Passa ai contenuti principali

Geek League: gli Exogini, il mio totem Geek

La Geek League è qui, è nata. I blogger riuniti dal Prof. Mouze sono pronti a dare la propria impronta alla blogosfera. Lo faranno attraverso delle missioni, cioè dei post coordinati tra loro. Oggi gli eroi della Geek League racconteranno il loro oggetto 'geek' più importante.

L'oggetto 'geek' del mio alter ego, Riky Smash-Knees, è più di uno, anzi è una piccola collezione: la serie n.1 degli Exogini.

Chi erano gli Exogini? Lo spot pubblicitario dice tutto l'essenziale.

Gli Exogini venivano venduti singolarmente in bustine blu, in barattoli o nella mitica piramide che aveva due formati diversi (conteneva 20 o 40 pupazzetti). In Italia furono presentati come alieni, ma in realtà erano i wrestler 'spaziali' del manga giapponese Kinnikuman. In Italia, a distanza di più di 20 anni, arrivò solamente la serie animata Ultimate Muscle, che è il seguito moderno della serie originale. I pupazzetti della serie Kinnikuman sono tutti di color rosa carne e sono molti di più dei 40 che furono importati in Italia come Exogini. Lo si nota nello stesso spot pubblicitario della Gig che vi ho linkato.

Ai tempi dell'asilo, gli Exogini, conosciuti tra le pagine di Topolino, erano una vera e propria mania. Oltre ai pupazzetti in sé, era sempre emozionante l'effetto sorpresa derivante dall'apertura della bustina. Non sapevi che personaggio avresti trovato! E ovviamente c'erano anche i doppioni. Un giorno poi mia madre mi comprò la bellissima piramide (non ricordo se da 20 o 40).

Quella degli Exogini è stata ufficialmente la mia prima collezione. E sono riuscita a completarla, con tutti i 40 personaggi della prima serie. Prima serie, perché poi gli Exogini tornarono nella versione Ninja, che nulla avevano a che fare con Kinnikuman, ma erano pupazzetti tratti dalla serie americana Ninja MITES (grazie Wikipedia).

Avevo anche l'album degli Exogini: leggi QUI.

Scoprite tutti gli altri Totem della GEEK LEAGUE!


Omniverso: L'Uomo Ragno #102
Storie da Birreria: il Tablet
La Bara Volante: il Maestro Yoda 
La Cupa Voliera del Conte Gracula: la Carta Stampata
Nerditudine: il Commodore
The Reign of Ema: joypad del Sega Master System 
Moz O'Clock: lo Slime
Fede Stories: Game Boy Advance 
Gameocracy: Dragon Ball Final Bout
Pietro Saba World: il Personal Computer
La Firma Cangiante: l'albo Marvel 2 (Labor Comics)
Orso Chiacchierone: l'Unico Anello

Gioco Magazzino: il Furby 
Il blog di Delux: l'action figure di Spider-Man
Il Cumbrugliume: Summer Games

Cornerhousepub: il Nintendo
ps chi, diversamente dal sottoscritto, ha un account Facebook, può trovare interessante la partecipazione alla pagina Facebook della Geek League: la trovate QUI.

Commenti

  1. Ahhh forse ne avevo qualcuno per casa da piccolo, ma non ne sono proprio sicuro XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse quelli della terza serie? :D. Sei troppo giovane!

      Elimina
    2. Non saprei, forse mi sto confondendo con la casa di un mio familiare!

      Elimina
  2. Da qualche parte a casa dei miei potrei averne ancora qualcuno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ce li ho tutti ben conservati: una scatola con i magnifici 40, una con i doppioni, poi l'altra serie, la seconda :) (ahimè non completa).

