Passa ai contenuti principali

Il Capodanno più bello, i ricordi della mia infanzia e gioventù

Qual è stato il capodanno più bello? Non ho esitazioni nella scelta: il 31 dicembre 2003. Eppure la prima parte del 2004, come molti di voi sanno, è stato uno dei periodi più bui della mia vita. Ma quel capodanno resta indimenticabile.

La foto rappresenta il gioco "Pro Action Football", la versione plebea del Subbuteo con le calamite. Quella sera ci ritrovammo in quattro, a casa dell'amico Josh. Pizza, un paio di film presi al vecchio videonoleggio del mio paese (uno dei quali un terribile pornosoft intitolato 'Privé', opera di Vincent Dawn cioè Bruno Mattei, regista che poi avrei conosciuto bene con i suoi fantastici horror di serie B), videogiochi, ma soprattutto il torneone a "Pro Action Football", gioco di proprietà del mitico Alby. Si giocava due contro due con squadre dai nomi improbabili, alcune delle quali citate qui: aggiungo, ad esempio, il Drogheda United. Un capodanno indimenticabile: l'essenza dell'amicizia, del divertirsi con poco, il fare le cose che mi-ci fanno stare bene. E tornando alla foto, scattate da Enrik con la sua macchinetta, quella di 'copertina' è l'unica pubblicabile: nelle altre ci siamo noi quattro e la mia faccia è francamente impresentabile (ma non per gli stravizi da gioco: è impresentabile e basta).

Ho quindi ricordi felicissimi di quel 31 dicembre-1 gennaio 2003-2004, ma anche dei tanti 'veglioni' festeggiati in famiglia, da bambino. A casa mia erano habitué due coppie di amici dei miei genitori, una delle quali aveva un figlio, Francy N., che è stato uno dei miei amici del cuore dei miei primi 12 anni di vita. Era l'unico giorno in cui da bambino vagliavo la soglia delle 24, mi ricordo che dormivo al pomeriggio per poter arrivare fresco alla serata e nottata di divertimento. Cena, l'immancabile tombola, i giochi con Francy N., i fuochi d'artificio dal mio terrazzino (a quei tempi eravamo davvero nell'età dei barbari!).

Ho avuto comunque anche la fortuna di trascorrere capodanni piacevoli anche in feste 'private', organizzate in location quali case, parrocchie...in una di queste c'era una ragazza che si chiama come mia sorella, un sorriso stupendo, un giorno (magari quello prima del suo matrimonio) magari troverò il coraggio di dirle che mi è sempre piaciuta da morire e mi scuserò magari per non essere riuscito a farle vedere quel (poco) di buono che c'è in me.

Capodanno non ha riservato momenti tristi, un capodanno vissuto da ragazzo è stato deludente, ma già qualche giorno dopo è diventato divertente, una storiella simpatica che fa veramente ridere chi la sente raccontare.

E il capodanno del presente? Una sera come le altre, a letto alla stessa ora, idem la sveglia la mattina dopo, per una giornata lavorativa che potrebbe anche rivelarsi abbastanza serrata.

Tuttavia non me ne dolgo: sentendo con altre persone, ho la percezione che il capodanno sembri sempre più una cosa forzata. La differenza, come sempre, la fanno le persone con cui si passa Capodanno.

Vi auguro di passarlo con le persone più care e di divertirvi: e che sia un 2018 ricco in primis di salute e di serenità, poi di tante gratificazioni, professionali e non. L'amore? Chi ce l'ha, se lo tenga stretto. Chi è da solo auguro possa trovare la sua anima gemella.

Commenti

  1. Anche se lavori goditi il cambiamento per un Migliore nuovo 2018!
    Abbraccio grande a te ed a chi hai nel cuore, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pia, sempre gentilissima. Il cambio dell'anno un po' mi inquieta: un altro anno se ne va e tutto invecchia :D. Speriamo bene! Augurissimi anche a te

      Elimina
  2. Riky, lavoro anch'io il primo (inizio ore 7.50) e ti capisco benissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah caspita! Allora siamo già in due :). Auguroni e naturalmente buon lavoro!

      Elimina
  3. Del mio più bel Capodanno conservo ricordi vividissimi, come se fosse stato l'anno scorso. E invece era il lontano 2005. Di tanti altri ho ricordi vaghi, come se li avessi vissuti per metà o senza particolari slanci.
    Un caro abbraccio e tanti cari auguri per il 2018.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello, dovresti raccontarcelo :). Anche io comunque dei vari capodanno ho più dei flash, non ricordi vivissimi (salvo quello principale che racconto).

      Auguroni anche a te! Grazie di cuore

      Elimina
  4. Lo penso anche io, meglio scegliersi le persone giuste per capodanno, visto che è una festa ancora più di plastica delle altre, passatela bene anche fosse una serata normalissima, che sia lieta e auguri! Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, è proprio una festa di plastica! Ed è facile spendere tanto e passarla male.

