Passa ai contenuti principali

I giocattoli più belli che Babbo Natale mi ha regalato nella mia infanzia

Manca un mese a Natale e diamo spazio alla nostalgia (in senso buono) con uno dei primi post che ci accompagneranno in questo mese sul tema. Volevo realizzare una classifica, ma mi è stato praticamente impossibile fare delle selezioni. Per cui, elenco 'a casaccio', che va bene lo stesso!

LA CASA DEI GHOSTBUSTERS FILMATION'S (le due foto fonte Pinterest): ricordo ancora l'emozione quando vidi quel gigantesco pacco sotto l'albero di Natale. Ero un bambino dell'asilo, penso che fosse il Natale del 1987. Avevo quattro anni e non sapevo ancora scrivere, infatti non feci la letterina. Quell'anno i miei genitori mi regalarono la bellissima casa dei Ghostbusters (in più anche Jack ed Eddie, mentre la Befana mi portò Grunt). Ghostbusters era il mio cartone preferito, all'epoca (più dei Masters! Ma come sempre detto, non amavo molto il cartone, ma amavo i giocattoli dei Masters. La casa aveva una botola, l'ascensore, il telescopio, la scrivania di Jack con il teschiofono, la mitica televisione e il cucu'.


TRANSFORMERS DEFENSOR (foto Gokin.it): nel Natale del 1988 (o del 1989) chiesi al simpatico vecchietto barba lunga e vestito rosso uno dei set 'Combiner' dei Transformers. Avevo già preso Devastator sfuso, pezzo per pezzo. Scelsi senza esitazione Defensor, perché mi piaceva un sacco il camion dei pompieri. Il mio 'flash' di quel Natale è l'immagine mia e dell'amico Francy N., che giochiamo con i Transformers per terra, vicino l'albero di Natale.


SUBBUTEO (foto Tablesoccer.com): ricevetti ben due set del Subbuteo (ne parlerò in un post), con due squadre, porte, palloni, il campo verde. Il secondo set aveva anche il tabellone e le recinzioni. Il primo nel 1989 (o nel 1988), il secondo nel nel 1994. Nel primo c'erano Germania (con la maglia del mondiale del 1986) e Argentina, nel secondo Germania (con la maglia di Euro '92) e Usa. Vista la mia passione per il calcio, credo sia superfluo specificare il perchè di quella richiesta a Babbo Natale.

IL CAMPER MICRO MACHINES: Natale 1991, Babbo Natale esaudì anche questo mio desiderio. Non sono mai stato un grande amante delle macchinine, tranne un'infatuazione infantile per i camion (dai 2 ai 4 anni!), ma per le Micro Machines ho fatto sempre eccezione. Avevo una discreta collezione e il Camper non poteva mancare, dopo la prima città che si chiudeva in valigetta. Il Camper si apriva e diventata la più grande città Micro Machines. C'era il benzinaio (da bambino avevo una perversione per le stazioni di servizio!), il ponte con la sbarra del passaggio a livello, la stazione di Polizia con sirena suonante. Bellissimo!

L'AVAMPOSTO IMPERIALE DEI PIRATI: Natale 1992, trovai sotto l'albero lo splendido avamposto delle guardie imperiali (quelle con la bandiera biancorossa). Riguardando oggi la prima fortezza dei gendarmi, la storica Eldorado (i soldati con la bandiera biancoblu), noto che effettivamente la mia base era molto più curata nei dettagli. Aveva anche una piccola nave mercantile, perché in effetti il set era metà fortezza e metà porto. Le ore di gioco spese? Infinite.

LA STAZIONE DI POLIZIA LEGO: Natale 1993, Babbo Natale colpì ancora, esaudendo ancora una volta i miei desideri. La Stazione di Polizia Lego (la terza della serie città) era una vera e propria goduria per il Lego Giocatore (non per il Lego Costruttore), per quello che come me costruiva e poi non smontava, divertendosi a inventare migliaia di avventure. Ma fu una bella emozione anche costruire questo set, assieme a mia sorella.

