Passa ai contenuti principali

Topolino 3245: recensione team-up con il blog di Delux

Tornano le recensioni di Topolino (ultimamente avete letto qui solo recensioni di speciali Disney), il mitico settimanale con la costina gialla.
In passato siete stati testimoni e lettori delle recensioni "incrociate" con Emanuele del "Reign of Ema", da due settimane invece avete letto le recensioni a quattro mani con il ragazzo prodigio Dani Delux de "Il blog di Delux", il blog con il sottotitolo più lungo dell'universo.



Ovviamente vi starete aspettando un'introduzione alla Delux, ma giammai! Entriamo subito nel vivo della lettura.



Dinamite Bla: in Dinamite Bob a tre (per non parlare del cane)

Dani: Vitaliano torna con Dinamite Bla, uno dei personaggi che gli riescono meglio, in una delle sue folli storie, questa volta a tema invernale (legato ai Giochi Olimpici Invernali: a seguito c'è anche un bell'articolo a riguardo). Il dinamico Dinamite è uno dei personaggi che meglio sa scrivere ed è sempre bello vedere come gli autori si divertano a mettere il suo animo "buzzurro" in situazioni diverse. E' una storia che si fa ben leggere, ma ricordo dello stesso autore varie storie col personaggio molto meglio scritte a ancora più divertenti. Simpatico l'omaggio a Sgrizzo (il fanservice nel mondo Disney non sono le tette, ma i personaggi inventati da Romano Scarpa o le citazioni al Don. Così, solo per dirvelo, non vi fate troppe domande al riguardo che è meglio :D).

Riky: poco da aggiungere alla tua ottima recensione, che sottoscrivo in pieno. Segnalo un Dinamite Bla con gli scarponcini: come noto l'originale aveva i piedi nudi, essendo il classico "redneck", mentre il Dinamite Bla moderno, che vive in un cucuzzolo di campagna, ha i sandali. In inverno gli hanno messo gli scarponcini. La cosa, immagino, abbia scandalizzato i puristi, ma io non lo sono, per cui apprezzo questa piccola modifica. La storia mi ha colpito comunque per una comicità "rude", ma allo stesso tempo delicata: il piede con il fetore, il formaggio puzzone, la scarpa abbandonata nel fiume che mette a rischio la fauna ittica. Da piccolo una storia di questo tenore mi avrebbe fatto ridere a crepapelle per una settimana intera.








La storia del cinema di Topolino capitolo 1: Mickey Keaton e il kolossal pericoloso.

D: che bello rivedere Gagnor con la storia del cinema, dopo la bella storia dell'arte! Quest'episodio omaggia il cinema muto davvero al meglio, con scene dinamiche e una trama movimentata. Curiosissimo per i prossimi episodi! Ma il migliore qui è Held, davvero ottimo. Storia che mi è piaciuta davvero tanto.

R: l'aspetto che più mi ha colpito, di questa storia, è l'efficace alternarsi tra vignette in bianco e nero e quelle a colori. Se il nome di Topolino richiama più l'attore di Batman che il mitico "Buster", Basettoni e Manetta sono ribattezzati "Basetthardy e Manettaurel". 


Paperinik e la festa inventata

D: altra bella storia! La trama si basa con varie strizzate d'occhio al mondo attuale e si fa davvero ben leggere. Paperino davvero immenso e ben scritto. Tutto fila bene e il finale non stona nemmeno troppo, anche se tanto da "magia del Natale" fuori posto :D Vian davvero bravo, come al solito da quando lo vedo sul Topo!

R: da quando abbiamo iniziato a fare le recensioni insieme, il livello di Topolino è salito ad alti standard. Venerus è sempre una garanzia con le sue sceneggiature, sa spaziare bene su tanti temi (ed epoche) sia con i paperi che con i topi. Divertentissimo lo spot della festa dell'acqua ideato da Paperone con Paperino che interpreta a rotazione tutti i personaggi. Si entra poi nel vivo dell'azione tra doppi giochi e un nuovo eroe, "Mastro rubinetto". Finale da storia di Natale, in effetti!



Paperoga e l'affascinante A.D.A.

D: simpatica breve, si fa ben leggere e strappa vari sorrisi. Interessante la Barbaro.