      Elimina
  3. Guardando l’immagine, corro indietro sul viale dei ricordi, quelli in foto li avevo quasi tutti, ereditati dai miei cugini per altro, quante ore ho passato a giocarci ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ero un bimbo dell'asilo, i Lego dovevano ancora arrivare..idem le tartarughe ninja e le micro machines. C'erano i Masters, ma soprattutto gli Exogini. I miei preferiti in assoluto erano Robin Mask (non ricordo il nome fittizio) e Testa di Stella (non ricordo il nome originale). Aquila (cioè il babbo di Kid Muscle) non mi piaceva affatto :D.

      Elimina
  4. Che spettacolo di giocattolo! Li amavo e come per te i miei ricordi risalgono all'asilo però non credo me li abbiano mai comprati, quelli che avevo (non molti) erano scarti di bambini più grandi o baratti con coetanei.
    Una delle poche cose positive per i bambini di oggi è che non si è persa l'abitudine dei giocattolini in busta anche se non conosco la qualità, sono sempre tentato di prenderne qualcuno in edicola ma poi il mio lato Paperone (tirchio) mi blocca.
    Come scritto su Gioco Magazzino, non mi piacciono però la terza e la quarta edizione degli Exogini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la seconda serie degli Exogini era già 'più discutibile' (o forse è un tentativo pietoso di dire, quella che vale, la prima, ce l'ho completa). Gli Exogini, assieme ai Ghostbusters Filmation's, Masters e agli Sgorbions, sono stati i miei oggetti 'geek' di quando ero bimbo dell'asilo. Da notare che non credo di aver fatto mai scambi sugli Exogini.

      Elimina
  5. Sentiti nominare, mai avuti o desiderati. Come scrivevo a Moz in merito allo slime, sarà la mia età che mi mette fuori "partita". Il mio ultimo "gioco" che avrei voluto avere, ma ero fuori tempo massimo sono stati i PlayMobil.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai caro Red, sopra nel commento all'amico Emanuele ho citato i miei oggetti 'geek' dell'infanzia, ma anche i Playmobil c'erano, però piacevano più a mia sorella. Non ne avevamo tantissimi, comunque.

      Elimina
  6. Sono carinissimi. Io non me li ricordo, forse sono un po' precedenti alla mia nascita o comunque all'età della ragione :D
    Non riuscirei mai a tenere una collezione così bene ordinata, quindi complimenti a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto carini! Tieni conto che sono del 1988-1989, più o meno, quindi io ero piccolissimo e tu proprio in fasce :D.

      Questi pupazzetti hanno resistito al tempo e al gioco, essendo di plastica gommosa!

      Elimina
  7. A volte me ne sono capitati..molto simpatici!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoravo quelli tutti brillantinosi :D e odiavo quelli color carne. Che poi erano gli originali Kinnikuman!

      Elimina
  8. Riky, ma qualche ragazza Geek?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domanda molto interessante. Qui in giro per il web ci sono diversi esempi, anche tra le compagne di alcuni amici 'geek'. Di persona invece sono avvistamenti quasi mitologici. Più facile imbattersi in ragazze 'hipster'. Una ragazza 'geek', con la quale ho avuto approcci peraltro abbastanza goffi, ma una buona frequentazione (e ancora ci sentiamo), ha come passione n.1 lo sport (il calcio), ma adora i videogiochi (però io sono uno che non ama i videogiochi moderni e non è mai stato comunque un grande giocatore, uno di quelli che facevano le imprese e i record) ed è affascinata molto dalla cultura giapponese, compresi ovviamente manga e relativi anime.

      Elimina
  9. La Dama, Geek onoraria 😊👋☕🐞

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naaa...la Dama non è affatto Geek!

      Elimina
    2. https://www.giardiniblog.com/wp-content/uploads/2009/11/emoticon-facebook.jpg

      Elimina
    3. ahah, stai studiando le faccine! Ma quelle non sono 'geek', sono proprio ormai di uso comune come il telefono cellulare stesso.

