Passa ai contenuti principali

Sette tra premi e nomination, grazie mille!


In questi primi due giorni del weekend dell'Immacolata ho fatto sostanzialmente due cose: a) lavorato b) mi sono incrociato gli occhi giocando a Duke Nukem 3D (per la prima volta ho fatto la quarta avventura, per me inedita, "The Birth: bellissima fino allo sfracellamento di maroni del livello finale). Per rendere questo weekend più utile, credo sia doveroso fare un post di ringraziamento.


In primis grazie a tutte le persone che entrano nel mio Bazar e che leggono i miei post; grazie a tutto coloro che commentano, arricchendo i miei post; grazie a tutte le persone che mi hanno messo il 'follow'.

Ma ora un ringraziamento alle persone che mi hanno insignito di ben 4 Boomstick Award e di 3 nomination ai Recognition Award.

BOOMSTICK AWARD


Il Boomstick Award è un premio nato su idea del titolare del blog "Book and Negative": un po' come i telegatti, ma per i blog!

QUI il mio post

Quattro i blogger che mi hanno premiato:

Michele del blog "Cumbrugliume"


Marco de "La stanza di Gordie"

Fabri di "100 anni di Nerditudine"

Arcangelo e Isolde di "Omniverso"


RECOGNITION AWARD


Il Blogger Recognition Award è un 'contest' che permette a noi blogger nominati di raccontare le origini dei nostri blog.

QUI il mio post.

Mi hanno nominato in tre:

Cassidy de "La Bara Volante"

Fede di "Stories"

Fabri di "100 anni di Nerditudine"

Se mi fossi dimenticato qualcuno...perdonatemi. Ho nella testa solo frasi del tipo: "Come get some"-"Groovy"-"Hail to the King Baby!". E suoni tipo: "Maoooooooooorghh", "Gniiiiiiiii" "muarrghh".

Commenti

  1. E tutti meritatissssssimi!!!!! :D

    RispondiElimina
  2. Complimenti Riccardo, inutile dirlo...
    Il senso del premio è lodevole. Se posso aggiungere, ho riscontrato anche il fatto che, in questo modo, gli amici che apprezzi lo vengono a sapere in modo più evidente. Particolare per me molto importante, per me che dimostro difficilmente...
    Ciao e notte notte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pia, sì, queste iniziative sono molto carine; ma soprattutto permettono di conoscere blog nuovi. Infatti nelle mie nomination per i boomstick award ho scelto diversi blogger giovanissimi!

      Elimina
  3. Bravissimo, tutti meritati! Io sto perdendo il conto con tutte queste nomination...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ema! Infatti spero anche io di non aver dimenticato nessuno XD

      Elimina
  4. Groovy! ;-9 Premi tutti meritatissimi e buona partita! ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curioso in effetti il parallelo tra l'originale Groovy (Ash Williams) e l'emulo (duke Nukem). Me ne accorgo ora XD. Grazie Cass!

      Elimina
  5. Premi decisamente meritati! Grande Riky! :)

    RispondiElimina
  6. Felice di averti premiato ma soprattutto di leggerti ;)

    RispondiElimina
  7. Più che i tuoi post a me piacciono i commenti che fai negli altri blog.
    Mi sembrano moto obiettivi e meditati.
    Avevo messo il mio follower e poi l'ho tolto. Mi sembrava di aver visto
    un tuo commento nel mio blog, invece era del Rockpoeta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gus, mi ha fatto molto piacere che tu abbia apprezzato i miei commenti. I commenti possono essere a loro volta dei post, commentando le tematiche presenti nel post principale. Ho messo il follow al tuo blog e verrò a farti visita e a leggere i tuoi scritti.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…