Passa ai contenuti principali

Film Horror: Incubo sulla città contaminata di Lenzi (e il sogno di tutti noi)

Image and video hosting by TinyPic
L'uomo melanzana all'opera
Torna la serata horror, dopo tantissimo tempo: per festeggiare, torta alla crema al limone gentilmente offerta da mamma e un culto horror, "Perchè qui non si guardano horror, ma horror culto". Dalla riserva migliore, ecco il pregiato "Incubo sulla città contaminata" di Umberto Lenzi, una delle pellicole preferite da Quentin Tarantino, omaggiata dal suo pupillo Robert Rodriguez in "Planet Terror".
In poche parole, il film che piace tanto a noi appassionati di "culto": zombie, del cui punto debole finalmente viene data spiegazione scientifica ("Gli esseri sono invincibili, fatto salvo si faccia saltar loro il cervello, perchè si paralizzano, mentre i loro tessuti sono invulnerabili"); ritmi serrati e azione, con questi esseri infernali che sono dinamici, veloci e intelligenti (strateghi sempre, non come in zombie horror dove alternano fasi di bradipismo a fasi di iperattività strategica); un protagonista che pur non essendo il boero a tutto tondo, si fa comunque rispettare e dà del filo da torcere ai suoi nemici.
Il grande punto di forza sono le scene dell'assalto alla televisione e all'ospedale, alternate con le riunioni che il generale Murchinson tiene con i suoi uomini in una stanza del pentagono. Gli zombie avanzano e uccidono, seguiti da una regia dinamica; mentre il generale studia tattiche per contrastarli. Il quadro apocalittico tipico degli zombie movies si forma a poco a poco, finchè lo stesso generale, dopo mille tentativi falliti, sconsolato dichiara: "Che Dio abbia pietà di noi", perchè il male non può più essere fermato. A proposito di religione, altra scena culto è quella ambientata nella Chiesa. Non manca neppure il "pistolotto" ambientalista e sulla crudeltà dell'uomo, perchè alla fine anche il più serrato degli zombie movies ha sempre un messaggio da offrire ai suoi spettatori. Capitolo make-up: nella crew non abbiamo nè Tom Savini nè Giannetto de Rossi, così alcuni zombie sono umani con delle melanzane in faccia, altri sono umani con delle croste, altri ancora sono umani con strani passamontagna. In poche parole, fanno più ridere che paura. La pellicola invece merita tre stelle, esaminando il profilo splatter. Il sangue scorre a fiumi, con corpi dilaniati, teste che saltano, perforamenti e infilzamenti; tutto con un certo ritmo, senza quel sadismo tipico del torture porn, dove l'agonia e la sofferenza del torturato è l'unico elemento su cui si insiste per turbare lo spettatore. Pensiamo alla scena del seno asportato: in "Incubo sulla città contaminata" è solamente una delle scene che mostra la brutalità degli zombie (particolarmente interessati, peraltro, alle nudità femminili), una delle tante che si alternano nel contesto del film e quindi ampiamente giustificata; nel disastroso "Torturer" di Bava, la scena del piercing strappato a infilato nel seno è invece una scena ridicola e di cattivo gusto, inserita per scuotere lo spettatore che oramai si stava addormentando; con gusto sadico di mostrare l'agonia, lenta, della vittima, mentre negli zombie movies i personaggi muoiono in un modi più o meno efferati, ma morto uno...si passa subito al prossimo, senza soffermarsi troppo.
Veniamo, in conclusione, all'unica vera pecca del film. Lenzi macchia questa sua performance con un finale assolutamente ridicolo per due motivi. In primis per l'espediente, vecchio quanto il cucco, del sogno. Quando sua moglie cade dall'elicottero e si fracassa al suolo, Miller si sveglia nel suo letto, con a fianco la sua dolce metà: tutte le vicende sono state sognate. E a quel punto Lenzi esagera, riproponendoci papale papale i primi 5 minuti della pellicola, con l'arrivo in aeroporto dell'aereo dei dannati: concludendo il film con la stessa scena del portellone che si apre, aggiungendoci la scritta "L'incubo diventà realtà". In poche parole Lenzi macchia la splendida camicia bianca che ha stirato e per togliere la macchia, fa un buco. Ma all'appassionato di culto, bastano i primi 85 minuti: diciamo che il film termina con quel salto nel buio di quel pupazzo biondo, che si piega goffamente sbattendo contro le montagne russe, si contorce, con un grottesco effetto comico che consegna all'immortalità il capolavoro.

Memorabilia:

- il chirurgo ninja che, nonostante l'età avanzata, si ribella agli zombie lanciando il bisturi a mo' di stelletta ninja;
- i cazzotti alla "Bo Spenser" (cit. Filo) e alla Terence Hill che i contaminati alternano alle loro brutalità, con tanto di effetto sonoro;
- il campeggio in cui vanno la figlia del generale e il marito con il loro camper, praticamente un campo con un po' di grano e del fango;
- il genero del generale che viene fiocinato e la scena dello sbulbamento con l'attizzatoio;
- l'autombulanza stile Ecto-1 dei Ghostbusters, usata peraltro da Miller e compagna nella fuga;
- Miller che da solo tiene testa a valanghe di mostri usando tutte le armi possibili, compreso un televisore che, lanciato contro di loro, prende fuoco tipo bomba molotov;
- la scena del distributore, con Miller che dopo aver usato un televisore bomba, fa una molotov e la lancia verso un gruppetto di zombie seduti vicino alla pompa di benzina, facendoli bruciare;
- lo sguardo di uno degli zombie nella scena di cui sopra, con lo sguardo terrorizzato; perchè gli zombie in questo film sono intelligentissimi e lui ha già capito di essere nella merda.

Commenti

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Le quattro canzoni degli 883 che hanno fatto la (mia) storia

Max Pezzali e gli 883, con mia grande sorpresa, sono un mito per tantissimi, nella blogosfera. Quando c'è un tag sull'infanzia, Max e la sua storica band (inizialmente un duo, in realtà) spuntano sempre fuori nelle varie citazioni. Mi fa sorridere ricordare che ero l'unico, tra i miei amici, ad ascoltarlo! E poi era opinione comune che le canzoni degli 883 fossero banali e c'era anche chi riempiva di disprezzo chi le ascoltava (o forse disprezzando me, disprezzava le canzoni che ascoltavo. Vabbè). Io, come spesso accadeva in gioventù, ero fiero di andare controcorrente. E siccome siamo nel cuore dell'estate e le canzoni degli 883 hanno fatto sempre da colonna sonora alle mie estati, ho deciso di pubblicare questo post. In realtà ho scelto quattro canzoni che hanno qualcosa di più: un legame con alcuni momenti della mia vita.

O ME O QUEI DEFICIENTI LI'



Gli 883 hanno sfatato per me il tabu' delle parolacce, anche se, ovviamente, quando cantavo i loro brani, l…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…