Passa ai contenuti principali

Dicevamo di Paola e Chiara...

Dicevo dunque dell'intervista a Paola e Chiara. Le sorelle Iezzi si esibiranno sabato sera al Velvet di Rimini per "Retropolis", la rassegna su i fantastici '80 e '90. Dopo aver divorato avidamente un piattone di riso (ovviamente ho mezzo stomaco appesantito e l'altra metà che reclama nutrimento), squilla il telefono. E' il manager di Paola e Chiara. "Siccome le ragazze sono impegnatissime con le prove, andrebbe bene oggi alle 14?". Il solito culo. Una volta che trovo un personaggio famoso da intervistare ad un orario umano e con un certo anticipo rispetto al giorno dell'esibizione, sto male. E faccio fare anche una figura da barbone alla Radio. Come posso spiegare che trascorso il turno della mattina della Grazia, se non ci sono io il pomeriggio "ciccia ciccia" telefoniche ? Ci riaggiorniamo a domani, bene. Paola e Chiara dunque. Inserite a pieno titolo tra i simboli degli anni '90. Si legge infatti sul volantino:
"Trainspotting e Pulp Fiction, Spice Girls e All Saints, Nirvana e Soundgarden, Oasis e Blur, Pulp e Suede, Naftalina e Prozac+, Pilots e Primalinea, Pulp Fiction e Le Iene, Max Pezzali e Mauro Repetto, Rage Against The Machine e Korn, Take That e Backstreet Boys, Alberto Tomba e Paul Accola, NoFx e Rancid, Beverly Hills e Melrose Place, Pavement e dEUS, I…ce Mc e Alexia, Ruud Gullit e Marco Van Basten, Marco Pantani e Miguel Indurain, (l’estate italiana di) Edoardo Bennato e Gianna Nannini, Barbie Girl… e tutto quello a cui nessuno ha piu’ pensato!".
Un bel mischione, in effetti. In realtà si sa che verso il 1997 l'introduzione di Internet e' stato il confine tra i fantasmagorici '80-'90 e il triste, nuovo, millennio, compresi gli ultimi anni della decade '90. Perche' nel triennio '97-'99 certi miti dei '90 erano oramai un ricordo lontanissimo. Basti pensare al mitico "Film del campionato" del Guerin Sportivo. Ok, non c'entra un cazzo. Giusto, ma perche' tutta questa frenesia per intervistare Paola e Chiara ? Beh pochi sanno che in camera ho ancora il loro autografo, ai tempi degli 883, quando vennero in quel di Verucchio a girare il video di "Una canzone d'Amore". Era il '95, o forse il '96, stava finendo appunto un'epoca. Il tempo dei grandi cartoni animati americani e della Filmation's, dei Lego e dei pomeriggi passati a giocare con il Commodore 64, stava terminando. Incominciava quella fottuttissima adolescenza fatta di brufoli, ormoni e di reale conoscenza del mondo. Quel mondo così diverso da come te lo eri immaginato nei tuoi giochi, nei tuoi programmi televisivi, nei tuoi sogni. Di quegli anni sarebbe rimasto qualcosa, chiuso in una stanza nel Dream Hotel. Paola e Chiara, che all'epoca erano due bravissime musiciste acqua e sapone, decisero poi di separarsi dagli 883 e iniziarono una loro carriera "solista". Alti e bassi, forse piu' bassi che alti, tanti cambi di look, qualche porcellonata che non fa mai male, il famoso video di Kamasutra che alla fine rispetto a certi video di oggi di Lady Gaga e' praticamente un cartone animato. Mi piace la musica di Paola e Chiara ? No, ovviamente. Però restano comunque un simbolo di un'epoca, di un cambiamento. Proprio loro, la cui carriera e' stata sempre un continuo cambiamento.

Commenti

  1. Che sfiga, piove sul bagnato... speriamo che domani tu sia in formissima per l'intervista!

    RispondiElimina
  2. Sentita l'intervista !!
    Ottima !!!
    Sei un adulatore !! XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Le quattro canzoni degli 883 che hanno fatto la (mia) storia

Max Pezzali e gli 883, con mia grande sorpresa, sono un mito per tantissimi, nella blogosfera. Quando c'è un tag sull'infanzia, Max e la sua storica band (inizialmente un duo, in realtà) spuntano sempre fuori nelle varie citazioni. Mi fa sorridere ricordare che ero l'unico, tra i miei amici, ad ascoltarlo! E poi era opinione comune che le canzoni degli 883 fossero banali e c'era anche chi riempiva di disprezzo chi le ascoltava (o forse disprezzando me, disprezzava le canzoni che ascoltavo. Vabbè). Io, come spesso accadeva in gioventù, ero fiero di andare controcorrente. E siccome siamo nel cuore dell'estate e le canzoni degli 883 hanno fatto sempre da colonna sonora alle mie estati, ho deciso di pubblicare questo post. In realtà ho scelto quattro canzoni che hanno qualcosa di più: un legame con alcuni momenti della mia vita.

O ME O QUEI DEFICIENTI LI'



Gli 883 hanno sfatato per me il tabu' delle parolacce, anche se, ovviamente, quando cantavo i loro brani, l…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…