      Elimina
  10. Già, stupendi. E sono anche tornati, attualmente in edicola.
    Non so da che serie siano tratti, ma il bello è proprio che negli anni '80 c'era di tutto, di importazione, mixavano varie cose.
    Pensa alla linea Meteorbs dei Masters... che oggi sono personaggi a tutti gli effetti del mondo MOTU, ma in realtà sono un giocattolo giappo che la Mattel acquistò e distribuì col logo Masters XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I metorbs, che ricordi! Avevo la tigre e l'elefante. Non capivo che nesso avessero con i Masters. Mamma mia, davvero, con un logo potevano vendere anche la cacca impacchettata!

      Elimina
    2. Oggi sono integrati nella trama, è bastato che in America dessero loro nomi tipo Gore-Illa e via, ne fai un Master :)

      Moz-

      Elimina
    3. ahah, dovremo approfondire questa cosa :D

      Elimina
    4. Cavolo cosa mi avete ricordato! E non ci crederete... io avevo proprio l'orso!

      Elimina
    5. Ormai è morto e sepolto! L'orso!

      Elimina
    6. :D, devo cercare in qualche scatolone, li voglio tirare fuori quei due ovetti simpatici!

      Elimina
  11. Non li conosco proprio, è la prima volta in verità che li sento, comunque interessante ricordo ed oggetto ;)

    RispondiElimina
  12. Ce li aveva mio cugino e io ci giocavo praticamente ogni giorno perché ero sempre a casa sua!
    Devo dire che ricordo di più quelli della seconda serie, forse i ninja mi attraevano di più.
    Ho scoperto che la prima serie era ispirata a Kinnikuman solo qualche anno fa, dopo aver visto il cartone animato... fantastico! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, uguale. Quando vidi quello strano cartone..mi accorsi che 'quelle facce' le avevo già viste, poi ho scoperto tutto!

      Elimina
  13. Sugli exogini, mitici wrestler alieni, la lacrimuccia non può che sgorgare! Erano il "piano B" per il mio totem geek, quindi massimo rispetto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quasi! E li usavo per organizzare megatornei di wrestling (senza sapere che fossero wrestler davvero) o competizioni sportive assortite :D

      Elimina
    2. In effetti anche io facevo qualche partita di calcio, escludendo quelli come 'mars' (Marte) un po' troppo grossi :D

      Elimina
  14. Li collezionavo anche io, dovrei averne ancora molti conservati da qualche parte. :D

    RispondiElimina
  15. Io non credo di averli mai avuti... però i miei amici li avevano quindi ci ho giocato un bel po'! 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravi amici :D. Ti ricordi invece quei pupazzetti in bustina, i bambini col pannolino? :D (io avevo i combattini)

      Elimina
    2. Intendi i paciocchini? Quelli che avevano il pannolino bianco che se lo immergevi in acqua diventava rosa o azzurro!
      Li adoravo! 😍😍😍

      Elimina
    3. Quando ero bambino, ricordo che andavano abbastanza, tra le bambine, dei pupazzetti del genere - ma pucciosi e leziosetti - chiamati Scubidù o qualcosa del genere: venivano venduti in bustine assieme a un filo fluorescente, così da poterli legare insieme e farci collanine di gusto discutibile. Ma non erano quasi mai monocolore.
      Venivano venduti anche in costose valigette (nel complesso, spendevi meno con le valigette che con le bustine) che racchiudevano metà collezione in una botta sola.

      Su un Topolino degli anni... '70, credo, ho scoperto che esistevano giù allora e li chiamavano Cullamilù - ma allora erano monocolore più o meno come gli Exogini.

      Elimina
    4. @Benny: sììì proprio quelli, li avevano una mia amica e mia cugina (entrambe Benedetta di nome :D), a me piaceva la puzza che faceva la plastica degli stessi :D.

      @Conte: verissimo! mia sorella ne andava matta e qualche doppione era arrivato anche nelle mie mani...

      Elimina
    5. Mia sorella li aveva i Paciocchini i loro pannolini non cambiavano colore.

