Passa ai contenuti principali

Transformers, il riassunto della saga animata dalla G1 alla G2

“More than meets the eye”, molto di più di quello che vedi, è la celebre tag-line della saga dei Transformers, robot antropomorfi che si trasformano in veicoli, animali od oggetti. Come noto, le due fazioni in battaglia sul pianeta Cybertron sono quelle degli Autobots (Autorobot nel doppiaggio storico italiano) e Decepticons (Distructor).


I primi sono robot che si trasformano in mezzi da trasporto o a uso civile, i secondi in aerei o comunque mezzi da combattimento (il loro leader Megatron in una pistola laser..).


SEASON 1-2 TRANSFORMERS: coproduzione Usa-Giappone, formata da due stagioni, per complessivi 65 episodi, è la storica saga che vede Autobots e Decepticons spostare la loro battaglia sulla terra. Sono gli Autobots a fuggire dal pianeta Cyberton in mano ai rivali, con una scorta di energon rubata (i cubi di energia di cui si 'cibano' i Transformers). I Decepticons li inseguono nello spazio e abbordano l'astronave degli Autobots, con Optimus Prime (Commander) che deliberatamente fa schiantare il mezzo contro un vulcano sul pianeta Terra, popolato solamente dai dinosauri. Scopriremo che i Transformers non sono stati distrutti, né sono morti, ma solamente disattivati. A distanza di milioni di anni, proprio nel 1984, un'eruzione del vulcano risveglia Teletraan 1, il computer dell'astronave, che scansiona i mezzi dei terrestri per conferire una nuova forma alternativa ai robot, affinché potessero mimetizzarsi sul nuovo pianeta, senza però distinguere i buoni dai cattivi. I mezzi che erano jet spaziali su Cyberton, ad esempio, diventano aerei simili a quelli usati dagli umani. I Transformers vengono risvegliati dal loro sonno e portano avanti la loro battaglia sulla terra: qui però i ruoli sono invertiti, sono infatti i Decepticons che cercano di fare proprie le risorse energetiche dei terrestri, per trasformarle in cubi di Energon, contrastati dagli Autobots.


Nota: gli episodi delle stagioni 1 e 2 hanno un ordine, determinato anche dall'entrata in scena di nuovi personaggi, tuttavia si possono vedere gli episodi sostanzialmente anche in modo sparso. La storia non ha un epilogo vero e proprio.


TRANSFORMERS THE MOVIE: il lungometraggio animato statunitense fa da collegamento tra le stagioni 2 e 3. In sostanza la maggior parte degli Autobots, comandata da Ultra Magnus (Convoy), rimane sulla terra. La vecchia base (i resti dell'astronave sotto il vulcano) viene sostituita da una vera e propria città con sistemi di difesa e armi (Autobots City). Gli altri Autobots, guidati da Optimus Prime, conquistano le lune di Cybertron, ma il pianeta resta nelle mani dei Decepticons. Gli Autobots pianificano un importante attacco a Cybertron, ma sono presi in contropiede: Megatron attacca in massa l'avamposto dei nemici sulla terra, compiendo una vera e propria strage. L'intervento dei Dinobots (Alleati degli Autobots che si trasformano in potenti dinosauri) e di Optimus Prime, sbarcato sulla terra, è decisivo per rovesciare le sorti della battaglia e mettere in fuga i Decepticons: l'eroe vince Megatron in duello, ferendolo gravemente. L'intervento scomposto dell'Autobots Hot Rod, intenzionato a finire Megatron, permette però a quest'ultimo di colpire a tradimento Optimus, che morirà poco dopo, lasciando il comando a Ultra Magnus. Megatron viene abbandonato nello spazio da Stascream, tornando in vita come Galvatron, dopo un patto con il pianeta mangia-mondi Unicron, pianeta che si può appunto trasformare in un grande robot. Il riscatto degli Autobots passa da mille peripezie e dalla trasformazione di Hot Rod in Rodimus Prime, il nuovo comandante degli Autobots. Unicron viene distrutto da Rodimus Prime che sconfigge Galvatron (senza ucciderlo), gli Autobots diventano padroni di Cyberton. I Decepticons sopravvissuti fuggono in esilio sull'ostile pianeta di Charr. La testa di Unicron diventa il satellite che ruota attorno a Cybertron (Unicron aveva mangiato le lune di Cybertron).