Commenti

  1. Hai ricevuto regali fantastici.
    Spesso non ci rendiamo conto ma anche tutto ciò ci forma nel profondo.
    Abbraccio grande. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la visita :), hai proprio ragione: regali fantastici. E condivido anche il seguito del tuo commento. Il bene ricevuto poi fortunatamente si restituisce :). Ciao Pia, buon weekend ^_^

      Elimina
  2. Ma se io non ricordassi nulla invece? Che tragedia.. ricordo sicuramente bei regali.. ma nulla da poterci fare un post ora... ricorderò sempre il mio primo lp acquistato (Deep Purple in Rock), o il primo acquisto dopo il primo stipendio (Una Yashica FX3).. ma credo finisca là... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo Franco tu non sei della generazione geek (1983-1987) per cui è difficile avere gli stessi ricordi. Noi eravamo i primi ad essere materialisti e consumisti, con i giocattoli che cadevano a pioggia e i programmi tv fatti per invogliarci ad acquistare i giocattoli. Però gli acquisti non valgono comunque :P

      Elimina
    2. ..in effetti si.. voi fate parte di una generazione "bombardata" sistematicamente e chirurgicamente.. quei miei ricordi fanno parte della categoria delle "prime volte". E quelle non te lo puoi scordare. Mai.

      Elimina
    3. Davvero. Bombardati tra tv e cataloghi che erano librettini pieni di magia e di sogni :D

      Elimina
  3. Io non me li ricordo neanche più, anche se una Gig Nikko a Natale certamente ho avuto ;)
    Comunque regali davvero fantastici che ricevevi :)

    RispondiElimina
  4. io non ho mai avuto un natale, con l'Albero e i pacchi colorati sotto. Da noi si festeggiava santa Lucia. La santa senza occhi che veniva dai bambini di notte sopra un asinello e il fido castaldo. Un vecchiette al quale piaceva il vino rosso. Infatti in quella notte noi bambini preparavamo fuori la porta di casa una mela per l'asinello e un bicchiere di vino per lui. Che poi venivano anche una settimana prima suonando una trombetta a lasciarci dei dolci..Devo dire che ancora oggi abbiamo questa tradizione e sinceramente lei spaventa i bambini perché è vestita di veli e ha il volto coperto ..I suoi regali erano giocattoli sempre e quello in particolare che io ricordo da bambina è il Cicciobello nero..a quei tempi era una novità ed io ne avevo tre o quattro ma quello era speciale,davvero. Poi con le mie bimbe e i miei suoceri ho imparato la magia del natale,,,con l'albero il presepe gli addobbi e i regalini ben impachettati con carte selezionate di tutti i colori..e poi le musiche...che bello Richy , tra un po' lo sarà ed io mi sento già meglio Un abbraccione e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che brutto festeggiare a Santa Lucia e niente festa il 25 dicembre :/. Il cicciobello nero? Se non sbaglio era un pupazzeto 'cult'. Bene, qui troverai fino al 25 dicembre molti post dedicati al Natale :) spero di trasmettere belle sensazioni natalizie.

      Elimina
  5. Anche io ricordo con grandissima gioia i regali che mi portava Babbo Natale! 😊
    Quelli che mi colpirono di più furono la casa di Barbie è una bicicletta tutta rosa che ho ancora!
    Era bellissimo credere in Babbo Natale e aspettare con ansia la notte tra il 24 e il 25 dicembre!
    E ancora più bello era il clima di festa e l'affetto delle persone a noi care!
    Sophia è ancora troppo piccola per capire la maglia del Natale, ma sono sicura che apprezzerà moltissimo i regali che troverá sotto l'albero.
    Con te, comunque, Babbo Natale è sempre stato generoso... questi giocattoli sono bellissimi!
    Un abbraccio grande e buon fine settimana! 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene: era bellissimo credere in Babbo Natale. Una vera e propria magia. La casa di Barbie? Anche mia sorella l'aveva (ma lei è del 1977)!

      Buon fine settimana Benny!

      Elimina
    2. Ultima domanda, giuro... Segno zodiacale?

      Elimina
    3. a me piacciono le domande :D per lavoro le faccio, nel cazzeggio mi piace riceverle. 3 giugno 1983, per cui gemelli.

      Elimina
    4. Bello!
      Mi place molto questo segno!
      Anche il mio compagno é gemelli! 😊

      Elimina
    5. http://rikynova.blogspot.com/2017/06/aforismi-sui-segni-zodiacali-il-profilo.html

      :P

      Elimina
  6. Il camper Micro Machine presto arriva anche da me!
    Bellissimi questi regali, davvero.
    Specie i Lego e la casa degli Acchiappafantasmi (la struttura è quella di Grayskull, a occhio, anche se è più strutturato e ha più robe)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il castello dei masters lo vidi dal vivo una sola volta, a casa di un bambino figlio di una parente lontana di mamma. A memoria mi sembra leggermente più grande! Attendo il tuo post sul camper, sono curioso!

