Passa ai contenuti principali

Cose non natalizie che fanno pensare al Natale: i miei ricordi

Lo spunto è partito dal nostro Miki Moz, un vulcano di idee. Raccontare in un post cose non natalizie che evocano però i nostri Natali.

Scrive Miki sul suo blog: "Cose che, per voi, diventa(va)no prettamente natalizie senza esserlo. Perché magari legate a momenti precisi, regali ricevuti e via dicendo".

Anche per me sono natalizi i film della Walt Disne
y: l'appuntamento della sera della vigilia (in particolare con "La spada della roccia") era imperdibile. Così come era un appuntamento fisso il film di Asterix nel tardo pomeriggio di Natale.

I giocattoli non li cito neanche, perché é scontato.

Vi ho parlato qualche giorno fa, QUI, di un 'cult' del mio Natale: l'Almanacco del calcio Panini. Possiamo dire che è l'oggetto per eccellenza che, pur non essendo legato al Natale, mi evoca immediatamente l'atmosfera natalizia.

Ci sono anche i videogiochi ovviamente: i miei genitori mi regalarono il Personal Computer, nel Natale 1996. Il regalo più costoso che mi abbiano mai fatto: un Olidata che ha vissuto per una quindicina d'anni. Due i videogiochi che mi ricordano il periodo natalizio: Mortal Kombat III (e qui l'atmosfera è tutt'altro che natalizia, visto il sangue sparso per lo schermo) e Fifa '98, il celebre videogioco di calcio, regalo di Natale 1997 da parte dei miei genitori.

Legato al calcio ci sono gli adesivi del Milan, la mia squadra del cuore, cartoline e poster: lo zio paterno me li portava (come suo regalo di Natale..) dopo aver fatto razzia (gratis) nel Milan Club della sua città.

A Natale c'è il ricordo del grandissimo Fabrizio De Andrè, il n.1 assoluto per me, in campo musicale. Ne ho parlato in un vecchio post che vi invito ad andare a rileggere QUI.

Al Natale è legato il ricordo di un grande amico, Francy N
., che avendo la nonna materna nel mio paese, veniva sempre dalle mie parti nel periodo estivo e soprattutto nel periodo natalizio. Trascorrere il periodo di festa con Francy N. era la mia gioia e il regalo più grande.

Al Natale a Francy N. si lega un altro ricordo, un altro oggetto che, pur non essendo natalizio, si ricollega al Natale. Ve ne parlerò nei prossimi giorni!

Commenti

  1. Nel mio passato ci sono tante cose non natalizie legate al Natale ma nel presente, salvo videogiochi e giocattoli, mantengo una tradizione con solo cose natalizie (film, serie TV,fumetto ma soprattutto musica), tutto il resto viene rimandato a gennaio.
    Quest'anno farò forse delle eccezioni coi film fantasy tipo Fantaghirò ma solo dopo il 26.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ricordati di comprare Topolino di mercoledì prossimo, con le storie natalizie!

      Elimina
    2. E compra il pandoro monofetta della Bauli :D

      Elimina
    3. Ho pensato a una modifica dello spot Bauli: tu sbuchi dalle spalle della schiaffeggiante, colpisci con un pugno la donna strani capelli e ti mangi il pandoro, poi arriva il tizio, la vecchia voce della Bauli, che fa il ba ba bauli tradizionale e infine tu rotei il pugno cantando: "We are living, living in the nineties. We still fight, fighting in the nineties!".

      Elimina
  2. I classici di Natale della Disney sono talmente un appuntamento fisso, che persino la mia Wing-Woman ancora oggi, mi avvisa per tempo quando verrà trasmesso “La spada nella roccia” che si guarda almeno una volta l’anno. Poi vabbè per me non è Natale se il 24 sera non guardo “Una poltrona per due” appuntamento fisso con il mio amico John landis ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo una poltrona per due noooo. Quest'anno ho scelto di riguardare 'sos fantasmi', in nome dell'amico Ema; cioè non lo guardo prettamente il 24 sera, ma la prossima settimana, prima di Natale, alla prima occasione utile :D.

