Passa ai contenuti principali

Ricordi di scuola: i tre diari delle scuole medie

Ispirato dal nostro leader 'spirituale' Miki e da una serie di post dedicati..al materiale scolastico, un piccolo post mio per ricordare i tre diari impiegati durante le scuole medie.


Prima Media: IDEARIO

Vi ricordate l'Ideario? No? Allora leggete da Miki Moz, che ha pubblicato sul tema un ottimo post.

Mi limito ad aggiungere la mia personale esperienza, unendo alcuni commenti fatti sul Moz O' Clock. Il diario mi fu comprato, nell'estate del 1994, da Nicandro, mio nonno materno (purtroppo scomparso nel luglio 2007). Lo trovammo nella cartoleria sotto casa sua, quando ancora via Giolitti di Pesaro era ricca di negozi e negozietti. Scelsi la versione con la copertina verde fluo, un colore che oggi va molto di moda (anche nel calcio, specie sulle divise dei portieri!). Non ricordo bene gli inserti che acquistai, ma sicuramente c'era qualcosa della parte sportiva (per la mia passione calcistica). Quando sfoggiai l'Ideario a scuola, in Prima Media, qualcuno sbofonchiò perché era un diario legato a Topolino, che dalle mie parti è un po' il male proibito, la lettura proibita se si è passato il limite dei 10 anni. L'Ideario era pratico perché nelle giornate in cui lo zaino era pieno, si portava a scuola solo un fascicolo, senza la copertina! In generale, passato un trimestre, si lasciava a casa il fascicolo 'finito'. Certo che non si risparmiava chissà quale di tipo di peso, però...

Seconda Media: SUPERHUMAN SAMURAI

Ho già citato questa serie in un altro post, ricordate, quello dedicato agli album di figurine, ma anche in quello sui cinque giocattoli che avrei desiderato avere

La serie mi piaceva tanto, in un ipotetico gioco della torre, avrei salvato loro e gettato via i Power Rangers. Colpa dei soliti, bellissimi robot. Quell'anno così presi il diario (eh beh, tanto l'anno prima avevo preso il diario di Topolino), che posso mostrarvi grazie a un venditore di e-bay (la foto l'ho presa lì). Noterete che Servo (il protagonista) è un po' diverso, ma disegnato in modo più serio rispetto al pupazzone della serie tv. Il diario aveva una sorta di controcopertina e si poteva affondare la penna o la matita sul logo e sui 'pianeti' facendo un rumorino tanto carino.

Terza Media: LUPO ALBERTO

Siccome non andavano più i diari legati ai cartoni animati (stavamo crescendo, ahah), optai per un classico: il diario di Lupo Alberto. L'ho cercato su Internet, vanamente, ma vi posso dire che aveva la copertina grigia. Le pagine erano arricchite dalle vignette di Silver. A me Lupo Alberto non è mai piaciuto particolarmente, semplicemente scelsi tra i diari di moda in quei tempi. Dentro ci attaccavo però le foto dei calciatori. E anche di Paola&Chiara, ma questa è un'altra storia.

Commenti

  1. Grazie per la citazione^^
    Sul mio blog ho mostrato due diari su tre, per le medie. L'introvabile è quello Best Company, mentre l'Ideario e quello di Diabolik ci sono XD

    Ti piacevano Paola&Chiara? Il loro cognome porta sfiga, ogni volta che lo sento mi tocco le palle XD
    I Superiumansamurai presto da me, mentre sull'Ideario nulla da dire: best diario scolastico ever. Assieme a Smemoranda.

    P.s. quanto vorrei venire col lanciafiamme nella tua cittadina... XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. citazione doverosa! Paola&Chiara le ho sempre adorate <3, fin da quando erano sconosciute coriste degli 883. Peccato che il loro autografo mi si sia scolorito :D. Attendo curioso il post dei Superiumansamuraiinterfaccediconvergenzasuperspadadelsamurairaggioallamegapotenzasuperspadadeisamurai!

      p.s. ahahhaahahahhha stamattina la mia edicolaia mi ha spostato la sezione fumetti, ora è anche più piccola -.-

      Elimina
    2. Madonna, che strazio :o
      Devo venire a spaccare un po' di musi.

      Moz-

      Elimina
    3. No poveretta, lei non ha colpe: è che da noi si comprano pochi fumetti XD.

      Elimina
    4. Io me le sarei volentieri fatte insieme!

      Elimina
  2. Io adoro i diari di scuola *.* alle superiori ho sempre scelto la Comix perché mi piaceva il tessuto, mentre alle medie ricordo uno Seven azzurro con un cuore e due di marche sconosciute che mi erano piaciuto sempre per il materiale.
    Ah, sarai orgoglioso di me perché alle elementari invece avevo uno di topolino perché mamma sapeva che amavo leggere e lo scelse in quanto pieno di vignette :)

    Comunque, a proposito di diari, l'altra volta spostando delle cose me ne è capitato uno sotto mano e dentro ho letto una dedica di un certo Cristian. Ora, ti ho dato prova di quanto io abbia una memoria di ferro, ma credimi non ricordo assolutamente di aver mai avuto un amico di nome Cristian :/

    P.s. Paola e Chiara? Nooooo. Però la sorella che viene -in ordine cronologico- prima di me si chiama Chiara giustappunto xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bellissimo il diario di Topolino con le vignette! Io ho vaghi ricordi di un diario delle tartarughe ninja della pigna (avevo anche i quaderni) e un diario calcistico che consumai prima della scuola facendo i disegnini dei calciatori :D, mia mamma fu costretta a comprarmene un altro.

