Passa ai contenuti principali

Guerin Sportivo n.4 aprile 2018: la recensione

Come ogni mese, sul Bazar arriva la recensione del Guerin Sportivo. Numero 4, uscito i primi di marzo, con un duplice inserto centrale: il fascicolo sulla storia del campionato (stagione 1996-97) e uno in memoria di Davide Astori, calciatore della Fiorentina scomparso tragicamente nel sonno.

Ho parlato appositamente di fascicolo, perché in effetti in quelle pagine la numerazione (in numeri romani) parte dall'1 per concludere al 16 ed è quindi da staccare e conservare. Lo speciale dedicato ad Astori riepiloga con testo e immagini quanto successo in quel tragico weekend e chiude con un articolo finale su tutte le tragiche morti sul campo da calcio. 


Il numero di marzo del Guerin Sportivo è un bel numero, anche perché latita della consueta celebrazione juventina: la copertina è dedicata ad Allegri, ma si introduce l'articolo sullo scenario per la panchina bianconera (Simone Inzaghi suo sostituto?).  Tra le parti più interessanti, un articolo sulla nazionale di calcio del Belgio e un reportage sui migliori giovani del Sudamerica. Due veloci panoramiche sui campionati cinesi e statunitense, con tanto di disegni delle maglie delle squadre. Infine l'amarcord del mese è dedicato al riminese Igor Protti, ex bomber di Bari e Livorno.

L'articolo 'cazzeggio', dopo i cani dei calciatori e il loro rapporto con il carnevale, è dedicato ai soprannomi dei calciatori. Sì, poteva andare peggio. La gnocca del mese è invece la fidanzata di Domenico Berardi del Sassuolo, Francesca Fantuzzi, apparsa come inviata allo stadio per il programma 'Quelli che il calcio'. Ragazza molto carina, ma ora invoco il servizio su Sara Piccinini, citata in un trafiletto, con foto, relativamente alle inviate in rosa negli stadi (la Piccinini è moglie di un altro giocatore del Sassuolo, l'ex Juve Peluso).

Un numero decisamente più ricco, senza superflui articoli sul calciomercato. La parte dedicata agli altri sport si caratterizza di 4 pagine sulle olimpiadi invernali (un po' pochino) con foto e tabella riassuntiva del medagliere, nonché uno speciale assolutamente superlfluo. Superfluo perché la F1 è diventata superflua: bene ha fatto la Rai a non spendere il becco di un quattrino per uno sport in cui c'è solo un padrone in pista (pronostico stagionale: dominio Mercedes, tre vittorie della Red Bull e zero della Ferrari. Nota: Red Bull vince tre gare in stagione, "CAPOLAVORO RED BULL, VESTAPPEN FENOMENO"; Ferrari vince quattro gare in stagione: "FERRARI DI MERDA, STAGIONE FLOP, PILOTI IMBARAZZANTI". E per fortuna che la stampa italiana è pro Ferrari...).


Commenti

  1. Sul caso Astori ho una mia teoria. Ogni atleta si allena duramente per abituare il cuore
    a stabilizzarsi sun una frequenza di pulsazioni molto bassa. Per esempio, Fausto Coppi non superava le 38 pulsazioni al minuto. Capisci che è un grosso vantaggio. Anche quando spingi molto la pressione non si alza tanto da portarti in debito di ossigeno. Lo stesso discorso vale per i calciatori. Metti il caso che con gli allenamenti non si riesce ad arrivare a una pulsazione accettabile. Allora ci sono farmaci ( betabloccanti) che permettono di raggiungere lo scopo.
    Qual è il pericolo? Se capita durante il sonno che fisiologicamente il ritmo cardiaco si abbassa parecchio, cioè scende sotto trenta, allora si instaura un aritmia cardiaca che può portare a un arresto cardiaco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una ricostruzione molto plausibile..non so praticamente nulla della materia, ma il fatto che è ogni tanto si verifichino queste 'morti bianche' tra i calciatori deve far pensare e riflettere...

      Elimina
    2. Non so nulla di betabloccanti né di pulsazioni degli sportivi.
      Però posso dire che della sua morte mi sono dispiaciuta molto, anche se non sono tifosa né lo conoscevo prima che la tragedia capitasse.
      Povero ragazzo, povera famiglia :(

      Elimina
    3. Già, uno shock, un 31enne in salute che va via così all'improvviso, nel sonno. Dama hai letto la lettera del compagno di squadra Saponara?

      http://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/fiorentina/2018/03/05/news/morte_astori_lettera_saponara_fiorentina_o_capitano-190520360/

      Bellissima.

      Elimina
  2. Dopo l'autopsia si saprà qualcosa tra due anni.