      Elimina
    2. A giudicare dall'immagine del bambino che gioca con la casa, come dimensioni secondo me siamo lì, più o meno...

      Moz-

      Elimina
    3. son diventato cieco, quando ho letto il tuo commento sono andato a guardare la foto e ho detto: ma dov'è il bambino :D?

      Elimina
  7. Sei vecchio ed io non conosco i tuoi giochi xD Ma è molto bello che tu abbia questi ricordi, anche perché penso che il Natale sia la festa dei bambini proprio e che sia giusto e bellissimo fargliela vivere al meglio.
    Io del Natale da piccola ho ricordi più che altro legati all'albero, che prendevamo vero. Mi ricordo il profumo, i rametti che cadevano per terra e mi bucavano i piedi xD i regali intorno, tantissimi, le ceste col cibo. E poi le palline come si usavano una volta, non di design come quelle di oggi, ma belle colorate e piene di ghirigori.
    Ah, lo sai cosa mi ricordo con tenerezza a proposito dei regali? Che quando eravamo, appunto, così piccole, io e la minore delle mie sorelle volevamo a tutti i costi fare dei regali ai nostri genitori e cosa ci è venuto in mente? Di confezionare per papà dei campioncini di profumo trovati nel bagno e per mamma una saponetta, di quelle bianche xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è l'unico dei casi in cui sono contento della mia anzianità, perché in caso contrario mi sarei perso (a mia insaputa) dei giocattoli strepitosi.

      La riflessione sul Natale come festa dei bambini l'avevamo già trattata in uno scambio di commenti, se non sbaglio; ed è al centro di un altro mio post che sarà pubblicato nei prossimi giorni.

      Le palline natalizie? Noi ancora abbiamo sull'albero palline anni '80 :).

      Carine voi che facevate un pensiero anche ai vostri genitori :)

      Elimina
    2. A me piace l'albero tutto colorato. Ne faccio due: quello grande con le palline principali diciamo, blu ed argento. Quello più piccolo con le palline rimaste dal primo o quelle sfuse. Ed ovviamente il più bello è quest'ultimo xD pensa che metto le palline proprio nello stesso ordine di colore di modo che sia perfetto xD
      Quindi viva le palline "fuori moda" ^.^

      Elimina
  8. fighissima la casa dei ghostbusters!!! 😍
    sai che mi pare di non aver mai scritto letterine a babbo|natale? tristezzaaah ahah
    sarà perché ai giocattoli preferivo sempre andar fuori a scorrazzare per la via 😄
    però anche io avevo una passione per i camion, specie per quelli dei pompieri, e poi mi piacevano i puzzle, indovina chi?, le carte UNO e tutti quei giochi che mi permettevano di fare|disfare: tipo la scatolona dei lego o le mitiche bustone con animali|recinti|etc...
    a differenza di ciò che racconti sul finale, io passavo tipo ore a costruire fattorie, fortini, castelli, per poi, al momento del gioco vero e proprio, buttare tutto giù ahaha
    -un|tipetto|caterpillar 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indovina chiiiii, bellissimo, mi fa piacere sapere che è stato un 'cult' anche della tua infanzia. Peccato non aver mai scritto la letterina a Babbo Natale: quando l'ha scritta mia nipote, a casa mia, è stato un momento molto emozionante.

      La casa dei Ghostbusters è un gioco fichissimo, i bimbi d'oggi una cosa così se la sognano XD.

      Quindi tu eri un Lego Costruttore-Distruttore: ahah, non saremmo andati molto d'accordo :D (specie se avessimo giocato con i miei Lego).

      Elimina
    2. ahahah immagino proprio di no! XD
      ma con la casa dei Ghostbusters ci avrei giocato molto volentieri ;)

      Elimina
    3. Fra un po' la vado a riprendere in cantina e mi metto a giocarci :D, peccato che ho rotto l'ascensore (ma l'ascensore era l'unica cosa che non mi piaceva della casa. Perché quello del cartone era fotonico ed era preludio alla scena della 'vestizione' dei Ghostbusters!)