Nota: in Transformers the Movie sono assenti molti robot. Alcuni di essi torneranno nella stagione 3 con ruoli primari, come gli Aerialbots e i Protectobots; altri invece spariranno. Nella serie Transformers Headmasters assistiamo al ritiro dalle battaglie di Rodimus Prime, è facile dunque pensare che molti guerrieri abbiano smesso di combattere, trasferendosi in altri pianeti.


Errore nella trama: la matrice del potere. Proprio così, il manufatto che i comandanti Autobots custodiscono all'interno del petto viene introdotto solo nel film. Essa contiene lo spirito, la forza e la saggezza di tutti i comandanti Autobots, partendo dal loro fondatore. La matrice potenzia fisico e mente del comandante Autobots. Hot Rod, recuperata la matrice, si trasforma in Rodimus: da automobile diventa una sorta di camper spaziale, da robot aumenta le proprie dimensioni. Ultra Magnus, presa la matrice da Optimus Prime, non riesce a sprigionarne i poteri. Ma se la matrice ha tutti questi poteri da riuscire a distruggere un robot gigantesco come Unicron, come mai gli Autobots non l'hanno sfruttata subito per vincere la battaglia contro Megatron? Semplice, prima non esisteva...


TRANSFORMERS SCRAMBLE CITY: cortometraggio di produzione giapponese, non è inserito nella continuity della serie. In Giappone sostituì il lungometraggio, che arrivò solo in un secondo momento. Scramble City introduce le grandi basi da combattimento Metroplex (Autobots) e Tripticon (Decepticons), che nella serie giappo-americana esordiscono nel primo episodio della Season 3.


STAGIONE 3 (TRANSFORMERS 2010): serie sempre di coproduzione Usa-Giappone, divisa in 30 episodi e ambientata nel 2010, vede gli Autobots impegnati tra terra e spazio nelle loro avventure. Nella serie, la migliore per le trame assieme ad Headmasters (in un episodio c'è il cross-over con i Gi-Joe, compare Cobra Commander!) hanno un ruolo importante i Quintessenziani, gli alieni che crearono i Transformers (introdotti nel lungometraggio). Torna Optimus Prime: in “Dark Awakening” i Quintessenziani lo riportano in vita per uccidere i suoi vecchi amici, ma Optimus riprende piena coscienza di sé e si sacrifica per salvarli. Nel doppio episodi finale della terza stagione, uno scienziato per vendicarsi dei Transformers e del ferimento della figlia da parte dei Decepticons, crea una spora che contamina i robot facendoli impazzire e diventare dei 'bersker', allo scopo di farli distruggere uno contro l'altro. Recuperato il corpo di Optimus nello spazio, Rodimus Prime lo fa rivivere grazie alla collaborazione con un Quintessenziano. L'eroe degli Autobots, ripresa la Matrice, riesce con il potere di essa a distruggere il virus. A fine serie Megatron offre la mano a Optimus e dichiara una tregua nella grande guerra tra Autobots e Decepticons, mentre Rodimus Prime, senza matrice, è tornato Hot-Rod. La serie si chiude con il motto di Optimus Prime: “Transformers, Roll Out!”.




TRANSFORMERS HEADMASTERS: la prima serie unicamente giapponese, in 35 episodi, è alternativa a quella americana. Anche in Italia è il seguito ufficiale della S3. Dopo la tregua, durata un anno, ricomincia la battaglia tra Autobots e Decepticons. I primi, oltre a controllare Cybertron (il comando è affidato a Kup), hanno la base principale sul rigoglioso e verde pianeta Athenia (comanda Optimus, il vice è Hot Rod) e mantengono Autobot City (comandante Ultra Magnus), i secondi sono sempre sul pianeta Charr. Vengono introdotti nuovi Autobots e Decepticons, in primis gli Headmasters (gli Autobots Headmasters sono chiamati Leaderbot in italiano). Gli Headmasters sono Transformers poco più grandi di un umano scappati da Cybertron prima della grande guerra. Guidano dei veicoli che si trasformano in corpi, mentre gli Headmasters diventano appunto la testa del corpo, dando vita a un Transformers molto potente. Il capo degli Headmasters Autobots, Fortress Maximus, guida un'astronave potentissima che si trasforma in un robot colossale, armato con la potentissima “Master Sword” (in italiano chiamata “Master Sodo” dal giapponese, sigh). Nel duello finale al Polo Nord distruggerà il corpo della sua controparte, Scorponok (Scorpion in italiano), mentre 'il cervello', il malvagio Lord Zarak, fuggirà nello spazio. Nella serie Headmasters muore Galvatron, ucciso dai quattro Headmasters Autobots; Ultramagnus, ucciso in duello da Sixshot, potentissimo guerriero ninja che abbandonerà i Decepticons dopo un naufragio nello spazio assieme all'umano Daniel; Blaster (Audiobot) e Soundwave (Memor), i due mitici robot che si trasformavano in stereo con cassette, in un duello fratricida (ma verranno ricostruiti in Twincast e Soundblaster). C'è anche la terza morte di Optimus Prime, nel terzo episodio: il comandante degli Autobots sacrifica la propria energia per ristabilire il computer di Cybertron Vector Sigma. Hot Rod torna Rodimus Prime, ma abbandonerà a metà serie le battaglie, dopo la distruzione di Cybertron in un attentato, con un commovente: “Non c'è più posto per i vecchi Transformers come noi”. La serie finisce con i Transformers che dopo 27 anni lasciano la Terra, ripartendo per Athenia e in cerca di nuove avventure nello spazio.



