Passa ai contenuti principali

Guerin Sportivo n.11 novembre 2017: la recensione

Un'intervista a Fassone, ad del Milan, il solito articolo sul mercato e un'analisi delle singole squadre di serie A dopo le prime giornate: in breve è questo il nuovo numero del Guerin Sportivo. Recensione in ritardo, rispetto alla data di uscita (10 ottobre), per esigenze di 'palinsesto'.

Tempo di lettura del giornale: i ritagli di una giornata, anche se non ho analizzato le rose dei club olandesi e portoghesi, forse l'unico motivo per cui vale la pena prendere questo numero (sempre al top i disegni delle maglie di Finizio). Peraltro c'è solo una breve introduzione dei due campionati, niente più 'paragrafetto' dedicata a ogni singola squadra. Male, male.

Il giornale 'sfida' l'attualità calcistica, approfittando della pausa nazionale, con un bilancio, squadra per squadra, della Serie A. Francamente niente che non potessi ad esempio scrivere io stesso. Il Guerin Sportivo dovrebbe offrire approfondimenti importanti, in virtù della sua natura di mensile, invece propone articoli dal contenuto francamente banale. Sul Milan riesce a scrivere,ad esempio, che difende male e non segna. Madonna, che analisi! Per non parlare poi dell'ennesimo articolo sul calciomercato, dove vengo a sapere che i rossoneri sono interessi a Jankto, mentre mezza serie A è su Barella. Io invece svengo e ho bisogno della barella, dopo aver letto un articolo così.

Non a caso si salva l'amarcord: articoli-interviste sempre suggestive, mai banali, che riescono sempre ad estrarre aneddoti nuovi. Bravo Calzaretta!

Perfettamente inutili, come sempre, le due pagine dedicate a Roberto Beccantini, retorica fine a se stessa. Di opinione basta e avanza quella dell'ottimo Tucidide, nonché la posta del direttore.

Come sempre carino l'inserto sulla storia del campionato italiano, in cui posso rivedere alcune foto già presenti nei miei storici film del campionato: ad esempio un volo di Luca Marchegiani, ritratto in un Cremonese - Torino 0-2 (siamo nella stagione 1991-1992).

Il numero è completato da un poster doppio: Mertens e Dybala.

La cosa che mi lascia perplesso è che il primo Calcio 2002 (tra il 1997 e il 2000), affidato a Marino Bartoletti, era nettamente migliore come mensile, in proporzione, del Guerin Sportivo attuale.

Commenti

  1. Questa rivista la conosco solo tramite te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi verrebbe da dire: non ti perdi nulla XD

      Elimina
  2. Ovviamente non ho idea di chi siano i nomi che citi XD
    Tranne Cremonese e Torino.
    Ma la Cremonese c'è ancora?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii la Cremonese è finalmente tornata in B. E' una delle squadre cult della mia infanzia, con quei colori (grigio-rosso).

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Guerin Sportivo n.6 giugno 2018: la recensione

Il Guerin Sportivo n.6 fa un passo indietro rispetto agli ultimi due numeri, tornando agli standard non elevati che caratterizzano la gestione "Corriere dello Sport". Tralasciamo il pistolotto anti arbitro presente nell'editoriale del direttore, quanto mai superfluo (allora è giusto anche parlare delle polemiche arbitrali italiane, ma su quelle il Guerin Sportivo glissa..), ciò che stupisce è il ritorno del solito articolone sul calciomercato già vecchio al momento della pubblicazione (non ho capito ad esempio perché Ben Arfa dovrebbe essere un'idea per il Milan...). Magari sarebbe bello leggere un'analisi su ciò che servirebbe alle squadre italiane, non buttare così nomi e cognomi che un giorno sono presenti sui quotidiani e il giorno dopo no.  Ricordo ancora un bellissimo servizio del Guerin Sportivo nella primavera del 1996 che ipotizzava acquisti e formazioni della Serie A dell'anno successivo, vero, non era un articolo che volesse predire il futuro, ma…