Passa ai contenuti principali

Un must del mio Natale: le t-shirt regalo personalizzate

Non vogliamo essere ipocriti: è vero che a Caval Donato non si guarda in bocca, ma a volte a Natale si fanno regali che il beneficiario finisce per accantonare in qualche angolo della casa. Dal 2012 ho inaugurato una tradizione per i regali di Natale: t-shirt personalizzate che regalo ad amici e colleghi, o meglio ad amici e agli amici colleghi. Utili per lo sport, per il tempo libero e la casa, al massimo riciclabili come pigiami estivi o stracci per la polvere.



LA MAGLIA DELL'ANTRO: tutto nasce in realtà da un'iniziativa del Doc Manhattan che decise di formare la squadra di calcio (ideale) del suo blog, con tanto di magliette realizzate da Igor Tommasi, un ragazzo di Torino titolare del negozio di abbigliamento "Cavallo Pazzo". Rimasi colpito da quelle magliette in tessuto tecnico ed ebbi una folgorazione: quell'anno a Natale avrei regalato magliette con numero e nome stile calcio.


2012, FUORIGIOCO TEAM: ho contattato Igor e gli ho fatto la mia richiesta. Igor per prima cosa mi ha fatto gentile omaggio della maglietta dell'Antro, bellissima. Poi abbiamo creato due magliette semplici: stesso tessuto, variante rossa per i portieri (tre, io con il 18, poi c'era l'1 e il 12), nera per i giocatori di movimento (tutti gli altri). Ognuno con nome e numero. Lo stemma della mia radio (i colori sono appunto il giallo e il nero) e il nome del programma che conducevo la domenica pomeriggio. Una maglietta molto semplice, ma molto comoda per fare sport.


2013, BARBA T-SHIRT: l'anno dopo abbiamo abbandonato la maglietta sportiva per una t-shirt normale. Normale fino a un certo punto perché la t-shirt scelta, nera, aveva polsini e colletto a girocollo di colore rosso. Per la grafica abbiamo ideato un mio 'avatar' (all'epoca avevo la barba più lunga!) e abbiamo anche rimodellato il logo della radio. Una maglietta molto accattivante!


2014, THE BIG ONE: è la maglietta più bizzarra della collezione, assieme a quella del 2015. Anche qui la t-shirt (rosso scura) è impreziosita da colletto a girocollo e polsini di un altro colore (blu scuro). Cosa rappresenta quell'immagine? Diciamo la raffigurazione dell'ansia sul lavoro. "This is the big one" è una simpatica citazione della serie Sanford and Son. Ovviamente collegata a ciò che l'immagine rappresenta. E' un po' complicata come cosa, ma chi sa...sa.


2015, FACCINE: la foto purtroppo non rende, perché colletto, polsini e grafica sono di colore giallo fluo. E' la t-shirt che a mio modo di vedere ha la vestibilità migliore, più leggera, ma sempre di ottima qualità (io preferisco spendere qualcosina in più piuttosto che prendere quelle t-shirt da poco che si sbriciolano al secondo lavaggio). Anche in questa maglietta le faccine rappresentano simpatiche situazioni in ambito lavorativo.


2016, T-SHIRT COL TASCHINO: per l'anno successivo grafica più tranquilla, ma 'hashtag' personalizzato per tutti (il mio lo vedete appunto in foto). La novità è il taschino (cucito a mano) che riporta il logo 'Bruno addicted'.


2017, T-SHIRT BICOLOR: quest'anno ci siamo superati io e Igor. La grafica è semplice (ovviamente il motto richiama la celebre canzone di Caparezza), ma il punto di forza è la t-shirt, che è bicolore: grigio-nera.

MAGLIETTE SPECIALI: la maglietta che invece indosso nella foto è ispirata a quella celebre indossata da Leonard di Big Bang Theory.



Commenti

  1. I love this personalize T-Shirt. they are cute.
    https://clickbystyle.blogspot.in/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks Shweta! I love inventing graphics that recall jokes between me and my friends

      Elimina
  2. Idea davvero carina, io di magliette così non indosso però una di queste forse la indosserei, interessante quella del 2013 ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle del 2013 e del 2017 le mie due preferite :). Comunque tieni conto che in casa può essere sempre comoda una maglietta anche se non da uscita, poi per lo sport sono sempre utili (magari per l'indoor, come la palestra).

