Passa ai contenuti principali

Zio Paperone e il segreto di Cuordipietra: recensione con un'analisi delle critiche

Sul numero 3232 di Topolino è terminata la storia, in tre parti, che ripropone in epoca moderna il duello tra Zio Paperone e Cuordipietra Famedoro. Il mio giudizio è positivo: non passerà alla storia come 'L'ultima avventura', non ha elementi di epicità come certe saghe ideate da Casty per il Micky Mouse, ma per qualità di scrittura e tensione narrativa è tra le migliori opere del Topolino moderno.

Ma come sempre, gli integralisti puri sono rimasti scontenti e hanno subissato di critiche l'opera di Artibani.

Vediamo di confutare qualche dubbio.

Zio Paperone cede l'ettaro cubico di denaro dopo trattativa con gli avvocati di Famedoro, costrettovi dopo il rapimento dei nipotini. "Ma se Paperone fa crollare l'isola di Famedoro, viene meno a quanto stipulato nel contratto, Famedoro può fargli azione legale per riavere il denaro". Benissimo, ma perché Famedoro vive su un'isola a motore? Quindi magari non è meglio fare troppo casino nei tribunali, o no, visto che l'isola a motore è stata costruita 'per raggiungere i paradisi fiscali'? Zio Paperone sapeva dell'isola a motore? Sì, probabilmente Archimede gli aveva menzionato il gps che si spostava e Zio Paperone può avere avuto l'intuizione, decidendo di preparare lo scherzetto del denaro, tanto più che aveva già commissionato all'inventore lo speciale sottomarino per il recupero del denaro.

Il piano di Famedoro: rapire Gedeone De Paperoni. C'è chi si è chiesto il senso del rapimento di Gedeone.

Ma zio bonino, questa storia si chiama 'Il segreto di Cuordipietra'. Il segreto, per chi non l'avesse capito, è il fratello buono Polidoro. Immaginiamo che Cuordipietra parli di questo fantomatico fratello alla famiglia di Zio Paperone, senza aver architettato il piano dell'allontanamento (e del prestito di denaro) a Gedeone. 'Cari nipotini, vi regalo il manuale storico delle Giovani Marmotte, venite con me a prenderlo'. Sarebbero andati i nipotini? NO. Invece l'idea di un fratello di Famedoro che aveva prestato denaro al fratello di Paperone rafforzava notevolmente la recita (poi suggestiva l'idea di due nemici e del fratello dell'uno che aiuta il fratello dell'altro), tanto più che Gedeone aveva avuto bisogno di ricevere un prestito dal fratello del nemico di suo fratello, perché il fratello non lo avrebbe aiutato. Si chiama senso di colpa: Zio Paperone è un burbero, ma ha sentimenti forti per la sua famiglia.

Quindi, abbiamo compreso il valore del prestito millantato da Famedoro. Dunque, se Gedeone non fosse stato portato fuori Paperopoli con l'inganno, Zio Paperone avrebbe potuto verificare subito l'esistenza di questo prestito. Il piano di Famedoro cadeva dopo 15 minuti circa di orologio.

Infine, la storia ruota attorno alla volontà di colpire Zio Paperone e la sua famiglia. I nipotini fanno parte del piano. Gedeone fa parte del piano. Famedoro vuole fare male allo Zione, ma anche ai suoi parenti. Famedoro scopre la città perduta e ne porta via le ricchezze, poi la distrugge, provocando dolore a Gedeone, che al di là dello scoop giornalistico, riconoscere il valore delle scoperte archeologiche. Anche qui il villain fa emulazione di Zio Paperone (la ricerca di tesori, di città perdute): ulteriore elemento di questa storia in cui Famedoro, come un bimbo capriccioso, rincorre in modo ossessivo lo Zione.

Chiudiamo con lo Zione legato davanti a Cuordipietra. Quest'ultimo dice: 'Sei qui davanti a me LEGATO, ISOLATO, tradito, debole e vulnerabile'. E' normale che Famedoro leghi i suoi nemici, per evitare le loro reazioni. Se Zio Paperone riusciva a sopraffare Famedoro, poteva benissimo chiedere la liberazione dei nipotini. Cuordipietra abbandona nella foresta lo zione, Paperino e Gedeone, ma non dentro la città che farà esplodere con le cariche. Non vuole ucciderli, ovviamente lascia legato Zio Paperone per evitare che possa avere reazioni al momento, convinto che in un modo o nell'altro saprà liberarsi per tornare a casa e accettare la cessione del denaro.

Commenti

  1. Quindi è una storia comunque che tu consigli..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente sì! C'è il volumone all inclusive in edicola per chi volesse :D

      Elimina
  2. Ok, non avendola letta, ho cercato di capire dal tuo resoconto.
    Insomma, è tornato il fratello di Paperone ma esiste anche un fratello di Cuoredipietra?
    P.s. ma in queste storie, Famedoro è sudafricano?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque il fratello di Cuordipietra, Polidoro, è un'invenzione: Cuordipietra dice che questo fratello aveva concesso un ingente prestito al fratello di Pdp, cioè Gedeone. Cuordipietra rassicura Paperone stracciando il debito. Allo stesso tempo rifà le divise alle Giovane Marmotte e invita i nipotini nella sua magione per donare loro la prima edizione del manuale delle Giovani Marmotte. Nel contempo Paperone va dal fratello a chiedegli lumi per il prestito, ma non lo trova: è andato a cercare una civilità perduta. La storia parte così :D

      Famedoro è sudafricano , sì!

      Elimina
    2. Ah, quindi non esiste davvero questo Polidoro Famedoro XD

      Moz-

      Elimina
  3. Ancora devo leggere questo numero (e pubblicare la nostra doppia recensione)... rimando la lettura dell'articolo, in modo da godermelo appieno!
    Ci si rilegge a breve!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando sei pronto, fammi un fischio che ti mando tutto :)

      Elimina
  4. Leggevo sempre i topolino, che ricordi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, benvenuta :). Mi fa piacere avere evocato bei ricordi :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…