Passa ai contenuti principali

Librogame di Lupo Solitario: la guida essenziale per conoscerli

Avete mai giocato ai Librogame? Conoscete le avventure del Supremo Maestro Ramas Lupo Solitario? Se risponderete no a queste domande, il post che ho preparato fa per voi. Risposte affermative? Preparatevi allora per un tuffo nel passato.


IL LIBROGAME, CHE COS'E'?: è un libro interattivo. Vi ricordate le storie a bivi di Topolino? Il Librogame è diviso in paragrafi e al termine di ognuno di essi saremo posti davanti a una scelta. Rispetto però alle storie a bivi, il Librogame è molto più elaborato.

LA TABELLA DEL DESTINO: è una tabella a fine libro in cui sono ripetuti più volte i numeri dallo 0 al 9. Il giocatore di Librogame è spesso chiamato a puntare una matita e a scegliere, casualmente, un numero che inciderà sul nostro percorso.

LUPO SOLITARIO, CHI E'?: la saga di Lupo Solitario è ambientata nel mondo di Magnamund, una sorta di mondo medioevale in cui la magia la fa da padrone e dove non manca qualche sprizzo di modernità (ad esempio vascelli volanti!). Lupo Solitario è uno dei guerrieri monaci Ramas (in inglese Kai), devoti al dio Ramas. Il Monastero Ramas si trova nel regno di Sommerlund (posto a Nord-Est). Nemici dei Ramas sono i terribili Signori delle Tenebre, che abitano a ovest di Sommerlund, nelle Terre Oscure. Scopriremo che questi signori delle Tenebre sono creature ai servizi di una divinità malefica chiamata Naar. Un attacco dei Signori delle Tenebre, nell'antefatto del volume 1, stermina tutti i Ramas tranne uno, Lupo Silenzioso. Questi cambierà il suo nome in Lupo Solitario e inizierà, da solo, il suo percorso di formazione, accompagnato spesso dal mago Banedon, appartenente alla corporazione dei maghi di Toran. Diventato Maestro Ramas, Lupo Solitario partirà alla ricerca delle Pietre della Sapienza, che gli permetteranno di diventare un Grande Maestro Ramas. Lupo Solitario ricostruirà l'ordine dei Ramas e diventerà il primo Supremo Maestro Ramas.

LUPO SOLITARIO, LA SAGA: si divide in 32 capitoli, che possiamo suddividere in due parti e in quattro complessivi archi narrativi. Nel primo, dal n.1 al n.20, vestiremo i panni di Lupo Solitario, seguendo il suo percorso di formazione. Da allievo Ramas a Maestro Ramas (volumi 1-5), da Maestro Ramas a Gran Maestro Ramas (volumi 6-12), fino al cammino per diventare il Supremo Maestro Ramas (volumi 13-20). Dal n.21 in poi (quarto e ultimo arco narrativo) non saremo più Lupo Solitario, ma un Gran Maestro suo allievo. Una scelta necessaria visto che il Supremo Maestro Ramas è una sorta di semi-Dio che non ha problemi a spazzare via ogni nemico. Al momento la pubblicazione è ferma al n.29: lo storico autore Joe Dever è scomparso recentemente. La famiglia è intenzionata a chiudere il ciclo di Lupo Solitario, arrivando al numero conclusivo, il 32.

IL LIBROGAME DI LUPO SOLITARIO: nei volumetti dedicati alla saga di Lupo Solitario, a determinare i nostri successi o la nostra morte, non saranno tanto le scelte alla fine di ogni paragrafo (la morte diretta è conseguenza molto rara), quanto i combattimenti e la nostra capacità di reagire alle situazioni di pericolo. Ogni giocatore ha un punteggio di combattività e resistenza. Da una base fissa si somma un numero aggiunto tramite il meccanismo della tabella del destino. Durante i nostri viaggi incontreremo nemici, più o meno potenti. Per vincerli li sfideremo in duelli: avremo un rapporto di combattimento facendo la differenza della combattività e in base a questo rapporto di combattimento useremo la tabella del destino per ogni singolo scontro. A ogni numero estratto corrisponde una perdita di punti di resistenza nostra o del nemico. Una differenza di combattività a nostro favore farà sì che anche con un numero basso (1,2,3) avremo perdite esigue di resistenza. Lo "0", nel combattimento, corrisponde a 10! Con un alto rapporto di combattività a nostro favore, basterà uno "0" per ottenere la morte immediata del nemico. Avere un rapporto di combattività a sfavore non è necessariamente una sconfitta sicura: con la sorte della nostra parte potremo vincere ugualmente. Al termine del combattimento, non riacquisteremo i punti di resistenza persi! Questi, come in un videogioco, potremo recuperarli nel corso della storia in determinate condizioni, ad esempio trovando le mitiche pozioni di 'Vigorilla'. In generale, i punteggi di combattività e resistenza vengono incrementati dalle armi magiche e da altri importanti manufatti.