      La spada della roccia non lo trasmettono più in prima serata! Lo hanno confinato al pomeriggio.

      Elimina
    2. Nooo Bara Volante è un "pertempista"!

      Grande Riky, non te ne pentirai! Io probabilmente mi darò al classico La Vita È Meravigliosa anche se probabilmente starò in qualche albergo (quest'anno scappo dal Natale in famiglia).

      Elimina
    3. no Natale in albergo? Fai un cinepanettone :D

      Elimina
    4. Cass nel cinepanettone metti tante donne nude

      Elimina
  3. Fifa '98 fu il primo per me, e secondo me è il miglior gioco in assoluto di calcio, anche di quelli recenti a cui non gioco più da anni, perché musicalmente e non solo eccezionale ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte Pc Calcio (che è un manageriale), io amo alla follia Fifa '97 e Fifa '98, sono stati i miei giochi di calcio dell'adolescenza e avrò giocato 10.000 partite tra tutti e due. Condivido: la colonna sonora di Fifa '98 è fantastica. Questo titolo è stato innovativo per tantissimi aspetti, anche per il bellissimo editori di calciatori e squadre.

      Elimina
    2. Già FIFA '98 è imbattibile, sia come giocabilità che come colonna sonora :) troppo divertente!

      Elimina
    3. Devo fare un poooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooost

      Elimina
  4. De Andrè è un mito di mio padre, non a caso mi chiamo come mi chiamo :D

    RispondiElimina
  5. Fifa '98 credo sia l'unico Fifa a cui io abbia mai giocato ( forse anche quello del '99 ma non sono sicuro ) prima del mio passaggio alla concorrente Konami.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho fatto: Fifa International Soccer, Fifa 97, Fifa 98, Fifa 2004, Fifa 2005, poi ho fatto due Pes e fine. Ho recuperato Fifa 2006 recentemente :D (i Fifa dal 2004 al 2006 sono sostanzialmente uguali). Credo che Pes sia stato nettamente superiore fino al 2007, poi mi dicono che Fifa ha avuto il predominio :D

      Elimina
  6. Qui lo posso dire: ci ho messo un po' a capire quel post di Moz xD In realtà è un po' difficile pensare a cose non natalizie che ricordano il Natale. Ci sono certi cartoni animati, appunto La spada nella roccia, o L'incantesimo del lago. Però non mi viene in mente altro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah Pier, anche io alla prima lettura non lo avevo capito. In effetti ho elencato poche cose, ma comunque particolari :)

      Elimina
  7. Beh, i film Disney e, in particolare, i Pixar (Gli Incredibili e Alla ricerca di Nemo su tutti) sono stati una vera costante nella mia infanzia 'festiva': la vigilia si ravvivava con una buona dose di film d'animazione :D
    Santo Stefano, invece, era per tradizione il giorno dell'abbuffata videogame con i miei cugini. Prima è stato il turno dell'indistruttibile Nintendo NES, poi del Game Boy Color e infine delle distruzioni di massa di soprammobili con la Wii xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaah sugli incredibili io ero già giovincello andante :D. Bellissimo il giorno dell'abbuffata videogame..ecco una cosa non natalizia per molti natalizia per eccellenza!

      Elimina
  8. Wao, ora mi interessa sapere la questione finale.
    Che belli i ricordi legati agli amici, davvero.
    MKIII lo hai reso natalizio nonostante il sangue, grande! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo ancora le sensazioni nel giocare nella mia 'stanza del pc' con il suono potente che usciva dalle casse. Perché io nel pc avevo le casse, ma molti giochi avevano ancora il pc speaker :D

      Per la questione finale dovrai attendere qualche giorno :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…