Passa ai contenuti principali

Alcuni appunti su Cabal - Nightbreed di Clive Barker

Image and video hosting by TinyPic
Ieri sera terza visione ufficiale di Cabal (Nightbreed), film del maestro Clive Barker. Questa non è la solita recensione, ma appunti sparsi, per una pellicola che è vista da alcuni come una grande incompiuta, da altri come un'opera sottovalutata. Manco a dire che probabilmente la verità è nel mezzo; personalmente ritengo Cabal uno dei 10 (o 15 ?) migliori film horror della storia. Partiamo dall'impianto: Cabal è un horror o un fantasy ? E' una commistione di entrambi i generi: fantasy-slasher. Potremmo dire che la vicenda dei mostri del sottosuolo (il fantasy) è parallela alla vicenda del serial killer che stermina le vittime (slasher). Lo splatter è infatti confinato agli omicidi "terreni" (fatta eccezione l'autoscarnificazione). Prima pecca del film: la scena della battaglia finale poteva essere un capolavoro di gore, specie quando entrano in scena i Berserkers (demoni), che invece si limitano a girare qualche collo e a dare ceffoni agli assalitori. Seconda pecca del film: i personaggi del sottosuolo meritavano approfondimento psicologico, il che significava probabilmente...girare una trilogia. Terza pecca del film: il finale. Sì, avete capito bene. Il colpo di scena (la resurrezione di Decker) in questo caso peggiora il risultato, anche se l'immagine del prete rinnegato Ashberry che proclama "l'alleluja" di fronte al corpo di Decker, adagiato sulla statua dell'angelo senza testa, è indubbiamente d'effetto. Perchè dico ciò ? Toglie magia al film, basato sulla contrapposizione tra umani (buoni e cattivi) e i mutanti reietti (buoni e cattivi anch'essi ad ogni modo). Il colpo di scena finale rimanda ad un possibile sequel (ovviamente non realizzato) in cui Cabal\Boone sarà chiamato ad affrontare, assieme ai suoi compagni, Decker e Ashberry (e probabilmente i loro seguaci): una divagazione sul tema principale che sorregge la vicenda. Cosa ci piace allora di Cabal ? Tralascio la sontuosa fotografia, l'intepretazione magistrale di David Cronenberg e il panorama di creature mostruose che popola Midian: fattori che fanno di Cabal una pellicola culto. Quello che colpisce è la struttura di questo inferno, Midian. Regno che ha accolto gli uomini e le donne deformi. Regno che accoglie persone deboli, ma anche persone estremamente forti. Regno che accoglie i famigerati Berserkers, vere mostruosità incontrollabili. "Noi sappiamo volare, sappiamo vincere la morte. Voi sognate di volare, di vincere la morte. Per questo volete distruggerci: per invidia", spiega Rachel a Lori. Suggestivo: l'uomo ha incubi e sogna mostri perchè vuole fare cose che non può fare e che possono fare solo i mostri. Infine, un particolare secondario, ma secondo me decisivo: il personaggio del detective Joyce, una figurina muta, quasi invisibile, ma simbolo dell'uomo onesto a cui viene prima celata la verità, poi rivelata, ma solo un attimo prima di morire.

Commenti

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…