Passa ai contenuti principali

Mi fa stare bene

Riflessioni personali, sulla mia vita, ascoltando 'Prisoner 709', l'ultimo disco di Caparezza. Parte sesta (l'ultima).

"Devi fare ciò che ti fa stare bene’, canta Caparezza. Riflettevo su ciò che implichi questa esortazione. Se ciascuno, in qualsiasi momento, facesse ‘ciò che lo fa stare bene’ non potrebbe che fuggire davanti a problemi e responsabilità. Non possiamo fare ciò che ci fa stare bene senza tener conto delle conseguenze. Chi punterebbe la sveglia alle sei e mezza/sette ogni mattina, ad esempio? È un lusso per pochi fare solo ciò che ti fa stare bene".

Queste sono le parole di una mia collega dei piani alti.

Un'interpretazione così è come prendere un libro di un qualsiasi poeta e buttarlo nel cesso. Giudicare un film vedendo due minuti estrapolati a caso.

La canzone di Caparezza non è un inno al fancazzismo, un vaffanculo alle responsabilità.

La canzone di Caparezza è un inno a fare le cose che ci fanno stare bene, proprio perché nella vita abbiamo delle responsabilità (familiari, lavorative) che ci impongono dei doveri.

Rispettiamo questi doveri, ma vogliamo anche il nostro il diritto a stare bene, a fare le cose che ci fanno stare bene. Ad esempio puntare la sveglia alle dieci la domenica mattina è una cosa che a molti fa stare bene, tanto per rimanere all'esempio della mattina.

Oltre a questo, Caparezza invita tra le righe ad abbassare i toni. Non c'è bisogno di vivere incazzati: basta fare le cose che ci facciano stare bene. Basta quindi opinionisti da social network che devono dare al mondo la propria opinione su tutto, aizzando dibattiti che nulla servono, perché non sono costruttivi, sputando rabbia e facendo sputare rabbia agli altri. Opinionisti che hanno in tasca la risoluzione di tutti i problemi del mondo e poi postano le foto della loro bella vita, tra vacanze di lusso, mare, macchinoni, ristoranti. Godetevi tutto quello che vi fa stare bene.

Pensate a questo mio consiglio. Non vi affannate dietro questioni che sono più grandi di voi e che non potete risolvere. Pensate concretamente alla vostra vita. Rispettate i doveri che siete chiamati ad adempiere, ma fate anche le cose che vi fanno star bene. Detto questo, tornerò presto a dare la mia opinione: su una canzone, su un fumetto, su un libro, su un film.

Perché mi fa stare bene.

Commenti

  1. Sono pienamente d'accordo con te... nella vita ci sono dei doveri, delle scadenze, delle cose che devono essere fatte... ma è giusto anche lasciarsi del tempo per fare quello che ci piace e che ci fa stare bene... che poi, secondo me, non è altro che quello che ci dà la forza e la serenità mentale per fare ciò che DOBBIAMO fare e per affrontare i problemi di ogni giorno!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Benedetta, benvenuta :) (bellissimo nome, peraltro, ho una cara cugina che si chiama così). Il sunto è proprio quello: fare quello che ci fa stare bene, per affrontare al meglio dovere e prove della vita. Mi sono sorpreso che questo messaggio sia stato frainteso.

      Elimina
  2. ciao! rigidina la tua collega... una cosa non esclude l'altra, altrimenti saremmo tutti dei robot incazzatissimi (be', alcuni lo sono, in effetti) :D
    quindi condivido il tuo pensiero. godersi le cose che ci fanno stare bene ci aiuta ad affrontare meglio le rotture|di|scatole quotidiane :)
    gli opinionisti|tuttologi da social|salottino sono il male! spero di non assumere mai quei toni, neppure per sbaglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, benvenuto :). Molto rigidina: ma sinceramente lì è scivolata su una buccia di banana, perché chi lavora nel settore radiofonico in senso stretto, non può dare giudizi su una canzone-cantante se non lo conosce bene. E' come un giornalista calcistico che dice "tizio è un giocatore scarso" senza averlo mai visto all'opera.

      Elimina
  3. Richy...qualcuno ha detto che siano "Noi che scriviamo la nostra storia e il consiglio di fare non dico sempre ma spesso le cose che ci fanno stare bene è azzeccato. Specialmente quando si arriva alla mia età e fai il bilancio . Ed è qui che inizi a tagliare i rami secchi . Un abbraccio , ciao!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah, prestami allora le cesoie per potare XD. A parte gli scherzi, mi fa piacere risentirti e rileggerti anche sul tuo blog. A Verona che cosa si racconta?

      Elimina
  4. Questa è un po' anche la mia fil0sofia di vita :) Io metto la sveglia alle 06.30 per scrivere sul blog prima di andare al lavoro dove passo nove ore... perché mi fa stare bene, pensa te! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai una gran bella passione, Michele. Io scrivo sul blog quando passo, eventualmente anche sul lavoro, se ho momenti morti. Per questo spesso ci sono refusi: scrivo a getto e pubblico senza rileggere XD (in effetti non pubblico, metto in programmazione. Ma poi non torno a rileggere, ahahah).

