Passa ai contenuti principali

Cinque portieri idoli della mia gioventù, la classifica

Cinque portieri che per me erano leggenda, al di là delle prestazioni effettive sul campo e dei titoli conquistati in carriera. Protagonisti anche miei videogiochi preferiti.

5) Mickael Landreau - Francia: era la risposta francese a Gigi Buffon. Titolare a 17 anni in Ligue 1 con il Nantes, al posto di un altro portiere che suscitava le mie simpatie come Casagrande (giocò con il Nantes contro la Juventus in Champions League). In Pc Calcio 6.0-7.0 era un portiere dai valori già alti di base, con ulteriori margini di sviluppo. Ha giocato un sacco di anni al vertice, sempre nella massima serie francese, fino ai 35 anni di età. Ma in nazionale non ha mai sfondato, non solo per la presenza tra i pali di un mostro sacro come Barthez.


4) Wilfred Agbonavbare - Nigeria: deceduto il 27 gennaio di due anni fa, a 48 anni, portato via da un brutto male. Un portiere piuttosto massiccio che entrò nell'olimpo degli idoli grazie alla mitica canzone di Elio e le Storie Tese "Nessuno allo Stadio" e al verso "Se Agbonavbaré difenderà la propria porta nei mondiali di calcio americani, forse la Nigeria vincerà
questi famosi campionati di calcio mondiali americani". Va detto che tra i pali della Nigeria giocò il principe Rufai, che sia ai mondiali del '94 che a quelli del '98 non fece una grande impressione. Mentre la squadra che conquistò la medaglia d'oro alle olimpiadi nel 1996 schierava tra i pali Joseph Dosu, che un anno dopo fu costretto al ritiro, gravemente ferito in un incidente stradale.


3) Carlos Roa - Argentina: il Mallorca '97-'99 era una delle mie squadre preferite, come già spiegato nella prima classifica dedicata alle maglie da calcio. Tra i protagonisti c'era il portiere acquistato dal Lanus, esaltato dalle cronache per le sue prestazioni. Roa difese i pali dell'Argentina ai mondiali del '98: porta inviolata nel girone eliminatorio e rigore decisivo parato agli ottavi con l'Inghilterra. Bellissima la divisa nera, con le tre strisce dell'Adidas bianco-azzurre. Poi il declino, tra un breve ritiro per motivi religiosi e la battaglia, fortunatamente vinta, contro un cancro ai testicoli.


2) Carlos Fernando "Mono" Navarro Montoya - Argentina: sì, proprio così, Carlos Fernando "Mono" Navarro Montoya, letto tutto di un fiato nella scheda di pc Calcio 5.0. Dove spiccava come portiere saracinesca dell'Extremadura, piccolo club di Spagna: quattro stelle e mezzo, tra i dieci migliori portieri di tutto il videogioco. Semplice, Montoya aveva iniziato la stagione tra i pali del Boca Juniors e i produttori del gioco lasciarono intatta l'abilità di partenza. Ma d'altra parte Montoya negli anni '90 è stato un grande portiere nel campionato argentino, prima della parentesi spagnola: Extremadura, Merida e Tenerife. In Pc Calcio 6.0 e 7.0 la sua forza fu adeguata al rendimento avuto in Spagna. Ma il "Mono" è poi tornato protagonista in Argentina e ha chiuso la carriera alla veneranda età di 44 anni.


1) Giuseppe Taglialatela - Napoli: negli anni '90 la scuola italiana dei portieri era la migliore al mondo. Basti citare l'europeo 1996: Sacchi scelse il fortissimo Peruzzi come titolare e portò come riserve il giovane talento Toldo e Luca Bucci, caduto in disgrazia al Parma - complice anche l'ascesa di Buffon - ma come Peruzzi abile nelle uscite di piede, caratteristica richiesta dal gioco a zona. Dall'Europeo furono esclusi portieri di grande rendimento come Rossi del Milan, Pagliuca dell'Inter e Taglialatela del Napoli. Quest'ultimo era il mio portiere preferito. Proprio così. Non solo per i bellissimi completi dell'Uhlsport che indossava. Mi esaltava il suo modo di giocare. Piccolo, ma volava da un palo all'altro. Nel 1996 chiuse la saracinesca in un Cagliari Napoli e si lanciò in una severa reprimenda verso i compagni di squadra. Un vero e proprio leader. Nel 1996-97 si presentò tra i pali con la più bella maglia da portiere della storia: la grigia-nera con il simbolo di Batman, perché questo era il soprannome dell'estremo difensore napoletano.


Commenti

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…