Passa ai contenuti principali

Film: Killer Klowns from outer space, i crudeli zii di It da riscoprire

Film poverissimo di budget e scarsino sotto il profilo recitativo, ma come si suol dire, ricco di idee e di spunti. "Killer klowns from outer space" è una pellicola denominata improvvidamente di serie B. Come "Bad Taste" di Peter Jackson, "Killer klowns from outer space" è parodia dei film di fantascienza in cui la terra viene invasa da razze aliene.


In questo caso gli invasori assumono le fattezze..di clown. Ma se Pennywise del celebre romanzo "It" si nascondeva nelle fogne, i clown hanno la loro astronave a forma di tendone del circo, che parcheggiano nel bosco. Diciamolo, come idea per mimetizzarsi non è proprio la migliore.

Questi cattivoni in sostanza catturano gli umani in bozzoli di zucchero filato per poi succhiare il sangue con una cannuccia. Idea creativa (vampiri clown), anche se poi gli stessi ogni tanto si divertono a brutalizzare gli umani che magari si sono comportati male nei loro confronti, tipo il più piccolo dei clown che in triciclo sfida la banda di motociclisti stile "Guerrieri della Notte".


Il film non annoia mai e sorprende alternando il tono della commedia a quello dell'horror puro, come la scena dell'attacco dei clown alla stazione di Polizia, dove giganteggia l'unico attore di livello della pellicola, John Vernon, che interpreta un commissario 'bacchettone' e aggressivo. Non aggiungo altri spoiler perché il film merita una vostra visione, ma un paio di scene ad effetto non mancano.

I fratelli Chiodo, registi e curatori degli effetti speciali, citano i film di fantascienza fino a Godzilla (!!), realizzando un fanta-horror ricco di trovate. I clown escono in massa da una piccola auto cartonata, hanno martelloni, torte e fiori, fanno scherzi e hanno costumi coloratissimi: la 'mitologia' del clown viene rispettata in ogni dettaglio. Addirittura la classica musichetta che accompagna l'esibizione dei pagliacci, viene remixata in un pezzo elettro-rock che fa da main theme. Bizzarre e coloratissime le armi, incanta il luogo dove i clown appendono i bozzoli delle vittime. Alla fine abbiamo un piccolo esercito di clown mostruosi, a dimostrazione dell'impegno profuso a fronte di un budget piuttosto ridotto.


L'impressione finale? Un soggetto così, affidato a Peter Jackson, ci avrebbe regalato un "Killer Clowns" più splatter, più estremo e divertente, pronto a entrare nella storia del cinema.

Senza Peter Jackson, rimane comunque un piccolo cult da riscoprire.

Commenti

  1. Ammetto: mai sentito nominare! Ti ringrazio, quindi, per averne parlato. Lo segno con curiosità per questi clown dall'aria - e, a quanto pare, anche dagli atteggiamenti - tutt'altro che amichevole e simpatica ;)
    Un saluto,
    Fede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da guardare assolutamente per una serata spensierata. In effetti i clown sono proprio brutti a guardarsi :D. Il film è pieno di trovate simpatiche, non ho citato il cane palloncino!

      Elimina
  2. Come hai detto tu, sembra che degli spunti interessanti ci siano!
    A me comunque i clown, sia che si nascondono nelle fogne, sia che si nascondono in un'astronave a forma di tendone del circo (e, a dire la verità, anche quelli che vengono invitati ad animare le feste di compleanno degli amichetti della mia bimba) inquietano sempre parecchio...
    E allo stesso tempo mi incuriosiscono e mi attraggono!
    Mi piacerebbe vedere questo film!
    Un abbraccio e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film da vedere, non ho descritto diverse cose nella recensione proprio per spingervi a guardarlo.

      Elimina
  3. Devo averlo visto una volta, l'ho ricordo alquanto divertente :) A me ora vengono in mente i famigerati clown-dentisti di BoJack Horseman, se hai presente..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li ho visti in una recensione, mi pare dell'amico Dani De Lux. Questo film lo davano spesso negli anni '90 sui canali del circuito Odeon. Un vero cult!

      Elimina
  4. MAMMA, VOJO!!
    Oddio, questi sì che sono film. Certo, ha ragione su Jackson, ma accontentiamoci di sano trash z-movie a bassissimo budget.
    Me lo segno.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ooooh non l'hai mai visto? Rimedia subito. Coloratissimo, anni '80, divertentissimo

      Elimina
  5. Ah dimenticavo, in questo film ci sono i CLOWN SERPENTI, quelli di cui ha paura Batman nel film Lego :D

    RispondiElimina
  6. Credevo di non conoscerlo ma poi dalle immagini mi sono accorto che l'ho intravisto su un canale minore tipo Italia 7, però non lo ricordo bene.
    Da recuperare, amo i film trash!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verissimo, spesso trasmesso anche su Italia 7, mi pare a inizio anni 2000.

      Elimina
    2. Forse pure qualche anno prima e forse era su un altro canale 😉

      Elimina
  7. Ammazza quanto son brutti, però anche simpatici. Detto questo difficilmente recupererò, comunque chissà ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sorpreso, in tanti non l'hanno visto :) aspetto Cassidy per sentire se lui l'ha visto. comunque Pietro devi guardarlo :D

      Elimina
  8. È una puttanata divertente, io la consiglio ma bisogna approcciarvisi con uno spirito diverso da quello dei film "mainstream" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è abbastanza 'intelligente' per essere un film 'trash' o di serie B. C'è inventiva :)

      Elimina
  9. Altro film di cui ho sentito parlare ma che non ho mai visto, forse un giorno...

    RispondiElimina
  10. giuro non l'ho mai sentito .Ma è un Horror?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un horror comedy, con una scena molto tesa e una più splatter, ma 'giocosa' (senza troppo indugiare su elementi sanguinolenti). E' abbastanza conosciuto come film tra noi cultori di cose pop e cult :D

      Elimina
  11. Simpatico....ma la vera trovate geniale (per me) è la scena dell'ombra mangia uomini, una mossa dimensionale molto interessante e poco vista nei generi cinematografici, che è stata realizzata magnificamente oltretutto!...;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristian, benvenuto e grazie di essere passato qua :). Sono d'accordissimo: quella scena è la dimostrazione che questo film non merita l'etichetta di film di serie B

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…