Passa ai contenuti principali

Cosa vi siete persi su Topolino 3242: "Un giorno da Gastone"

Gastone non mi è stato mai, a pelle, particolarmente simpatico, anche se già a fine anni '80, nelle storie italiane della Disney, il suo personaggio ha subito un processo di cambiamento, al fine di presentarlo al lettore come personaggio positivo: sbruffone sempre, fortunatissimo, ma sostanzialmente buono e pronto ad aiutare i parenti. Ho sempre apprezzato particolarmente le storie in cui veniva affiancato da Paperoga e Paperino, dove bilanciava, con la sua buonasorte, avversità e pasticci.


Uscito la scorsa settimana, il numero 3242 di Topolino celebra il 70esimo compleanno del personaggio con una storia a firma Roberto Gagnor. Gastone veste i panni dei propri parenti grazie a uno speciale regalo di Archimede, l'Immedesimatore Efemerico, un tablet che permette di fargli vivere avventure virtuali. Gastone diventa Zio Gastonone, Gastonciccio, Gastonoga e Paolino Gastonino.

Il protagonista, deluso però da quanto vissuto seppur virtualmente, si congeda dai parenti, concludendo che la sua vita è meglio di qualunque altra. Gastone non ha bisogno di nessuno perché ha la sua "infinita, immutabile, implacabile fortuna".

Il giorno dopo però riflette. In una pagina con echi da "Bojack Horseman", Gastone capisce che la sua vita non è felice, nonostante la fortuna. Gastone non ha grandi amori, non ha una famiglia che gli dà quotidianamente affetto, non vive avventure mirabolanti come Zio Paperone. Invidia Paperino perché comunque è cercato da tutti i parenti, che hanno bisogno di lui. Così definisce la sua fortuna "infinita, immutabile, implacabile, TRISTE fortuna". Gastone d'altra parte è solo, circondato solo dai tanti premi vinti. Decide così di vivere maggiormente i suoi parenti, di aiutarli, di trascorrere il tempo con loro, capisce che non è vero quanto pensato la sera prima, che lui non ha bisogno di nulla e di nessuno.

E' chiaro il messaggio che ci vuole trasmettere l'autore tra le righe: in primis non dobbiamo invidiare che in apparenza sembra avere tutto e ostenta di avere tutto. Non dobbiamo inseguire solo beni materiali, ma soprattutto vivere l'affetto dei nostri cari e delle persone che ci circondano. La vita non può essere perfetta, anzi è piena di ostacoli. Ma tutto sommato non ci fa perdere il sorriso, che riconquistiamo stando appunto vicino ai nostri cari.

Commenti

  1. Che gusto c'è a vivere come Gastone... a lui tutto piove dal cielo!
    Vuoi mettere, invece, la soddisfazione di riuscire con le proprie forze, di guagnarsi con merito le cose, di superare gli ostacoli grazie alle proprir capacità! 😊
    È tutta un'altra cosa!
    E poi avrà anche tante belle cose ma Paperina (nonostante certe volte corra da lui) continua a preferire lo sfortunato Paperino! 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paperina a volte finge di cedere a Gastone, ma per ingelosire e\o punire Paperino! Analisi perfetta, il senso del dualismo Paperino-Gastone è proprio questo.

      Elimina
  2. Tutto troppo semplice per Gastone! Anche a me non è mai piaciuto.. Lui e Paperoga, purtroppo, sono proprio due personaggi che non riesco a sopportare, ahimè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paperoga+Gastone+Paperino hanno formato un trio irresistibile in diverse storie anni '80-'90. Poi sì: Paperoga è il personaggio più irritante quando fa le sue angherie 'involontarie' verso Paperino!

      Elimina
  3. Gastone mi piace tantissimo!
    Forse si è perso il senso iniziale, lui era ricco per fortuna ma la famiglia l'amava perché se gli si chiedeva aiuto lui non si rifiutava e Paperino ne era geloso. Io mi ricordo questo, forse sono troppo datata.
    Buona serata Riccardo. Un altro gran bel ricordo. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà il primo Gastone americano era un terribile stronzo :D. Sicuramente ti riferisci al Gastone italiano di quando eravamo piccini: sì, ricordo ad esempio una storia dove ospitava Qui Quo Qua e li faceva felici con i doni recapitati loro con la fortuna!

      Elimina
  4. Interessante davvero, anche considerato che Gastone -al contrario tuo- è uno dei miei paperi perferiti. Ma anche io l'ho sempre percepito con un'aura di tristezza proprio perché non vive chissà cosa... Bella storia :)

    P.s. io non cambierei mai la mia vita con quella degli altri, nemmeno col più felice, perché tutti hanno grandi tristezze specie questi ultimi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo una memorabile storia dove Gastone si innamorava (non di Paperina, of course), ma la fortuna gli impediva, paradossalmente, di coronare il suo sogno d'amore. Lì sì che il nostro era davvero triste! :D.

