Passa ai contenuti principali

Power Rangers: Serpentera, il colossale robot dei cattivi era una pippa. Ecco perché

La seconda stagione dei Power Rangers costituì l'apice del successo dei mitici supereroi in tutina. A Rita Repulsa si affiancò l'imperatore del male, Lord Zedd, destinato poi a diventarne il marito. Tommy lasciò i poteri del Green Ranger per diventare il nuovo, potentissimo White Ranger.


E qui dobbiamo fare subito una precisazione: il White Ranger era uno dei sei Dairanger, la serie nipponica da cui era tratta la seconda stagione di "Mighty Morphin Power Rangers". Da Dairanger furono ripresi gli zord e i mostri (i nemici di puntata), ma vennero mantenuti i costumi dei cinque Ranger originali (i protagonisti della serie nipponica Zyuranger), Zordon e Alpha, la banda dei cattivi principali (quelli che inviavano i mostri sulla terra): a Rita fu appunto affiancato Lord Zedd, personaggio esistente solo nella continuity Usa. In sostanza nei primissimi episodi di MMPR venivano unite le scene nipponiche dei combattimenti alle scene di vita quotidiana dei protagonisti. Visto il grande successo di MMPR, la Toei girò sotto pagamento delle scene di combattimento su commissione della Saban. Nella seconda stagione in America, visto l'aumento di budget, vennero girate anche le scene di combattimento; dall'originale serie nipponica rimanevano solo i duelli tra gli Zord e i mostri ingigantiti.

Lunghissima e doverosa introduzione per parlare di Serpentera, il colossale Zord di Lord Zedd. Si trattava di un gigantesco drago, molto più grande del drago rosso Thunderzord, capace di trasformarsi in forma umanoide. Nella versione americana in sostanza i nostri Ranger dovevano arrancare un po', stringere i denti e aspettare che Serpentera esaurisse la propria energia. Diciamolo: Lord Zedd aveva fatto una cagata. Perché costruire uno Zord colossale, ma poi così dispendioso in termini di energia? Non si poteva fare una via di mezzo per distruggere la terra?


Serpentera era una pippa, ma in realtà questo fu colpa dell'adattamento americano. Storia ben diversa per il suo corrispettivo della serie nipponica Dairanger. Qui Serpentera è Daijinryuu, il grande Dio drago, che deve preservare l'equilibro dell'universo. Egli non è bene e non è male; è neutrale, ma è pronto a uccidere chiunque, buono o cattivo che sia, se ciò risulta necessario per garantire o ripristinare l'equilibrio dell'universo.

Daijinryuu interviene nella battaglia tra i Dairanger, guidati dal mentore Kaku (il corrispettivo di Zordon) e l'impero Gorma. Anche qui, spiegazione. In tempi antichissimi, nella Cina, vivevano tre popolazioni: gli Shura (antenati degli uomini), i Dai e i Gorma. I gorma cercarono di conquistare il potere assoluto, venendo contrastati dai Dai. La guerra finisce con la sparizione di entrambe le fazioni. Nel 1993 i Gorma rivivono per riprendere il discorso interrotto, ma a quel punto Kaku, attraverso i poteri Dai, assembla la squadra di ranger. E la battaglia si sposta, guarda caso, in Giappone.

Ebbene, il nostro Daijinryuu-Serpentera interviene in una battaglia tra il mostro di turno e i Mecha dei Dairangers, eliminando il primo con una poderosa zampata e mettendo in difficoltà (ovviamente) i Dairangers. Pronto a radere al suolo tutto (ma dopo aver distrutto mezza Tokyo), si ritira poiché Dairangers e Gorma decidono un temporaneo armistizio. In una successiva apparizione, il buon Daijinryuu-Serpentera ipnotizza la popolazione e la spinge a salire sui grattacieli per poi suicidarsi nel vuoto (ah, che bontà il Dio dragone!). Per fortuna interviene Kaku-Zordon che salva la popolazione e scioglie i Dairangers (temporaneamente) cosìcché il Dio dragone levi le tende, visto che non c'era più il problema dei bellicosi Dairangers che portavano squilibrio nel cosmo. Alla fine della serie Daijinryuu-Serpentera interviene una terza volta durante la battaglia finale, decidendo di radere al suolo entrambi gli opponenti (oh!). Alla fine i DaiRangers sconfiggono il cattivissimo Shadam e Daijinryuu-Serpentera si leva dai maroni perché l'equilibrio e la pace sono tornati. Sticazzi!