R: molti criticano Macchetto, a me piace lo spirito sognatore che ispira tutte le sue storie (caratterizzate da un tormentone che si ripete più di una volta). Questa breve regala una verità sacrosanta (le persone troppo "social" e attaccate al telefonino) ed è sempre curioso vedere Paperoga nei panni del saggio.

Paperino indagatore da vicinato

D: breve carina che...Mi è sembrata come tagliata e metà! Solo a me questa strana sensazione, o la fretta durante la lettura si è fatta sentire? U.O

R: Chierichini ha sempre disegnato molte storie con protagonisti Anacleto e Paperino, quindi fa sempre un bell'effetto rivederle. La storia non è affatta incompleta: Paperino vede armeggiare Anacleto e teme che stia preparando un "attacco" (nelle storie Disney '80-'90 i due vicini erano protagonisti di vere e proprie battaglie con esiti spesso nefasti!), in realtà Anacleto sta riparando la lavatrice ed è lui a temere che sia il "rivale" a preparare qualcosa. Divertente la battuta sul tecnico della lavatrice "che è impegnato fino a novembre prossimo".

Zio Paperone e gli antifurto obsolescenti

D: bella storia finale, coi bei disegni di Meloni. Lo spunto non è originalissimo ma viene davvero gestito bene! Finale inaspettato, mi ha sorpreso parecchio.

R: bravo D'Antona, perché il soggetto dell'attacco al deposito è qualcosa di stra-abusato, ma lui lo sviluppa in modo particolare. La scena di Paperoga coordinatore dei sistemi difensivi del deposito è qualcosa di esilarante. Sai dove cade la storia? Nel finale. Peraltro mi sembra un finale molto affrettato.

D: Wow, tutte le storie lunghe sono ben scritte! Numero davvero buono!

R: te l'ho detto, da quando siamo in coppia a fare le recensioni, Topolino cerca di tenere alta qualità per non fare una brutta figura!

Ah, abbiamo dimenticato la barzelletta.

Dani mi ha lasciato l'incombenza, per cui vi svelo la BARZA più brutta di questo numero, scritta da Dario.

Indovinello: quale animale ha il muso come il gatto, la coda come il gatto, il corpo come il gatto, ma non è un gatto? La gatta!

Aiutoooo chiudete Internet dopo questa battuta.

Commenti

  1. A me è piaciuta la battuta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naa..terribile :D. Gus, le analisi del sangue sono andate bene. Almeno adesso per qualche mese me ne sto buono (spero).

      Elimina
  2. Ottimo lavoro di squadra ragazzi, "Mi piacciono i piani ben riusciti" (Cit.) ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mitico! Attendo con ansia, per la serie 'la storia del cinema', l'horror e il western!

      Elimina
  3. Complimenti Riky. Stiamo benissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, ci districhiamo tra qualche acciacco :)

      Elimina
  4. Eccezionali questi articoli di coppia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ema e Dani sono ottimi compagni di recensioni...Dani è più diplomatico :D

      Elimina
  5. Sarà a semaforo verde come lettura ma è mooolto lunga.
    Però... La sto leggendo a rate 😅

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo è verde, è una lettura non impegnata :D

      Elimina
  6. Carina l'idea di scrivere una recensione a quattro mani ed è bello notare i differenti punti di vista e le similitudini. Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e il Dani questa volta siamo stati mooolto concordi :). Grazie Sara, buona giornata a te!

      Elimina
  7. Lo sai che mi è tornata la voglia di leggere Topolino è company?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere, vuol dire che lo sto 'vendendo bene' :D

      Elimina
    2. Allora Riccardo devi farti dare la percentuale sulle vendite :D

      Elimina
    3. Mi farò pagare in natura :D, con abbonamenti gratis

      Elimina
  8. La barzelletta....mi ricorda quelle che raccontava un'amico di famiglia dive iniziava a ridere lui per primo prima di raccontarla tutta e ci rimaneva male perché noi ostentavamo una specie di risata pur di non offenderlo ....( in maniera carina s'intende)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah, il simpatico di famiglia, il classico tipo che fa venire il latte alle ginocchia.

      Elimina
  9. In pratica nella redazione di Topolino hanno alzato il livello per paura della vostra recensione :D Quindi si vede Sgrizzo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto :D e del ritorno di Ema e dei suoi pugni roteanti. Esattamente, fa una simpatica comparsa.

