Passa ai contenuti principali

Lego Batman The Movie: il pagellone!

Il web abbonda di recensioni di 'The Lego Batman Movie', per cui ho deciso di fare qualcosa di diverso. Un vero e proprio pagellone per uno dei film di animazione più spettacolari e divertenti, anche se non al livello di 'The Lego Movie'.

LE CITAZIONI DELLA SERIE DI ADAM WEST, voto 10: diversi villain, la scena delle 'botte' con i 'paf' e i 'pow', lo storico costume grigio-blu. 'The Lego Batman Movie' omaggia la storica serie di Adam West. Ma il riferimento più spassoso è quello al repellente di squali, utilizzato in una celebre puntata da Robin per salvare l'amico Batman delle grinfie di uno squalo (palesemente di plastica).

BATMAN MASTRO COSTRUTTORE, voto 9: graditissimo riferimento al gioiello 'Lego Movie'. Come nella precedente pellicola, Batman ha un grande potere: può prendere mattoncini e trasformare la realtà. Dà vita così a uno dei mezzi più potenti a sua disposizione, lo 'Scuttler'.

LO SCUTTLER, voto 9: il potentissimo mecha di Batman, che si trasforma in pipistrello. In alto, in altissimo nella classifica delle cose che spaccano i culi.

LE PALLE QUADRATE DI BATMAN, voto 8/9: le storie sui supereroi in crisi di identità non mi sono mai piaciute. Sei un supereroe, devi avere le palle quadrate e prendere a calci in culo i cattivi masticando del chewingum. E questo Batman mi entusiasma: nella scena iniziale del film debella tutta la criminalità di Gotham City in maniera spettacolare.

I SUPERCATTIVI, voto 8.5: i Dalek, Sauron, Voldemort, i Gremilins. Sono alcuni dei supercattivi che Joker porta sulla Terra per realizzare il suo piano di vendetta con Batman. Esaltante il modo in cui Batman riesce a distruggere Sauron, con la complicità di un altro mostro (spassosissima la reazione di quest'ultimo quando si accorge di aver combinato un bel guaio). Geniale l'idea di portare nel mondo di Batman i grandi cattivi di altri film, libri, serie televisive.

LA SCENA DEI TITOLI DI CODA, voto 8: uno spassosissimo videoclip con protagonisti i personaggi del film. Il voto alto è però per tutti gli intermezzi musicali, davvero spassosi.

IL DOPPIAGGIO DI CLAUDIO SANTAMARIA, voto 8: a mio parere rende perfettamente il carattere di Batman. Egocentrico, duro, sprezzante e arrogante nei confronti del nemico, ma con una maschera che non nasconde solo la propria identità; la maschera di chi non può permettersi debolezze e di chi dietro all'individualismo nasconde la necessità di proteggere i propri cari rimasti.

LE PRESE IN GIRO ALL'UNIVERSO DEI FUMETTI, voto 7.5: non essendo esperto del ramo, su di me fanno meno presa. Ma è da rimarcare la battuta sprezzante di Batman verso il concetto che è alla base della 'Suicide Squad', la festa della Justice League a cui Batman è escluso, Lanterna Verde che è preso in giro (d'altra parte è uno degli eroi meno appetibili, con acquaman, giusto?). Ci saranno tanti altri riferimenti che i più esperti avranno sicuramente colto e a cui chiedo di integrare nei commenti.

IL MESSAGGIO DI FONDO DEL FILM, voto 6: non è quello relativo al valore della famiglia, ma quello relativo alla comunità. E' vero che Batman non può esistere senza cattivi che richiedano il suo intervento; ci sta che i cattivi si uniscano ai buoni per vincere i cattivissimi, ma è anche vero che vedere tutta la comunità unita per la propria sopravvivenza...l'ho ritenuta un passo troppo 'ardito', che non si legava benissimo con la storia. Mi riferisco ovviamente alla scena successiva all'esplosione della bomba.

LA SCENA ALL'ARKHAM ASYLUM, voto 5: è stata la parte del film che mi ha convinto meno, quella in cui Batman entra nel manicomio criminale per risolvere il problema Joker. Le gag non mancano (Batman che rimane in mutande perché, per togliersi gli stivaletti, deve togliersi anche i pantaloni essendo un pezzo unico), ma l'ho trovata troppo tirata per le lunghe (compresa la prigionia dello stesso Batman).

CONDIMENT KING, voto 4: ovviamente, è il nemico più pippa di Batman, no? Voto 8 invece all'idea di metterlo tra i 'villain' del film.