Ad ogni modo ecco la risposta che cercavamo: Serpentera fallisce i suoi attacchi (esaurendo le energie) perché la sua controparte cessa i suoi attacchi e si ritira felice perché è tornato l'equilibrio nel cosmo!


Ah, Shadam il cattivissimo è l'unico dei Gorma ad apparire in MMPR. E' il cattivo mago Mondo che appare nel doppio episodio in cui Tommy e Kimberly si trovano imprigionati nel mondo delle fiabe. Mondo evade dal mondo delle fiabe e viene distrutto dai Power Rangers sulla terra.

Ultima curiosità: il pianeta deserto su cui i Rangers si avventurano per prendere la spada di luce, necessaria per il trasferimento di poteri dal terzetto Jason-Zach-Trini al trio Rocky-Adam-Aisha, non è altro che il pianeta dei Gorma!

Commenti

  1. Non me lo ricordo ma io ho visto solo la prima stagione, alla seconda mi era passata la scimmia iniziando a considerarli troppo per bambini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serpentera in fin dei conti è una grande delusione :D. Il 'mecha' più inutile della storia dell'animazione\telefilm :D

      Elimina
    2. Posso immaginare ma a me piacevano loro, i personaggi colorati, la parte dei robottoni la trovavo ridicola perché si vedeva che erano persone mascherate.

      Elimina
    3. Io invece adoravo in primis i robottoni, anche se era evidente l'uso di giocattoli e di persone mascherate :D Il megazord quando prende la spada: braccio quadrato enorme e manina umana con guanto.

      Il clou però e' l'ultra ninja zord, praticamente per fare la scena hanno usato i giocattoli :D

      Elimina
    4. Ema non apprezzi abbastanza il suo essere trash! È bello proprio perché palesemente finto!

      Elimina
    5. Infatti da adulti si apprezza meglio il trash

      Elimina
    6. È probabile, Arcangelo. A me però della serie piacevano i personaggi colorati (dai Cinque Samurai, rosso il capo e bianco il più forte) e la acrobazie. La parte dei robot non mi attraeva, per quelli c'erano gli anime.

      Elimina
  2. Devo dire che almeno l'adattamento americano non è più wtf rispetto all'originale, che è sicuramente orientale ma altrettanto assurdo XD

    L'hanno pensata bene negli USA con la storia della spada per trasferire i poteri, adattando al top quelle scene che in originale erano tutt'altro.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto ciò che metti in evidenza: la storia della spada è una buona trovata. Comunque Serpentera in realtà è lo zodac della serie :D

      Elimina
    2. Un po' più malato rispetto a Zodac XD

      Moz-

      Elimina
  3. qui non mi posso esprimere caro Richi perché non l'ho mai seguita questa serie ..io sono la generazione delle barbie dei ken..e poi con le mie figlie delle Brazt delle casette delle bambole..pensa che ne ho costruita una meravigliosa con gli inserti mensili in edicola..mi è costata un patrimonio alla fine ma il risultato ne è valsa la pena. ..dici che ho divagato?
    Buon pomeriggio
    Juliet

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre gradite visite e anche divagazioni (divagazione comunque sempre in tema 'intrattenimento' e personaggi). La casetta delle bambole è solida, nel senso che si costruiva bene e rimaneva solida?

      Elimina
  4. Riky vorrei proporti una cosa sui Power Rangers, come posso contattarti?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…