Passa ai contenuti principali

Altroché Buondi, bare e asteroidi: ecco gli spot da vedere

Come noto a parte di voi, il mio lavoro si sviluppa tra radio e un sito di informazione (che si porta dietro gran parte dei difetti tipici dell'informazione via web, ma questo non dipende da me; e comunque è un'altra storia). Nel vedere lo spot del Buondì mi sono tornati alla mente i mitici spot che abbiamo girato in passato per pubblicizzare il sito. Video virali, of course, capirete perché.



Il regista dei video è un ragazzo talentuoso. Si chiama Francesco Zucchi e per conoscerlo sono sufficienti due minuti, il tempo di vedere questo mio video (sì, la voce è la mia, visto che la conosce solo il Moz mi sa): QUI

L'attore caratterista si chiama Roberto d'Agostino, in arte Tony Braschi, bravissimo fotografo, ma soprattutto frontman dei 'Tony e i Volumi', band che negli anni '90 acquistò notorietà con partecipazioni ad Avanzi e Cielito Lindo su Rai 3.

Ora vi mostro i tre video di Natale, più il video 'bonus'.

Spot di Natale parodia 'Bistefani'

Nel video la spalla di Tony, l'uomo in camicia viola, è il mio 'capo' Glauco.

Lo spot del grattacielo

Questo è l'unico spot 'normale', girato nella location del grattacielo di Rimini. E' stato trasmesso in televisione.

Spot di Natale sexy webcam

Spot girato a casa Glauco, con la bellissima Giulia protagonista.

Spot di Natale visita medica

AVVERTENZA: cliccate su quest'ultimo video solo se siete persone contrarie al 'politically correct'!

Commenti

  1. Non sapevo del tuo bel (doppio) lavoro. Complimenti per non fare una cosa pallosa come il 99% degli italiani, me compreso.

    Simpatici i video, il primo però non si apre, quello con la tua voce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ho linkato la pagina del sito, se clicchi sul pulsante play parte la riproduzione :D.

      Doppio lavoro (pagato come un unico eh :D) sulla carta molto bello e giustamente rispecchia quello che mi ero messo in testa di fare verso la fine della scuola superiore :D. Poi come tutti i lavori ha le sue criticità e i suoi aspetti 'noiosi', te lo assicuro.

      Di sicuro ci sono cose che si danno per scontate, invece chi passa un paio di settimane in redazione capisce quanto sia 'usurante' anche un lavoro come il mio :D

      Elimina
    2. Ecco, ora mi piace di meno ma è sempre migliore di tanto altri!

      Visto il video, prima mi aveva aperto una pagina Libero.

      Elimina
    3. ah allora avevo proprio sbagliato a mettere il link :D

      Elimina
  2. Ahaha in effetti l'ultimo è esplicito, sarebbe stato più bello se si fosse lasciato comprendere in modo più velato! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhah, comunque Tony è un bel personaggio :D

      Elimina
    2. Cmq il video de 'Lo spalatore' (si vedono degli spezzoni nel primo video, quello con la mia voce) è una figata pazzesca :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I cinque portieri più forti di Capitan Tsubasa-Holly e Benji

Prendiamo in considerazione la versione italiana del manga che comprende anche i volumetti del World Youth.



Oltre 50 volumi di manga (quelli tradotti e importati in Italia), diverse trasposizioni in anime. Capitan Tsubasa è un fenomeno mondiale amato da tantissimi, bambini e adulti. Da appassionato di portieri, non potevo non cimentarmi nella classifica dei cinque migliori portieri.


L'escluso: Ken Wakashimazu (Ed Warner). Per molti questa mia esclusione può essere una nota dolente. Il portiere, idolo di molti per il suo look e per il suo stile da karateka tra i pali, in effetti da bambino rivaleggia alla pari con Genzo Wakabayashi-Benji Price. Al termine del terzo campionato delle scuole superiori, il distacco con il rivale è però marcato: Warner gioca in una squadra scolastica, Benji nel settore giovanile dell'Amburgo. Con la maglia del Giappone, Warner subisce spesso molte reti. Ad esempio: ferma il tiro infuocato di Schneider, ma solo quello calciato dall'area dell…

Tema del soldato eterno e degli aironi, la poesia di Roberto Vecchioni

Questa canzone di Roberto Vecchioni fa parte di uno dei dischi della mia infanzia, 'Per amore mio': fu infatti pubblicata nel 1991, quando ero un 'pischello' di seconda elementare. Dopo 'La guerra di Piero', un'altra canzone sul tema della guerra riuscì a catturare la mia attenzione.

'Tema del soldato eterno e degli aironi' trasforma in un singolo la moltitudine di soldati che hanno combattuto le guerre, dalla battaglia di Maratona alla battaglia di Fort Alamo, fino a Waterloo. E' una riflessione sull'insensatezza della guerra (non a caso il traditore viene perdonato e chi non ha tradito viene ucciso) e sulla impossibilità di scrutare il destino (la metafora del cielo, troppo grande per essere capito dagli aironi). C'è l'amore, un'illusione che tiene in vita i ragazzi che sono mandati al massacro, a combattere.

Questa canzone rappresenta per me anche una metafora della vita. La vita è in fondo un combattimento, ogni giorno siamo…

La mia fuga da Facebook, recensione del saggio di Francesca A. Vanni

Dopo molto tempo ho riattivato il Kobo, il lettore di ebook. Ho deciso di inaugurare il ciclo 2.0 di letture (termine che calza a pennello, visto che sono sparite tutte le vecchie statistiche di lettura) con il saggio dedicato a Facebook scritto da un'amica blogger, Francesca A.Vanni.

Il saggio si intitola "La mia fuga da Facebook". Francesca racconta la sua (breve) deludente esperienza come utente del noto social network, un'esperienza avviata per dare visibilità alla propria attività di scrittrice.

Quello che mi ha colpito è che Francesca non affonda i colpi sugli aspetti che in apparenza si prestano più facilmente agli attacchi: la diffusione delle bufale e la viralità di certi post che, secondo me, dipendono anche direttamente dal social network stesso (come vengono scelti ad esempio gli aggiornamenti delle personali homepage? Su centinaia di amici, a parte le varie opzioni come segui, cosa porta certi post ad essere visualizzati?), oppure i tanti reati che pos…