      Elimina
    4. ahaha grande! xD posso venire?
      porto le merendine e prometto di non smontare i tuoi Lego! ahaha ;P

      Elimina
    5. Divieto di avvicinamento a 50 metri dai lego :D

      Elimina
  9. Che belle leccornie che hai ricevuto :D Il camper dei Micromachines ogni tanto lo ritrovo nei vari mercatini, deve aver fatto molto successo all'epoca! Invidia comunque per la Stazione di Polizia dei Lego

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il camper ha avuto una seconda riedizione, quindi bisogna stare attenti..perché la prima è quella che vale :P :P. Il Camper è ancora in casa, perché ci lascio giocare mio nipote, assieme al Palace (altro bellissimo set che ho escluso da questo post). I Lego sono chiusi nelle scatole chiuse a loro volta negli scatoloni. La stazione di Polizia? ore e ore di gioco.

      Elimina
  10. Che memoria, ragazzi! Complimenti Riki!
    Tra i miei giochi d'infanzia natalizi, i più 'memorabili' sono senza alcun dubbio la casetta di Winnie The Pooh a forma di Albero e, sull'onda del successo dei Geomag, il mitico Catchmag, consumato da mille partite con amici e cugini :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Fede! Sono dovuto andare a vedere cosa fosse Catchmag :D

      Elimina
  11. Ecco, ti sei appena aggiudicato di nuovo il primo quote per il prossimo Rosvita! Quando ti ho risposto stamattina non sapevo avessi pubblicato questo articolo.

    La casa dei Ghostbuster non l'ho mai avuta ma per fortuna ce l'aveva uno dei miei tanti cugini e ho avuto modo di giocarci per tanti pomeriggi! Stupenda!
    Ma allora non sono l'unico a cui la Befana portava un regalo anziché la calza! Io e mia sorella scrivevamo la lettera anche a lei ma la regola era che il regalo doveva essere piccolo perché lei era povera a differenza di Babbo Natale che era ricco e poteva fare regaloni senza un tetto al budget.
    Dei Transformers sai che non ero e non sono un fan.
    Del Subbudeo, lo dico per la prima volta, ci ho giocato solo una volta a casa di un compagno della prima media... non mi ha preso e non ho mai chiesto di farmelo regalare.
    Delle Micro Machines ne avevamo parlato da me in estate.
    I pirati non li ricordo, dovrei vedere qualche foto ma io avevo solo Lego e Playmobil con quel tema.
    La stazione di polizia non ce l'ho avuta, anzi, credo di non aver mai avuto uno sbirro.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie :) felice di aprire anche il tuo prossimo post 'Rosvita' :). Tuo cugino aveva altri prodotti della linea Ghostbusters? Io tutti e tre gli acchiappfantasmi e facevo strani incroci con i The Real :D.
      La befana a me portava calza e un regalo più piccolo; a casa mia non era prevista la lettera per la befana, ma sceglievano i miei . Sbagliando raramente, anzi mai!

      Elimina
    2. Aveva la macchina che si trasformava girando la faccia sul davanti che da piatta diventava a "proiettile" e il telaio delle ruote che di allungava a mo' di trampoli.
      Altro mi pare di no.

      Elimina
  12. Defensor ce l'avevo anche io! Bellissimo! Purtroppo non ce l'ho più, come tutti gli altri Transformers, invece Devastator non ce l'ho mai avuto :( Più di una volta ho pensato di prendere i pezzi singoli del nuovo Defensor della bellissima linea Transformers Generation ma alla fine niente, in compenso ho preso il corpo centrale di Bruticus e Ultra Magnus (questo non ho proprio resistito tanto è bello)
    La stazione di polizia era quella che aveva la macchina e l'elicottero? Se si avevo anche questo, il resto mai avuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenzione perché più o meno tutte le stazioni di Polizia avevano elicottero e auto XD. Ho messo il link dello spot sul nome, guarda se è quella! Ultra Magnus è quella versione che si trasforma benissimo (cioè la motrice fa parte del corpo del robot senza staccarsi e diventare l'interno dell'armatura-rimorchio)? L'ho visto su un video di Youtube!

      Elimina
    2. È questo http://www.poopoopanda.com/assets/images/hasbromarch2015/B0972AS04_TRA-GENERATIONS-LEADER-CLASS-AST-W3_5_1423963717.jpg

      Elimina
    3. mamma mia che meraviglia! Dovrebbe essere quello lì

      Elimina
    4. Credo proprio di si, è un corpo unico con il rimorchio, 25 passi di trasformazione che per me sono tantissimi ma era così bello che non potevo lasciarlo in negozio XD

      Elimina
    5. Io mi son trovato in difficoltà una volta a trasformare un normale Autobots (dal film n.4), pensa te :D . I nostri tiravi giu' due-tre pezzi ed erano pronti XD

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…