      Elimina
  3. Ottima idea sia quella in versione squadra di calcio che quella più "classica" se così si può definire :)
    Bellissima la scelta bicolor del 2017!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede, pensa che la bicolor del 2017 è un tessuto prodotto da una ditta artigianale italiana presso cui si rifornisce l'amico Igor. Cerchiamo sempre di lavorare su materiali di qualità.

      Elimina
  4. Anch'io ho una vera e propria mania per le magliette. specialmente a tema "nerd"(si sarà capito), non so se hai visto la maglietta personalizzata del mio blog..ogni tanto capita che la regali a qualche fortunato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che non l'ho mai vista. Ho partecipato solo a un sorteggione con un fumetto in palio :). Infatti anche io amo le magliette "nerd": ne ho una con Rino Gaetano, una con De André, una con Bud Spencer e una di Boris! Piu' quelle di Caparezza :D

      Elimina
    2. Io ne ho infinite degli Avengers :D poi ne ho di Star Wars.. le più belle sono quelle storiche che peschi ai mercatini come una che ho di Duke Nukem o un'altra che ho trovato con Batman..

      Elimina
    3. Duke Nukeeem muoiooo la voglio anche iooo

      Elimina
  5. Infatti è una bellissima idea regalo, perché personalizzata è solo "tua"! Hai avuto un'intuizione molto bella :)

    Moz-

    RispondiElimina
  6. L'ultima è meravigliosa. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro l'abbinamento grigio-nero anche se a volte c'è il rischio dell'effetto pigiama :D

      Elimina
  7. Che idea carina, davvero tanto. Io un regalo di Natale di questo genere lo avrei certamente apprezzato. La versione che preferisco? certamente quella del 2015.
    Ps= non sapevo avessi lavorato in radio. Che figata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie :). La versione dal 2015 rende molto di più :D (ti dico la verità, ho copiato l'idea a una t-shirt di Breaking Bad!). Sì, ci lavoro ancora, benché nell'ambito giornalistico :)

      Elimina
  8. L'ultima t-shirt mi piace, però in generale non sono una fan delle t-shirt personalizzate!

    RispondiElimina
  9. è una bellissima idea. anch'io quest'anno per Lisa mia figlia ne ho fatta disegnare una personalizzata da un mio amico grafico ..è lei sul surf, tra le onde dell'oceano.. . Mi piacciono questi regali "pensati" ,personalizzati perché vuol dire che chi ha avuto la delicatezza di pensare a te l'ha fatto sul serio spendendo pensieri e tempo :))
    Oh ma che bel giovanotto sei !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazieeeee troppo buona :), oggi la mia autostima è salita troppo, domani dovrò rimediare in qualche modo XD, ma non dispero, troverò facilmente il modo di farla scendere. (cmq la foto inganna, è brava la fotografa).

      A me piace molto fare regali: che siano queste magliette o che sia il regalo canonico, voglio una cosa che sia utile, che possa piacere e che ovviamente sia nelle corde di chi lo riceve!

      Elimina
  10. Ecco una bella idea, intelligente e simpatica.
    Adoro le t-shirt le indosso anche d'inverno in casa, quando il riscaldamento centralizzato mi fa sentire ai Caraibi.
    Ciao, sono una nuova follower, mi piace il tuo blog, tornerò a trovarti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariella :), sia per l'apparezzamento dell'idea, che per il follow. Ti aspetto!

      Elimina
  11. I regali che ti fai da solo sono sempre i migliori!
    Grande per la maglietta di Leonard! Anche se preferisco quelle di Sheldon 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho anche quella di Sheldon ma non made by Igor XD

      Elimina
  12. L'idea delle t-shirt personalizzata è sempre bellissima: io e tre mie amiche ci eravamo fatte fare quella con su scritto "Keep calm and Fettine Panate" per il concerto di Cristina d'Avena e la conservo ancora con cura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono andato a vedere perché 'fettine panate'...ahha geniale :D

      Elimina
  13. Risposte
    1. Mi piace molto di quella maglia il contrasto tra il giallo, il nero e l'azzurro!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…