Passa ai contenuti principali

Film horror: Non entrate in quel collegio

Image and video hosting by TinyPic
Film colpevolmente sottovalutato, può pagare dazio all'età (30 anni), mentre all'epoca probabilmente non riuscì ad emergere per la saturazione raggiunta dalla categoria "slasher". Confrontato con certe pellicole recenti, acquista un determinato valore: forse un po' lento nella parte iniziale, ma riesce comunque a tenere la tensione ad un livello più che dignitoso. La vicenda ruota attorno ad uno scherzo terminato in tragedia: alloggiate in una villa riadattata in dormitorio dalla proprietaria, la sig.ra Slater, le ragazze decidono di vendicarsi dei suoi metodi austeri. Lo scherzo, come detto, sfugge di mano e termina con l'accidentale morte della Slater. Dalla sera successiva, le ragazze coinvolte inizieranno a cadere per mano di un misterioso serial killer. Gli omicidi sono numerosi, anche se lo splatter è centellinato: ad ogni modo una scena strappa applausi. Anche dal punto di vista dell'erotismo, il regista accenna, senza mai spingere l'acceleratore. Non ha scelto insomma facili scorciatoie: questo è indubbiamente un punto a favore. Le ragazze vittime della furia del killer sono un gruppo eterogeneo, con il conflitto tra Katey (la protagonista) e Vicky (la vera antagonista) che arricchisce la vicenda. Non manca qualche tocco di classe da parte del regista, notevolmente influenzato dal primo slasher (Black Christmas, del 1974, già recensito in questa sede): la soffitta, ancor più della piscina in cui si consuma l'omicidio, è uno dei luoghi centrali della vicenda.

Commenti

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…