Passa ai contenuti principali

Sogni strani del venerdì notte

Torno a parlare di sogni, un argomento che mi affascina da tempo, raccontandovi ciò che la mia mente ha partorito nella notte tra venerdì e sabato.


Il primo sogno è un esempio di ciò che raccontavo sul Moz O' Clock.

Ho scritto in un commento: "La mia San Junipero esiste già, anche senza scienza. Non è tanto il Moz O' Clock, bellissimo blog del quale sono assiduo visitatore, quanto..i miei sogni. Nei miei sogni ad esempio è ancora vivo mio nonno materno, evidentemente la persona che più rimpiango tra quelle che ho perso. Nei miei sogni ci sono spesso mercatini e negozi con Topolino, i vecchi Guerin Sportivo, talvolta anche giocattoli, ma appunto giocattoli vecchi, magari quelli come 'Eldorado' dei soldati Lego che sono state idee (sogni mi pare eccessivo) non realizzate".

San Junipero, nel telefilm citato dal Moz, è un mondo perfetto e artificiale nel quale la nostra coscienza si trasferisce dopo la morte. Un paradiso cucito a su misura per noi.

Tornando al mio commento, il primo dei due sogni spiega perfettamente ciò che scrivevo sul Moz O' Clock. Ho sognato infatti di essere in un vecchio negozio di Rimini, gestito da una signora con gli occhiali, all'interno del quale trovavo enormi scaffali, con libri e fumetti vecchi. Soprattutto Topolino, una marea. Entrando in questo negozio incontravo anche alcune ragazze di Novafeltria, mie compagne di classe alle Elementari, interessate a prendere Topolino. E mi chiedevano consigli. Notavo tra gli scaffali molti dei fumetti che ho ancora nella mia collezione, risalenti proprio a fine anni '80 e inizio anni '90. C'erano anche tante raccolte. Il mio interesse però andava alla sezione proprio del 'Guerin Sportivo'. Alla fine trovavo un pacchetto con all'interno dei fascicoli del 'Film del campionato' annata 1978, con tanto di disegni dei gol colorati (in realtà i disegni divennero colorati solamente dall'annata 1983-84). Il problema è che i fascicoli presenti erano solo 14, a fronte di 30 giornate, per cui declinavo l'acquisto. Alla fine rimanevo a mani vuote.

Il secondo sogno più crudo. Ero al volante dell'auto (una Wolkswagen Up colore rosso) quando sulla strada trovavo ambulanza, una folla di persone, una barella con un corpo coperto solo fino al collo, ma senza vita, un'automobile completamente distrutta. Accostavo la Up a destra e mi dirigevo verso la folla e il primo passante mi diceva che quella vettura andava velocissima e si era schiantata contro un albero. Nel contempo da una fabbrica adiacente si verifica un'esplosione, con pezzi infuocati di pareti che cadevano sulla strada. E io impaurito, perché se non mi fossi fermato sarei stato sicuramente colpito e avrei perso la vita.

La parte dell'esplosione resta di difficile interpretazione, non quella dell'incidente, una proiezione di un fatto di cronaca del quale mi sono occupato in settimana.

Commenti

  1. Citazioni al mio blog a parte, amo questo post, questo genere di post.
    Il secondo sogno, più duro, è quello che andrebbe analizzato con cura.
    Un pericolo scampato -giusto all'ultimo-, lo hai collegato al fatto di cronaca (reale).
    Ti sei sentito in pericolo per qualcosa, o senza protezione?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domanda pertinente, a cui al momento non so darti risposta :D

      Elimina
    2. Scava nella tua mente.

      Freud-

      Elimina
  2. Adoro i sogni che mi catapultano nel mio passato, purtroppo sono rari.
    I miei preferiti però restano quelli con gli zombie, molti li definiscono incubi ma per sono un spasso, anche se lì per lì sono terrorizzato, scappo, non trovo via di fuga... quando mi sveglio tutto agitato, esclamo un "sììì!!".
    Non sto ad analizzare i tuoi perché per me so' tutte cazzate. Trovo più verosimile che nel sogno ci si catapulti in una Terra parallela che qualche espressione del subconscio. Ho studiato psicologia ma solo quella base (lo prevedeva la mia triennale), tanto per dire che le mie conclusioni non sono un'opinione da bar.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh però quella terra parallela deve essere espressione di qualche cosa, no? Chiaro che trovarci a tutti i costi l'interpretazione da subconscio può essere sbagliata.

