Passa ai contenuti principali

Topolino 3231, la recensione 'cross over' con il Reign of Ema

Prosegue la bellissima storia 'Zio Paperone e il segreto di Cuordipietra', ma Topolino 3231 regala altre storie interessanti. Non vi rimane che leggere la terza recensione 'crossover' a cura del sottoscritto e di Emanuele Di Giuseppe, del blog "Reign of Ema

INDICE STORIE

1 Zio Paperone e il segreto di Cuordipietra

RIKY: bellissima opera del duo Artibani&Perina. L'episodio di mezzo è quello che fornisce spiegazioni del piano di Cuordipietra Famedoro. Perina disegna benissimo Gedeone De Paperoni ed è di impatto anche l'esordio di un nuovo personaggio. E' una storia molto anni '80-'90, il cliché del viaggio nella foresta alla ricerca della civiltà perduta ha fatto proseliti da Indiana Jones in giù. C'è azione, humor (divertentissimo Paperino alle prese con le scimmie), ma soprattutto abbiamo uno scambio di battute di alto livello tra i due rivali. "Ma i miei soldi erano guadagnati onestamente", dice lo zione al detective doppiogiochista, la parte più bella della storia. Attendo con trepidazione il finale.

EMA: concordo con tutti i tuoi elogi, d'altronde con l'avventura è impossibile non accontentarmi! L'azione è ben calibrata e mi sono piaciuti anche i nipotini, che appaiono diversi come nella recente serie DuckTales invece che tutti uguali come siamo abituati a vederli nei fumetti nostrani.

4 Pippo, Minni e la Poetica a sorpresa

RIKY: di solito le brevi possono deludere facilmente, io invece questa l'ho trovata divertentissima. Battute magari banali diventano efficaci grazie alla rappresentazione di Pippo e degli ambienti in cui vive (benissimo Giorgio De Vita, come sempre). Divertente anche il 'joke' dell'arancio-senape.

EMA: a me spesso le brevi piacciono più di quelle lunghe ma questa è davvero soddisfacente, come scrivi tu! Pippo che viene descritto al meglio, strambo come non mai e ogni sua risposta, se riletta una seconda volta, è perfettamente coerente alla trama principale!
Ecco, una storia da rileggere due volte per poterla apprezzare appieno ma anche alla prima lettura risulta perfetta!
Unico appunto sui disegni, che a nonostante mi siano piaciuti molto, mostrano la coppia di topi troppo "snella e alta". All'inizio credevo fosse per l'abito di Minni ma poi ho capito si trattasse proprio dello stile grafico dell'artista.

5 Paperinik e la minaccia diamantofaga

RIKY: la seconda storia danese più bella che abbia letto, inferiore solo a quella dell'alieno di pelle scura, genio assoluto della matematica. Un Paperinik in grande spolvero, con nuovi gadget e un nemico efficace sia nel lato di antagonista, sia nel lato più umoristico. Geniale la figura del maggiordomo del cattivo, chiamato 'Stira-mantelli' da Paperinik. Esilarante quando invita il proprio padrone a non fare lo spiegone e nell'ultima vignetta, dopo la 'batosta' subita. Una storia che fa dunque anche ironia sui cliché delle storie a tema: leggete le vignette in cui Paperinik fa irruzione nella base del cattivo ("Un passaggio verso un'umida cantina, che originalità! "Le solite trappole d'annata"). Bene anche la parte grafica.

EMA: ah, era danese? Come al solito mi sfuggono i credits e mi sono perso 'sta cosa. A me ultimamente Paperinik piace più nelle storie estere che in quelle italiane... ma so di essere una eccezione!
Nonostante i tuoi elogi, a me il supereroe continua a stare sulle palle e questo, l'ultimo racconto del numero, l'ho letto controvoglia, quindi do un sei politico (roba del ventennio che il nostro haters preferito non apprezzerà di certo).
Ho apprezzato solo il rapporto tra il riccastro e il nipotastro, perfettamente affine allo standard, quasi da farmi dimenticare che stessi leggendo una storia dedicata all'eroe mascherato.

Le due storie di Halloween? Qui, Quo, Qua e lo scherzetto di Halloween - Zio Paperone e la zucca magica, le troverete sul blog di Ema!

Commenti

  1. Le troverete alle 18, perché non ho ancora neanche preparato la bozza ><'

    RispondiElimina
  2. Ah, quindi ora Paperinik è florido più all'estero? Solo in America non se lo cagano XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio così :D, Paperinik è un personaggio difficile da inserire nelle storie. C'è il rischio di fare flop XD

      Elimina
    2. Per me meglio, ci sono meno possibilità di vederlo in una serie animata! 😝
      Ho pubblicato ora, ci ho messo un casino a sistemare immagini e altro.

      Elimina
    3. Aggiunto! Ora vado a leggere :P

      Elimina
    4. In realtà una serie animata su Paperinik non sarebbe tanto male, eh.
      Io la farei tranquillamente, inglobando anche i nemici di PK (ma non nell'universo di PK)

      Moz-

      Elimina
    5. Ecco, forse una serie Pk alla Ducktales 2017 potrebbe non essere male come idea.

      Elimina
    6. Io mi tengo stretti Robopap o Darckwing Duck (che mi stava pure antipatico), senza stravolgere un personaggio classico.

      Elimina
    7. Va bene anche un remake di Darkwing Duck :D

      Elimina
  3. Quindi storia di Paperinik scritta da autori danesi???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì esatto! Di Jannik Thalbitzer Thiberg, ho dovuto fare il copia e incolla nonostante mastichi abbastanza cognomi scandinavi per i miei trascorsi da videogiocatore calcistico XD

      Elimina
    2. Ma sono tre diversi o uno solo? :D

      Elimina
    3. ahahaah :D, mi ricorda Tommy Svindal Larsen - il miglior centrocampista di Football Manager 1997-98 :D

      Elimina
    4. Probabilmente per gli scandinavi nomi tipo GIORGIO CAVAZZANO sembreranno altrettanto assurdi :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…