Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da febbraio 19, 2017

Cinque portieri idoli della mia gioventù, la classifica

Cinque portieri che per me erano leggenda, al di là delle prestazioni effettive sul campo e dei titoli conquistati in carriera. Protagonisti anche miei videogiochi preferiti.

5) Mickael Landreau - Francia: era la risposta francese a Gigi Buffon. Titolare a 17 anni in Ligue 1 con il Nantes, al posto di un altro portiere che suscitava le mie simpatie come Casagrande (giocò con il Nantes contro la Juventus in Champions League). In Pc Calcio 6.0-7.0 era un portiere dai valori già alti di base, con ulteriori margini di sviluppo. Ha giocato un sacco di anni al vertice, sempre nella massima serie francese, fino ai 35 anni di età. Ma in nazionale non ha mai sfondato, non solo per la presenza tra i pali di un mostro sacro come Barthez.


4) Wilfred Agbonavbare - Nigeria: deceduto il 27 gennaio di due anni fa, a 48 anni, portato via da un brutto male. Un portiere piuttosto massiccio che entrò nell'olimpo degli idoli grazie alla mitica canzone di Elio e le Storie Tese "Nessuno allo Sta…

I cinque giocattoli che ho desiderato avere nella mia infanzia, la classifica

Dopo la classifica dei cinque Lego più belli della mia infanzia, ecco i giocattoli sognati, ma mai avuti. Devo dire la verità, non ho avuto difficoltà nello scegliere i cinque giocattoli bramati, ma non avuti nell'infanzia. Perché di questi quattro+uno si tratta, null'altro. Non ci sono extra-classifica. 5) Metroplex - Transformers: a dirla tutta è stato sempre uno dei miei Transformers preferiti, un giocattolo che mi piaceva molto, ma non è entrato direttamente nella mia lista dei desideri. Ci sarebbe entrato Fortress Maximus, ma in Italia il protagonista di Transformers Headmasters non è stato importato. Comunque lunga vita a Metroplex e ai suoi poderosi fuciloni. 4) Zenon - Superhuman Samurai: il telefilm arrivò su Italia 1 sull'onda del grande successo dei Power Rangers. Anche qui c'erano i robottoni, ma da adulto, ora, li ritengo meno fighi dei Megazord e compagnia di Tommy&C. Servo, la controparte virtuale di Sam, poteva potenziarsi diventando Synchro e…

Recensione: Mickey Mouse Mistery Magazine n.4, "Lost and found"

Quarto episodio di MMMM, un giallo a firma Tito Faraci che costituisce un "filler" della saga. Topolino prosegue le sue avvenuture ad Anderville, ma "Lost and found" è il classico "filler", una vicenda che non ha legami con quella principale che si snoda tra i diversi numeri di Mickey Mouse Mistery Magazine. Ma è un "riempitivo" ben speso, non solo per la firma di Tito Faraci e per gli splendidi disegni di Claudio Sciarrone. La vicenda ha i contorni del giallo: il furto di una borsa, ma anche la sparizione di una somma di denaro e di titoli al portatore. Due storie che si intrecciano alla perfezione, grazie all'abilità dello sceneggiatore Faraci. Ulteriore pregio di "Lost and found" è l'introduzione di un importante personaggio, il giornalista Muck Rakers. Uno che le regole di Anderville le conosce bene. Meritevoli i disegni di Claudio Sciarrone, sempre abile a rendere la sensualità dei personaggi femminili, nella fattispecie…

Il pescatore, due piani di lettura validi del capolavoro di Fabrizio De André

Il 18 febbraio del 1940 nasceva Fabrizio De Andrè, il più grande cantautore. Uno dei suoi pezzi più celebri è "Il Pescatore", brano di una profondità estrema.




"Il Pescatore" è uno dei pezzi più celebri di Fabrizio De Andrè. Lo conosce chiunque, anche chi nella playlist dell'mp3 ha Emma, Marco Mengoni e Katy Perry. E' così conosciuto che sul web è facile imbattersi in ardite interpretazioni del testo della canzone. "Ah il pescatore è un vecchio che una volta era un assassino e rivive la sua vita prima di morire", "Ah il pescatore viene ucciso dall'assassino, per questo non parla ai gendarmi" (AHAHHAAHAH): vi cito queste tra le tante, mentre giustamente i siti che le propongono mi ricordano che devo disattivare l'Adblock, perché si sa, una così bella interpretazione merita tanti click e tanti incassi.




Nel mio piccolo, da profondo conoscitore delle canzoni, ma soprattutto della poetica di De Andrè, volevo offrire la mia interpret…

Cinque maglie da calcio kitsch anni '90 della mia collezione, la classifica

Una delle mie grandi passioni, vi presento cinque pezzi particolari della mia collezione di maglie da calcio Ho una sostanziosa collezione di maglie da calcio, una passione per me. Nessun pezzo pregiato, puntualizzo, pochissime match-worn e tante divise da "negozio", senza nome e numero. Ma tutte maglie che per me hanno un valore: il ricordo di una squadra o di un qualcosa legato a essa o alla maglia, l'ammirazione per un giocatore. 5) Psv Eindhoven 1997/98 away: la Nike subentrò nella stagione 1995-1996 all'Adidas. Addio alla tradizionale divisa a strisce verticali bianco-rosse e alla seconda maglia blu scuro con inserti bianchi. Per il biennio 95-97 la Nike impostò una prima maglia prevalentemente rossa attraversate da strisce bianche di diversa forma, con qualche dettaglio nero. Seconda maglia identica ma blu scuro con strisce nere e dettagli bianchi. Nel 97-98 prima maglia per il terzo anno rossa con strisce bianche e rifiniture nere, mentre la terza maglia di…