Passa ai contenuti principali

Topolino 3255, un primo numero post restyling molto buono


Mercoledì 11 aprile è uscito in edicola il n.3255 di Topolino. Con una sgradita sorpresa: l'aumento di prezzo di 20 centesimi, da 2,50 a 2,70 euro. Ne è valsa la pena? Come sempre, il tempo sarà galantuomo e darà le risposte. Stesso dicasi per la scelta - ecco la rivoluzione del nuovo topolino - di scegliere un carattere per facilitare la lettura dei bimbi affetti da problemi di dislessia.

Una scelta che, egoisticamente parlando, non mi ha affatto trovato d'accordo. Ma anche qui, spero che davvero questa modifica possa avvicinare al Topolino qualche lettore in più.


Sfogliando e leggendo questo Topolino, ho quasi l'impressione di una rivista molto dinamica, quasi frenetica, con pochi testi ancor più schematizzati dal loro inserimento in quadratini e quadratoni. La parte degli editoriali è stata ridotta, c'è la parte dedicata a Bebe Vio (Intervista + mini comics), c'è la sezione Topo Week: agenda, giochi, le "Barze", la novità schedina con le partite di calcio e le immancabili figurine Panini. Efficace il nuovo oroscopo. Martedì prossimo per me, del segno dei Gemelli, sarà flop. Giovedì è stato il top. Beh, non è stata una pessima giornata.

Ma veniamo alle storie. Sono rimasto piacevolmente sorpreso da questo numero. TOPOLINO E IL TESORO DELL'ISOLA (Faraci-Cavazzano) è un capolavoro e me ne accorgo dall'inizio, dalla scena in cui Gambadilegno, sull'isola deserta, parla da solo davanti allo specchio. Ci sono Topolino, Gambadilegno e gli animali. Fine. Gli altri personaggi sono letteralmente comparse. Ma la storia si legge tutta d'un fiato: avventurosa e divertente, scritta benissimo e disegnata parimenti bene. La parodia del giro del mondo in 80 giorni, IL GIRO DEI MONDI IN 80 GIORNI SIDERALI (Vitaliano-Pastrovicchio) non è da meno e spicca all'occhio perché il protagonista è Pippo, Topolino sembra relegato al ruolo di spalla. Una storia che coniuga bene aspetti retrò con l'ambientazione del futuro ucronico. Altra perla di questo volume è TRE PAPERI IN BICI (Sarda-Picone): ho spesso sottolineato la qualità delle storie in cui Paperino interagisce con i cugini Gastone e Paperoga, perché con questo tipo di dinamiche si riesce benissimo a dosare i caratteri dei personaggi. Tanta sorpresa poi per l'ambientazione olandese. Bravo Picone ai disegni.

L'unica nota stonata del volumetto è ZIO PAPERONE E L'AFFARE DEL GUARDIACALCIO (Macchetto-Ferracina), una delle peggiori storie sul calcio che abbia mai letto. Non per il finale scontato (l'esaltazione per il calcio nella sua essenza di gioco), quanto per una trama che ha una costruzione forzata.

Le due brevi mi hanno sorpreso: ARCHIMEDE E LA MACCHINA AGGIUSTATUTTO regge il soggetto demenziale di Sio grazie agli strepitosi disegni di un ispirato Emanuele Virzì. Buono il Paperoga tratteggiato da Macchetto ne "IL PERFETTO LIBRARIO", con Baccinelli ai disegni.



Commenti

  1. Ma il nuovo carattere è quello dei redazionali? Da non dislessico faccio una fatica enorme a leggerlo... se hanno dovuto favorire pochi per penalizzare i tanti, bah!

    Non vedo l'ora di leggere la storia Faraci-Cavazzano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il carattere delle storie mi sembra la versione maiuscola di quello dei redazionali :D

      Elimina
  2. Aumentare i prezzi non è mai cosa buona...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, sembra una sciocchezza ma alla fine sono 12 euro all'anno, un fumetto deluxe si prende con quel prezzo :D

      Elimina
  3. Quanto detesto gli aumenti di prezzo. Ma evidentemente avranno avuto delle ragioni, anche loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente il calo della pubblicità è una di queste ragioni, ma c'è da dire che le vendite rischiano di calare ancor di più con questo aumento :P

      Elimina
  4. Topolino è sempre Topolino, un mito. Buon sabato.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, buon sabato! La prima storia di Topolino in effetti si avvicina molto alla definizione che hai dato..è mitica!

      Elimina
  5. Purtroppo gli aumenti di prezzi sono all'ordine del giorno.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo e speriamo non aumenti l'iva, senno' so cavoli amari!

      Elimina
  6. L'ho finito anch'io, vedremo se ne parlerò domani..comunque le storie mi sono piaciute quasi tutte, dopo Ready Player One vedo che sta tornando di moda la realtà virtuale, vedi la storia finale sul calcio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, c u r i o s o d i c o n o s c e r e l e t u e i m p r e s s i o n i XD

      Elimina
  7. Ogni tanto qualche cambiamento ci sta! Anche una testata storica come Topolino è giusto che apporti qualche modifica :D che poi i caratteri non sono poi così distanziati dai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D i c i s u i c a r a t t e r i ? Comunque sì, sono convinto che alla fine mi abituerò, come sempre, in questi 31 anni di lettura di Topolino :D

      Elimina
  8. Continuo a pensare che deve essere più magazine: anche cinque storie vanno bene, però ci vogliono RUBRICHE! :)
    Comunque, a me l'oroscopo dà figure di merda in arrivo XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domani sarò il giorno flop per me :D, vediamo, intanto questo lunedì se la gioca bene (ma il lunedì è quasi sempre flop). Io invece sono della 'scuola' meno rubriche più storie XD (anche se effettivamente, togliendo le rubriche, alla fine topolino è come i vari mensili Paperino, Grandi Classici ecc.).

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

5 canzoni 'trash' del passato che sono diventate mito, la classifica

Oggi abbiamo Rovazzi, trash che vende dischi e che raccoglie milioni di click su youtube (con relativi introiti da click). Una volta avevamo personaggi di ben altra caratura: che non erano fenomeni mainstream usa e getta, ma erano comici, personaggi dello spettacolo. Non volevano certo scalare le hit parade. Eppure le loro canzoni in radio ci finivano, eccome.


5) Federico Salvatore - Azz




Federico Salvatore fu protagonista al Maurizio Costanzo Show, con simpatiche canzoni che gli diedero notorietà nei primi anni '90. "Azz" raccontava un divertente confronto tra due napoletani (con echi gaberiani): uno di buona famiglia e l'altro di famiglia modesta. Non teatro canzone, ma cabaret in musica. Ma Salvatore era anche un cantautore profondo. Anche incompreso, quando a Sanremo portò una canzone sull'omosessualità.

4) Pippo Franco - Che fico



"Mi scappa la pipì", canzone della mia infanzia che suonava spesso nelle feste dell'asilo, assieme al "Ballo …