      @Conte: che cazzo hai tirato fuori! Li avevo totalmente rimossi e io, avendo una sorella, giocavo anche con giocattoli per femmine e questi mi piacevano molto, non per fare collane ma per collezione (riuscivo ad usarli anche come giocattoli/muoverli come esseri viventi). Molti erano miei ma come per gli exogini mi erano stati ceduti da qualcuno, non credo ci abbiano mai comprato le bustine chiuse.

      Elimina
    6. Sono andato andato a rivedermi lo spot dei paciocchini, in effetti pannolini di tutti i colori! Bisogna svelare questo mistero.

      Scubidu top!

      Elimina
    7. Quelli che avevo io erano i PACIOCCHINI MAGICO PANNOLINO di GIG! 😍

      Elimina
    8. Ecco erano dei paciocchini con l'upgrade :D

      Elimina
    9. @ Ema: mi pare che le bustine costassero 500 lire in cartoleria, una cosa del genere. :)

      Elimina
    10. Confermo, anche gli exogini costavano 500 lire!

      Elimina
    11. Gli Exogini li valevano tutte! Gli Scubidù se ce ne era solo uno a bustina, direi proprio di no, erano di 2 cm massimo.

      Elimina
    12. Exogini the best, ovviamente :D

      Elimina
    13. Gli scubidu avevano un pupazzetto - a volte un accessorio, tipo un trono su cui insediare un pupazzo a scelta - e un filo di plastica fluorescente, anche un po' lungo.

      Elimina
    14. Esatto, a me piaceva quella specie di unicorno o di Pegaso :D

      Elimina
    15. Vero, il piruletto fallico da inserire nella parte inferiore del pupazzo. Lo avevo rimosso!

      Elimina
  16. Io ricordo solo quelli rosa, il resto mai pervenuti.
    Comunque pezzi da 90. :-)

    RispondiElimina
  17. Mai avuti, ma me li ricordo - ma non sapevo fossero di Kinnikuman in incognito, da noi! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh tu sei più vecchietto di me :) quindi non hai avuto la fortuna di giocarci!

      Elimina
  18. Non erano tra i miei giochi e, soprattutto, non avevo la più pallida idea che si chiamassero così. Ho, però, un vago ricordo di una creaturina come queste arancione che si trovava tra i giochi 'abbandonati' - ok, così fa un po' Toy Story - dal figlio, un po' più grande di me, dei vicini di casa di mio nonno: chissà se era dell'armata degli Exogini?? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente sì, ci sono alte probabilità, perché i combattini non erano di quel colore, idem i 'mostri' della Giochi Preziosi

      Elimina
  19. NIente, non ne ho mai avuto nessuno.

    RispondiElimina
  20. Cavolo, l'album ce l'aveva anche mio fratello, me l'ero dimenticato. Proprio qualche mese fa abbiamo rivenduto i nostri pezzi della prima serie che erano sepolti da anni in un vecchio cesto dei giocattoli ricavandoci anche una discreta sommetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho ancora tutto a portata di mano, mentre altri giochi riposano in soffitta-cantina...

      Elimina
  21. Anche a te dico (come ho scritto da Moz) i post Geek sono divertenti ma mi fate sentire una povera "vecchietta" ahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma noooo, siamo tutti giovani nello spirito, come ci insegna il Moz!

      Elimina
  22. Mi dispiace davvero che quella generazione di Exogini non l'ho vissuta.
    Che erano fichi!

    RispondiElimina
  23. Ne avevo solo uno della serie di Kinnikuman! Era verde con le corna, chissà che fine ha fatto.
    Comunque io vorrei leggerlo Kinnikuman, Ultimate Muscle era una serie talmente scema da essere un capolavoro XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimate muscle è bellissimo :D. Rispetto al manga sono censurate certe scene violente o addirittura alcune morti, ma la storia è quella. A parte l'andamento di un incontro XD. Nel cartone è l'ultima parte, quindi hanno dovuto farla finire in un modo, nel manga in un altro visto che poi la storia prosegue.

      Elimina
    2. Ah ma lo hai letto? Nel caso solo quello o anche il prima?

      Elimina
    3. Ho letto su Internet a spizzichi e bocconi, non è facile da trovare!

