Passa ai contenuti principali

Le labbra assenti di tutte le belle passanti che non sono riuscito a trattenere

Si avvicina l'11 gennaio, data in cui ricordo con grande emozione il mio artista preferito, Fabrizio De André. In questi giorni di festa, ehm di lavoro, ho ascoltato spesso una vecchia canzone, la traduzione di un brano del cantautore francese Brassens, "Le passanti"



E' una poesia dedicata alle donne che sono entrate nella nostra vita per poco tempo: il tempo di uno sguardo, oppure una breve conoscenza; "Quella conosciuta appena", che avremmo voluto conoscere meglio e passare un po' più di tempo con lei: un secolo! La canzone è ancora attualissima: quante volte capita, a noi single, di vedere passare una donna, di rimanerne colpiti, di immaginare il sorriso che purtroppo non abbiamo potuto vedere e non vedremo. Quante volte, durante un viaggio in treno, abbiamo avuto la fortuna di avere davanti una bella ragazza. Una visione, quella dei suoi occhi e del suo sguardo, che preferiamo al pur bel panorama. Ragazze con cui vorremmo scambiare due parole, ma non lo facciamo, per paura di disturbarla. Ci sono infine quelle "Già prese": le vedi, chiedi informazioni, capisci poi che era inutile sperare che fossero libere.

"Allora nei momenti di solitudine - quando il rimpianto diventa abitudine, si piangono le labbra assenti di tutte le belle passanti che non siamo riusciti a trattenere": verità in una strofa musicale. Le passanti che non siamo riusciti a trattenere sono anche le donne che hanno fatto parte della nostra vita, ma, come passanti...sono passate.

La ragazza alla quale non ho mai avuto il coraggio di dire che mi piaceva, che mi piaceva quel suo sorriso meraviglioso. Il rammarico, più che il rimpianto, per non aver avuto quella profondità d'animo per capirla e conquistarla.

La ragazza che sedeva al mio fianco, ma che purtroppo era già presa. Riuscivo a farti ridere, avrei voluto farti sempre ridere, sorridere, farti dimenticare gli affanni e le tristezze. Avrei voluto emozionarti, se fossi stato più maturo e meno timoroso.

La ragazza che saliva in macchina dopo il treno e che aspettavo con emozione, giunto alla stazione dell'arrivo. Il suo sorriso, che sono riuscito a trattenere nei miei ricordi e che rimpiango, quando ascolto canzoni che ricordano quel periodo.

La ragazza, poi diventata donna, con cui ho trascorso tanti momenti della mia vita, ma non sono mai riuscito a farle capire che per me è sempre stata importante. Siamo stati vicini, siamo stati lontani, da mesi ha iniziato una nuova e importante vita, forse presto arriverà chi riuscirà a trattenerla, di sicuro non sarò io: non sono stato in grado, né lo sono ora, su questo posso avere pochi rimpianti.

Commenti

  1. Mi sono scesi talmente tanto i coglioni che hanno attraversato il centro della terra e ora si trovano a Wellington. Per farmeli rispedire mando la fattura del pacco a te ok?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhaah, la prossima volta devo mettere l'avviso a inizio post :D.

      Oppure uso il sistema semaforico, tipo verde per i contenuti di cazzeggio, giallo per quelli a rischio effetto nostalgia, rosso per quelli a rischio caduta di palle :D

      Elimina
  2. Bellissimo post, scritto col cuore e che sa straziare il medesimo. Mi hai fatto pensare alla mia personale "collezione", un modo per iniziare tristi l'anno nuovo :-P

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Grazie Lucius :). E' stato un 1 gennaio particolare: come partire a tutto gas e fare una lunga escursione in auto, poi fermarsi e pensare...Mi sono svegliato presto, ho lavorato con grande passione e voglia, poi terminato il turno mi sono messo a finire il secondo dei post dedicati a Fabrizio De Andrè che saranno pubblicati nei prossimi giorni (prima però due post di cazzeggio ancora natalizio :)). Il terzo, questo, che poi ho anticipato, è venuto proprio di getto, colpa dei "consigli di Youtube" che mi ha spinto a riascoltare questa canzone. Canzone che amo, in cui mi ritrovo. La tristezza mi è salita perché ieri, mentre scrivevo questo post, c'è stato un momento che ero da solo in casa (non è ovviamente un problema stare da soli, ma lo diventa stare da soli durante una festa :), non c'era neanche il mio nipotino!), l'onda lunga dei messaggi di auguri si era ormai esaurita, quindi questo post si è scritto praticamente da solo.

