Passa ai contenuti principali

Power Rangers il film 2017, il pagellone

Power Rangers, un film che non ha deluso le mie attese. E' palese che il tono iniziale della pellicola, molto maturo, si ammorbidisca progressivamente verso un finale più in linea con i vecchi Rangers della serie televisiva, ma non credo che questo sia un difetto così grande.

Allo stesso modo si è fatto notare che è poco il tempo della pellicola in cui i ragazzi indossano le loro 'suit' colorate. Ma attenzione: in quel momento sono già diventati dei Rangers. Il loro cambiamento avviene quando assorbono i poteri (es. scena di Jason che distrugge il lavandino). Non sono più ragazzi normali! Ed è da eroi, non da ragazzi normali, il loro comportamento nel primo incontro-scontro con Rita. E' peggio l'effetto 'Day of the dumpster', episodio n.1 della serie dove, a causa dei tempi limitati, i ragazzi diventano Power Rangers in un batter d'occhio e salgono sugli zord come se nulla fosse. Secondo me Power Rangers è un buon film di fantasia-azione dedicato ovviamente a un pubblico giovanile, con una regia interessante e una sceneggiatura non così abominevole. Ma voi l'avete visto Transformers la vendetta del caduto? Ecco. Per cui, 10, 100, 1000 Power Rangers (e meno Transformers le vendette dei caduti).

Ma ora parola ai miei voti!

ALPHA 5, voto 10: il doppiatore italiano è Nanni Baldini, scelta particolarmente azzeccata. Il nuovo Alpha 5, che in foto non rendeva molto, è invece un upgrade del simpatico robottino della serie tv: infatti è capace di difendersi da solo!

CITAZIONE DI TOY STORY 3 (forse), voto 9: mentre combattono contro Goldar, i Power Rangers a bordo degli zord sembrano destinati alla sconfitta e ad essere trascinati verso un inferno di fiamme. Il regista ci mostra gli eroi singolarmente rassegnati al loro destino di morte. Dolcissimo il saluto reciproco tra Jason e Kim. Una scena che mi ha ricordato quella celebre di Toy Story dell'inceneritore, l'inferno di fuoco in cui sembrano destinati Woody e i suoi amici. Qui la scena

IL TONO DELL'OPERA, voto 8: a mio modo di vedere riesce bene a modernizzare i vecchi Power Rangers, senza ovviamente essere troppo dark. Anche se comunque Rita si lascia dietro diversi cadaveri (in modo abbastanza esplicito). Condivido anche l'idea che i cinque ragazzi speciali siano alle prese con i loro problemi (comunque tutt'altro che irrisolvibili) e mi è piaciuto vederli con la superforza anche prima di indossare le 'suit' colorate.

I PUTTIES E LE BATTAGLIE CON I RANGERS, voto 8: siamo tutti affezionati ai 'glu glu glu' dei Putties, ma non c'è confronto. I nuovi putties sono decisamente più interessanti. E il combattimento decisamente adrenalinico, soprattutto se rapportato alle coreografie della serie televisiva.

LE SPADE DEL MEGAZORD, voto 7.5: mi sono entusiasmato a vedere la 'combo' finale del Megazord. Meglio della spada che scendeva dal cielo!

LE CITAZIONI DI MIGHTY MORPHIN POWER RANGERS, voto 7+: quando i Power Rangers salgono a bordo degli Zord, parte lo storico refrain "Go Go Power Rangers!". Ci sono anche Amy Jo Johnson e Jason David Frank, in primo piano nella folla che fotografa, con il cellulare, il Megazord dopo la vittoria su Goldar. Forse però si poteva fare qualcosa di più (anche se il citazionismo fine a se stesso è sempre un'arma a doppio taglio).

IL BABBO DI JASON, voto 6.5: barba folta, capelli un po' diradati, fisico massiccio. Praticamente molto simile all'Austin St. John di oggi! Mi ha fatto sorridere questa somiglianza alla lontana.

