Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da marzo 26, 2017

I miei sogni ricorrenti: tra un ritorno a scuola e uno a Bologna

Ho sempre detto ad amici e conoscenti che i miei sogni sarebbero interessante materia di studio. Ma quali sono i miei sogni ricorrenti?


Ora non ho grande competenza della materia, ma secondo me ci sono delle particolarità interessanti. Nei miei sogni, i luoghi hanno caratteristiche simili alla realtà; ma soprattutto questi luoghi si ripetono sempre con le stesse identiche caratteristiche nei diversi sogni. Il mio sonno non è caratterizzato da bruschi eventi (tragedie, morti, eventi traumatici), ma scene di vita quotidiana, con differenze peraltro neanche troppo significative.

INTOPPI SUL LAVORO: immagino che questo tipo di sogno ricorrente sia abbastanza comune. Nel mio caso abbiamo un giornale radio non registrato prima della messa in onda (oppure mi trovo a registrarlo in pochissimo tempo prima della messa in onda), un intoppo tecnico che non lo manda in onda o lo manda in onda incompleto. Infine anche un guasto del computer.

RITORNO SUI BANCHI DI SCUOLA: anche questo sogno ricorr…

Come nasce una passione per il calcio: un post che può interessare anche a chi non ama il calcio (pt.1)

Il rapporto tra il sottoscritto e quello che una volta era definito il gioco più bello del mondo: aneddoti (credo) curiosi anche per chi davanti a una partita cambia immediatamente canale.



Premessa: non si parla di calcio giocato. Il praticare calcio, da parte mia, si è concretizzato in qualche partitella con gli amici, ma più che altro in tiri a pallone. Qui si parla di passione per il calcio a 360°. La mia ha radici profonde, parliamo infatti del 1987-1988, quando ancora non avevo compiuto i 5 anni di età (li avrei festeggiati il 3 giugno 1988).

UN CARTONE ANIMATO: non è stato Holly e Benji, il noto anime dedicato ai due fuoriclasse del calcio, a farmi nascere questa passione. Ma il film "Pomi d'ottone e manici di scopa". Incredibile vero? Ma è così. Nell'asilo che frequentavo c'era una piccola saletta per le proiezioni. Le maestre ci mostravano la scena della partita di calcio tra animali. Solo quella, di tutta la pellicola, e in modo assiduo. Fui letteralment…

Da Sheldon Cooper a Enzo Ceccotti, alcuni miti della cultura 'pop' degli anni 2000

Sul blog dell'amico MikiMoz abbiamo discusso a questo link di cultura 'pop' della decade che va dal 1985 al 1995, quella della nostra generazione classe 1983. Si è detto che i miti della cultura 'pop' di quel periodo tornano sempre e che al giorno d'oggi non ci sono degli equivalenti. Ebbene, per contraddire questa affermazione che ha comunque basi solide, vi presento un elenco di alcuni miei miti "pop" degli anni 2000.




ELVIS: interpretato magistralmente da Bruce Campbell, è il protagonista del romanzo fantasy "Bubba Ho-Tep" da cui è stato tratto l'omonimo film, un piccolo cult. Guardate il video e capite la "potenza" del personaggio. Un Elvis vecchio e stanco, ma che trova la forza di essere quell'eroe che aveva interpretato in diverse pellicole. Esempio di meta-teatro: a parlare più che Elvis è proprio Bruce Campbell.



SERGENTE ANGEL: personaggio di "Hot Fuzz" interpretato da Simon Pegg, secondo film della trilogi…

La classifica delle migliori merendine Mulino Bianco anni '80-'90

L'amico MikiMoz, blogger con cui condivido diverse "passioni", nonché l'anno di nascita (classe 1983!), ha realizzato un'interessantissimo post sulle storiche merendine del Mulino Bianco. Approfitto del suo ottimo articolo per mettere in ordine i prodotti da lui ricordati.




1) SOLDINO: una merendina squisita, pan di spagna e tanta cioccolata, con la chicca rappresentata dal soldino di cioccolata. Io lo mangiavo subito, per l'amico Miki era il boccone finale. E voi?

2) TEGOLINO: pan di spagna e cioccolata, mix vincente. Adoravo il contrasto tra le "strisce" di cioccolata. Che infanzia triste per chi non ha avuto la possibilità di mangiare lo storico Tegolino nel formato quadrato.

3) CROSTATINA: nella mia piccola Novafeltria era la merendina più diffusa nei supermercati, in entrambe le varianti, cioccolata e marmellata. L'unico problema era quando si portavano per la ricreazione a scuola: finivano inevitabilmente per sbriciolarsi. Spodestano il s…

Milan ai cinesi (poveri), cosa ci aspetta dopo il closing

La partita per il closing è stata sbloccata, grazie all'intervento di un grande "hedge fund" americano, con sede anche a Londra, l'US Elliot Management Corporation. Una bellissima notizia per i tifosi rossoneri, arrivata sabato 25 marzo. Ora, con tutte le scaramanzie possibili, si riparte verso il traguardo finale: data indicata il 14 aprile.



FINALE STAGIONE 2016-17: con il closing effettuato, la squadra potrà ricevere una spinta nella corsa verso l'Europa League. Montella ha finora estraniato il gruppo dalle vicende societarie, ma con la conclusione positiva di quest'ultime, i giocatori avranno più certezze (ah beh, a leggere certi quotidiani filo juventini il closing rappresenta la distruzione, ma noi non li leggiamo...) e soprattutto saranno consapevoli di dover dare il 100% in vista di una riconferma. Già, Galliani non c'è più: addio alle conferme "forzate" di giocatori ai quali bastava un mese di buon rendimento per essere mantenuti nella …

Film: Infernet, un pugno allo stomaco per lo spettatore. La recensione

Film italiano del 2016 che tratta temi di grande attualità, non solo legati al mondo di Internet. Un giovane cast e diversi volti noti di cinema e televisione ben diretti.



Un prete, interpretato da Remo Girone e protagonista di iniziative a favore dei migranti, viene abbandonato dalla propria comunità perché tacciato di essere un pedofilo (ndr ho usato la parola tacciato poiché non viene accusato, non è al centro di nessuna indagine). Una ragazzina minorenne si prostituisce e con l'aiuto di due amiche fa estorsioni nei confronti dei ricchi clienti, minacciando di diffondere il video del loro rapporto sessuale. Una gang di bulli prende la strada della violenza, non solo a causa del consumo di cocaina. E uno dei bulli ha un padre, Ricky Tognazzi, affetto da ludopatia, che sta dissipando il proprio patrimonio giocando a poker su Internet. Sono le vicende raccontate in questo film del 2016, che tratta temi particolarmente attuali: l'abuso di stupefacenti, il bullismo, le minorenn…