      Un primo dell'anno che è stato effettivamente un po' il mio manifesto.

      Elimina
  3. Spero tu possa realmente trovare la tua anima gemella in futuro.. brutta cosa la solitudine, ne sono qualcosa anch'io

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabri! Ma ti rassicuro, non sono così solo :). Ogni tanto diciamo affiora qualche momento no sotto quel profilo. Tuttavia, allo stesso tempo, sono perfettamente consapevole che bisogna avere un piano "b" ed essere preparato al peggio! Che poi gli anziani ti dicono "Eh dopo non hai nessuno che ti cucina e ti lava i panni", come se fosse quello il problema XD. Per quello io sono tranquillissimo, al massimo bloggerò un po' di meno :). Grazie dell'augurio! A presto Fabri.

      Elimina
  4. Post che denota una sensibilità molto spiccata.
    Le persone come te soffriranno molto purtroppo, ma sanno donare molto.
    Non mollare mai. ;-)

    RispondiElimina
  5. quella giusta arriverà e troverà tanti motivi per restare...
    però una piccola mano al destino devi darla anche tu... la magia non si compie da sola :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci vuole prima una mano a farmi tirare un po' di coraggio in certe situazioni XD

      Elimina
  6. Capitano a tutti le situazioni di cui parli. E c'è una canzone dei Savage Garden, che forse ricorderai o forse no, che si ispira proprio ad esse. Anche il video è strutturato per farti entrare nella testa di quest'uomo a cui è bastato poco più di uno sguardo in metropolitana per immaginare una storia intera con la ragazza in questione.
    Però concordo con chi ha scritto sopra di me: il destino va aiutato. Non crucciarti sul fatto che la donna sia già impegnata o meno. Se ti piace, se pensi che vorresti rivederla e conoscerla, prendi l'iniziativa. Che mai potrà succedere? che ti dirà di no, solo questo. Non cadrà il mondo, il sole non si spegnerà, tu non avrai fatto alcuna cattiva figura. Bisogna essere artefici del proprio destino ed è sempre meglio vivere di rimpianti che di rimorsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Savage Garden conosco solo il pezzo più famoso :), a meno che sia proprio quello :D. Diciamo, per commentare entrambi (tu e tipetto), il fato non esiste, ma esistono solo le azioni che noi facciamo, le scelte che prendiamo, come reagiamo alle difficoltà. Ad ogni modo credo che all'epoca non avessi le caratteristiche mentali per poter riuscire a vincere quelle determinate partite :D

      Elimina
    2. La canzone in questione è "I Knew I Loved You". Se non hai voglia di ascoltarla guarda almeno il video, in silenzio. E' tutto lì. Buona giornata.

      Elimina
    3. La ascolterò molto volentieri :)

      Elimina
  7. È un post dolcissimo e delicato, che poi è rivolto un po' a tutti secondo me, perché alla fine un po' tutti viviamo questo effetto sliding doors, che non sai mai cosa potrebbe portarti. Poi mi ascolto la canzone! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pier. Comunque sono d'accordo: è una cosa comune a molti!Non a caso ho usato il plurale e non il singolare.

      Elimina
  8. Scusa Riccardo ma la ragazza che è sempre stata importante, ora non è più in contatto con te? Se ci tieni ancora a lei, non farti scrupoli, diglielo!
    E così ho capito ancor di più i pensieri di un uomo giusto come tu appari... nessun dei quali, per me, è errato...Abbraccio e complimenti per il tuo scritto ed il tuo essere. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì che è in contatto con me :). Comunque è una storia lunga e complicata XD. Ma da lei ho avuto sempre segnali abbastanza decisi verso un NO :D

      grazie comunque per le belle parole :), troppo buona come sempre.

      Elimina
  9. Bello il video con tutte le donne in arte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero,infatti ho scelto di linkare quello piuttosto che il video solo con la foto dell'artista :)

      Elimina
  10. Great post!
    https://clickbystyle.blogspot.in/

    RispondiElimina
  11. Io ho pensato che fosse un post da messaggio subliminale 😏... Può essere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque, ti posso assicurare che il post non si riferisce a nessuna persona\blogger che qui entra, commenta e legge :). Anzi, quella più importante delle quattro, è nota ad alcuni lettori-blogger, sia per passati riferimenti, ma non solo: un paio di loro hanno visto anche le foto e sanno nome e cognome :).