LA STRUTTURA DEL LIBROGAME: si parte dal paragrafo 1 e si arriva necessariamente al paragrafo 350. In base alle nostre scelte potremo avere sviluppi diversi, ma certi momenti sono necessariamente in comune, fino all'epilogo. Non c'è situazione alternativa alla vittoria: il giocatore arriva al paragrafo 350, oppure muore. In poche parole ci sono paragrafi 'chiusi' in cui viene descritta la nostra morte. A quel punto dobbiamo ricominciare da capo. In qualche volume ci sono paragrafi in cui non perdiamo la vita, ma falliamo la nostra missione. La storia si interrompe, il nemico ha vinto comunque!

LE MORTI DEL LIBROGAME: il giocatore perde la vita nei combattimenti, oppure durante il suo cammino. Come detto, la morte per scelte ai bivi avviene molto raramente. Però accade. Ad esempio in un Librogame (non faccio spoiler), salveremo un vecchio mago dalle grinfie di un malvagio signorotto. Nel prosieguo della storia, arriveremo a un bivio. Scegliendo di andare nella città di quel signorotto, finiremo arrestati e decapitati. Ciò però avverrà molti paragrafi dopo quella scelta...Il giocatore deve ovviamente in questo caso fare una scelta logica. Le occasioni in cui il fato ci conduce alla morte sono invece pochissime, concentrate soprattutto nei primi libri della saga, dove ovviamente Lupo Solitario è molto meno potente. Nella morte ci si può incorrere anche in situazioni di pericolo: ad esempio soldati che ti lanciano contro una pioggia di frecce. In quel caso avremo da scegliere un numero della tabella del destino. Numero basso (0 o 1 in genere) significherà morte; un altro numero basso perdite importanti di punti di resistenza; numeri più alti perdite esigue; numeri alti (8 e 9) nessuna perdita. Possedere delle arti Ramas ci permetterà di aggiungere punti aggiuntivi a quello estratto. Un altro caso è quello dell'albero di una nave che si spezza e ci cade addosso (scena molto frequente nella saga).

LE ARTI DEL GUERRIERO RAMAS: il Ramas è un monaco guerriero che è abile nei combattimenti armati, ma ha anche poteri speciali. Può guarire dalle ferite (cioè recuperare i punti di resistenza), può prevedere i pericoli (evitare quei paragrafi dove al termine abbiamo la necessità di estrarre un numero della tabella del destino e vedere cosa ci capiterà), può rendersi invisibile agli avversari, può difendersi dagli attacchi psichici e a sua volta attaccare con potenza i nemici usando le facoltà della mente. Si chiamano Arti Ramas e sono molto importanti. Partiamo dall'arco narrativo di Maestro Ramas (volumi 1-5): a inizio di ogni arco narrativo dovremo scegliere solo un numero esiguo di arti, ma ogni volumetto concluso ci permetterà, nel volume successivo, di sceglierne una aggiuntiva. In sostanza arriveremo all'ultimo libro di ogni arco narrativo con TUTTE le arti TRANNE UNA. Finendo ad esempio il volume 5, con il 6 inizieremo l'arco narrativo del Gran Maestro Ramas: avremo fatto nostre tutte le Arti Ramas, diventando Maestri Ramas, ma a quel punto inizieremo il cammino per diventare Grandi Maestri e dovremo scegliere solo un numero esiguo di Arti Ramastan, l'evoluzione delle Arti Ramas. Le Arti Ramastan di livello superiore sono quelle del terzo e del quarto arco narrativo dei Grandi Maestri.

LA CONTINUITY: è importantissima. Ad esempio il volume 2 della saga narra le vicende di Lupo Solitario alla ricerca della Spada del Sole, la potentissima arma magica che ci accompagnerà fino al volume 20. Nel momento in cui troveremo questo manufatto, avremo un notevole incremento di combattività. Ma non solo: in altri volumi i poteri della spada saranno fondamentali. Come detto per le arti, inoltre, ogni volume completato di un arco narrativo ci permette di aggiungere un' arte alle nostre competenze e questo diventa importantissimo per poter finire al meglio ogni avventura. Leggere i volumi in fila è ovviamente anche doveroso per potersi gustare al meglio la trama di tutta la saga: come detto, i punti di partenza e quelli finali sono uguali per tutti.

La guida finisce qui! Tornerò però sull'argomento Lupo Solitario per raccontare altri retroscena di questa bellissima saga fantasy che, SECONDO ME, non ha nulla da invidiare al decantato 'Trono di spade'. Se avete comunque domande e chiarimenti...attendo i vostri commenti.

