Passa ai contenuti principali

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma era scritto così bene, con cognizione di causa, che era un piacere leggerlo.

L'articolo migliore di questo Guerin Sportivo n.6 è dedicato al Messico, tra le squadre del mondiale 2018 (ecco, perché non fare qualche articolo in più sul mondiale?). Bene anche l'analisi delle due finali di Champions League ed Europa League e l'approfondimento sull'Empoli neo promosso in serie A.

L'articolo inutile del mese (vi ricordate quelli sulle capigliature e sui soprannomi dei calciatori?) alle moglie dei calciatori e alla mania dei selfie. Mi ha deluso anche la gnocca del mese: Cristina Chiabotto mi è stata sempre antipatica, algida e con quella voce non particolarmente suadente, non mi dice veramente nulla.

Nel centro del giornale c'è l'inserto sulla storia del campionato italiano, dedicato allo scudetto vinto dal Milan nell'annata 1998-1999, e c'è il maxi poster, dedicato ovviamente alla Juventus con Douglas Costa e al Napoli (Hamsik).

Commenti

  1. Concordo su Cristina Chiabotto.
    Buona giornata Riky.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande gus. A noi piace un altro tipo di donna. Buona giornata a te!

      Elimina
  2. Sai che invece a me la Chiabotto non dispiace? la trovo graziosa, esteticamente. Mentre sul carattere non mi pronuncio, non avendoci mai parlato :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una bella ragazza di sicuro. Ma non è nella mia lista favorite :D. E non è il discorso del gatto e delle lasagne XD

      Elimina
  3. Oddio la Chiabotto? Esiste ancora? Non la vedo da secoli dopo un certo exploit (mi piaceva come conduttrice de Le Iene, son sincero).
    Pistolotto anti-arbitro in che senso?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel senso 'quanto sono cattivi gli arbitri che in Europa penalizzano le italiane ahahah

      Elimina
    2. E sulla Juve in Italia che dicono a riguardo? XD

      Moz-

      Elimina
    3. Niente XD, ovviamente, visto che già di suo, a volte, il Guerin Sportivo sembra Hurrà Juventus :D

      Elimina
  4. Ho solo da commentare questo: W la Juve. Sempre e comunque^^

    RispondiElimina
  5. Ok, bene, sai che io il calcio non ci vediamo quindi tanti baci e buon weekend!

    RispondiElimina
  6. L'editoriale parla solo dei torti esteri, ho capito bene? Ipocrisia portami via...
    La Chiabotto sta sul cazzo anche a me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Se vogliamo parlare di arbitri bisogna parlarne a 360° :D. Fondiamo un partito anti Cristina Chiabotto,ahhaah!

      Elimina
  7. Ma il tizio in copertina è un tamarrone!
    Un bacione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sììì tamarrissimo, è il mitico Pogba :D, uno dei tanti calciatori idolatrati oltre le loro reali capacità.

      Elimina
  8. Ciao Riccardo! mi viene da ridere perchè tutto quello che volevo dire lo hanno scritto gli altri ... ah ah ah ... Vabbè mi resta un "buona giornata"!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rilancio con un buona serata e buon weekend :). Per me è un weekend importante :)

      Elimina
  9. La Chiabotto odiosa con un accento odioso.
    Vabbè, il concetto è chiaro.
    Ma io questi post sull'amore mica son riuscita a trovarli!!!
    Dovrai linkarmeli.
    E non ho neppure trovato un tuo indirizzo mail per stalkerarti a dovere.
    La notizia che non sei iscritto a Facebook mi ha trafitto l'anima.
    Ahahahaha
    Adios amigos. :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No adios, ADDIOS :D alla Cannavacciuolo. I post sull'amore son ben nascosti :D

      Elimina
  10. Che articoloni. :-P
    E' più interessante il tuo. :-)

    RispondiElimina
  11. Io un giornale con gli inserti rubentini non lo compro a prescindere... piuttosto, che dici? Il cinese li tira fuori i miliardi dal cassetto entro il 15 giugno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaah ecco, parlavo sul blog di Claudia del tombino magico di Yonghong Li. Per me sì, come sempre.

      Elimina
  12. Una volta leggevo spesso il Guerin Sportivo, con gli anni ho abbandonato questa mia abitudine.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti do' torto. Oggi non è più quel Guerin Sportivo. Ciao Cav!

      Elimina
  13. Hai ragione per il calciomercato, non ha più senso parlarne sui quotidiani tantomeno nei mensili..ormai ci sono moltissimi siti web specializzati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peraltro siti web pieni di bufale di calciomercato XD, un giorno dovrei scrivere un post a tema ahhaah

      Elimina
  14. Quando arriva il calciomercato purtroppo, di cavolate ne scrivono parecchio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, ahhaah, un esempio Nainggolan che ogni estate è dell'Inter...

      Elimina
  15. Ma esiste ancora il Guerin Sportivo??? Parlo sul serio, pensavo che fosse morto e sepolto da una vita... in edicola non lo vedo più (anche perche in edicola ormai ci vado pochissimo). Da ragazzo lo compravo sempre, poi era sparito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Kris, benvenuto! In che anni lo hai comprato? Comunque adesso è mensile ed è una sorta di "Corriere dello Sport" versione rivista, ahimé.

      Elimina
    2. l'ho comprato grossomodo negli anni '80-'90 (quindi in piena adolescenza) con Cucci e Bortolotti direttori. seguivo più che altro la rubrica "Calciomondo", per i campionati esteri... i cui risultati ai tempi li trovavi solo sul "Guerino"

      Elimina
    3. Sì, Bortolotti se non sbaglio è stato a fine anni '80 prima di Bartoletti, Cucci prima di Bortolotti. Io invece quei Guerin Sportivi gli ho recuperati qualche anno fa!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…