      Io gli zombie non li ho mai sognati :D Il must rimane sempre il tirannosauro a spasso per il mio paese.

      Elimina
    2. Boh, la Terra parallela è stata la prima assurdità che mi è venuta in mente.
      Per me i sogni sono pensieri causali della mente, senza una logica. Qualche volta, quando pensiamo tanto qualcosa, la proseguiamo nei sogni ma la maggior parte delle volte non hanno senso e basta.

      Io amo gli zombie, sono il mio tema horror preferito, da quando da piccolo vidi i primi film di Romero, ho sempre sognato di trovarmi in una situazione simile.

      Elimina
    3. Pensieri casuali frutto di pensieri inseriti nella nostra mente, no? Sugli zombie siamo patiti in due :D

      Elimina
    4. Certo ma pensieri che conosci bene, non una cosa a cui non hai mai pensato. Altrimenti è casuale e basta.
      Oh, poi è il mio umile pensiero che vale poco, non sono mica Freud, padre della psicologia... anche se ormai molti suoi pensieri vengono rinnegati dagli esperti del mestiere.

      Elimina
    5. Sì esatto, pensieri casuali frutto di ciò che conosciamo bene. Il resto è caso e basta, d'accordissimo.

      Elimina
  3. spesso nei miei sogni (che ricordo sempre) trovo la soluzione a dei problemi o sono consiglieri..non saprei come interpretare i tuoi, specialmente l'ultimo ..
    oddio quanti Topolino ho letto,avevo l'abbonamento . ma anche altri fumetti , di ogni genere
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante trovare la soluzione ai problemi nei sogni..sei brava e fortunata :D.

      buona domenica a te

      Elimina
  4. Quella della fabbrica effettivamente non è facile da capire. Però a volte un fatto di cronaca filtrato dalla nostra fantasia può portare a questi risultati. A me capita di ricordare poco i sogni (ma va!?) però a volte mi rendo conto che riguardano cose che ho visto di sfuggita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, la fabbrica in sé è l'elemento strano, magari un'insidia che temo poteva portare nel sogno a un incendio..casalingo.

      Elimina
  5. Ciao Riccardo.
    Mi piacciono i sogni ed i tuoi sono semplici e particolari nello stesso tempo.
    Il primo indica ricordi e vecchi desideri...come il rivedere le tue vecchie compagne di scuola...magari tra loro ce n'era una in particolare ;)
    o come possedere tutti e 3o i fascicolo, completamente a colori del tuo "Guerin sportivo".
    Il secondo una scena di un film particolarmente pieno di esplosioni...che tu hai poi elaborato nella tua mente in modo diverso...
    Sognare è importante ma non molti lo fanno...spesso ci aiutano a superare gli ostacoli della vita.
    Abbraccio forte e buona continuazione di settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa correggo gli errori: "...tutti e 30 i fascicoli..."

      Elimina
    2. Ciao Pia, in effetti ora mi piacerebbe incontrare compagne/compagni delle scuole elementari e medie: mi piacerebbe vedere l'effetto che fa :D. Sai che sulla 'scena di esplosioni' hai proprio ragione? Evidentemente è stata conseguenza di ciò che avevo visto, una serie animata (di cui parlerò qui sul Bazar) dove..c'era molto fuoco.

      Buona continuazione di settimana a te :)

      Elimina
  6. A volte i sogni sono evidentemente un riflesso di quello che hai pensato durante il giorno o di quello che si è visto, altre volte proprio non saprei da dove arrivano. Io ad esempio l'altra notte ho sognato che un mio amico era su una barca al mare e che mi ha mandato un video in cui riprendeva l'acqua. All'improvviso in questo video si vedeva che da sott'acqua appariva un paio di occhi di un ragazzo ed il mio amico si spaventava -ed io a mia volta. E poi mi ritrovavo questo ragazzo (mai visto) sulla terra ferma che mi guardava con gli occhi spalancati e mi diceva "sono proprio io!".
    mah xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhaha si vede che di giorno avevi ricevuto i video da 'jump scare' e quindi hai prodotto questo nel tuo sogno

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…