Passa ai contenuti principali

Film Horror: Leggenda mortale (anzi, noia mortale)

Image and video hosting by TinyPic
Ringraziamo il Doc per l'immagine del serial killer del film in azione
Domenica sera Italia 2 ha proposto come di consueto un horror. Il 13 novembre è stata la volta di "Leggenda Mortale", terzo capitolo della saga (sig) di "So cosa hai fatto". La tristissima sega, ehm saga, si basa sulla storia di un gruppo di ragazzi che investe un malcapitato e nasconde le prove dell'incidente per evitare una bella denuncia (sempre di gruppo). Poi il tizio, divenuto stranamente un colosso forzuto, ritorna (risorge ?), si maschera e incomincia a perseguitare i ragazzi, punzecchiandoli con il suo uncinone. In questo "Leggenda mortale" c'e' un banale scherzo che diventa tragedia e da qui il gruppetto di amici inizia ad essere perseguitato dall'uncinatore folle. Per 4\5 del film si ha il solito de-ja vu: il classico horror americano, così patinato, così pietoso nell'interpretazione, con gli attori che invece di trasmettere angoscia, ti fanno pietà: poveretti, sono stati scartati da O.C. e da One Tree Hill, si ritrovano qui per non far pagare ai genitori l'affitto dei loro appartamenti. Chiaramente pensi che dietro le fattezze del serial killer in impermeabile nero si nasconda il vice sceriffo (soluzione razionale) oppure il primo morto (soluzione extra terrena), ma non è così. Il serial killer si scopre essere...un mostro. Ok, abbiamo bisogno di fare un film. Ci serve un mostro. Cazzo, Freddy Krueger e' in pensione. Jason è impegnato. Ok, prendiamo questo. "Ehi tu, vieni qua. Aspetta che ti tagliamo una mano e ti mettiamo un uncino. Bene, sei perfetto per la parte". Il film prova a decollare negli ultimi 15 minuti, quando prova ad offrire un po' di azione e qualche infilzamento. Quasi quasi strappa la sufficienza, specie per l'infilzamento con il carrello trasportatore. Cazzo, cazzo, la sufficienza ! Il regista ci pensa e ha un'illuminazione: prendiamo uno dei classici finali stereotipati dell'horror del nuovo millenio e siamo a posto ! Gia', evitiamo di prendere una bella sufficienza ! Se fossimo in un ristorante, è come si ci venisse servito il solito pasticcio di carne surgelato. E da buoni emuli di Gordon Ramsay, non possiamo fare altro che dire: "Che film di merda". Ah dimenticavo. L'uncinatore, quel tipo brutto, grosso, grugnesco manda sms. Manda sms con frasi di senso compiuto. MANDA SMS CON FRASI DI SENSO COMPIUTO ? REGISTAAAAA..SCENEGGIATOREEEEE...
Image and video hosting by TinyPic

Come sempre in questi profondi horror, evviva la figaaaaaaaaaaaaaa

Commenti

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…