Passa ai contenuti principali

The Real Ghostbusters e i fantasmi di Natale - parodia del Canto di Natale

Il Canto di Natale di Charles Dickens è apparso anche nella serie animata dei "The Real Ghostbusters". L'episodio 13 della prima stagione, "I fantasmi di Natale" (titolo originale "X-mas Marks the Spots"), è un omaggio dell'autore J. Michael Straczynski a uno dei suoi scrittori preferiti.



TRAMA: i quattro acchiappafantasmi sono reduci da un lavoro, quando si fermano in alta collina a causa di una grossa nevicata. Finiscono in un 'buco temporale', poi nell'Inghilterra Vittoriana dove incontrano Scrooge e i tre fantasmi del Natale (passato, presente e futuro). I Ghostbusters catturano i tre fantasmi, ma così facendo producono un cambiamento del presente: il Natale sparirà come festa.


LA MORALE DELL'EPISODIO: è nelle parole di Peter, che veste i panni del fantasma del Natale passato, dopo averlo catturato, nel tentativo di redimere Scrooge. Anche Peter, come il ricchissimo avaro, ha avuto dei Natali tristi da bambino, per l'assenza del padre impegnato a lavorare. "Anche se hai avuto un passato infelice, non c'è ragione di dare colpe al Natale. Tanti di noi hanno avuto dei Natali che non erano un granché, ma se ti arrendi, finisci per negare a te stesso ciò che ti dispiace tanto non avere avuto prima". Peter stesso, che a inizio episodio si dice contento di aver lavorato la vigilia di Natale, perché è un giorno come un altro, capisce invece che il Natale é un giorno speciale da vivere a maggior ragione se in passato non si è respirata quella bella atmosfera. Il messaggio va però oltre al Natale: nella vita bisogna lottare (non arrendersi), cercando di raggiungere quelle cose la cui mancanza ci ha reso tristi.


Anche Peter, come Scrooge, ha avuto bisogno dei fantasmi del Natale, non a caso alla fine si scopre che quanto successo a inizio episodio non è stato casuale.

L'episodio si conclude con l'ovvio lieto fine e con l'apparizione di Babbo Natale: o meglio, si sente la sua voce in sottofondo. In una ventina di minuti c'è molta azione: Egon deve infatti avventurarsi nell'unità di contenimento per recuperare i tre fantasmi del Natale e incontriamo nuovamente tutti i malvagi spiriti catturati nei dodici precedenti episodi della stagione 1.



Episodio ricco e come sempre caratterizzato da battute brillanti, affidate in genere a Peter. Divertentissimo quando Ray vede definisce la Londra Vittoriana "paesello di Provincia" nel momento in cui la regia inquadra dall'altro tutta la città, che è appunto enorme.



Commenti

  1. Sai, non la ricordo proprio questa puntata.
    Provo a recuperarla perché m'intriga!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno dei grandi classici. Comunque i primi 65 episodi (s1 e 2) sono tutti meritevoli, poi ahimé il livello della serie crolla (pur con qualche puntata da ricordare, come il ritorno del Babau).

      Elimina
  2. Non sapevo che Straczynski avesse sceneggiato questa serie! Ho dei grandi e bei ricordi su questa ed in particolare della sua run con Jon Romita Jr. su Spider-Man...poi è arrivato Quesada

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una serie 'potente', perché tra le avventure, fantasmi e cose per strizzare l'occhio al pubblico più piccolo, inserisce anche elementi più seri e pure elementi di riflessione per i più grandi (a parte la morale dell'episodio, come quella presente in questo).

      Elimina
  3. Il buon vecchio “Stracchino” che ho apprezzato sulle pagine di Spider-Man per tanti anni ha fatto una lunga gavetta, prima o poi tutti dicono la loro su canta di Natale di Dickens, qui lui ha scelto i Ghostbusters per farlo ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahah, 'stracchino'. Lo ha fatto in un modo interessante con I Ghostbusters, anche se avrebbe avuto bisogno, secondo me, di altri 20 minuti almeno..

