Passa ai contenuti principali

Guerin Sportivo 10 ottobre 2017: la recensione

Numero diviso in due del Guerin Sportivo, con il volume 'calcioitalia' (la guida alla serie A con rose e foto) e la rivista canonica.

Partiamo da Calcioitalia, che si merita un voto positivo, a partire dalla copertina, semplice, ma che ricorda quelle degli anni '90. All'interno troviamo per le squadre di Serie A: elenco rose, formazione base, le foto dei giocatori con le carriere (stile almanacco Panini e figurine Panini) e altri dati. In più gli splendidi disegni di Marco Finizio di prima e seconda maglia per ogni squadra. Per la serie B, come consuetudine degli ultimi anni, dati, le rose e le maglie, senza foto dei giocatori.

Il Guerin Sportivo invece, come in questi casi di foliazione ridotta, soffre. Pregevole come sempre la parte storica con l'intervista amarcord di Calzaretta al mitico 'beep beep' Massaro, così come il fascicolo della storia dei campionati, dedicato al 1990-1991. Un piacere rivedere un paio di copertine di quell'epoca, così come alcune immagini tratte dal 'Campionato Flash' (che quell'anno sostituì il Film del Campionato, vi dedicherò un post!). Nella fattispecie: la foto della Juventus con lo storico completo nero (e Tacconi in maglia grigia con inserti verdi), tratta dalla prima gara di campionato con il Parma neopromosso; un'uscita di pugno di Peruzzi in Inter Roma della quarta giornata; il gol di Vialli in Bologna Sampdoria.

Tolta la parte storica e le statistiche, si salva davvero poco per il resto. Bene il riepilogo delle avversarie in Champions delle italiane (ma siamo al minimo delle informazioni), il peggio è invece rappresentato da un articolo sui portieri della Serie A. Veramente scolastico nei contenuti. Almeno ci sono le foto dei portieri con le nuove divise!

Il numero è completato dal calendario poster della Serie A e della Serie B.

Commenti

  1. Ho sempre comprato la Gazzetta, il Guerin mai letto e comprato, comunque la copertina è davvero bella ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando ero bimbo, la Gazzetta del lunedì era un cult :).

      Elimina
  2. Da romanista, capirai se ultimamente mi sia un po' distaccato dal calcio.
    'sti americani del cazzo hanno ammazzato la mia passione... ed ero un loro grande sostenitore quando qui la piazza iniziava a dividersi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa a me dopo i quattro gol presi dalla Lazio..200 milioni di euro per una squadra di zombie, ahhaah

      Elimina
    2. Quattro gol da una squadra scarsa come la lazzie fanno male anche se sei tifoso del Pro Vercelli e fai una figura del genere coi pigiamati.

      Elimina
    3. La Lazio andrà molto avanti, vedrai...Ha un grande allenatore, società solida, un ds che dà la paga a tutti..

      Elimina
  3. Mi fai tornare in mente un caro amico -da poco ritrovato- che acquistava sempre il Guerin.
    Oggi si occupa localmente di calcio: nulla per lui è cambiato^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, alle 21 di domenica rimpiango di occuparmi anche di calcio, lavorativamente parlando :D (non parlo ovviamente di Milan)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Curiosità su Benjamin Price-Genzo Wakabayashi, il mitico portiere del cartone "Holly & Benji"

E' il mio personaggio preferito del cartone animato "Holly&Benji" e del relativo manga "Capitan Tsubasa". Ecco le curiosità sull'estremo difensore della Nankatsu (New Team) e dell'Amburgo.



IL VERO NOME: Benjamin Price, detto Benji, si chiama in realtà Genzo Wakabayashi. Ebbene sì, ecco cosa significava quel W Genzo stampato sul berrettino.


NON E' IL PROTAGONISTA: il protagonista di Capitan Tsubasa è appunto Tsubasa Ozoora, Holly Hutton. Genzo è solamente uno dei co-protagonisti. Immagino ora non siate più stupiti per il fatto che non appaia mai nella seconda serie del cartone animato.

LE DIVISE: Genzo indossa ai tempi della New Team una maglia rossa con pantaloni della tuta nera (eh sì, nel cartone animato è una maglia arancione con pantalone rosso). Nell'Amburgo invece veste la casacca azzurra con maniche blu navy e le tre strisce adidas azzurre, pantalone della tuta blu navy, completo tipico delle squadre Adidas dei primi anni '80. Un…

Intervista a Paolo Samarelli, l'artista dei calcio e i suoi fantastici disegni

Conoscete la mia passione per il Guerin Sportivo e per l'Almanacco del Calcio Panini, passioni che si fondano soprattutto sugli splendidi disegni dei gol e delle azioni delle partite che li arricchivano.

Da "secoli" mi batto per esaltare e celebrare la bellezza di questi disegni, che purtroppo sono spariti dai giornali specializzati e dai quotidiani. Spariti molto prima del proliferare di Internet e dei telefonini, complice anche la volontà degli editori e dei direttori di testata di tagliare i costi, a scapito però di noi collezionisti.

Oggi parleremo con uno degli artisti che riproduceva le prodezze dei calciatori: Paolo Samarelli, presente negli anni '80 sulle pagine del Guerin Sportivo e negli anni '90-2000 su quelle di Repubblica. Il maestro Samarelli mi ha concesso gentilmente un'intervista.

1-Paolo, come realizzava i suoi disegni all'epoca della collaborazione con il Guerin Sportivo? I gol li guardava su 90esimo minuto? Quale metodo di lavoro segui…