    RispondiElimina
  3. Ma davvero c'è ancora il Guerin Sportivo?! Ma dai!!???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ---la gnocca del mese e i soprannomi dei calciatori... ma ci rendiamo conto?!? ... perché il Monello non c'è più invece?!? ;)

      Elimina
    2. Il Guerin Sportivo si barcamena, ma c'è ancora :D. La gnocca del mese sta diventando interessante ultimamente :D

      Elimina
  4. Dovresti parlare coi miei fratelli!
    Ti ho assegnato un premio, lo trovi qua:
    https://katarukataru.blogspot.it/2018/03/premio-per-i-blog-fantasiosi.html

    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara, ho già in mente una cosa carina per introdurre questo tuo premio :)

      Elimina
  5. La morte di Astori mi ha toccato e sconvolta particolarmente! È stata una tragedia per tutti... non so davvero come faranno a riprendersi i suoi genitori, i suoi fratelli, la sua compagna e soprattutto la sua piccola Vittoria! Ha esattamente la stessa età di Sophia (sono nate li stesso giorno) e a quell'età le femmine sono particolarmente attaccate al babbo! 😍

    Davvero si parla di Inzaghi per la panchina della Juve! 😱

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Inzaghi potrebbe essere il sostituto di Allegri! La morte di Astori, come dissi a ridosso di essa, mi ha colpito perché ha unito il calcio e mi spiace, paradossalmente, che il calcio si unisca solo davanti a un lutto. Insomma, solo la morte rende migliore l'ambiente del calcio!

      Elimina
  6. Già sono riusciti a fare un omaggio al calciatore morto? Wao.
    Ma alla fine si è capito com'è morto?
    I soprannomi dei calciatori ... potrebbe essere un articolo simpatico: qual è il più assurdo?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Batman Giuseppe Taglialatela (storico portiere del Napoli), l'uomo Ragno Walter Zenga (portiere Inter del passato), il Ragno Nero Jascin (Grande portiere russo), ma soprattutto io ricordo "El Mono" Burgos e "El Mono" Navarro Montoya (due portieri argentini, mono = scimmia) oppure rimanendo in argentina "El diablo" Monserrat! Poi in argentina c'era l'ASINO, il Burrito Ortega.

      Elimina
    2. Batman e L'Uomo Ragno li conoscevo persino io! Grande Zenga :)

      Moz-

      Elimina
    3. L'articolo si apre peraltro con una foto di Zenga del 1996 con il costume dell'uomo ragno!

      Elimina
    4. Io di Batman conoscevo solo Antonioli, il portiere del nostro terzo (e ultimo 😭) scudetto.

      Ma 'sta Fantozzi ha 15 anni? Ho visto qualche foto nel web...

      Elimina
    5. Il vero Batman era Taglialatela, Antonioli era ancora un onesto portiere del Bologna :D Batman Taglialatela aveva anche la maglia con il logo di Batman.

      Sì, ha un viso molto giovanile!

      Elimina
  7. Beh soprannomi dei calciatori ce ne sono tanti, considerando che quasi tutti i calciatori brasiliani hanno un soprannome come nome ufficiale.. La dipartita di Astori è stata una vera mazzata, sono ancora incredulo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, dimenticavo di citare MAICON DOUGLAS, HULK E ALLAN DELLON? :D

      Elimina
  8. Certo che gli appassionati di calcio hanno/avevano a disposizione giornali e riviste di ogni tipo!

    RispondiElimina
  9. Una volta l'ho compravo spesso. Sulla morte di Astori, ci sono ancora da chiarire tante cose, purtroppo esistono aritmie non facili da diagnosticare.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, speriamo che sia stata una tragica fatalità e niente di più. Che riposi in pace!

      Elimina
  10. Quei titoloni hanno portato sfiga alla Juventus. :-P

    RispondiElimina
  11. A me per Astori è dispiaciuto tantissimo e i commenti di certi mal pensanti spronati sui vari social mi hanno fatto salire una rabbia che non ti dico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fede, credo che forse quei commenti siano stati, in questo caso, una minoranza. Tantissimi gli splendidi e sentiti messaggi di cordoglio di avversari, compagni e amici!

      Elimina
  12. Vorrei leggere gli articoli su Astori, quasi quasi lo recupero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un bell'inserto, lo conserverò mentre i Guerin Sportivo di quest'anno finiranno tristemente in cantina in uno scatolone :D

      Elimina
  13. Riky, mi bandisci per sempre se ti dico che il calcio proprio non mi piace?
    Però dai, ti saluto e ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente non ti bandisco :D, anzi, in felice compagnia rosa posso dimenticarmi completamente del gioco del calcio XD.

      Elimina
  14. asilo non festeggia la festa del papà a milano: cerca su Google

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Le quattro canzoni degli 883 che hanno fatto la (mia) storia

Max Pezzali e gli 883, con mia grande sorpresa, sono un mito per tantissimi, nella blogosfera. Quando c'è un tag sull'infanzia, Max e la sua storica band (inizialmente un duo, in realtà) spuntano sempre fuori nelle varie citazioni. Mi fa sorridere ricordare che ero l'unico, tra i miei amici, ad ascoltarlo! E poi era opinione comune che le canzoni degli 883 fossero banali e c'era anche chi riempiva di disprezzo chi le ascoltava (o forse disprezzando me, disprezzava le canzoni che ascoltavo. Vabbè). Io, come spesso accadeva in gioventù, ero fiero di andare controcorrente. E siccome siamo nel cuore dell'estate e le canzoni degli 883 hanno fatto sempre da colonna sonora alle mie estati, ho deciso di pubblicare questo post. In realtà ho scelto quattro canzoni che hanno qualcosa di più: un legame con alcuni momenti della mia vita.

O ME O QUEI DEFICIENTI LI'



Gli 883 hanno sfatato per me il tabu' delle parolacce, anche se, ovviamente, quando cantavo i loro brani, l…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…