Passa ai contenuti principali

Recensione Invernissimo, raccolta Disney di storie sulla neve

A fine gennaio è uscita in edicola un'altra raccolta Disney: dieci storie per oltre 240 pagine, una del 1962, una del 1987, una del 1998 e le altre del periodo 2003-2007, più un'ultima risalente al 2012. Qual è il mio giudizio?



Sufficienza piena, ma sufficienza, un 6.5. Il volume presenta delle storie interessanti, ma altre piuttosto trascurabili. Parlerò allora del meglio. La storia di Casty, "Topolino e la neve spazzastoria", non è la migliore storia di Casty, ma è piuttosto suggestiva, così come la ricomparsa del villain da lui inventato, "Doppioscherzo". Cresciuto con le storie di Pezzin, trovo uno splendido esempio di storia anni '80 nelle pagine di "Zio Paperino e il cervino americano". Come spesso accadeva in quegli anni, un fenomeno di costume italiano (nella fattispecie la vacanza sulle Alpi) viene trasportato nel mondo di Paperopoli. Con ottimi risultati. Poi il bello del volume si ferma alle due storie del maestro Panaro: "Paperino, Paperoga e il set sulla neve", ma soprattutto "Paperino, Paperoga e gli amici della montagna", che introduce un gruppetto di comprimari molto simpatici: il forzuto Kurt Sporty, l'anziano brontolone mister Grumble che prende tutti a bastonate, la bionda Cleo sempre indaffarata con il suo rumorissimo cellulare (la storia è del 2006, Cleo è un personaggio molto attuale nel 2017!). I tre sono gli ospiti della baita gestita da Paperino e Paperoga. Lara Molinari non è certo la miglior disegnatrice Disney, ma qui rende bene secondo me diversi elementi della storia, "il blip blip" del cellulare di Cleo e le bastonate appunto di mister Grumble.

Comunque 4 storie su 10 da leggere non sono tante. Considerate infine che solo una di queste dieci è una breve, la più recente (2012): "Pippo e gli amichevoli pupazzi di neve", un simpatico divertissement e nulla più.

Commenti

  1. Paperino e Paeroga che gestiscono una baita in montagna mi incuriosisce voglio provare a recuperarla! Immagino la storia... 😁

    Le più vecchie le amo a prescindere.

    Comunque 8 storie su 10 dedicate ai paperi. Sempre peggio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Divertente senza eccedere nelle stupidaggini di Paperoga, ma Carlo Panaro non sbaglia! Però quella dei topi è top :D

      Elimina
    2. Allora cerco anche quella!

      Easter egg #2: Marco Grande Arbitro con le mutande in testa per coprirsi il volto, al posto della maschera di Kick-Ass
      Per raccoglierli, bisogna rispondere a questo messaggio, tranne il proprietario del blog, che può rispondere ma non raccogliere (entro metà marzo vi spiego cosa sono questi easter egg, non scrivere nulla su Telegram).

      p.s. ho visto che hai raccolto quello da Kiral 😉

      Elimina
    3. Ema Topolino nuovo: tutte storie dei paperi tranne una (BREVE)

      Elimina
    4. Complimenti per avermelo detto 😝
      Devono fallire 'sti maledetti! Ma cambiassero il nome in Paperino a 'sto punto...

      Elimina
    5. Però c'è una bellissima storia di Paperinik!

      Elimina
  2. Insomma una racconta che anche gli appassionati si possono tranquillamente perdere.

    RispondiElimina
  3. Mh, salto.
    Giusto il Cervino Americano potrebbe interessarmi^^

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Mah questo potrebbe interessarmi se lo trovo a poco per i vari mercatini :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. naa, cerca qualche invernissimo d'annata :D

      Elimina
  5. Mmh, Paperino e Paperoga insieme al lavoro, la vedo male!
    Ti ho assegnato un premio (non farmi fuori!), passa di qua se vuoi:
    https://traunlibroelaltro.blogspot.it/2018/02/blogger-recognition-award.html
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piace tanto ricevere premi, mi hai fatto un piacere! (se non altro in questo modo si ha sempre un post in più che è solo da scrivere e non da pensarci troppo :) ).

      Paperoga in quella storia fa meno danni del solito, ti faccio spoiler :D

      Elimina
  6. Ho sempre amato Paperino e famiglia e quindi mi incuriosisce. Buon pomeriggio.
    sinforosa
    p.s. Arrivo dal blog di Gus e se non disturbo mi unisco al tuo blog, se ti va e hai tempo vieni a trovarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, ricambio follow e visite. Però non ti consiglio di prendere questo 'Invernissimo!' :)

      Elimina
  7. Amo più Paperino che Topolino, vedo se riesco a trovarlo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cav, questa raccolta non te la consiglio!

      Elimina
  8. Non so se lo leggerò, i tuoi giudizi non mi sembrano entusiastici!
    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ofelia, eh sì, non lo consiglio neppure ad un eventuale novizio.

      Elimina
  9. Paperino e Paperoga insieme...prevedo guai! Interessante notare che il personaggio di Paperoga anche se fu inizialmente creato negli Stati Uniti negli anni 60s\70s fu creato dal cosidetto "dipartimento d'oltremare" il cui compito era realizzare storie a fumetti per i mercati al di fuori del territorio USA, come quello europeo o brasiliano. Infatti i lettori americani praticamente fino a qualche anno fa non conoscevano nemmeno il personaggio. Solo recentemente quando sono stati tradotte delle storie italiane negli USA Paperoga è apparso sugli albi statunitensi, mi sembra anche che lo avessero chiamato "cugino d'oltremare" o qualcosa del genere.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo aneddoto Nick, io ricordo che lessi la prima storia di Paperoga e rimasi sconvolto: non per lo yoga, ma perché era quasi peggio del personaggio che conoscevo. Perché poi negli anni '80-'90 c'è anche un Paperoga spalla di Gastone e Paperino che ha funzionato molto bene.

      Elimina
  10. Volevo prenderlo, ma poi ho lasciato perdere. A questo punto, non mi sono perso molto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…