Passa ai contenuti principali

Power Rangers Annual 2017, il volume a fumetti con una storia sorprendente

Oggi parleremo dei fumetti "Boom!Studios" dedicati ai Power Rangers. Conosceremo l'annual 2017, il volume dedicato a cinque storie autoconclusive legate al mondo dei Power Rangers. Volume purtroppo inedito in Italia!

La prima delle cinque storie si ricollega direttamente alla saga principale, quella sviluppata nella serie "Mighty Morphin Power Rangers", che ricordiamo, riscrive la storia dei Rangers in un contesto moderno e dai toni più seri e adulti. Ma non solo: "Search Party" parla di Tommy e della sua scelta di appoggiare Rita Repulsa, nella dimensione temporale alternativa a quella reale. Tommy è libero dal condizionamento mentale, ma sceglie di affiancare la strega malvagia. E il resto della storia? Beh, leggete qui. La particolarità di "Search Party" è vedere Tommy che si trasforma in un Ranger per motivi non canonici. Guardate la vignetta qui sotto! (in pratica diventa Ranger per affrontare dei rapinatori).



Più tradizionale la seconda storia del volume, "Trini's Vacation". Come spesso accade nelle storie "Boom!Studios", abbiamo i fari puntati su un solo Ranger, impegnato in una singola battaglia. Storia gradevole, simile per atmosfera alla serie televisiva.



La terza storia, "Forever Mighty Morphin' Black", è degna di nota per la presenza di un esercito di Black Ranger: abbiamo diverse versioni di Zach, compresa quella un po' tamarra dei primi episodi della serie televisiva (guardate qui sotto, quello a destra con il cofano in testa), nonché diverse versioni di Adam (Ninja e in versione 'anziana', con capelli lunghi e barba).



Tra i Black Ranger c'è anche quello dell'universo di "Pink", il favoloso fumetto in sei parti dedicato al ritorno di Kimberly Hart tra i Ranger (questa saga si inserisce nel contesto della serie televisiva). E' quello all'estrema destra, con il costume che ha rifiniture rosa (chi ha letto il fumetto sa il perché!).


Ma la vera sorpresa del volume è "Perfect". E' una storia sorprendente, perché ha per protagonista Finster, il "simpatico" e anziano Leprechaun che crea i mostri di Rita Repulsa. Ed è sorprendente vedere la malvagità di Finster in una storia dai toni dark e horror, in cui spunta fuori anche la moglie Plepra (da Pleprechaun, il corrispondente di Finester nella serie giapponese Zyuranger). E' sorprendente la realizzazione grafica, con toni seppia e scuri che mi hanno ricordato la strepitosa introduzione del film di Lucio Fulci, "L'aldilà...e vivrai nel terrore".


Chiude il volume una storia divertente, più in linea con le atmosfere della serie tv: in "Sabrina's Day Out" i protagonisti sono Scorpina e Goldar, chiamati a una missione "esplorativa" in borghese. Proprio così, con abiti terresti. Certo Scorpina in jeans, maglietta e giubbetto fa la sua figura, mentre Goldar..con jeans, felpa col cappuccio e berretto non è che sia così nascosto e mimetizzato.


Comunque i due protagonisti si mettono a cazzeggiare in un luna park, Goldar vince anche un pupazzetto di se stesso! Poi ci sarà una battaglia che avrà un esito inaspettato.


Commenti

  1. Lo vedremo mai in Italia? Non so se iniziare ad acquista i volumi in inglese o continuare la lettura online.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente io continuerei la lettura on-line. Ad ogni modo dovresti comprare le 'raccolte' di diversi volumi, i corrispettivi inglesi dei volumi arrivati in italia.

      Elimina
  2. Stessa domanda di Archie, qui sopra.
    Che palle con la Panini, lo facesse gestire a qualcun altro.
    Un volume che contiene diverse cose fighissime. Amo il lavoro che stanno facendo coi fumetti MMPR, di assoluto rispetto verso il brand, ma rimodernandolo (senza stravolgere personaggi e storia).
    Ma, in pratica: Pink!, che si svolge quando Kim è già andata via, non si inserisce nella continuity dei fumetti Boom!Studios?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi ci sono anche gli annual 2016 (bello ) e 2018 (contiene tutte storie legate a shattered grid). Pink è una storia che fa continuity a sé: si lega alla vecchia serie televisiva.

      Elimina
    2. Sinceramente credevo che Pink fosse semplicemente una finestra sul futuro, che mostra cosa succede a Kimberly mentre Kathrine ha preso il suo posto! XD
      Cioè, immaginavo che con la serie regolare si sarebbe arrivati al punto in cui Kim avrebbe lasciato il gruppo, ecco!