      Incredibile che non ti ricordi di Cristian :D! Compagno di classe dimenticato?

      ahhaha Paola&Chiara my love (tralaltro l'autografo è per interposta persona. Mi vergognavo di farmi vedere da loro :D)

      Elimina
    2. No, non era al 111% un compagno di classe. Era sicuramente un amico esterno ma non saprei proprio chi. Avrei potuto rintracciarlo tramite le info del mio diario segreto dell'epoca, ma quel grande uomo del mio ex me lo fece bruciare -.-'

      Ho volutooo dirti addioooo, lo sa solo Diooooo..ma chi ti piaceva delle due di più?

      Elimina
    3. ahaahah, scegliere è come scegliere tra..Baresi e Maldini (ok, la metafora è troppo altisonante per P&C, ma è la prima che mi è venuta in mente).

      Diario segreto bruciato? maro' che vita che hai vissuto. Non bastavano le arrampicate :D

      Chi era Cristian?: segui la nuova serie Netflix :D

      Elimina
    4. Non ti viene da dire "mo ho capito taaaante cose sulle tue psicosi"? XD

      Elimina
    5. nono :D sono solo preoccupato per certe usanze (ex guardate col fucile, diari bruciati...)

      Elimina
  3. Il mio diario è quasi sempre stato il mitico Vitt. Non iniziavo l'anno se non rimediavo quel diario. Sarà per quello che non studiavo mai poi... ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah grande, Coccobill di Jacovitti andava di moda anche a fine anni '80 nei quaderni

      Elimina
  4. Io ricordo di più i diari che le mie figlie e così tutta lascuola, ricevevano ogni anno : belli, utili con la storia della nostra città :) i miei sinceramente non li ricordo mannaggia..però adesso uso un'agenda un po' particolare per i miei appuntamenti e per il giornaliero..è un caos!! ci scrivo pensieri, annotazioni numeri di telefono, post it che perdo puntualmente. ma non mi separo mai , è come mia sorella.Buona Domenica:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero la scuola a fine anno regalava diari? Bella iniziativa. Io sono un amante delle agende :D, da piccolo ne consumavo a vagonate tra disegni e formazioni di calcio, ancor'oggi uso per i miei appunti calcistici :D. In più ho la mia agendina piccola dove segno compleanni, appuntamenti, è comodissima.

      Elimina
    2. Dimenticavo: buona domenica a te (e a tutti gli amici blogger :))

      Elimina
  5. Belli, io però usavo quelli classici, ma non dico quali altrimenti se facessi anch'io un post così, mi giocherei la sorpresa ;)

    RispondiElimina
  6. Avete rotto il cazzo, tu e quell'altro, con 'sti ricordi della scuola. La odio!

    Mitico nonno Nicandro, solo per il nome (non sapendo altro)! 😁

    Superhuman che samurai! E parte la sigla del mitico Marco Destro!

    Quello di Lupo Alberto credo di averlo avuto anche io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhahahaah ricordo la mitica vignetta di Qui Quo Qua :D.

      Beh non è da escludere che in futuro possa raccontare qualcosa di più completo su mio nonno :)

      Elimina
  7. io avevo lo zaino di Superhuman Samurai! E non ne andavo nemmeno pazzo XD avevo anche un giocattolo, Servo e i mezzi che poteva indossare per diventare mecha. Bello il design ma era praticamente un giocattolone fisso XD
    Nota: Superhuman Samurai analogamente a Power Rangers è l'adattemento americano di Gridman, un cugino del ben più famoso Ultraman.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Arc, io avevo il dragone che diventava l'armatura di Servo (oppure singolarmente si trasformava da astronave a drago). Però non era la versione deluxe! Ad ogni modo sì, era un giocattolone fisso :D.

      Elimina
  8. Anche io alle medie (e forse anche alle superiori... non ricordo) ho usato il diario di Lupo Alberto! Era blu elettrico con le zampine del Lupo in rilievo sulla copertina. In coordinato avevo anche un'astuccio (tipo una pagina di fumetto cucita) che, quando passavo nei negozi con l'antitaccheggio, suonava sempre!!!! Probabilmente non me lo avevano smagnetizzato bene al momento dell'acquisto!!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noooo che roba, quindi ogni volta facevi una brutta figura per colpa di quell'astuccio XD. Me lo ricordo bene, lo avevano in diversi a scuola! Il diario blu elettrico invece non me lo rido.

      Elimina
    2. L'ho scoperto durante una gita, all'Autogrill... ho dovuto svuotare tutto lo zaino per capire cosa cxxxo lo faceva suonare!!!! X___X

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…