      Elimina
  5. Come giustamente scrivi, deve essere tutto ben bilanciato, la vita non è o bianca o nera!
    Sveglia di sabato o domenica? Assolutamente no! Ma neanche alle 2 del pomeriggio! Tanto mi sveglio comunque presto, avendo ormai questo ritmo 😭
    Sorvolo suoi socialari perché altrimenti mi metto ad imprecare e bestemmiare, uno dei tanti motivi per cui molti anni fa mo sono cancellato da FB e quando 'sto degrado arriverà anche su G+ o Twitter, mi cancellerò anche da lì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti anche io, ormai son diventato un orologio svizzero con gli orari di sonno-sveglia. Ho paura di fare tardi, perchè se faccio tardi poi l'orologio biologico mi sveglia XD e sono quindi tipo zombie. Social? Io ho whatsapp e blog, fine. Google + perché è connesso a gmail (la migliore posta che abbia provato-usato).

      Elimina
    2. Vero, sono sempre ore perse quando esco e faccio tardi, tanto massimo alle 8 sono sempre sveglio. Inoltre sono circondato da stronzi, come diceva Lord Casco, dato che sabato, domenica e festivi si divertono fin dalle prime ore dell'alba a fare casino, bambini che urlano, vicini che tagliano l'erba, altri che lavorano, ieri ad esempio sotto la mia camera da letto hanno deciso di saldare e tagliare con frullino un ringhiera. Pare che si mettano d'accordo per rompermi i coglioni e io puntualmente gli auguro le peggiori cose (e molti sono miei parenti).
      Pensa che io con la posta di Gmail invece mi trovo male :^p
      G+ è comodo per noi di blogspot perché ti condivide in automatico gli articoli.

      Elimina
    3. Quello è il problema di vivere in città. Dalle mie parti non avresti di questi problemi :D

      Elimina
    4. Veramente sono posizionato in aperta campagna... ho un bosco di fronte casa.
      Però quando vivevo in pieno centro non è che fosse tanto diverso, anche se la domenica erano solo i vicini cafoni a fare rumore, i frullini li sentivi solo durante i giorni lavorativi e nessun prato da tagliare.

      Elimina
    5. Beh dai l'aperta campagna di Roma è sempre ben movimentata. Però i frullini sono diffusi anche da noi XD

      Elimina
  6. Sarà pure un pezzo un po’ troppo da radio (sticazzi finchè) ma lo trovo bellissimo, sul “Risparmiare metà della fatica” mi ci ritrovo molto. Perché in qualunque cosa io faccia, spendo il triplo dell’energia necessaria per provare a controllare tutto quello che non posso, quindi trovo che un pezzo che ci ricordi le gioie delle leggerezza non è niente male, mi serviva proprio un pezzo così in questo periodo, quindi sticazzi se è troppo da radio finché mi fa stare bene no? ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, anche io applico spesso nella mia vita il "risparmiare metà la fatica", non nel senso che faccio il 50% al lavoro (lì faccio sempre il 110%), ma non mi do una mano a chi non merita :)

      Elimina
  7. Il Capa comunque è un genio. Lo conosco dai tempi di ?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un genio, sono d'accordo, ma devo essere sincero: dopo che ho ascoltato il suo ultimo disco, fatico ad andarmi a riascoltare quelli precedenti. Museica e Prisoner 709 sono terribilmente superiori :)

      Elimina
  8. Infatti, la canzone esorta a non perdere tempo in cose che ci tengono occupati inutilmente. Bisogna fare quello che ci piace, nel nostro tempo libero, per stare bene.
    Senza badare ai giudizi altrui, soprattutto. La società ci incatena, spesso anche col lavoro, ma perché dobbiamo essere tristi?^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così: "Non perdiamo tempo con le cose che ci tengono occupati inutilmente, idem per le persone". Parole sante Miki!

      Elimina
    2. Poi, se trovassimo modo per fare SOLO ciò che ci fa stare bene, allora siamo a cavallo :)

      Moz-

      Elimina
    3. ahah, beh dai un po' di doveri..ci stanno :D

      Elimina
  9. Scusa ma hai una collega rincretinita. Mica dice "Devi fare SOLO ciò che ti fa stare bene". Ma se puoi scegliere, fare ciò che ti fa stare bene invece di fare cose che non ti fanno stare bene ma che non cambi per abitudine/inerzia/aspettative degli altri. Sottinteso, direi, il fatto che ciò che fa stare bene te non deve nuocere all'altro o portare, alla lunga, a cose negative per la tua vita (non è che mollo il lavoro senza un progetto alternativo che non mi faccia morire di fame).
    In analisi del testo che voto prendeva? È un ingegnere, per caso? (non me ne vogliano gli ingegneri, ma ne ho conosciuto bene uno in particolare e capacità di astrazione zero) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no giammai :), diciamo che secondo me da parte sua è stato un giudizio superficiale su un artista che non può essere liquidato con un ascolto fugace. Ovviamente mi dispiace che Caparezza abbia una così scarsa considerazione :)