      Moz-

      Elimina
    3. Diciamo che la continuity con la serie principale dei fumetti è improbabile per questione di piani temporali secondo me XD

      Elimina
  3. Anche se non sono un fanatico dei Power Ranger, devo dire che i fumetti della Boom!Studios sono sempre validi, portano a spesso avanti le storie dei nostri beniamini del cuore, quindi onore e gloria allo studio con il punto esclamativo! ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ha detto benissimo il Moz nel suo commento. Di Power Rangers, se guardiamo bene, c'è solo la facciata, così la storia, costruita benissimo, piace anche a chi non ha mai seguito la vecchia storia tv. Il citazionismo non è mai fine a se stesso, anzi. Tutto ben dosato.

      Elimina
  4. Quindi quelli che non arrivano in Italia li leggi online?
    Anche il mio ragazzo segue dei fumetti ma mentre anni fa si riempiva casa di cartaceo, ora legge tutto online.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io per i fumetti sono contrario all'online :D. Anche se ho letto tantissima roba online, ad esempio le serie di Holly e Benji che non sono state stampate in Italia, lo stesso Riki-Oh che è il mio manga top :D. Nel caso dei Power Rangers, li leggo on-line, in inglese.

      Elimina
  5. Mi sa che me li dovrò leggere on line, come quelli di Star Wars (che al 90% non vedono mai la luce della traduzione), altrimenti qui tiriamo il prossimo millennio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che per Star Wars ci sia un bel po' da leggere :D

      Elimina
  6. Per quanto mi riguarda mi sono fermato a guardare i PR almeno 7/8 anni fa quando li facevano su K2 e non ho mai letto i fumetti, un vero peccato!
    Comunque a mia discolpa seguo regolarmente su Twitch Simone Di Meo, un disegnatore dei PR XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello quando c'era K2 *_* che mi sparavo Ultimate Muscle e le serie dei Transformers, ahahah! Sono andato a vedere cosa fosse Twitch :D. Sam And Twitch, giusto?

      Elimina
  7. Confesso, non ho mai letto un fumetto.
    Però per i Power Rangers farei volentieri un'eccezione.
    P.S. Lo sapevi che vanno ancora in onda, diverse volte al giorno, sul canale 45 del digitale terrestre?
    Con la scusa di farli vedere a mio figlio, me li guardo volentieri.
    Anzi.. RI-guardo! 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii! Trasmettono le ultime serie, ma ammetto che non mi hanno attirato, troppa computer grafica, o probabilmente non c'è, come per le serie del passato (alcune delle quali buone a livello di trame, come in space), il 'gusto' di rivederle con occhio da adulto! Delle nuove serie giusto megaforce l'ho trovata carina!

      Elimina
  8. Mmm, mi hai incuriosito... anche se sono contrario, mi sa che devo iniziare a leggere online anche io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e perché no? Tanto in Italia stiamo freschi se aspettiamo la panini..

      Elimina
  9. Peccato che molti fumetti in Italia non sono distribuiti, ma mai dire mai.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiacerebbe non completare questa serie! Speriamo la Panini si ravveda..

      Elimina
  10. Ma quante cose sai sui Power Rangers! E io che credevo fossero solo un telefilm... mamma mia :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Moz ne sa forse più di me sulla serie classiche :), ma sui fumetti di questa serie in effetti sono molto preparato :D.

      Elimina
  11. Mi ha incuriosito sia il Tommy giustiziere della strada che la storia su Finster, anche se dall'immagine che hai messo sembrano i negativi di un rullino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaha mi hai tolto poesia, io ho parlato dell'effetto seppia stile Fulci e tu i negativi di un rullino :D

      Elimina
  12. Bello, non sapevo avessero fatto una versione fumetto. Bel blog, molto ordinato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pasquale, benvenuto! Sì, i Power Rangers in America stanno vivendo una vera e propria età dell'oro grazie a questa iniziativa editoriale dei boom! Studios

      Elimina
    2. pensi che un giorno ci sarà un remake della prima famosa saga?

      Elimina
    3. L'amico Miki del Moz 'o Clock ha parlato spesso di un remake a cartoni animati da parte di Netflix! Ma è solo un'idea che circola, non c'è nessun progetto in cantiere avviato. Credo che comunque, essendo già il fumetto un efficace remake, sia difficile metterci le mani una seconda volta.

      Elimina
  13. Che strane illustrazioni per questo volume, sembrano quasi fatte da fan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se devo essere sincero, i disegni della prima storia non mi piacciono affatto!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…