Passa ai contenuti principali

Lucio Dalla in cinque canzoni per me indimenticabili

Nato il 4 marco del 1943, Lucio Dalla oggi avrebbe compiuto 75 anni. Un grande personaggio della musica italiana che voglio ricordare con 5 canzoni, più o meno note, che rimangono per me indimenticabili.

Vi aspetterete magari pezzi come Futura, Henna, Anna e Marco...invece no.

NUVOLARI (1976)

"Ma Nuvolari rinasce, come rinasce il ramarro. Batte Varzi e Campari, Borzacchini e Fagioli, Brilli Peri e Ascari". Un verso bellissimo, che chiude questa emozionante canzone dedicata allo storico pilota Tazio Nuvolari. Traccia d'apertura di una cassetta che regalava la Volvo a fine anni '80, una delle cassette preferite della mia splendida infanzia in musica.




DISPERATO EROTICO STOMP (1977)

Una grande delusione d'amore, con sottile critica al "rampantismo" di certe donne ("Te ne sei andata con la tua amica - Quella alta, grande fica - Tutte e due a far qualcosa di importante - Di unico e di grande") quando invece "L'impresa eccezionale è essere normale" (verso celebrato in una storica canzone degli Articolo 31); una delusione d'amore che il protagonista cerca di dimenticare con un giretto nella Bologna notturna e con l'avventura con una puttana che non si concretizza (la mitica puttana ottimista e di sinistra). Alla fine l'unico sfogo sessuale per il protagonista è un atto di autoerotismo. Canzone per me storica, ve ne parlerò.



FELICITA' (1988)

Colonna sonora di un film, "Il frullo del passero", girato nel mio paese! Anche su questo tornerò in un secondo momento. La canzone, triste e malinconica, è una riflessione sul senso della vita e ovviamente sulla felicità: "Ah felicità - su quale treno della notte viaggerai - lo so...che passerai... - ma come sempre in fretta - non ti fermi mai".



CANZONE (1996)

Meravigliosa canzone d'amore scritta da Dalla con un giovane Samuele Bersani: facendo una proporzione con le canzoni melense italiane del momento,  è un ruggito paragonato a dei rutti. Le parole di un innamorato si trasformano in versi musicali e l'invito, alla canzone stessa, è che arrivi alle orecchie della donna amata. Da studiare sui libri di scuola. Il celebre ritornello lo conoscono tutti: "Canzone cercala se puoi - Dille che non mi perda mai - Va per le strade tra la gente - Diglielo veramente".



AYRTON (1996)

Abbiamo aperto con la Formula 1, chiudiamo con la Formula 1. Dopo Nuvolari, un altro mito viene celebrato da Dalla: Ayrton Senna, scomparso tragicamente il 1 maggio del 1994, durante il Gran Premio di San Marino sul circuito di Imola. Nella canzone, Nuvolari sopravviveva a un grave incidente per tornare a battere i suoi rivali storici, mentre il destino di Senna è segnato. Scritta dal cesenate Paolo Montevecchi, Ayrton è una dura critica allo show business dello sport, che non si ferma davanti alle tragedie, alla caducità delle vittorie, perché alla fine un vincitore conta quanto un vinto davanti al destino e soprattutto davanti alla morte. "Mi ha detto chiudi gli occhi e riposa e io ho chiuso gli occhi", uno dei versi più commuoventi che siano mai stati scritti. "Non è servito a niente, tanto il circo cambierà città" è l'amara conclusione. Finale musicale struggente, con lo splendido assolo di Ricky Portera che si dissolve lasciando spazio al rombo di un motore.



Commenti

  1. Lucio Dalla - Caruso
    YouTube · Più di 23.508.000 visualizzazioni · 03/10/2009 · HD · da LUCIODALLAVEVO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una pietra miliare della musica italiana!

      Elimina
  2. Fra le mie preferite, anche Le rondini e la più nota, sì, lo so, La sera dei miracoli. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le rondini..che canzone che mi hai tirato fuori...bellissima...grazie per la visita Mr Ink :)

      Elimina
  3. Dare luce hai cantanti italiani storici è una gran bella cosa. Siamo in italia e dobbiamo amare i nostri cantanti.
    Hai meritato il mio Elogio-commento 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo farò, richiamare alla memoria cantanti e canzoni italiane :). Grazie Anna!

      Elimina
  4. Io conosco solo Attenti al Lupo perché era presente nel Canta Tu che mi aveva portato la Befana una vita fa.
    Scherzo!
    La mia preferita è Disperato Erotico Stomp, alle medie ridacchiavamo capendo cosa avrebbe fatto dopo le scale tre alla volta.
    Canzone era molto orecchiabile ma le radio che la passavano di continuo mo fecero venire la nausea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah mitico il canta tu! Attenti al lupo è ovviamente una delle canzoni più conosciute e ancor'oggi sarebbe radiofonica (ma le radio se la dimenticano). Disperato Erotico Stomp era passata per radio? Ah però :D

      Elimina
    2. No, non mi hai capito, l'ultima frase è riferita a Canzone la canzone!