      Auguri mitico Cass!

      Elimina
  5. Pro Action Football me lo ricordo :D
    Oh caro, buon anno nuovo...
    Sarà un piacere conoscerci nel 2018!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande, Pro Action era molto carino per un 'gioco' più spensierato piuttosto che il Subbuteo, molto complicato con le sue regole! Auguroni anche a te

      Elimina
  6. Sì, come ti dicevo privatamente, il capodanno non serve a niente, nel senso che è una cena convenzionale e io ne faccio mille ogni momento.
    Purtroppo non esiste più quella spensieratezza del passato, di quando da bambini dovevamo solo preoccuparci di come divertirci.
    Buona fine e buon inizio.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, il capodanno è una festa di 'plastica', usando il termine dell'amico Cassidy. Divertiti stasera, buon anno mitico!

      Elimina
  7. Anche io da piccola ho avuto un'amica del cuore/figlia di amici di famiglia con cui ho passato i miei primi 12 capodanni :) Ed erano stupendi perchè, benchè tutte e due vestite con gonnellina e scarpette in vernice, combinavamo i peggiori danni :D Pattinavamo sul pavimento di marmo a casa sua, allagavamo il bagno per fare la piscina alle Barbie, mettevamo il sale nei bicchieri dei grandi quando versavamo loro lo spumante...eh, bei tempi. Peccato che poi si cresca e basti niente per perdere tutto quell'affiatamento che c'era (almeno nel mio caso, non so il tuo).
    Comunque, ormai, il Capodanno è un obbligo anche grazie ai socialnetwork. Voglio dì, se prima di Fb non si festeggiava, nessuno lo veniva a sapere (anzi, uno poteva benissimo dire di averlo passato in modo strepitoso in viaggio o cazzate simili)! Adesso, invece, se non posti una foto con il bicchiere dello spumante vieni tacciato come sfigato ecc ecc!
    Si fa più per facciata che per altro...e anche io ci sono in mezzo, lo ammetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahaah, no, noi eravamo più tranquilli: giochi in camera prima e dopo la cena, poi si tornava in sala per la cucina e infine in sala per il brindisi. A quel punto si faceva un po' di baracca, con mio babbo e il suo babbo che dal terrazzino lanciavano i fuochi d'artificio! Oggi, se lo facessero, andrebbero in galera :D. Fortunatamente io sono fuori social, ma sicuramente posterei tranquillamente la foto del mio letto :D, perché come dico sempre, non posso essere tacciato per sfigato, perché lo sono XD (secondo quelle che sono le convenzioni).

      Elimina
  8. Tanti Auguri di Buon Anno.
    Mi piace molto leggerti perché ritrovo un po' anche dei pezzi di me stesso del passato che avevo dimenticato. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere: oltre ad essere un buon ascoltatore, sono anche un buon 'suscitatore' di pensieri e riflessioni :).

      Tanti auguri a te!

      Elimina
  9. o magari potresti piombare in chiesa, tutto trafelato, proprio il giorno delle nozze e un attimo prima del sì, come fanno nei film ahahah
    dài, niente da perdere, tutto da guadagnare... buttati Riky (e non nella pattumiera!), vista la tua smisurata autostima è meglio precisarlo 😄
    per me capodanno è stare con chi conta anche negli altri 364|giorni 😊
    Buon Biscottoso 2018 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, esatto, una scena da film! Ma poi verrei aggredito da famelici invitati che mi dividono il busto dalle gambe e mi mangiano le budella. Ah no, questo è un altro genere di film XD. A parte gli scherzi, purtroppo è un passato...passato. Però hai ragione: a Capodanno si buttano le cose vecchie. Mi lanciooooooooooooooo.
      I biscotti saranno una certezza, una piccola consolazione per gli affanni del 2018!
      Auguri caro!

      Elimina
  10. Ne ho passati tanti di belli, certamente quelli da bambino e ragazzino su tutti, anche perché passati tutti in campagna di parenti, da anni invece mio fratello fa il cenone o va da amici, mentre noi rimaniamo in tre a casa, anche se è comunque e ugualmente tutto bello ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti come sempre la differenza la fanno le persone con cui stiamo..auguroni Pietro!

      Elimina
  11. Ti ho "scoperto" da Patalice :) Buon Anno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille della visita, ricambio con piacere il follow. Verrò a trovarti :) Buon anno a te!

      Elimina
  12. Sono i veglioni migliori quelli così, senza stupide e forzate tradizioni!
    Il prossimo anno anche io prendo una pizza e mi metto a giocare alla Play fino mattino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri sera ho fatto un piccolo capodanno :D, con un carissimo amico e Fifa 2006 a palla. Ahahah!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…