      Elimina
    4. Ho trovato la prima serie di Kinnikuman, che pare continui ancora oggi, mentre non riesco a trovare Kinnikuman Nisei ovvero il nostro Ultimate Muscle

      Elimina
    5. ah ecco io parlavo ovviamente di K Nisei!

      Elimina
  24. Meno male che non sono l'unica a non averne mai sentito parlare. Anche se sono giustificata dall'età mi sorprende che non ne abbia mai sentito parlare neanche per sbaglio xD Perché di solito anche tramite le mie sorelle a qualcosa di quegli anni ci arrivo, ma sti Exogini (ma che nome è per dei giochi?xD) mai sentiti nominare :-D Vecchio muahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Exogini è un nome bellizzimo giovinastra :P, comunque sì, chi non conosce gli exogini ha avuto un'infanzia con una grave mancanza :D

      Elimina
  25. L'altro giorno ho visto a cosa hanno abbinato adesso il termine "Exogini"...

    https://www.youtube.com/watch?v=iDi_ap4SoTs

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sono recenti?! Mai visti neanche questi ma sono bellissimi *. *

      Elimina
    2. Io li ho visti in edicola: questi sono giganteschi :D

      Elimina
    3. Dovrebbe essere la quarta serie, ne ha parlato Marco Grande Arbitro poco tempo fa.
      Exogìni, come per dire Gino al plurale? Ma solo io li ho sempre pronunciati Exògini, tipo misogino?

      Elimina
    4. Exógini anche io leggendo il post, ecco perché sembra ancora di più un termine strano xD
      Exogíni sembre più per bambini, in effetti

      Elimina
    5. muahhah, sto preparando un post da semaforo rosso :D

      Elimina
    6. Sugli exógini misogini? XD

      Elimina
    7. Ho citato anche colui che diceva exógini, ma lui esula dal discorso semaforico :D

      Elimina
  26. Ciao Riccardo, mi chiamo Alberto di exogini.com
    Tra l’altro sono romagnolo come te, di Cesenatico.
    Volevo farti i complimenti per la tua collezione, gran bei pezzi e ben tenuti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille e benvenuto! :) Quelli diciamo sono i 50 exogini scelti, poi ho diversi doppioni della prima serie. Invece la seconda serie è incompleta!

      Conosco il tuo ottimo sito, in particolare me lo sono gustato tutto qualche anno fa, quando mi misi ad approfondire il tema Exogini dopo la visione di Ultimate Muscle :D

      Elimina
    2. Grazie per i complimenti al sito! Mi fanno sempre un gran piacere.
      Se vuoi qualche info scrivimi pure a albertinoz @ gmail . com (senza spazi ovviamente)

      Elimina
    3. Me lo segno! Ho già un' iduezza :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Le quattro canzoni degli 883 che hanno fatto la (mia) storia

Max Pezzali e gli 883, con mia grande sorpresa, sono un mito per tantissimi, nella blogosfera. Quando c'è un tag sull'infanzia, Max e la sua storica band (inizialmente un duo, in realtà) spuntano sempre fuori nelle varie citazioni. Mi fa sorridere ricordare che ero l'unico, tra i miei amici, ad ascoltarlo! E poi era opinione comune che le canzoni degli 883 fossero banali e c'era anche chi riempiva di disprezzo chi le ascoltava (o forse disprezzando me, disprezzava le canzoni che ascoltavo. Vabbè). Io, come spesso accadeva in gioventù, ero fiero di andare controcorrente. E siccome siamo nel cuore dell'estate e le canzoni degli 883 hanno fatto sempre da colonna sonora alle mie estati, ho deciso di pubblicare questo post. In realtà ho scelto quattro canzoni che hanno qualcosa di più: un legame con alcuni momenti della mia vita.

O ME O QUEI DEFICIENTI LI'



Gli 883 hanno sfatato per me il tabu' delle parolacce, anche se, ovviamente, quando cantavo i loro brani, l…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…