Errore nella trama:
Rodimus va in pensione tenendo la Matrice. Avrebbe dovuta passarla a Fortess, suo successore! Fortress con la matrice e la Master Sword? Praticamente avrebbe spazzato via tutti i Decepticons senza fatica.


SEASON 4 (TRANSFOMERS THE REBIRTH): è una miniserie in tre episodi. Come detto è il seguito della Stagione 3 in America ed è alternativa ad Headmasters. Rispetto alla serie giapponese, gli Headmasters sono degli umanoidi, gli alieni del pianeta Nebula. Gli umani Spike (padre) e Daniel (figlio) assolvono alla stessa funzione con tute cibernetiche.


Nota: In Transformers The Rebirth Spike, con la tuta cibernetica, diventa la testa di Cerebros, il robot che a sua volta si trasforma nella testa del colossale Fortress Maximus. In Transformers Headmasters, non viene mostrata la controparte robotica di Spike (a differenza di tutti gli altri Headmasters): Fortress (controparte di Cerebros) ha comunque una testa in cui sono distinguibili le gambe del robot più piccolo. Fortress è così grande come un Headmasters trasformato e più grande del suo nemico Lord Zarak (che è grande come le teste dei nomali Headmasters quando sono trasformate in robot). Per diventare la testa di Scorponok, Lord Zarak non usa un altro robot di passaggio (come Cerebros), ma semplicemente si unisce a un pezzo dell'astronave per diventare la testa del robot. Ad ogni modo Fortress Maximus è più grande di Scorponok.

Le serie dei Transformers successive a Headmasters, pre G2: The Rebirth o Headmasters chiudono la saga tradizionale dei Transformers. Ma prima della G2 (ripubblicazione del best of delle prime tre stagioni), ci sono altre due serie di produzione giapponese e un cortometraggio.


TRANSFORMERS MASTERFORCE: con questa serie, cambia totalmente la natura dei Transformers. Prima avevamo due eserciti in lotta. In Masterforce abbiamo ancora tanti personaggi, ma uno, Ginrai, che spicca su tutti, acquisendo nel corso della serie nuove trasformazioni e nuovi poteri per poter affrontare nemici Decepticons sempre più potenti. Ma chi è Ginrai? E' un umano che guida un camion uguale al vecchio Optimus. Ginrai grazie a dei braccialetti viene ricoperto da una tuta cibernetica e come gli Headmasters americani (non giapponesi) si trasforma; non nella testa, ma in un 'motore' che si aggancia al corpo del camion, trasformato in robot come Optimus Prime. Dicevamo dei poteri del nuovo 'Commander': si può trasformare in un robot più grande, unendosi al rimorchio del camion (!). Terza trasformazione? Il secondo robot diventa ancora più potente grazie ad un'armatura, diventando “God Ginrai”. L'umano Ginrai è fondamentale per dare vita al robot Ginrai. A fine serie però il robot diventa entità a sé stante e parte per lo spazio, partecipando a nuove avventure raccontate nella serie successiva.

Errore di continuità: con Transformers Masterforce torniamo negli anni '90, quando la stagione 3 era ambientata nel 2010 ed Headmasters negli anni successivi.