TRINI, voto 5.5: è il personaggio, tra i Rangers, che mi ha convinto di meno. E' rimasto molto sullo sfondo, in effetti ci viene presentata come una ragazza piuttosto solitaria. Scopriremo che ciò avviene soprattutto perché non riesce a vivere la propria omosessualità alla luce del sole e in serenità.

GOLDAR, voto 5: tutto sommato l'idea di Goldar come gigantesco Mecha di Rita non è del tutto sbagliata, ma il confronto con il personaggio della serie televisiva è purtroppo impari.

IL FLOP NEI CINEMA, voto 4: ho visto film dello stesso genere molto peggiori, eppure Power Rangers è stato un flop a livello di incassi. Peccato che ciò ci precluda il seguito: mi consolerò con i fumetti Boom!Studios.

Commenti

  1. Daje col pagellone! Come ti ho già detto, in questo modo riesci a far leggere recensioni anche a me che non ne leggo.
    Il film non mi interessa comunque, neanche se lo passano alla TV, fa parte di quella categoria di cui non sento il bisogno, quindi i 90-120 minuti della mia vita non me li faccio rubare.

    L'interpretazione del ranger rosso, AKA Zac Efron del discount, come è stata? Lo avevo fatto nero dopo il primo trailer.

    Transformers mai visto nessuno, solo il primo mentre lo passava la TV che avevo di spalle, fa parte della stessa categoria di cui sopra.
    Dei ripescaggi dagli anni 80-90 ho visto e apprezzato solo il primo G.I. Joe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pagellone è perfetto per non annoiare su film che al lettore magari non interessano tanto :D . A parte gli scherzi, lo Zac Efron dei poveri non mi è parso affatto male nei panni del nuovo Jason (sia chiaro, non è un ruolo particolarmente impegnativo) :D.

      Transformers? Io sono un fan, ma non dei film :D. Gi-Joe il primo film piace molto anche a me..il secondo mi ammazzavano Duke, ma vaffanzum! :D

      Elimina
  2. Condivido la tua pagella.
    Non avevo colto la somiglianza tra la scena di Toy Story e l'addio tra Jason e Kim (che poi per un eventuale seguito metteranno già Tommy e Jason in contrasto, per via di Kimberly XD)
    A me è piaciuto, ma sono sincero: mi sarebbe piaciuto anche un film in continuity con la serie.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaah,un bel menage a trois! Un inedito per i Power Rangers.

      Elimina
  3. Finalmente l'hai visto! Pienamente d'accordo, film ben peggiori hanno avuto più successo. Bah. Qua sti ragazzi se lo devono guadagnare il costume, l'essere ranger.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti i Rangers diventano tali molto prima di prendere il costume: SPOILER mi riferisco nel pagellone alla scena in cui muore Billy; ragazzini normali avrebbero avuto una reazione molto più disperata, segno che evidentemente erano consapevoli di non essere più ragazzini normali, ma eroi.

      Elimina
    2. È una parte molto bella quell, il dolore li unisce e per la prima volta sono una squadra. Davvero io ho adorato sto film, nella serie tv tutto era semplice, e ci mancherebbe, ma loro praticamente erano dei supereroi già prima tra attivismo umanitario e altre cose sociali in cui erano impegnati, insomma erano poco credibili.

      Elimina
    3. Infatti nella serie televisiva erano ragazzi troppo perfetti (altroché ragazzi come noi!), una volta presi i poteri poi diventano subito abili a usare armi e megazord. Non può essere così!

      Elimina
  4. Ciao,sono peppa pig e anch'io sono una power ranger

    RispondiElimina
  5. Difficile, ma prima o poi la guarderò...sicuramente un prodotto migliore rispetto al film dei Turbo Rangers, ma divertente quanto il primo degli anni 90? Non lo so, ma quella Banks come cattiva sembra interessante almeno quanto Ivan Ooze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, il film degli anni '90 è divertente e il personaggio di Ivan Ooze molto gradevole. Il difetto maggiore è la brutta caratterizzazione dei nemici storici, Goldar in particolare (il costume di Goldar è troppo 'bambinesco'). Il film nuovo non è affatto male: merita di essere visto :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…