IL DOPPIAGGIO DELLA CUCCIARI, voto 3: Gepi Cucciari e chi ha scelto lei come doppiatrice di Barbara Gordon finiscono dietro la lavagna. Un doppiaggio grossolano, con inflessioni dialettali francamente improponibili per un film su un mito della cultura pop americana (e non solo ovviamente).

Commenti

  1. Il web pullula di recensioni... che io non leggo mai 😝 a meno che non conosca i recensori, come voi "amici blogger".
    Mi ero dimenticato di questo film e mi serviva anche uno stimolo per andare a scaricarmelo, stimolo che è arrivato grazie a questo tuo pagellone!
    Ora mi hai incuriosito sulle citazioni ai fumetti, devo andare a coglierle tutte! Comunque Lanterna no, non è ai livelli di Aquaman, è uno dei più apprezzati nel comicdom dagli anni 60, rispettato e stimato nei fumetti, c'è solo un astio, ormai superato, tra lui e Bruce, roba degli anni 2000, nessuno ne parla più. Ha avuto solo un periodo buio negli anni 90, sia nelle storie che nell'editoria.
    Santamaria torna a doppiare Batman? Pensare che fu molto criticato quando doppiò Bale...
    Condiment King proprio non lo conosco...

    p.s. abbiamo recensito qualcosa di Batman in contemporanea 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condiment king è un tizio sfigatello che spara ketchup e senape :D, appare nella serie a cartone di Batman, giusto Miki?

      Io invece sono un divoratore di recensioni :), ad ogni modo qui volevo 'distinguermi' e fare anche una cosa più veloce (ho scritto questo post in una pausa di lavoro!).

      Elimina
  2. Molto d'accordo con te.
    Come dico sempre, questo è un film su Batman, non di Batman. Un film su Batman che hanno scelto di raccontare coi Lego.
    La Cucciari rovina tutto, ma non per colpa sua: chi l'ha scelta come interprete di Barbara spero sparisca ORA dalla faccia dell'universo.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I film della Lego finora sono una garanzia, attendo con curiosità anche il terzo! Spero però che non mettano a fare il doppiatore, chesso', Pucci o la Gregoraci :D

      Elimina
  3. Questo è il film con il Batman più fedele in assoluto! E non sto scherzando, tolte le gag è davvero il più vicino al Batman dei fumetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastiche anche le citazioni delle diverse incarnazioni di Batman!

      Elimina
  4. Se hai letto la mia recensione saprai che quindi sono abbastanza d'accordo con te, non a livello di The Lego Movie ma ugualmente spassoso, spettacolare e divertente ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì esatto, sono andato anche a rileggermela :). Dimenticavo: voto 10 alle battute sull'identità di Batman ("Ma come, Batman vive con Bruce Wayne!"; "Tu vivi nella cantina di Bruce Wayne? - No è Bruce Wayne che vive nella soffitta di Batman!".

      Elimina
  5. Io invede do un 10 al tuo post, meglio del secondo tempo di questo geniale film ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  6. Che bello questo pagellone! :D
    Nel complesso il film mi è piaciuto molto ma... la Cucciari doppiatrice? Ma veramente?? Le mie orecchie non volevano crederci, aiuto!
    Saluti,

    Fede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille e benvenuto :).

      Pessima scelta quella della Cucciari: roba da far rimpiangere Laura Chiatti (che poi in realtà era stata bravissima a doppiare Rapunzel :D)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Le quattro canzoni degli 883 che hanno fatto la (mia) storia

Max Pezzali e gli 883, con mia grande sorpresa, sono un mito per tantissimi, nella blogosfera. Quando c'è un tag sull'infanzia, Max e la sua storica band (inizialmente un duo, in realtà) spuntano sempre fuori nelle varie citazioni. Mi fa sorridere ricordare che ero l'unico, tra i miei amici, ad ascoltarlo! E poi era opinione comune che le canzoni degli 883 fossero banali e c'era anche chi riempiva di disprezzo chi le ascoltava (o forse disprezzando me, disprezzava le canzoni che ascoltavo. Vabbè). Io, come spesso accadeva in gioventù, ero fiero di andare controcorrente. E siccome siamo nel cuore dell'estate e le canzoni degli 883 hanno fatto sempre da colonna sonora alle mie estati, ho deciso di pubblicare questo post. In realtà ho scelto quattro canzoni che hanno qualcosa di più: un legame con alcuni momenti della mia vita.

O ME O QUEI DEFICIENTI LI'



Gli 883 hanno sfatato per me il tabu' delle parolacce, anche se, ovviamente, quando cantavo i loro brani, l…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…