      Elimina
  10. A prescindere dalla canzone (perché poi tutte si prestano sempre a delle interpretazioni personali che arrivano benissimo a scontrarsi le une con le altre), credo che la tua collega abbia fatto un discorso non sbagliatissimo ma sicuramente troppo generale e limitato/limitante.
    E' purtroppo vero che per molti è un lusso fare quello che fa stare bene davvero, ma non credo neppure che sia così impossibile. Nella mia interpretazione della sua interpretazione (che al mercato per due soldi mio padre comprò xD) penso che lei abbia escluso le piccole cose che possono fare bene anche in mezzo a tante responsabilità che non si possono e non si devono demandare.
    Per esempio, è vero, magari nessuno vuole puntare la sveglia alle 6 del mattino ma è anche vero che durante quella giornata ci sono tante cose che si possono avere per compensare la levataccia (vedere il sole sorgere, per esempio).
    Non so se mi sono spiegata, nella mia mente è tutto chiaro xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà si possono interpretare alcune cose in modi diversi, ma non il messaggio della canzone in esame: quello è inequivocabile :D. ed è stato distorto dall'interpretazione dei piani alti. Parimenti, è vero che il discorso di Caparezza può includere anche la sfumatura che cogli tu: anche alzandosi alle sei di mattina, ci sono dei vantaggi che dobbiamo cercare di cogliere. :D

      Elimina
    2. Beh, io credo che il messaggio della canzone sia uno -che conosce bene solo chi la scrive ovviamente- però che essa possa essere comunque interpretata liberamente, in base a come ti arriva. Certo, siccome la tua collega lo fa di mestiere dovrebbe essere sopra le parti. Però a noi fan come minimo deve rimanere la libera interpretazione xD come noi quando scriviamo un post e gli altri lo leggono sentendo/percependo cose diverse :)

      Elimina
    3. Libera interpretazione fino a un certo punto XD. Cambiando discorso, ultimamente ci sono un sacco di articoli\interviste su Tizy. Mi ha sorpreso leggere che stravede per Levante, quella di "che vita di merda" e "Pezzo di m.." (a me non dispiace eh)

      Elimina
    4. Yeah, lo so. Ho letto l'intervista *.* tra l'altro, guarda caso, il suo Cd nella versione Urban/Acustico esce il giorno del mio compleanno xD ditemi che non è amore questo?!

      Elimina
    5. Si, perché sta per uscire la versione acustica/urban de "Il mestiere della vita" -guarda caso il giorno del mio compleanno xD se non è amore questo xD!-. Ogni giorno sono su google a cercarlo *.* *.*

      Elimina
    6. Scusa il doppio commento ma pensavo che il primo si fosse cancellato xD

      Elimina
    7. Oh bene :D chi te lo regala per il compleanno?

      Elimina
    8. Può essere che me lo regali io da sola xD non è raro :) Mizio è da settimane che mi tortura con quello che mi ha regalato senza dirmi cos'eeeè

      Elimina
    9. Lo voglio sapere anche iooooooooooooo

      Elimina
    10. Non lo sa nessunooo xD dobbiamo aspettare XD

      Elimina
    11. Io ho già iniziato a comprare i regali di Natale *____*

      Elimina
    12. Ho letto da Pia ^.^ io già a cercare cose bellissime da fare che poi non verranno mai xD tipo il pupazzo di neve coi bicchieri di plastica xD

      Elimina
    13. Natale è un lavoro :D tra regali, biglietti e cose varie :D. Lavoro piacevole.

      Elimina
  11. Magari fosse anche un lavoro retribuito, diventerei ricca xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo ricchi d'ammore delle persone che stupiamo con le nostre sorpreseee

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Le quattro canzoni degli 883 che hanno fatto la (mia) storia

Max Pezzali e gli 883, con mia grande sorpresa, sono un mito per tantissimi, nella blogosfera. Quando c'è un tag sull'infanzia, Max e la sua storica band (inizialmente un duo, in realtà) spuntano sempre fuori nelle varie citazioni. Mi fa sorridere ricordare che ero l'unico, tra i miei amici, ad ascoltarlo! E poi era opinione comune che le canzoni degli 883 fossero banali e c'era anche chi riempiva di disprezzo chi le ascoltava (o forse disprezzando me, disprezzava le canzoni che ascoltavo. Vabbè). Io, come spesso accadeva in gioventù, ero fiero di andare controcorrente. E siccome siamo nel cuore dell'estate e le canzoni degli 883 hanno fatto sempre da colonna sonora alle mie estati, ho deciso di pubblicare questo post. In realtà ho scelto quattro canzoni che hanno qualcosa di più: un legame con alcuni momenti della mia vita.

O ME O QUEI DEFICIENTI LI'



Gli 883 hanno sfatato per me il tabu' delle parolacce, anche se, ovviamente, quando cantavo i loro brani, l…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…