      Scrivere un post così è a metà tra il bisogno ogni tanto di sfogarsi e il 'rischio' che qualcuna di quelle persone un giorno lo legga. E' strano, lo so. Però da una parte non si dicono certe cose, ma le si scrivono, pensando: magari un giorno leggerà e capirà molte cose.

      Però hai ragione sul messaggio subliminale: in fondo un post così 'abusa' facilmente della vostra empatia e veicola il messaggio del "sono piccolo e nero, vogliatemi bene lo stesso" (anche se su questo concetto dovremmo fare lo stesso degli approfondimenti).

      Citando un noto verso e ponendolo in un diverso contesto, "I poeti sono brutte creature, ogni volta che parlano è una truffa". Anche se ovviamente è un'ulteriore pecca definirmi poeta :)

      Elimina
    2. Io intendevo nella tua vita reale, no qui fra i blogger. Bhe chetelodicafare che ti comprendo? Ilmio è tutto come lo hanno descritto 😂Il blog serve soprattutto a noi stessi più che a gli altri.

      Elimina
    3. Peraltro mi ha appena telefonato la persona più importante delle quattro :D

      Elimina
  12. Grande De André!
    Anche a me sono capitate tante gnocche sui mezzi pubblici quando ero giovane e timido... capitasse oggi... martellata stile Kaori di City Hunter da parte della mia ragazza.
    Concordo con exvideogiocatore... 😝 ma ti ho letto volentieri 😉
    E con te ho recuperato tutti gli articoli!
    Procediamo con gli altri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhahaah la martellata è meritatissima, ma ogni tanto una sbirciatina...Quindi ho due spedizioni da pagare :D basta che non passino per l'America, l'ultima volta dall'America ho pagato un sacco di dazi..

      A parte gli scherzi, grazie mille per aver letto tutti i miei post :).

      Elimina
  13. ma che bello è questo post?
    forse sono io particolarmente in vena di romanticherie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie :). Parafrasando sempre De André, mi hanno insegnato la meraviglia (in senso negativo) verso la gente che apriva il proprio cuore, che mostrava i propri sentimenti (era un segnale di debolezza), ora invece so bene che è un delitto reprimere i propri sentimenti, anche se purtroppo non si riesce talvolta a mostrarli alle persone in questione :D. Propri sentimenti in senso lato: anche l'affetto che si prova verso un amico.

      Elimina
  14. Tutte le persone (non solo ragazze) che ci hanno solo sfiorato, anche se potevano -avrebbero potuto!- piacerci, sono convinto che non dovevano far parte della nostra vita: né da amanti, né da fidanzate, né come amici.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello il tuo commento :). E' la sacrosanta altra faccia della medaglia: avessero avuto un ruolo diverso, nella mia vita, sarebbe stato davvero tutto rose e fiori? Ecco, questo è un aspetto che giustamente conta molto!

      Elimina
  15. "Milioni di amanti, che non si conoscono, si sfiorano ogni giorno al supermercato; si toccano le braccia nella metropolitana, le loro macchine sono vicine nel traffico, una fila di differenza al cinema. Per l'anagrafe dei sentimento sono sconosciuti e, tornati alle loro case, si addormentano nel letto sbagliato, senza nemmeno maledire il destino che non li fece incontrare"
    Mi è venuta in mente questa leggendo il tuo post e, siccome penso che sia carina, te l'ho riportata.
    Comunque io credo, e te l'ho sempre detto, che sia davvero una questione di persona giusta. Lo credo perché ho visto sulla mia pelle che quando quella arriva, allora arriva anche il coraggio di buttarsi, di fare il primo passo, di rischiare. E quando è quella giusta questo coraggio viene premiato e la solitudine smette di esistere.
    Quindi io ti auguro che questa persona possa arrivare perché se la meritano tutti, anche quelli peggiori, figurati tu che mi pari un'anima buona e tranquilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paoletta :) però non sono così buono muahahahahh. E' giusto puntualizzare una cosa: dai 14 ai 24 anni sono stato una persona improponibile :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…