Commenti

  1. Mi hai incuriosito molto, non ho mai letto un librogame, quasi quasi ci faccio un pensierino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, niente pensierino, ho fatto un po' di ricerche e i primi numeri sono un po' difficili da recuperare o comunque venduti a prezzi un po' troppo alti!

      Elimina
    2. Hai detto bene, ho visto amazon ed ebay e sono rimasto sorpreso. Monitora e tieni conto che i librogame non sono da collezione, per cui un usato va benissimo per giocare :)

      Elimina
  2. Che infamata quella di farti morire dal signorotto solo moooolto tempo dopo. Così perdi solo tempo e poi devi rifare tutto da zero XD
    In ogni caso, grazie per l'articolo e la spiegazione dettagliata.
    Ma... devi star sempre a fare conti, in sostanza, no?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare che succeda solo in quel volumetto, a memoria. Io non ci sono cascato nel tranello, ma come spesso capita, vado a leggere e vedere cosa succede facendo un'altra scelta. Divertentissimo XD. In sostanza sì, devi sempre avere con te matita e penna e fare conti su conti..comunque tra Spada del Sole e bonus molti combattimenti li salto, perché con rapporto di combattività superiore a 11 (o 12, adesso non ricordo) in teoria dovresti sempre fare riferimento all'ultimo gradino della scala dei valori, ma io invece bypasso il combattimento. E' logica: se Lupo Solitario ha 50 di combattività e il nemico 20, direi che il risultato del combattimento debba essere a senso unico.

      Elimina
    2. Sì, ovviamente. Potrebbe cambiare qualcosa qualora ti dia delle ricompense :)

      Moz-

      Elimina
    3. I 'bonus' sono lontani dai combattimenti: ad esempio capita che ti fermi a dormire e il sonno ristoratore ti faccia recuperare due punti di resistenza in più. O magari ti fermi a mangiare in una taverna, idem come sopra. Ah ci sono 4-5 punti in cui personaggi ruttano ("il tizio rutta golosamente dopo aver tracannato un bicchiere di birra"): la cosa mi ha sempre divertito molto XD

      Elimina
  3. tutto nuovoper me .Anna mia figlia è apassionata del genere fantasy e potrebbe essere un'idea come regalo di Natale. attendo i tuoi sviluppi così per capire meglio ,grazie per l'idea !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono diverse edizioni, ma vedo che su Amazon ci sono molti "non disponibile" oppure prezzi elevati. Ohibò, sono diventati una rarità!? :D

      Elimina
  4. Sarà un anno che ho recuperato i primi volumi ma ancora devo iniziarlo, che palle!
    Non sapevo delle navi volanti, evidentemente nei libri che ho letto/giocato non apparivano.
    Ricordo che io bravo con dei "salvataggi", quindi se morivo tornavo dove avevo messo il segna libro, non avevo voglia di ricominciare daccapo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io facevo così :), anche se, devo essere sincero, mi capitava rarissimamente di morire. Se rispetti la continuity dei libri è difficile perdere. Certo che all'inizio con i punteggi di Combattività e di resistenza si bara un po': partire con 10 di combattività è una cosa francamente discutibile :D

      Elimina
  5. Sono stato un grande lettore (o si dice giocatore?), ma anche molto disordinato, nel senso che leggevo quelli che mi capitavano per la mani nella mia biblioteca. Ho giocato (o letto?) un paio di quelli su Lupo Solitario, ed anche altri di svariato genere, avevo apprezzato molto un Librogame in cui dedicato a Frankenstein, impersonale la creatura è stato molto divertente ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che anche la mia biblioteca aveva diversi librogame di diverse serie? lì ho preso altri titoli di altre collane. Ma se ti devo dire la verità, alcuni davvero brutti :D

      Elimina
  6. Li avevo TUTTI, anche se i miei preferiti di Dever erano quelli in fondo a destra, di Guerrieri della Strada. Si può dire che un pezzettino della mia passione per Mad Max e simili sia cominciata da lì! Non vedo l'ora di leggere altri retroscena :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto Michele e grazie :). I guerrieri della strada? Bellissima saga, che ho recuperato recentemente (con relativo salasso del portafoglio perché pare che siano molto rari). Sai che io ancora non ho giocato al quarto volume? Ho fatto una fatica del signore a trovarlo su Ebay, i primi tre li avevo presi invece assieme. Ma presto riparto dall'1 e arrivo alla fine.

      Su Lupo Solitario ho già preparato un bell'articolo di approfondimento sulla sua arma!

      Elimina
  7. Anch'io ho passato diverse ore a divertirmi con le avventure di Lupo Solitario...ma anch'io l'ho spesso fatto in ordine sparso. Mi piacerebbe riprenderne qualcuno e ricominciare a giocare...
    Bel posto complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Marco :). Quali volumetti preferivi tra quelli del Lupo?

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…