TRANSFORMERS VICTORY: continua la battaglia tra Autobots e Decepticons, ora guidati da Star Saber e Deathsaurus. Come detto, nell'esercito del bene ci sarà anche Ginrai, che però a un certo punto della serie viene ferito e finisce in coma. A ridargli la vita saranno i vecchissimi Autobots Wheeljack (che era morto in Transformers The Movie!) e Perceptor, che lo faranno rinascere come Victory Leo. Un robot che non centra nulla con il vecchio Optimus Prime.



TRANSFORMERS ZONE: la saga dei Transformers si chiude con questo cortometraggio, che in realtà doveva fare da preludio a una nuova serie. Violenjiger, una grande entità demoniaca, fa risorgere Black Zarak (Skorponok). Personaggio presente in Headmasters e Masterforce. Inoltre dà vita agli altri 8 generali Decepticons, che ricordano i vecchi Devastator, Predaking...sono robot, ma non sono trasformabili. Gli Autobots riprendono la battaglia guidati dal loro nuovo capo Dai Atlas.

Commenti

  1. Un vero peccato per gli errori e le illogicità che ci sono nella storia.
    Però posso immaginare: già a gestirsi tra America e Giappone (con entrambi i paesi che si fanno pure i cazzi loro producendo sequel e miniserie poi non "ufficiali") è difficile, figuriamoci a tenere stretta tutta questa trama!
    Beh, non ci tocca anche un seguito del post? :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho citato solo le cose più eclatanti, ma di errori ne abbiamo diversi, per non parlare poi degli errori di animazione, colorazione ecc.

      Diciamo che la 'mitologia' dei veri Transformers finisce qui, poi ci sono le beast wars (sul tema sono assolutamente incompetente), le nuove serie, la saga cinematografica. Ma tornerò volentieri sul tema Transformers con singoli post a tema, magari anche per approfondire cose che qui ho dovuto necessariamente riassumere

      Elimina
  2. Riassuntone colossale, devo leggermelo con calma :) complimenti per il lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :P colpa o merito del Moz che ebbe a richiedermelo :P. Che poi c'è veramente scritto l'essenziale..

      Elimina
  3. Niente, oh! Non mi piacevano da piccolo e continuano a non piacermi da grande i Transformers. Neanche tu e Moz, coi vostri ottimi articoli, siete riusciti a farmeli piacere un pochino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi se li guardassi, avresti un'opinione ancora peggiore XD...ci sono certi episodi...

      Elimina
    2. Però ce ne sono certi altri che sono stupendi! Dei gioiellini sci-fi!

      Elimina
    3. Esattamente, specie nella stagione 3!

      Elimina
  4. Eh no riki! Non mi puoi cadere in questo errore! La prima saga dei Transformers si conclude con Beast Wars e Beast Machine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che sono legate, ma...io ho preso in esame l'intervallo tra la G1 e la G2, quindi ci siamo :)

      Elimina
    2. Ah giusto, mi sono accorto dopo. Diciamo che la mia precisazione nasce dal fatto che in realtà una vera e propria generation 2 non esiste, so che il cartoon intitolato così in realtà è sempre la prima serie. Io avrei inserito anche Beast Wars/Machines in quanto ultima serie che si svolge nella prima continuity indipendentemente dal fatto che sia Giapponese o Americana (più Americana credo) ma va beh, avrai tempo di parlarne in futuro che poi pure lì non è chiaro come si inseriscano i sequel Giapponesi Beast Wars II e Beast Wars Neo o se si possono dichiarare ufficialmente in una continuity tutta loro che non considera gli eventi fino a Victory. Dico solo che Beast Wars è stupenda, Beast Machines è orrenda.
      I dvd della foto li ho anche io! Peccato che il film non l'abbiano mai ridoppiato e mi pare pure 2010 la cui edizione è davvero pessima rispetto alle prime due serie. Mi dispiace che nessun altro si sia preso la briga di fare dei dvd delle altre serie, io le prenderei tutte!

      Elimina
    3. Infatti, Generation 2 è solo un 'best of' della Generation 1 :D. Comunque io sono sempre stato avverso a 'Beast Wars', anche se riconosco l'ottima continuity delle trame. Ma dopo aver visto il potentissimo Fortress Maximus, trovarmi un comandante che si trasforma in scimmia...da ragazzino fu per me una grandissima delusione.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…