      Hai ragione: quel concetto è chiaro anche in diversi film\fumetti anni '80 :)

      Elimina
    2. Forse quella papera era una stronza e è stato fortunato a non sposarla XD

      Moz-

      Elimina
    3. Giustissimo! La fortuna di Gastone, spesso, si maschera da sfortuna. Ma quella storia è davvero impietosa: il fallimento di un papero :D

      Elimina
  5. Mai piaciuto. Forse perché era in contrapposizione con me medesima e la mia immutabile sfortuna^^
    E per analogia manco Topolino mi è sempre stato antipatico. Insomma se non sono sfigsti ma battaglieri non mi conquistano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paperino e le sue sfortune sono un po' lo specchio di tutti noi, Topolino è il precisino infallibile, ma su questo ruolo gli autori italiani ci hanno regalato delle storie molto carine in cui prendono in giro la perfezione di Topolino :D

      Elimina
  6. Che bella storia! Ora sono curioso di leggerla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima :) infatti il titolo è 'cosa vi siete persi ' :D

      Elimina
  7. Anche a me non è mai piaciuto il personaggio però da come hai raccontato la storia potrei recuperarla perché le prese di coscienza di personaggi "storici" mi piacciono sempre molto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque il Gastone de "Il pendolo di ekol" e "Tre uomini e un bebè" sono due storie in cui Gastone è top :)

      Elimina
  8. Anche la fortuna non è più tale se non può essere condivisa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, peraltro questa conclusione è presente in altre storie italiane del nostro Gastone.

      Elimina
  9. Ciao Riccardo!
    Beh, cosa dire?
    Io nella mia vita sono sempre stata come Paperino e preferisco mille volte le mie difficoltà che avere tutto subito e facile.
    Speriamo che anche Gastone lo capisca!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa davvero che siamo stati tutti Paperini :), ma il bello di essere Paperini è che sia bisogno degli altri e gli altri hanno bisogno di noi: condivisione :)

      Elimina
  10. Gastone triste... non mi fa impazzire l'idea. Al di là del messaggio che vuole trasmettere, è una bella storia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi verrebbe da dire che è il messaggio a fare bella la storia, per cui... :D

      Elimina
  11. Il problema è che con Gastone la rosikata invidiosa esce facile XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già :D, rosicheremmo tutti con un cugino che vince ogni mattina una dozzina di premi alle varie lotterie :D

      Elimina
  12. Risposte
    1. Grazie Gus :)

      Diciamo che ho un po' di preoccupazione per una 'visita' che devo fare lunedì prossimo...Diciamo che gli sviluppi riaprono la vecchia ferita che ogni tanto mi porta a scrivere quei post che possono avere effetti collaterali, come la caduta dei maroni. Oltre a questo, è stata complessivamente una "black Week"...In particolare sul lavoro, complice anche un po' di fisiologica e ciclica stanchezza.

      Ma la cosa peggiore è che sono stato ammorbato dalla sindrome della medaglia. C'è un bellissimo cartone Disney, "Ralph Spaccatutto", che fra mille citazioni 'nerd' e 'geek', lascia molti messaggi interessanti. Uno di questi è la voglia del protagonista di ricevere, per una volta nella vita, la medaglia che spetta invece sempre al suo alter-ego, di ricevere la torta e i festeggiamenti. Per il lavoro profuso nelle ultime settimane, periodo natalizio compreso, mi sarei aspettato anche io una medaglia. E in aggiunta ho anche invidiato chi una medaglia l'ha presa, nel mio lavoro (anche se è una persona che da anni non lavora più con me); preciso, è una medaglia supermeritata; e io non invidio nella fattispecie quella sua medaglia, ma tutto il contorno di lodi che accompagna quella medaglia. I festeggiamenti, appunto.

      Già, alla fine magari oltre ad essere un nostalgico, sono anche un fottuto e presuntuoso narcisista...

      Elimina
  13. Qualcosa che ci fa preoccupare non manca mai. Lunedì azzeriamo l'ansia. Non sei narcisista. E' normale un po' di risentimento per un torto subito o per non aver raggiunto un traguardo che interessava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella migliore delle ipotesi non sarà dissolta tutta, ma credo e spero una bella fetta sì :D. Speriamo bene!

      Elimina
  14. Sarà che io ho iniziato a leggere Topolino negli anni '90 ma ho un buon ricordo di Gastone.
    E poi, l'hai già citata tu, Tre paperi e un bebè... ho detto tutto! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cult quella storia! Come dico spesso, dovrei farci un post :D

      Elimina
  15. Mamma mia che antipatico!! Mi dava sui nervi....io ero per lo sfortunato cugino Paperino ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Gastone italico della Disney è più sopportabile. A volte è peggio Paperoga :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…