuoco? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto :D, quello di ieri che personaggio comunque...

      Elimina
  20. E' venuto anche nella mia città, ma la trasmissione è palesemente preparata.
    Infatti mi ha stufato ben presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Urca, a me piacerebbe venisse dalle mie parti, non mi interessa di foto e autografo, voglio una pacca :D

      Elimina
  21. Io vado da lui prima o poi. Me lo bacio e me lo abbraccio da stritolo e poi vi dico.
    Mi piacerà un pochetto, forse?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhahaah riusciresti ad abbracciarlo tuuuutto?

      Elimina
  22. Qualche puntato l'ho vista, sicuramente un buon ristorante oltre a una buona cucina, deve avere un bel mix di requisiti.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente serve un bel mix di requisiti, ma soprattutto passione :D

      Elimina
  23. Mi hanno triturato gli zebedei i programmi TV di cucina, aridatemi Wilma De Angelis su TeleMonteCarlo e basta! Tuttavia, il mio conterraneo cuoco mi fa simpatia ed è l'unico che riesco a reggere anche se occasionalmente per gli stessi motivi che hai citato.
    La TV è sempre qualcosa di preparato, troppi soldi in ballo e non ci può essere spazio a "imprevisti". Gli "imprevisti" sono studiati a tavolino.
    Il cuoco barbuto, al contrario di altri "personaggi" costruiti ad arte, dà l'impressione di interpretare se stesso. Quantomeno lo sa fare con naturalezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro i tuoi commenti Red :P. Caspita allora hai un conterraneo importante. O meglio, lo ha Cannavacciuolo ;). Sì, uno chef meno costruito e più genuino, pacche comprese!

      Elimina
    2. Buongustaio! SBAM! (pacca sulla spalla al limite della lussazione) I miei commenti sono gluten free, ojio de paRma quello bbbbono de mamma de Marilou (la santadonna di origini filippine che ci aiuta in casa e con i bimbi), strutto, spezie q.b. e una bella spolverata di mozzarella di bufala ca' se squaglia co'raù! (la tracchia dint'o' raù è obbligatoria, chiaramente).
      PS: nei commenti a volte esagero di condimento. Ma aMmeMme piace saporito. Grazie per l'ospitalità Riky!

      Elimina
    3. Carissimo, i tuoi commenti sono sempre molto piacevoli, altroché :). Ricordati però di avere sempre il frullatore per triturare tutti gli elementi e fare una bella crema densa, il segreto della cucina di Cannavacciuolo!

      Elimina
  24. io sono un fan dei cuochi in tv e Cannavacciuolo è uno dei miei preferiti, quindi non posso proprio essere ibiettivo :) Ma rivoglio Unti e Bisunti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaah unti e bisunti no! Ti devo portare sulla strada della morigeratezza alimentare XD

      Elimina
  25. Di questi programmi trovo incredibilmente ridicolo l'intervento "psicologico" dello chef di turno: arriva lui e tutti magicamente vanno d'amore e d'accordo? Maddai, chi ci crede! Infatti chissà perché i ristoranti in questione spesso chiudono dopo un annetto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, esatto. E' la parte peggiore! Nel senso che le situazioni e le dinamiche familiari\titolari-dipendenti sono palesemente accentuate in senso negativo. Secondo me non c'era questo bisogno di dover calzare la mano così...

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…