      Elimina
    3. ah ecco infatti :D, sì Canzone spopolò tantissimo nelle radio. E ti dirò, io ne ero contento :D

      Elimina
  5. Non ho dubbi "Disperato erotico stomp" è il mio pezzo preferito di Dalla, certo ne ha fatti di più poetici ed impegnati, ma quello resta davvero unico nel suo genere ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, un canzone molto esplicita e allo stesso tempo profonda. Peraltro un mio amico andò a lezione, all'università, dal fratello o qualcosa del genere del mitico Bonetti :D

      Elimina
  6. la mia preferita in assoluto è Kamikaze.
    e poi Canzone e Ciao.
    ciao :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao è bellissima, cita anche la mitica Viserba. Il video fu viralissimo! Bravo Toby :D

      Elimina
  7. Conosco così poco dalla che banalmente mi piace Anna e Marco, cioè se dovessi dire la mia canzone preferita. Eppure è un cantautore immaginifico. Ho ascoltato Felicità che non ricordavo per nulla. Grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felicità non è affatto molto nota. Dalla è un'artista con una discografia molto ampia e mi farà piacere magari farti conoscere qualche altra canzone :)

      Elimina
  8. Senza dubbio di queste Canzone, ma ce ne sono comunque tante altre ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tantissime..ma queste cinque sono quelle che sento più strette :)

      Elimina
  9. Belle queste canzoni, io aggiungo anche Piazza Grande, 4 marzo 1943, Balla ballerino, L'anno che verrà e Futura.
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando puoi, passa da me, che c'è un premio che ti aspetta:

      https://francescavanniautrice.blogspot.it/2018/03/cinque-film-poco-conosciuti-o-meglio.html

      Elimina
  10. Perchè L'ultima luna, dove la mettiamo? Comunque il grande Lucio ha fatto creato tantissimi capolavori della musica italiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima citazione Fabri, quella canzone ha un testo ermetico e meraviglioso. Me la devo studiare bene!

      Elimina
  11. A me piacciono anche Attenti al Lupo, Ciao e molte altre :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava ggggiovine, ascolta anche questi miti della musica italiana :)

      Elimina
  12. Un grande e mi piacciono tutte, con " orecchio di riguardo" a 'L'anno che verrà'
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'anno che verrà è una bellissima poesia, anch'essa meritevole di entrare nei libri delle scuole. Ciao Cristiana!

      Elimina
  13. Molto belle sia Nuvolari che Canzone. Anche a me piacciono molto e di tanto in tanto le riascolto, perché meritano.
    L'anno che verrà è un'altra che mi è rimasta nel cuore. E poi "Attenti al Lupo", che da bambina cantavo a squarciagola. Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dama, buona domenica sera :). Ma di Attenti al Lupo facevi anche il balletto? :D

      Elimina
  14. Le apprezzo tutte quante, Dalla era un vero poeta della musica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nick. Uno dei tanti poeti che meriterebbero di essere apprezzati e ricordati di più :)

      Elimina
  15. Grande Lucio e grande Tu ad averlo ricordato. Io però non conoscevo "Ayrton", le altre sì.
    Ps una domanda (se non vuoi rispondere, non mi offenderò) ma quanti anni hai? Te lo chiedo perchè conosci canzoni che si avvicinano di più alla mia età che non alla tua. Abbraccio siempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che rispondo :D classe 1983, ma fin da piccolo ascoltavo tantissima musica. Cassette ma anche tanta radio :). Mia mamma e mia zia sono state sempre ottime ascoltatrici, mia sorella (lei del 1977) pure.

      Elimina
    2. Ora capisco... Abbraccio siempre

      Elimina
  16. Risposte
    1. Grazie a te per aver letto, ascoltato e apprezzato :)

      Elimina
  17. Lucio era un grande, punto! Bravissimo tu ad averlo omaggiato così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver apprezzato questa mia mini rassegna dedicata a Lucio!

      Elimina
  18. Quanto lo amo il mio concittadino? Quest'anno fra elezioni e poi voto non sono riuscita ad andare agli eventi che fanno sempre in città! Tanti bei titoli, ma il mio preferito è "Telefonami tra vent'anni!"! Sempre piaciuta e una mattina, dopo aver chiuso una storia che forse mai ho veramente chiuso nel mio cuore ma che era necessario fare, partì proprio quella canzone in radio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, ma mi era sfuggita questa cosa che tu fossi di Bologna??? :D. Io ho studiato a Bologna, vivevo in un appartamentino in via Begatto, vicino via San Vitale *_*. Bellissima canzone hai citato!

      Elimina
  19. Ottimi pezzi!
    Io aggiungerei, alla mia classifica, "Lunedì Cinema" e "Psichedelia" (con Elio e le storie Tese).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diooo lunedi cinema, altro super pezzo (e anche un bel ricordo della nostra infanzia).

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…