      Elimina
    2. Momento, mi state dicendo che Straczinki o come diavolo si scrive scrisse anche episodi di The Real Ghostbusters?!? l'episodio non me lo ricordo ma li guardavo sempre volentieri e me li riguarderei oggi, peccato non esista un edizione in dvd.

      Elimina
    3. Esattamente, infatti 'The Real Ghostbusters' è un cartone molto più maturo e con un background importante al di là delle apparenze e del pubblico a cui è rivolto..

      Elimina
  4. Mai visto questo episodio ma immagino che sia divertentissimo.
    Ottima la scelta di far riapparire i mostri precedenti, amo queste cose :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peraltro il viaggio nel contenitore dei fantasmi, da piccolo, era un momento che mi impauriva molto :D

      Elimina
    2. E finalmente mostravano cosa ci fosse dentro al contenitore!!

      Elimina
    3. Non mi ricordo però se ciò avvenisse anche in altre puntate, di seguito :D

      Elimina
  5. Non ricordo molto, ma so per certo di averla vista questa puntata, anche perché non ne perdevo una ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggendo anche il commento di Fabri qui sotto, non vorrei che Italia 1 avesse di proposito non mandato in onda la puntata, nelle ultime repliche.

      Elimina
  6. Le puntate le ricordo molto divertenti, ma questa non la ricordo proprio.. vorrei recuperarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Divertenti e in qualche passaggio anche commovente, ma in futuro ne saprete di più :)

      Elimina
  7. Il personaggio di Scrooge è emblematico, tutti noi ne abbiamo incontrato almeno uno. Sono persone dure, fredde, scostanti, arroganti, problematiche. Poi magari gli fai un sorriso, gli accarezzi una mano, e si sciolgono come neve al sole.
    E' la solitudine ad inaridirci, il vuoto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che la solitudine non so fino a che punto possa inaridire una persona. La fa soffrire, questo sicuro; ma in realtà penso che a volte la solitudine abbia l'effetto opposto. Si diventa molto sensibili. E' anche vero che a volte la solitudine fa mettere una corazza e allora si diventa freddi per quello.

      Elimina
    2. La solitudine intesa come "non ho nessuno che mi voglia bene, che tenga a me", penso si che possa inaridire. Ma ci sono tanti tipi differenti di solitudine, ognuno la vive a suo modo.

      Elimina
  8. Bellissimo episodio che purtroppo non ricordo. Devo recuperarlo in qualche modo!
    Peter, interpretato nei film dal grande Bill Murray, non a caso è anche il protagonista di S.O.S. Fantasmi, un'altra versione di Scrooge!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma purtroppo in quel film Murray non è doppiato da Rizzini :(

      Elimina
    2. Solitamente mi innervosiscono i cambi di doppiatori ma sono talmente affezionato anche a quello di SOS Fantasmi (sarà che adoro il film) che non mi dà fastidio.

      Elimina
    3. giusto, modifico il commento: "in quel film non è doppiato da Rizzini ma da un doppiatore che non mi piace" :D

      Elimina
  9. I don't know about this, but seems very interesting.
    I am your new follower . hope to see you on my blog. please visit my blog.
    https://clickbystyle.blogspot.in/ . Merry Christmas .
    Keep in touch.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hi Shweta,
      happy to have you here. Thanks for follow me, I reciprocated your courtesy. The Real Ghostbusters is an historical cartoon saga from a very famous film with Dan Aykroyd and Billy Murray. Merry Christmas to you!

      Elimina
  10. Non conoscevo questo "special" natalizio, sembra molto interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kiral, benvenuto: ). Si una delle migliori puntate dei Ghostbusters!

      Elimina
  11. Quanto mi piacevano le "puntate di Natale" dei cartoni, soprattutto se le emittenti le presentavano durante le feste. Questa serie in particolare non l'ho mai seguita (quando uscì ormai ero grandicello) ma in genere mi commuovevano sempre :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà ci sono diverse puntate dei Ghostbusters commoventi, questa no. Era celebre, nella colonna sonora, il brano chiamato 'realization' o qualcosa del genere, che sottolineava questi momenti commoventi.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…