      Elimina
  10. Oh dai, lo devo leggere solo per Paperino che io adoro :-)
    Allora, si sa nientedegli esami?
    Baci

    ps: Latino è andata bene, ho preso 7!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima :). Io esami tutto ok, grazie mille :). Ma tu leggi Topolino?

      Elimina
  11. Sempre bello scrivere recensioni a 4 mani con te, sia pure con i miei assurdi ritardi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè io ieri ho scritto mentre tu mi mandavi i commenti :D, comunque nessun ritardo, anzi. Piacere mio di scrivere a quattro mani con te!

      Elimina
  12. Ho trovato una geek:
    http://laduendes.blogspot.it/

    RispondiElimina
  13. Che bello questo team-up a base di Topolino :)
    La storia sulla storia del cinema mi incuriosisce molto anche se sì, il mix Mickey Mouse-Buster Keaton rievoca più il buon Michael. Manettaurel, invece, mi ricorda in qualche strano modo Mattarella o.O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede :), la storia con Mickey Keaton è molto carina, vediamo come prosegue la saga!

      Elimina
  14. Ok, non commento topolino in sé perché come sai non sono esperta, anche se come detto trovo carina la vostra collaborazione. Però una cosa.
    Dopo la battuta sul gatto...io mi rifiuto.....................................................












    Disse il cestino......................ahahahaah, quanto sono simpaticaaaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhahaha questa battuta è superiore a quelle che si leggono su topolino :D

      Elimina
  15. When i was child i was great fan of Micky mouse. But still whenever my daughter watch Micky mouse i like to watch with her.
    Lovely post.
    https://clickbystyle.blogspot.in/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Disney cartoons are always fantastic. Thank you my dear!

      Elimina
  16. Riky, spulciando fra i commenti ho letto che gli esami sono andati bene: brindiamo!
    Detto questo, bella recensione.
    Se trovo in edicola il numero lo compro.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francy :). Solo che questo numero era in edicola..fino a martedì compreso :D.

      Elimina
  17. Grazie per la citazione! 😘
    Ripasso non appena avrò rimediato questo numero e letto solo le storie che mi attirano (stavolta penso tutte tranne quella con Paperinik).

    p.s. hanno alzato il livello ma sempre troppe storie sui paperi che non mi riportano ad essere lettore fisso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Citazione doverosa :) e hai ragione sulle storie dei paperi: nell'ultimo numero c'è solo una storia di Indiana Pipps, poi tutto paperi

      Elimina
    2. Finalmente sono riuscito a leggerlo!

      1. Dinamite Bla è uno dei pochi personaggi della mia infanzia ancora presenti, quindi è sempre un piacere leggerlo però per questa è una storia da sufficienza, idee carine ma mi ha un po' annoiato.

      2. concordo con Riky, ricorda più Michael Keaton, comunque non avevo capito fosse la parodia di Buster fino a che non ho visto la scena del treno e del serbatoio dell'acqua.
      Per me niente di che anche questa.

      3. saltata!

      4. carina ma per me inconcludente. Belle premesse ma poi finisce tutto troppo velocemente.

      5. mi è sembrata una storia vecchia, sia per i disegni che per la trama (la guerra con Anacleto non mi capitava da anni) e questo è un pregio, però ci sono rimasto male quando sono arrivato alla fine, volevo altre pagine ma meglio così, la conclusione è perfetta. Migliore storia di questo numero!

      6. come sa Riky, le storie dell'assalto al deposito non mi piacciono proprio e questa non fa eccezione. È anche troppo lunga. Non concordo sul finale, forse è frettoloso ma per me salva la storia, che però resta mediocre.

      Concordo sulla barzelletta, tutte freddure orribili ma l'indovinello vince. Chiudete 'sta rubrica!

      La one page story è da "mè".

      In conclusione è stato un numero con storie o troppo corte o troppo lunghe, non sono riusciti ad accontentarmi! 😝

      Elimina
    3. Naaa la 3 recuperala! Vero, la guerra con Anacleto era un must degli anni '80-'90 ed era un po' che non si leggeva. Comunque per me è un buon numero :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…